Domanda:
L '"arte della guerra" di Sun Tzu ha influenzato la filosofia di guerra e la strategia di Napoleone?
Hauser
2011-10-12 18:31:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L '"Arte della Guerra" di Sun Tzu è, a mia conoscenza, uno dei libri più importanti e antichi (oltre a Clausewitz, Machiavelli) sulla filosofia della guerra e sulla strategia militare.

Gli storici sono stati in grado di scoprire se la traduzione francese del 1772 ha influenzato Napoleone e ha cambiato in modo significativo la pianificazione e il corso delle battaglie rispetto alle battaglie precedenti a questa data?

Domanda interessante; Sospetto che la risposta sia sì, in una certa misura. Ma avrebbe anche ammirato altri grandi leader della prima età moderna, e * soprattutto * Giulio Cesare e Alessandro Magno, essendo un amante dell'antichità classica come tutti sappiamo.
Due risposte:
#1
+15
Tom Au
2011-10-17 03:16:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo Gary Gagliardi, Napoleone era particolarmente in debito con Sun Tzu per la combinazione di "Chang" e Ch'i.

Cioè, la combinazione di un attacco diretto, che potrebbe essere respinto con difficoltà, seguito da un attacco a sorpresa "più piccolo", ma più letale che impartirebbe il colpo di grazia al nemico.

D'altro canto, pare che Napoleone prestasse meno attenzione ai precetti di clima e suolo di Sun Tzu, che portarono alla sua caduta in Russia.

+1 per clima e terreno. Sun Tzu non è però il libro di guerra più importante in Cina. Ce ne sono molti altri.
Va notato che il collegamento fornito ammette che potrebbe essere un mito e tutte le prove fornite sono circostanziali. Un buon argomento comunque.
@JimThio certo, ma qui il punto è se Napoleone li abbia effettivamente letti o no;)
fece lui? Non è vero?
#2
+6
Keith Hart
2015-06-29 21:12:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Essendo un lettore vorace, non c'è dubbio che Napoleone possa aver letto la traduzione gesuita dell'Arte della Guerra di Sun Tzu. Potrebbe aver respinto la saggezza di Sun Tzu o almeno non ha mai menzionato lo stratega asiatico, a causa della preferenza che aveva per gli autori dell'antichità. Forse Sun Tzu confermò semplicemente ciò che aveva già raccolto da Arriano, Polibio e Cesare; poiché la sua profonda lettura e riflessione su questi autori lo avrebbe già portato ai profondi consigli di Sun Tzu. È possibile, ma non citato, che i 13 capitoli di Art of War siano entrati nella sua biblioteca personale e portatile che ha usato durante la campagna. Si possono facilmente vedere molti esempi dell'Arte della Guerra esercitata nella campagna di Ulm / Austerlitz, ma ciò non significa - necessariamente - che Napoleone si riferisse solo a Sun Tzu riguardo al suo uso dell'inganno, dell'accerchiamento e della sorpresa.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...