Domanda:
Chi è stato l'ultimo re europeo a impegnarsi attivamente nel combattimento?
Noldorin
2020-02-14 00:05:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Specifically, I would like to know who the most recent European monarch (or monarchs, if they lived roughly at the same time) is that actively engaged in combat whilst reigning: that is, used a sword, gun, or any other weapon himself during fighting. I do not mean merely "commanded his soldiers in battle" as a general would.

For example, I am under the impression that Richard III actually fought on horseback with sword (and lance?) at the Battle of Bosworth Field in 1485, and was distinguished by his bravery. Surely, however, there must be a later example, at least from the Early Modern era.

Edit. This question is different from the older question, since the older question specifically did not require the monarch to use his weapon during the battle (the requirement there was to be an armed participant).

I commenti non sono per discussioni estese; questa conversazione è stata [spostata in chat] (https://chat.stackexchange.com/rooms/104471/discussion-on-question-by-noldorin-who-was-the-last-european-king-to-actively- en).
Sette risposte:
#1
+29
Tomas By
2020-02-14 01:33:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Forse Carlo XII nel 1713.

Il re stesso uccise almeno un soldato ottomano con la sua spada in un combattimento corpo a corpo quando lui e Roos arrivarono sotto l'attacco di 3 ottomani. Durante alcune parti dei combattimenti, Carlo stava anche sparando attivamente con una carabina contro il nemico assalitore da una finestra nella sua camera da letto, posizionata nell'edificio dove gli svedesi avevano preso le loro difese. Il combattimento durò più di 7 ore e gli Ottomani alla fine usarono sia l'artiglieria che le frecce di fuoco quando gli assalti iniziali furono respinti; il metodo successivo si è rivelato efficace. Le frecce infuocate incendiarono il tetto dell'edificio e costrinsero i difensori ad abbandonarlo, poi i combattimenti si interruppero bruscamente quando il re inciampò sui propri speroni mentre usciva dalla casa in fiamme.

I commenti non sono per discussioni estese; questa conversazione è stata [spostata in chat] (https://chat.stackexchange.com/rooms/104470/discussion-on-answer-by-tomas-by-who-was-the-last-european-king-to- attivamente-enga).
#2
+15
DJClayworth
2020-02-14 00:43:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Giorgio VI del Regno Unito è stato ufficiale di torretta sull'HMS Collingwood e ha assistito all'azione nella battaglia dello Jutland, menzionato nei dispacci. Questo ovviamente era prima che diventasse re.

La maggior parte dei reali britannici maschi prende parte a qualunque conflitto partecipi alla Gran Bretagna. Penso che gli attuali giovani principi (potenziali eredi) abbiano prestato servizio in Afganistan per un po 'di tempo.
Vero. Tuttavia, gli eredi immediati vengono raramente inviati a combattere. Wills non era in combattimento e probabilmente Harry non diventerà re. Probabilmente a Giorgio VI fu permesso di combattere solo perché non doveva nemmeno essere re.
Grazie per la risposta. Avrei dovuto essere più chiaro: intendevo mentre regnavo. Detto questo, presumibilmente Giorgio VI ha effettivamente sparato con una pistola, dal suono di questo?
@Noldorin Un ufficiale della torretta sarebbe stato al comando di uno dei cannoni principali di una corazzata. Quindi sarebbe stato vicino alla pistola e avrebbe dato l'ordine di sparare, anche se probabilmente non avrebbe effettivamente premuto il "grilletto". È decisamente "in combattimento" dal punto di vista della marina, e corre esattamente gli stessi rischi di un normale marinaio.
Abbastanza buono per me ... anche se il problema principale è ancora che in quel momento non regnava.
Ufficiali della torretta, essendo ufficiali, comandano. Non servono personalmente le armi, ma dirigono il fuoco e ricevono a loro volta istruzioni da superiori e osservatori. Anche questo non è in alcun modo un combattimento come monarca, poiché George non era nemmeno il principe di Galles all'epoca, quell'onore apparteneva a suo fratello che sarebbe stato, brevemente, Edoardo VIII. George ha visto il combattimento da vicino esattamente perché non era *** il primo ad ereditare. Si potrebbe anche offrire Louis Mountbatten, 1 ° conte Mountbatten di Burma, che comandò nella seconda guerra mondiale e allo stesso modo non era in linea per ereditare.
#3
+9
nathan_gs
2020-02-15 19:37:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il re belga Alberto I guidò le sue truppe, ma combatté anche al loro fianco durante la prima guerra mondiale. Wikipedia contiene una piccola sezione su questo:

