Domanda:
Perché LBJ, un fedele segregazionista, ha sostenuto e firmato il disegno di legge sui diritti civili del 1964?
user27618
2018-01-04 10:50:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Lyndon B. Johnson riguardo al Civil Rights Act del 1964 ..
Dall'Atlantico

I tempi richiedevano un leader che potesse sottomettere la vaste forze politiche e amministrative schierate contro il cambiamento - per qualcuno con l'istinto strategico e tattico di superare gli avversari più radicati e il coraggio di decidere all'istante, in un momento di grande incertezza e dubbio, di gettare tutto il suo peso dietro al progresso. Il movimento per i diritti civili aveva la straordinaria figura di Lyndon Johnson.

Domanda

Per i primi 20 anni di LBJ sulla collina è stato un segregazionista impegnato. Non solo votando con il sud per sopprimere le leggi sui diritti civili, ma un leader politico che elabora le strategie che sarebbero utilizzate per sconfiggere tali leggi. Il primo disegno di legge sui diritti civili sostenuto da Johnson risale al 1957, e poi nel 1964, naturalmente, Johnson come presidente non solo avrebbe firmato il disegno di legge sui diritti civili più completo nella storia del paese fino a quel momento, ma lo avrebbe sostenuto al Congresso. p>

Cosa è successo?

Perché questo segregazionista per tutta la vita si è ribaltato ed è diventato un politico per sempre dopo essere stato associato ai diritti civili?

@LarsBosteen: Non io, ma osserverò che non ho mai visto la risposta a quella domanda nei commenti su questo sito, probabilmente perché, per mia esperienza, i votanti negativi raramente tornano alle domande. Sono anonimi per intento deliberato e ponderato di StackExchange, che può essere sostenuto come parte del motivo del successo di StackExchange.
@Pieter Geerkens. Hai perfettamente ragione e la mia domanda era più un'espressione di curiosità che un'aspettativa di risposta. Inoltre, immagino che le persone che considerano una domanda a cui vale la pena rispondere sia molto improbabile che votino negativamente (e la tua risposta mostra che questa non è una brutta domanda).
@LarsBosteen: Il mio voto positivo annulla il voto negativo. La mia ipotesi per il voto negativo è che, mentre la domanda è perfettamente valida, si tratta di un risultato paradossale e controintuitivo che a prima vista sembra essere "sbagliato". Io (e altri) ho visto queste domande e poi ho fatto un "doppio giro". Apparentemente non c'è stata una tale doppia ripresa dal downvoter.
Chiaramente non era un segregazionista "per tutta la vita": ha cambiato idea. Il titolo sarebbe migliore se chiedesse perché un segregazionista * di lunga data * ha cambiato idea.
Ti piace il punto di vista di Pieter Geerkens. È un punto di vista di minoranza, con la maggior parte incline a un passaggio di carriera.
@LarsBosteen: Per riferimento futuro, "... Act" è in realtà più corretto di "... Bill" in un contesto statunitense. Non vale la pena modificare solo per quello in entrambi i casi, secondo me.
@Pieter Geerkens. Comprendeva una delle numerose modifiche proposte nella modifica di qualcun altro. Ho lasciato la modifica intatta tranne che su questo punto perché "campione" è accaduto mentre era ancora un conto - ma, d'accordo, un punto minore non merita una modifica da solo.
@guest271314 Se una "risposta" non offre nemmeno una risposta parziale alla domanda effettiva, generalmente viene cancellata. Potrebbe essere utile consultare il [Centro assistenza] (https://history.stackexchange.com/help/answering), e in particolare la sezione su [Perché e come vengono eliminate alcune risposte?] (Https: // cronologia .stackexchange.com / help / cancellato-risposte)
Elimina la "vita"! Non fare supposizioni quando fai una domanda.
@guest271314 La domanda chiede perché LBJ ha cambiato posizione. Le tue "risposte" non menzionano nemmeno LBJ, per non parlare della questione del perché (o, in effetti, se) abbia cambiato posizione. Ecco perché sono stati cancellati.
La domanda non riguarda il governo. Riguarda il motivo per cui un uomo in particolare ha espresso opinioni particolari in momenti particolari. In quanto tale, la "risposta" eliminata non ha effettivamente risposto alla domanda posta.
@guest271314 La tua accusa a sempaiscuba che "* Sembra che tu abbia un'idea sbagliata che le valutazioni della storia debbano essere filtrate attraverso la ** tua ** prospettiva *" sembrerebbe applicarsi di più alla ** tua ** presunta * risposta *.
Otto risposte:
#1
+57
Pieter Geerkens
2018-01-04 17:31:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

" Perché? " è particolarmente difficile rispondere alle domande. Non è possibile fissare l'anima di Johnson, alla ricerca di motivazioni, dal nostro punto di osservazione più di cinquant'anni dopo; invece siamo lasciati a tentare di analizzare i suoi atti e le sue parole registrati, sfruttando la nostra comprensione della natura umana.