Durante questo periodo, re Alberto combatté al fianco delle sue truppe e ne condivise i pericoli, mentre sua moglie, la regina Elisabetta, lavorava come infermiera nella parte anteriore. Durante la sua permanenza al fronte, si sparse la voce su entrambi i lati delle linee che i soldati tedeschi non gli avessero mai sparato per rispetto per il fatto che fosse il comandante di grado più alto in pericolo, mentre altri temevano di rischiare la punizione dallo stesso Kaiser, che era il suo cugino. Il re ha anche permesso al figlio di 14 anni, il principe Leopoldo, di arruolarsi nell'esercito belga come soldato semplice e di combattere nei ranghi

Altre fonti:

L'articolo collegato dice "Non sappiamo molto sullo specifico record di combattimento di Albert, ma ha visitato abbastanza spesso le truppe lungo la linea e ha organizzato le difese". Non fornisce alcuna prova che abbia usato un'arma in prima linea (come richiesto dalla domanda). Sembra che tu stia rispondendo a una domanda diversa.
@MoisheKohan King Albert era al comando diretto dell'esercito belga e prestò servizio al fronte durante l'assedio di Anversa e la battaglia di Yser. Si diceva che ogni volta che era in prima linea i tedeschi si rifiutavano di sparargli per rispetto per il fatto che fosse il comandante di grado più alto in pericolo. C'era anche il timore di una punizione da parte del Kaiser poiché il re Alberto I era suo cugino.
@JMS: Giusto, e quindi, questa è una risposta a una domanda diversa, come ho detto.
@MoisheKohan anche nessuna prova al contrario. Almeno la sua reputazione e la sua narrativa erano molto concentrate sul fatto che Albert I fosse il re soldato.
@nathan_gs: Non è così che funziona la scienza (comprese le scienze sociali): se affermo che A è vero, è mia responsabilità fornire la prova che A è vero; affermare che "non ci sono prove che A sia falso" non sarebbe un argomento scientifico.
#4
+8
Gangnus
2020-02-14 05:25:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'ultimo al mondo fu Abdulla, Khalifa del Sudan che fu ucciso a Umm Diwaykara nel 1899. Sicuramente, quella fu la partecipazione più personale.

E Khalifa> Sultan = Imperatore, quindi in senso feudale era più alto di qualsiasi re.

Grazie per la risposta. Sicuramente non europeo però!
Da un lato, il Sudan era allora sotto l'occupazione britannica, e quindi europea. D'altra parte, il regno di Abdulla non è stato riconosciuto come tale da molti altri stati. Fonte: Google + Wikipedia (non sono un esperto!).
@PatrickT La domanda di origine richiedeva che la persona fosse un monarca. Cioè, una persona che ha un potere. Il potere di Khalifa in Sudan era maggiore di quello della regina in Inghilterra o addirittura dello zar in Russia di quel periodo. Quella era la seconda Khalifa di un ramo speciale della religione musulmana. Quindi, non era uno sconosciuto che si autoproclamava ... Quanto al riconoscimento: il mondo era più grande allora. Il Sudan ha avuto contatti con i suoi nemici: Egitto e Inghilterra. e vicini, che appartenevano a religioni diverse, anche nemici. Come potrebbero ottenere il riconoscimento? Già nel XX secolo suo padre sarebbe stato riconosciuto.
@PatrickT Sì, ma siamo onesti, questo è un cavillo. Il Sudan non è geograficamente o culturalmente l'Europa, e questo ragazzo non era certamente un europeo etnico.
Inoltre, non credo sia giustificabile confrontare titoli tra culture e regioni completamente diverse. La regina Elisabetta e lo zar Nicola governavano territori molto, molto più vasti, ed entrambi erano anche imperatori, che era il titolo più alto che si potesse avere nella civiltà europea. Certo, non governavano nelle monarchie assolute, perché l'Europa era andata oltre quella messa in scena (essenzialmente), ma ecco qua.
#5
+7
Pieter Geerkens
2020-02-14 00:27:06 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Napoleone fu ferito nella battaglia di Ratisbona il 23 aprile 1809:

Napoleone fu ferito alla caviglia da un piccolo colpo di artiglieria. Il colpo era stato sparato a grande distanza e non ferì gravemente l'Imperatore, ma provocò una contusione.

Ci capita di sapere approssimativamente dove si trovava Napoleone quando fu ferito (a circa 900 metri dalla città di Ratisbona mura), perché sedeva sul Napoleonstein , in vista delle sue truppe per non minacciare il morale, mentre la ferita veniva curata.

enter image description here

Nelle sue memorie, scritte mentre era a Sant'Elena, Napoleone affermò anche che a Wagram, dal 5 al 6 luglio 1809:

Alla battaglia di Wagram un una palla mi ha strappato lo stivale e la calza e mi ha sfiorato la pelle della gamba sinistra.

Nella stessa battaglia di Ratisbona, dove Napoleone assalì le mura della città nella speranza di molestare o catturare il bagaglio dell'arciduca Carlo e assedio, è stato sufficiente per Jean Lannes prendere semplicemente una scala d'assedio e minacciare di assaltare personalmente le mura per motivare le sue truppe a forzare con successo la breccia.

"Bene, te lo mostrerò Prima di diventare maresciallo ero un granatiere, e lo sono ancora! " - da Thunder on the Danube di John H. Gill

enter image description here

@LаngLаngС: Adesso chiudi? Napoleone avrebbe dovuto trovarsi a meno di 400 metri, mi aspetto di essere colpito dal fuoco di un moschetto, anche speso.
Grazie per la risposta. Direi che questo "tipo di conta". Napoleone certamente non era un re, sebbene fosse un imperatore (anche se non di nobile discendenza). Evidentemente non ha usato nemmeno un'arma durante l'Imperatore dei Francesi, sebbene il fatto che sia stato ferito conta qualcosa ...
@Noldorin: Il mio piacere. Tuttavia, credo che la tua "distinzione" tra * re * e * imperatori * sia fuori luogo. (1) Per essere significativo, credo che dovresti cercare * sovrani * piuttosto che monarchi. Quelle sono le linee familiari ritenute "* accettabili per il matrimonio reale *" e includerebbero le molte case di "* Principi Imperiali *" nel H.R.E. (2) Il titolo proprio degli imperatori asburgici era * Re dei Romani *, e per molti secoli furono anche * Re di Boemia * come proprietà personale oltre a Carpathia.
Beh, in un certo senso lo sono. È un punto giusto. L'unico motivo per cui ho esitato leggermente con Napoleone (e scrivo "leggermente") è che non proveniva da una dinastia / casata (nobile) ... anche se si può dire che ne formò una di breve durata. Come dici tu, gli imperatori del Sacro Romano Impero con "Re dei Romani" (e prima, "Re d'Italia" o "Rex Italiae", anche se immagino che sia stato abbandonato al tempo del primo Asburgo, poiché non avevano il controllo in tutta Italia).
@Noldorin: Inoltre, "* partecipazione al combattimento *" cambia significato - *** drasticamente *** - dopo l'invenzione e l'adozione della baionetta a fessura. Il raggio di combattimento aumenta improvvisamente in modo significativo per tutti tranne pochissimi casi. Per un monarca partecipare a una carica di cavalleria oa una carica alla baionetta dopo quel tempo sarebbe stato inutilmente idiota, tranne nelle circostanze più terribili.
"* Carinzia *" non "* Carpathia *" sopra.