Tuttavia, credo sia fondamentale riconoscere che il razzismo agisce su due livelli in tutti: un livello emotivo e un livello intellettuale. A livello emotivo il razzismo si sviluppa da due aspetti profondi della psiche umana: le tendenze a " opporsi a ciò che non è familiare " e a " sostenere il gruppo ". Tutti noi incontriamo queste tendenze; ma sono solo tendenze. Come esseri umani, abbiamo la capacità intellettuale di mettere da parte le nostre tendenze emotive per ragioni razionali.

Pochissimi di noi possono essere nati in situazioni in cui quelli di una razza diversa sono un fenomeno quotidiano naturale. Ma siamo tutti nati con un innato senso di gruppo, a partire dalla famiglia e successivamente ci trasferiamo attraverso amici, vicini, cittadini e, infine, in alcuni, razza. Quando una tendenza emotiva a favorire amici e familiari si manifesta con parole e azioni, non inibita dalla razionalità, questo è semplicemente nepotismo . Quando si diffonde in una preferenza assoluta per la propria razza, rafforzata dalla razionalizzazione e dall'avversione per ciò che non è familiare, allora si può davvero etichettare un profondo razzismo .

Ma in mezzo a questi vedo un razzismo quotidiano , un razzismo del pilota automatico se vuoi, in cui le tendenze emotive possono semplicemente travolgerne uno senza alcun tentativo di coinvolgere l'intelletto. È il " razzismo del pigro umano ", semplicemente seguire il flusso. Mi sembra che il razzismo di Johnson fosse di questo tipo. In qualità di giovane legislatore ambizioso cresciuto in un Sud profondamente razzista e segregato, " combattere la buona battaglia " avrebbe potuto renderlo un umano migliore; ma avrebbe certamente fatto sprofondare ogni aspirazione alla carriera politica. Johnson non era un Don Chisciotte , che puntava sui mulini a vento; aveva piani più grandi.

Poi, a metà degli anni '50, mentre Johnson è il leader della maggioranza al Senato, la segregazione colpisce la coscienza nazionale. Il suo sostegno di lunga data per i poveri e gli oppressi coincide improvvisamente con il riconoscimento che molti di loro non sono solo neri; ma sono poveri e oppressi perché di essere neri. In quel momento il senatore del Texas, determinato, ambizioso e sì, razzista, accetta la sfida; affronta uno dei suoi demoni; e lo conquista. Si trasforma in un Campione dei diritti civili .

Sembra opportuno notare qui che, in qualità di presidente, Johnson era qualificato in modo univoco in un modo che pochi dei suoi predecessori e nessuno dei suoi successori fino ad oggi sono stati: come ex leader della maggioranza del Senato , Johnson ha capito il processo legislativo molto meglio della maggior parte dei presidenti. Johnson aveva perfezionato quell'arte in quello che i suoi contemporanei chiamavano " il completo Johnson " (o in alternativa " il Trattamento "):

adulazione, accordi, pressioni, minacce - consegnati a tutte le ore in modi che vanno dal nobile al grezzo

President Johnson confronts Senator Richard Russel

Altro

Come Richard Russell, il leader del Sud al Senato negli anni '60, disse a un amico pochi giorni dopo l'assassinio di Kennedy: "Sai, avremmo potuto battere John Kennedy sui diritti civili, ma non Lyndon Johnson". / p>

Quindi: " Perché Johnson ha sostenuto il movimento per i diritti civili dal 1957 in poi? "

Perché era la questione decisiva del suo tempo; e, per essere riconosciuto come il grande uomo che aspirava ad essere e come vedeva se stesso, non si doveva solo essere dalla parte giusta; uno doveva essere un campione del lato destro.

Trovo particolarmente sorprendente, nell'ambiente di oggi * politicamente corretto *, notare la posizione di Johnson e Russell nella foto sopra. Le braccia saldamente afferrate dietro la schiena per evitare qualsiasi contatto fisico accidentale, credo, consente loro di portare la retorica politica di un livello più in alto in quella che è probabilmente una discussione profondamente emotiva per entrambi. E Johnson deve essere * inclinato * da 12 a 14 pollici buoni sopra Russell.
Il senatore Russel è stato il grande mentore di Johnson e un forte alleato in senato. A Johnson piaceva legarsi a potenti scapoli sulla collina. Lavorava fianco a fianco a tutte le ore della sera e poi li invitava a casa per una cena casalinga diverse sere a settimana. Russel al Senato e il presidente Sam Rayburn avevano ricoperto lo stesso ruolo alla Camera.
Il supporto di Russells ha permesso al senatore Jr dalla carriera del Texas di tenere il passo verso il suo obiettivo finale mentre faceva il passaggio dalla casa al senato.
@JMS: Non discuto nulla di tutto ciò, ma non tanto nella foto sopra, poiché si schierano su lati opposti del dibattito sui diritti civili.
Una delle risposte meglio descritte che ho visto a una domanda su un fenomeno così paradossale e persino controintuitivo.
Lo menziono perché colora l'immagine. Il senatore Russel dalla Georgia era il principale segregazionista al senato e l'eredità di Johnson come schietto segregazionista è stato un modo in cui il senatore jr del Texas ha attratto e catturato questo potente alleato strumentale nella sua carriera senatoriale .. Johnson era un leader segregazionista vocale quando lo fu. a suo vantaggio essere così. Allora era un paladino desegregazionista vocale quando ciò favoriva i suoi interessi. Johnson era perfettamente coerente con il senno di poi 20-20.
Incerto su come interpretare la citazione di Russell su JFK e LBJ: è che qc è come il vecchio proverbio vulcaniano di "Solo Nixon potrebbe andare in Cina" (la mia interpretazione proviene dalla Q) o più come Russell allude al più alto livello di scaltrezza e esperienza politica (la mia opinione dato il contesto nella risposta)?
@LangLangC: Dalla mia ricerca, sembra che Kennedy avesse ignorato i consigli di Johnson sulla corretta strategia legislativa. A partire dal 22 novembre 1963, [quell'atto] (https://en.wikipedia.org/wiki/Civil_Rights_Act_of_1964#Johnson's_appeal_to_Congress) sembrava essere permanentemente bloccato al Senato. Johnson è stato in grado di riallineare quella strategia secondo il suo consiglio originale entro poche settimane dall'assassinio e riavviare il progresso dell'Atto. Certamente avrebbe potuto essere fatto anche da Kennedy, ma Johnson lo ha fatto con velocità.
Questo è un punto di vista minoritario basato sull'opinione. Ammetti i difetti della ricerca dell'anima ed eviti risposte più pragmatiche. Perché è necessario guardare oltre le ovvie politiche che sono state delineate altrove; perché la moralità che c'è dietro è così fondamentale per la nostra etica nazionale? Man mano che diventava più potente; prima come leader della maggioranza, poi presidente, si è allineato alla causa dei suoi partiti.
@JohnDee: Minoranza di uno - è la mia fottuta ricerca; analisi; e infine l'opinione. Sei libero di votare, astenersi o votare per difetto come meglio credi sulla base della tua ricerca e analisi, come la tua coscienza detta; e di inviare la tua risposta se lo desideri.
Sembra un'opinione. Alcuni sono profondi, altri si basano su osservazioni elementari. Ad esempio, definire il nepotismo un micro razzismo. Il nepotismo è chiaramente un'espressione di egoismo che si estende nella propria famiglia. Il razzismo è più difficile da collegare all'egoismo. Sono le altre cose che hai menzionato; familiarità, tradizione, identità. A meno che tu non consideri tutti i tipi di identità come egoisti, allora avrai difficoltà a etichettare il razzismo come questo. L'unico modo che vedo è spingere gli estremi in bianco e nero; non essere totalmente fraterni verso l'umanità significa essere egoisti.
TLDR; "Se non puoi batterli ... unisciti a loro"
@PieterGeerkens Johnson ha riallineato la strategia politica per approvare la legge sui diritti civili del 1964 non entro poche settimane, dall'assassinio del presidente Kennedy ma pochi giorni. 5 giorni per essere precisi. Johnson ha usato il suo primo indirizzo nazionale il 27 novembre 1963; prima di una sessione congiunta del congresso per gettare tutto il suo peso e tutta la sua influenza con un paese in lutto dietro la legge sui diritti civili. Ha classificato l'approvazione del disegno di legge come l'eredità del presidente defunto.
#2
+17
congusbongus
2018-01-04 16:31:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

LBJ era una figura complessa. Viene descritto come avente "ambizioni non comuni", scartando facilmente considerazioni come l'ideologia per il bene di avanzare nella sua carriera. Come membro del Congresso del Texas e poi senatore, il suo voto a favore della segregazione è completamente in linea con il clima politico del tempo e del luogo. Approfittando del dolore e del sostegno della nazione per il completamento dell'eredità di JFK, potrebbe aver visto i diritti civili agire come uno strumento politico per sostenere il proprio programma.

Eppure è stato a lungo motivato, probabilmente da la sua profonda religiosità, per aiutare gli svantaggiati, come i poveri, ma anche gli afroamericani. Questo aspetto ha condiviso con il suo mentore FDR. Ad esempio, in qualità di presidente ha lanciato una serie di leggi sotto il nome di War on Poverty. È possibile che il suo sostegno ai diritti civili sia andato in questo modo.

Ma è importante notare che era molto probabilmente razzista. A volte si riferiva alla legge sui diritti civili come alla "legge sui negri". Era un prodotto del suo tempo e del suo luogo. Tuttavia, è difficile negare che il Civil Rights Act non sarebbe passato se non fosse stato per i suoi enormi sforzi. Forse il miglior aneddoto che illustra la sua ipocrisia tra ambizione e compassione: dopo il passaggio dell'atto, la sua preoccupazione principale era che "consegnasse il Sud al partito repubblicano".