Sono d'accordo che sia cambiato molto con l'invenzione di tali fucili ad alta precisione (presumo che sia ciò che è una "baionetta a fessura") ... detto questo, c'erano ancora esempi relativamente recenti di un sovrano che effettivamente * usava * un'arma in combattimento in prima linea, come sopra (Carlo XII di Svezia).
@Noldorin: Napoleone proveniva da una casata nobile minore - la nobiltà italiana minore in Corsica. Questa era la sua pretesa di frequentare l'accademia militare di Brienne-le-Château.
Vero, ma non era quello che gli dava diritto ad essere imperatore se i francesi, per niente.
@Pieter Geerkens C'è una grande differenza tra re e imperatori, come ho sottolineato in una risposta qui: https://www.reddit.com/r/vexillology/comments/f2ulxr/imperial_standard_of_haile_selassie_ethiopia/ Non sei corretto nel dire che il titolo corretto degli Imperatori Asburgici era "Re dei Romani". Era "Re dei Romani e sempre Imperatore", o "Imperatore dei Romani e sempre Imperatore", o "Eletto Imperatore dei Romani e sempre Imperatore".
#6
  0
Noldorin
2020-02-18 23:57:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Anche se chiaramente non è l'ultimo, come mostra la risposta di Thomas By, ho appena ricordato un interessante e tardo esempio di coraggio cavalleresco in stile medievale in battaglia. Nel 1525 (ben 40 anni dopo Riccardo III d'Inghilterra nella battaglia di Bosworth Field), Francesco (Francesco) I di Francia apparentemente combatté in prima linea nella battaglia di Pavia contro le forze imperiali-spagnole (in particolare il contingente di Charles de Lannoy ). In effetti, questo è stato coraggioso ma sufficientemente imprudente da farsi catturare dalle forze spagnole! La data della battaglia colloca questo evento nell'era della prima età moderna per quanto riguarda quasi tutti gli storici, e penso sia interessante perché sia ​​le armi medievali tradizionali (lance, picche) che i cannoni (archibugi) erano importanti nella battaglia. / p>

Cito l ' voce dell'Encylopaedia Britannica sulla battaglia di Pavia:

Mostrando un coraggio personale impeccabile ma un giudizio limitato, re Francesco guidò la sua cavalleria corazzata in una carica in stile medievale con lance adulte. Sfortunatamente i suoi cavalieri cavalcavano davanti al suo cannone, rendendo impossibile all'artiglieria sparare sul nemico.

#7
-1
rastafile
2020-02-17 04:14:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Facendo un ultimo sforzo, Charles formò un nuovo esercito e arrivò in pieno inverno davanti alle mura di Nancy. Avendo perso molte delle sue truppe a causa del freddo intenso, fu con solo poche migliaia di uomini che incontrò le forze unite dei Lorrainers e degli svizzeri, che erano venuti in soccorso della città. Lui stesso morì nella lotta, il suo corpo nudo e sfigurato fu scoperto alcuni giorni dopo congelato nel fiume vicino. La testa di Carlo era stata spaccata in due da un'alabarda, ...

Voglio proporre Charles "Martin" "The Bold" Duca di Borgogna , che morì nel 1477 come descritto sopra (wikipedia).

C'è questo famoso triplice disastro: nella prima battaglia ha perso i suoi beni, poi le sue truppe, poi il suo (proprio) sangue.

Ho cercato la sua vita su wikipedia. Penso che potrebbe qualificarsi perché potrebbe essere uno degli ultimi "veri" re combattenti, alla fine di un'epoca. E lui stava attaccando, non fuggendo.