Hai sollevato alcuni punti interessanti e preziosi qui, ma tutto è rovinato da uno schema cronologico errato. Johnson ha parlato dei diritti civili nel 1957, sei anni prima dell'assassinio di Kennedy e sette prima della legge del 1964.
Le persone non sono statiche. Crescono e cambiano nel corso della loro vita. Il tuo tentativo di classificare Johnson non si aggiunge a una risposta altrimenti ben ragionata, e hai inoltre notato nella tua apertura che era un personaggio complesso. (In effetti vero).
Ottima risposta, ora legala insieme. Ambizione rara, scartando facilmente considerazioni come l'ideologia per il bene di far avanzare la propria carriera davvero !! Allora come ha fatto l'abbandono della segregazione nel 57 e di nuovo nel 64 per far avanzare la carriera di Johnson?
Mi sembra un tipo comune di ambizione.
@JohnDee queste sono le parole del suo biografo, non le mie
#3
+13
Chloe
2018-01-05 03:47:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

LBJ non si è capovolto. Era razzista e usa il Civil Rights Act solo per promuovere il suo potere e il potere politico del suo partito. LBJ ha detto a Richard Russell, un collega senatore democratico della Georgia:

Questi negri stanno diventando piuttosto arroganti in questi giorni e questo è un problema per noi dal momento che " Ora ho qualcosa che non avevano mai avuto prima, la spinta politica per sostenere la loro arroganza. Ora dobbiamo fare qualcosa al riguardo, dobbiamo dare loro qualcosa, quanto basta per zittirli, non abbastanza per fare la differenza.

Ecco il citazione dal libro Lyndon Johnson and the American Dream:

La cosa più importante è stata il fatto che la questione dei diritti civili si è intensificata e ha portato a focalizzare la ricorrente paura di Johnson che "l'intera cosa" - la sua leadership, il Senato, il mondo - cadrebbe a pezzi se perdesse il controllo anche solo per un momento, permettendo così alle forze della divisione violenta di "liberarsi". "Un vero errore e siamo finiti", diceva ancora e ancora, come se sia il suo potere che il futuro dell'America fossero fragilmente sospesi da un filo sottile. Temendo che le questioni della questione dei diritti civili sarebbero state "prese in carico" dagli "estremisti" - definita come una scelta tra le visioni inconciliabili dei segregazionisti del sud e dei liberali del nord - Johnson si è sentito "spinto" a cercare una via di mezzo, una formula legislativa , che rappresenterebbe un vero progresso, abbastanza per moderare le passioni liberali, ma non così inaccettabile da provocare una rottura aperta con il partito e la sua leadership. “Sapevo”, disse in seguito, “che se non avessi prodotto su questo, la mia leadership sarebbe stata spezzata in cento pezzi; tutto quello che avevo costruito nel corso degli anni sarebbe stato completamente annullato. " 27

Meno significativo della rivelazione della paura personale è il fatto che Johnson mostrò la preveggenza di riconoscere che questo problema aveva dimensioni di gran lunga maggiori delle difficoltà di formulare fattibili legislazione. Sembrava capire che la questione dei diritti civili aveva creato una crisi di legittimità sia per il Senato che per il Partito Democratico. Forse è stata questa comprensione che ha aiutato Johnson non solo a superare le sue paure durante questa lotta, ma a trasformarle in strumenti di leadership, influenzando l'azione degli altri convincendoli a condividere la sua apprensione per le possibilità pericolose.

Johnson decise che il suo primo compito doveva essere quello di persuadere i meridionali "ragionevoli" ad abbandonare il loro sostegno all'ostruzionismo, dimostrando che anche se avesse avuto successo l'unico risultato sarebbe stato una vittoria di Pirro per il sud. Le passioni nordiche stavano crescendo, diventando "isteriche" e non avrebbero più accettato la sconfitta per ostruzionismo; invece, l'attacco si concentrerebbe sulla regola dell'ostruzionismo stesso. Ha iniziato con Russell: "Questi negri, stanno diventando piuttosto arroganti in questi giorni e questo è un problema per noi dato che ora hanno qualcosa che non avevano mai avuto prima, la spinta politica per sostenere la loro arroganza. Ora dobbiamo fare qualcosa al riguardo, dobbiamo dare loro qualcosa, quanto basta per calmarli, non abbastanza per fare la differenza. Perché se non ci muoviamo affatto, i loro alleati si schiereranno contro di noi e non ci sarà modo di fermarli, perderemo l'ostruzionismo e non ci sarà modo di frenare ogni sorta di legislazione selvaggia. Sarà di nuovo Ricostruzione. " 28