E perché lo chiamano audace ? (Mi chiedo davvero)


Questa Q è interessante. Già Agamennone dovette affrontare alcune critiche, per aver lasciato che gli altri re facessero il duro lavoro di Ares (mi dispiace). Alessandro Magno ha quasi catturato Dareios, dicono. Ma in tempi più moderni, dopo il 1500, un re probabilmente non appartiene al campo di battaglia. Il business diventa troppo pericoloso con cannoni e mercenari. È sempre (?) Mescolato con la propaganda quando un re indossa l'uniforme.


Achille ad Agamennone, proprio all'inizio:

"... anche se sono le mie mani a fare la parte migliore del combattimento. Quando la condivisione arriva, la tua parte è di gran lunga la più grande, e io, invero, devo tornare alle mie navi, prendere quello che posso ottenere ed essere grato, quando il mio lavoro di combattimento è finito ... "

E l'articolo wiki Basileus ("re" greco)

In Omero ci si aspetta che il wanax regola sulle altre basi di consenso piuttosto che per coercizione, motivo per cui Achille si ribella orgogliosamente e furiosamente (il tema centrale dell'Iliade) quando percepisce che Agamennone lo sta ingiustamente dominando.

Ora "wanax" sembra essere il mycean "signore supremo", o "sommo re", e scomparve come titolo. Successivamente è stato utilizzato "Basileus", che prima era più "chieftain", (= "tribal chief").

E A.t.G. è menzionato in più:

Basileus e megas basileus furono usati esclusivamente da Alessandro Magno e dai suoi successori ellenistici nell'Egitto tolemaico, in Asia (ad esempio l'impero seleucide, il regno di Pergamo e stati non greci ma influenzati dalla Grecia come il regno del Ponto) e la Macedonia. La controparte femminile è basilissa (regina) , che significa sia una regina regnante (come Cleopatra VII d'Egitto) e una regina consorte. È proprio in questo periodo che il termine basileus acquisì una connotazione completamente reale , in netto contrasto con le precedenti percezioni molto meno sofisticate della regalità in Grecia.

( Sto chiedendo cosa è un re , esattamente?)

Questo viene prima di Riccardo III menzionato dall'OP nella domanda, quindi chiaramente non l'ultimo.
Ebbene questo è vero. Ho appena letto cosa è successo al Bosworth Field. Anche molto drammatico. Spero non troppa finzione, questa carica simile ad Alessandro sul campo di battaglia (in preda alla disperazione, ovviamente).
@rastafile Grazie per la risposta. È un bell'esempio non inglese. Sono sicuro che le azioni di Riccardo III furono sicuramente elaborate o un po 'romanticizzate, ma non credo che si possa negare che abbia combattuto se stesso. (Apparentemente, ha ucciso un nobile rivale con la sua stessa spada.)
Non sto contestando le gesta di Riccardo III: c'è un vero dramma personale in questi eventi finali, con o senza il contributo di Shakespeare. Mi piace il concetto di "canto del cigno della cavalleria di mezza età". Entrambi avevano la testa spaccata da un'alabarda, appena prima che le armi da fuoco prendessero il sopravvento.
La domanda riguardava un monarca. Quindi, un cont o un conte, essendo sovrano, va bene. (Non so i baroni sovrani) Ma il tuo esempio non è sicuramente l'ultimo, e anche Carlo XII partecipò a battaglie a suo piacimento, essendo 300 anni dopo. Quindi, è una persona e una risposta interessanti, ma sicuramente non LA risposta. Lo stesso del mio.
Carlo XII (di Svezia) è nuovo per me. Finora sembra il vincitore. Mi piace anche il tuo "re" del Sudan. Non l'ho ancora cercato, ma devono esserci molti re piccoli e medi in Africa, e ovunque, che personalmente e fisicamente guidarono il loro esercito in una battaglia. (se giusto o no non è la domanda qui)


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...