La tua citazione non dice quando LBJ lo ha detto a Russel, ma con "dai loro qualcosa", pensi che LBJ si riferisse a un atto fondamentale per i diritti civili che metteva fuori legge la discriminazione basata sulla razza, il colore o l'origine nazionale. Cosa proibiva l'applicazione ineguale dei requisiti di registrazione degli elettori, la segregazione razziale nelle scuole, l'occupazione e gli alloggi pubblici? La legge sui diritti civili del 1964 ha cambiato il mondo. Non ha perfezionato il mondo, ma certamente è stato il disegno di legge sui diritti civili più completo nella storia delle nostre nazioni e ha gettato le basi per tutto ciò che è venuto dopo.
@JMS: Sì! Inoltre, non è appropriato accettare ciecamente gli argomenti impiegati da LBJ per persuadere gli oppositori come rappresentazioni legittime delle sue opinioni personali. È *** particolarmente inappropriato *** impegnarsi in queste determinazioni per Johnson, data la sua capacità unica di impiegare ["** il * Trattamento ***"] (https://en.wikipedia.org/wiki/Lyndon_B ._Johnson # Senate_Democratic_leader). È molto più probabile che gli argomenti di Johnson in queste discussioni rappresentino le convinzioni del suo avversario rispetto alle sue.
@PieterGeerkens, Sono d'accordo con te. Pensa alla cosa peggiore possibile che Johnson possa fare. Probabilmente Johnson l'ha fatto .. Probabilmente ha fatto di peggio. Non lo definisce. Poteva minacciare, ammaliare, oltraggiare e iscriversi alla stessa conversazione. Stava manipolando calcolando, nel peggiore dei modi per usare tutte quelle espressioni; eppure continuava a leggere il disegno di legge sui diritti civili più aggressivo e completo nella storia della nostra nazione. Per sempre ha cambiato la mappa politica americana in tal modo. Forse è l'unico che avrebbe potuto. Forse è l'unico che l'avrebbe fatto.
Johnson è un noto sociopatico. Ha mentito nell '[incidente del Golfo del Tonchino] (https://en.wikipedia.org/wiki/Gulf_of_Tonkin_incident) che ha portato a una guerra che ha ucciso centinaia di migliaia di persone. [I sociopatici] (http://www.mentalhealth.com/home/dx/antisocialpersonality.html) non si preoccupano delle altre persone. Si preoccupano solo del proprio potere e controllo.
@JMS Sia che Johnson lo avesse previsto all'epoca o che il "piccolo qualcosa" fosse cresciuto oltre le sue intenzioni originali, con il senno di poi ora possiamo vedere che mentre la legge sui diritti civili ha cambiato radicalmente la natura dei partiti democratici e repubblicani, non l'ha fatto in realtà rendere la vita molto migliore per i neri che vivono in America. Il razzismo non è stato ostacolato, è semplicemente diventato invisibile a tutti tranne che alle sue vittime. Sì, i neri americani non potevano più essere esclusi da autobus o ristoranti, ecc., Ma oggi continuano a subire discriminazioni insidiose (e ultimamente più evidenti).
Alla luce del primo paragrafo della risposta di @Pieter Geerkens, è bene avere un'interpretazione alternativa delle motivazioni di LBJ.
@ToddWilcox È facile dirlo guardando indietro, ma dubito che molti neri nel 1960 avrebbero guardato a un mondo in cui una nuova edizione di The Negro Motorist Green-Book non è stata pubblicata per decenni perché non c'era richiesta, e non ce ne sono white è l'unica università negli Stati Uniti e non la considerava un grande miglioramento.
@ToddWilcox - Ha portato ad alcuni importanti cambiamenti positivi. Ovviamente non erano "abbastanza". Ma questo, a soli 100 anni dalla fine della schiavitù formale, non era abbastanza per eliminare la discriminazione contro i neri americani - beh, non dovrebbe sorprendere. Centinaia di anni di svantaggio sistematico di un gruppo non saranno annullati da nessun risultato legislativo. Ma sono ancora una parte importante del processo.
#4
+8
Benxamin
2018-01-05 05:26:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché? Perché da un punto di vista egocentrico, LBJ è venuto a conoscenza di situazioni che hanno colpito lui e la sua "famiglia" (estesa). Per favore permettimi di raccontare un aneddoto specifico per illustrare che il grande ego di LBJ (ben noto, citato qui: https://www.theatlantic.com/magazine/archive/1998/04/three-new-revelations-about -lbj / 377094 /) è stato insultato da questo razzismo quotidiano contro il suo autista / domestico.

Mio suocero, che si è laureato presso la LBJ Law School presso l'Università del Texas ad Austin all'inizio degli anni '70, mi raccontò un aneddoto mentre stavamo visitando il Lady Bird Johnson Wildflower Garden.

I Johnsons avevano un assistente / autista / cameriere nero. Alla fine, questo ragazzo (non sicuro se fosse Robert Parker o Carroll Kreach) dovette consegnare i cani da compagnia di Johnson a Washington, DC, i cani amati dai Johnson e rese famosi i loro beagle "Lui" e "Lei".

LBJ era deluso di essersi presentato a Washington con un'aria stanca da morire e ha chiesto di sapere cosa fosse successo. Mentre l'assistente viaggiava attraverso gli Stati Uniti meridionali, non gli è stato permesso di affittare una stanza di motel per sé. Ma i cani, ovviamente, potevano restare tutta la notte.

Questa particolare ingiustizia colpì personalmente i Johnson. La loro statura e il loro buon nome non potevano impedirlo. Semmai, questo supporta la risposta di @Pieter Geerkens che LBJ ha affrontato il suo stesso pilota automatico, il razzismo pigro. Affermo che, in parte, è successo a causa di qualcuno a lui vicino.

Forse quando Johnson ha detto che "non siamo solo i negri ma tutti noi, che dobbiamo superare l'eredità paralizzante del fanatismo", intendeva davvero tutti noi, compreso se stesso. - Adam Serwer

Downvoted perché è solo una storia.
Il mio primo istinto è stato di svalutarlo anche per sentito dire, ma dopo aver riflettuto, non è insolito che le persone cambino idea quando qualcuno vicino a loro è affetto, quindi l'ho ritrattato. Resta il problema, tuttavia, che si tratta fondamentalmente di un reclamo non fornito. C'erano prove che i Johnson avessero almeno un assistente nero o dei cani?
#5
+5
Tom Au
2018-01-05 00:07:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo è solo per aggiungere all'eccellente risposta di Pieter.

Alcuni dirigenti attraversano una transizione da "squalo a delfino" man mano che si alzano. Lyndon Johnson più di chiunque altro. Cioè, perdono parte dei loro aspetti difficili man mano che acquisiscono sempre più responsabilità e assumono ruoli più ampi. Al contrario, diventano più "statisti".

Vale a dire che Johnson ha iniziato come un "ragazzo di città natale" come politico locale dal più ristretto degli ambienti rurali. Nel corso del tempo, ha fatto un aumento maggiore della maggior parte, sul palcoscenico nazionale e poi internazionale. A differenza di Robert E. Lee, le cui opinioni non sono mai salite al di sopra del livello "statale", Johnson "è cresciuto" in ogni nuovo livello, se non quando lo ha raggiunto, poi qualche tempo dopo. Le sue precedenti tendenze segregazioniste riflettevano le sue opinioni sulla città natale e le sue tendenze in materia di diritti civili riflettevano le sue opinioni nazionali.

Questa transizione è stata meglio descritta nella serie in più volumi, Means of Ascent.

Mi è piaciuta anche la risposta di Pieter. È un saggio interessante sul razzismo che aveva poco a che fare con LBJ. I diritti civili sono stati il ​​grande problema degli anni '60 perché LBJ ha scelto di farlo. I diritti civili avrebbero potuto essere il grande problema di qualsiasi epoca tornando alla ricostruzione. MLK era un leader eccezionale per i diritti civili, ma il movimento per i diritti civili ha avuto diversi leader eccezionali nel corso dei decenni; quello che mancava a ogni età era Johnson. Un uomo con i talenti politici e l'ambizione di far saltare lo status quo.
Mi ha anche messo a disagio la sua dichiarazione secondo cui i presidenti cambiano drasticamente una volta in carica. Quello è giudici della Corte Suprema, non presidenti. I presidenti cambiano radicalmente quando si candidano alle elezioni. AKA, John McCain sul finanziamento della campagna elettorale, Mitt Romney sull'assistenza sanitaria. Hillary Clinton su NAFTA e TPP.
@JMS: Abbastanza giusto - ma "razzismo" copre tutto da "Penso che assumerò il ragazzo / ragazza nero / asiatico / ebreo / bianco invece della ragazza / ragazzo bianco / ebreo / asiatico / nero" all'Olocausto. Qualsiasi discussione sul "razzismo" di un personaggio pubblico deve davvero affrontare esattamente ** dove ** in quel vasto ambito si trova la cifra.
@JMS: Non ho detto che LBJ è cambiato come "Presidente". Ho detto che è cambiato nel corso della sua carriera, da politico locale, a membro del Congresso, a senatore, a presidente. Questo è un periodo di tre decadi. (Ma alcuni non cambiano, come Lee o come un certo cancelliere tedesco che non nominerò.)
@JMS: A volte la persona con il maggior numero di problemi è il miglior riparatore. Uscendo da scuola, ero l'ultima persona della mia classe a diventare un supervisore nella mia azienda di allora. Ma una volta lì, il lavoro è stato più facile per me che per gli altri perché nessuno sotto di me ha commesso un errore che non avevo fatto io.
@TomAu, Grazie per aver chiarito, ho interpretato male quello che hai scritto. Colpa mia. Quindi lascia che te lo chieda. Johnson è davvero cambiato mentre progrediva politicamente? Oppure i suoi elettori sono cambiati e Johnson si è limitato a tenere il passo? Ricorda che questo è un ragazzo che ha iniziato a chiamarsi LBJ nel 1937 come membro del Congresso delle matricole perché pensava che suonasse presidenziale. LBJ-FDR, LBJ-FDR capiscilo, disse il suo aiuto. Maestro del Senato pagina 111. È un ragazzo arrivato a Washington con l'intenzione di diventare presidente, e poi l'ha fatto. È davvero cambiato?
@JMS: Non sono sicuro che sia cambiato "personalmente". So che è cambiato politicamente. All'inizio era un campione dei poveri bianchi (meridionali) contro i poveri neri. Più tardi, divenne il campione dei "poveri" (nord e sud, bianco e nero) contro l '"establishment orientale". Il suo modello successivo fu FDR, anche se quest'ultimo proveniva da (ma fu ostracizzato da) il detto istituto orientale.
Aumento della professionalità - buon punto!
#6
+5
user28715
2018-01-05 16:45:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non c'è motivo di ritenere che LBJ non fosse razzista. Potrebbe essere più facile dimenticare nella nostra epoca, ma il razzismo come il sessismo e altre forme di sciovinismo è un impulso naturale nel contesto della storia tribale degli umani che deve essere educato dall'uomo civilizzato per renderlo adatto a far parte di una società globale.

Questo è un processo che richiede generazioni e ha costanti battute d'arresto della varietà "detto così" di profezie semi-auto-soddisfacenti. Ciò significa che coloro che sono in grado di fare il maggior numero di progressi iniziano da essere più indietro.

Era arrivato il momento di passare attraverso l'emancipazione razziale, la Corte Suprema aveva iniziato a fissare alcuni capisaldi che stabilivano la parità di diritti e pronunciavano istituzionali casi di segregazione come incostituzionali (cfr Brown vs Board of Education nel 1954). Eisenhower, un presidente repubblicano, aveva imposto la desegregazione dell'istruzione in Arkansas mettendo la Guardia Nazionale sotto il controllo federale e inviando una divisione dell'esercito per proteggere gli studenti neri, passi così intransigenti e radicali che tutta la leva di un generale bianco dell'esercito repubblicano degli Stati Uniti era voleva lasciare che gli Stati Uniti cambiassero per sempre il corso della loro storia.

In quanto democratico, LBJ sarebbe stato brutto nel richiamare un movimento per i diritti civili sostenuto da un presidente repubblicano che prendeva sul serio il suo giuramento.

Così ha deciso di fare la storia lavorando con piuttosto che contro i tempi. Sarebbe stato stupido sacrificare ciò che Eisenhower aveva strappato alla nazione quando i rispettivi argomenti avevano effettivamente maggiori probabilità di avvantaggiare il partito democratico rispetto a quello repubblicano nel lungo periodo (non importa che il repubblicano Lincoln combatté la guerra civile sul biglietto di emancipazione razziale).

Gli attuali profili degli elettori lungo le linee del partito mostrano che LBJ ha svolto un lungo e decisivo servizio al partito democratico assumendo la responsabilità sul tema dei diritti civili.

#7
+4
user27618
2018-01-08 08:45:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Alla fine degli anni '50, il leader della maggioranza al Senato Lyndon Baines Johnson stava organizzando la sua prima campagna presidenziale. Gli fu detto che la sua maggiore responsabilità per la carica nazionale era la sua leadership vocale e coerente in difesa della segregazione. Tutto ciò lo rendeva ineleggibile nel nord e nell'ovest. Nel 1957 Johnson non poteva permettersi di alienare nessuna di queste regioni. Johnson avrebbe cercato di ridurre questa responsabilità. LBJ avrebbe sostenuto esternamente il disegno di legge sui diritti civili del 1957, nel frattempo ha usato il suo potere come leader della maggioranza al Senato per deviare il disegno di legge in un comitato controllato da un potente presidente del comitato meridionale. In commissione il disegno di legge del 1957 sarebbe stato castrato.

Johnson ha inviato il progetto di legge (1957 sui diritti civili) al comitato giudiziario, guidato dal senatore James Eastland del Mississippi, che ha proceduto a modificare drasticamente il disegno di legge.

Nel 1957, Johnson sperava che gli sarebbe stato dato credito per aver approvato il disegno di legge dai sostenitori del nord, e che gli sarebbe stato dato il merito di indebolire il disegno di legge dei meridionali contrari alla legislatura. Legislativamente Johnson ha avuto successo, politicamente è stato un fallimento. Il disegno di legge indebolito è stato approvato. Tuttavia, Johnson ha perso la nomina democratica alla presidenza nel 1960 a favore del giovane senatore del Massachusetts, John F. Kennedy, che aveva un'agenda molto più audace sui diritti civili.

Come @congusbongus dichiarato sopra nella sua risposta ... Lyndon Johnson è stato prima un politico ambizioso che desiderava da tempo diventare presidente. Come membro del Congresso delle matricole negli anni '30 disse ai suoi collaboratori di riferirsi a lui come LBJ perché suonava come FDR. "FDR-LBJ, LBJ-FDR" capito? ". Johnson era arrivato a Washington con l'intenzione di diventare presidente. (Dal Maestro del Senato, pagina 100)

In preparazione delle elezioni del 1964, Johnson si sarebbe dimostrato uno dei desegregazionisti più audaci ed efficaci quando era politicamente nel suo interesse esserlo. Il 22 novembre 1963, il presidente Kennedy fu ucciso a colpi di arma da fuoco a Dallas, in Texas; lasciando LBJ President. LBJ ereditò una potente macchina politica e un pubblico americano che diffidava di lui a causa del suo ben noto e lungo curriculum come leader al Senato. Johnson ha preso misure immediate per chiudere la luce del giorno tra lui e il presidente caduto.

Il presidente caduto che aveva tentato e fallito di approvare quella che sarebbe diventata la legge sui diritti civili del 1964. Ora, con l'intera nazione in lutto, era nell'interesse politico di Johnson fare ciò che molti pensavano fosse impossibile. Approvare questa legislazione fondamentale e ampliare la propria base politica dimostrando di essere un uomo di lungimiranza capace di guidare l'agenda che Kennedy aveva presentato e venduto alla nazione. Johnson avrebbe resuscitato e approvato il disegno di legge sui diritti civili più completo nella storia della nazione.

** Biografo e storico vincitore del premio Robert Caro Pulitzer su Lyndon Baines Johnson **

dallo spettacolo di Dian Rehm
CARO Sai, Johnson era un uomo molto complicato. Era pieno di ambizione ed era pieno di compassione, ma la verità è che ogni volta che i due si scontravano, ogni volta che doveva essere uno della parte meridionale, l'ambizione era ciò che vinceva. Ma ho scritto "quando ambizione e compassione puntavano entrambe nella stessa direzione, lui era una forza diversa da qualsiasi altra cosa nella storia americana".

REHM Va bene. Ma allora, cosa sappiamo del motivo per cui ha deciso di muoversi così rapidamente una volta diventato presidente (e prendere di mira il disegno di legge sui diritti civili del 1964)? 11:14:18

CARO Bene, ti dirò cosa ha detto a qualcuno che dubitava che fosse sincero. Uno scrittore di discorsi del presidente Kennedy prima di lui, di nome Richard Goodwin, un uomo piuttosto brillante, Goodwin ha fatto la stessa domanda che hai fatto tu. E Johnson ha detto, sai, perché stai rendendo questa una priorità? E Johnson ha detto, sai, quando insegnavo a quei ragazzi, ho giurato che se avessi avuto l'opportunità di aiutarli, lo avrei fatto.

Il presidente Johnson nel 1963 non aveva ancora vinto un elezione nazionale. Non aveva mai nemmeno gareggiato in un'elezione nazionale come capo del biglietto. Adesso era presidente, capo della macchina politica che Kennedy aveva costruito; solo i Kennedy lo odiavano. Quindi cinque giorni dopo che il presidente Kennedy fu ucciso; il 27 novembre 1963; come ha pianto l'intero paese, sulla TV nazionale, nel suo primo discorso a una sessione congiunta del congresso; Il presidente Johnson lega l'eredità del presidente defunto e la legge sui diritti civili del 1964 alla sua campagna per la presidenza.

Johnson ha detto ai legislatori: "Nessuna orazione commemorativa o elogio funebre potrebbe onorare in modo più eloquente la memoria del presidente Kennedy del primo passaggio possibile del disegno di legge sui diritti civili per il quale si è battuto così lungo .... Poi ha detto ai suoi compagni del sud: "Abbiamo parlato abbastanza a lungo in questo paese della parità di diritti. Abbiamo parlato per cento anni o più. È giunto il momento di scrivere il prossimo capitolo e di scriverlo nei libri di diritto. "

Johnson prosegue poi sostenendo quella legge sui diritti civili del 1964 e nel luglio del 1964 come presidente ha firmato la legislazione fondamentale. Legando se stesso e la sua elezione al presidente caduto e assicurandosi una delle più grandi vittorie schiaccianti nella storia della nazione. Con Barry Goldwater che ha vinto solo 6 stati. Il suo stato natale, l'Arizona; i 5 stati del profondo sud di Louisiana, Alabama, Mississippi, Georgia e South Carolina.

Johnson ha continuato dopo il Civil Rights Act del 1964, per approvare il Voter's Rights Act del 1965. Insieme, questi due atti fondamentali hanno inaugurato drammatici cambiamenti nel paese.

Non me ne rendevo conto prima, ma la tua risposta mi ha fatto credere che Johnson aveva bisogno di Kennedy come compagno di corsa tanto o più quanto Kennedy aveva bisogno di Johnson. Nel 1964, vinse gli stati del nord e dell'ovest che non avrebbe mai portato senza essere stato il compagno di corsa di Kennedy.
#8
+2
Robert Luse
2018-01-06 20:44:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che una parte del motivo sia che per la sua carriera alla Camera e poi al Senato, per essere eletto aveva bisogno prima dei voti delle persone nel paese di Texas Hill e poi dell'intero stato del Texas. Bisognava essere razzisti per essere eletti. Dopo essere diventato vicepresidente e soprattutto dopo essere diventato presidente, gli elettori di cui aveva bisogno provenivano da tutti gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti si stavano allontanando dal trattamento disumano dei propri cittadini neri e dalle barbare leggi di Jim Crow del Sud.

Per quanto riguarda l'assistente e il cane, non ho idea se la storia sia vera o no. Ma illustra un ottimo punto. Per un americano di colore viaggiare dal Texas a Washington DC in quei giorni richiedeva una pianificazione sostanziale e poteva essere estremamente pericoloso. Ci sono ottime possibilità che saresti esausto al tuo arrivo.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...