Domanda:
Quali erano i criteri di accettazione nelle università dell'Europa medievale?
Vanessa
2011-10-13 02:17:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Avevano test di ammissione? Alcuni gruppi erano ufficialmente vietati? Quanto si doveva pagare? Avevano borse di studio per studenti di talento? In che modo differivano questi criteri da paese a paese e nel tempo?

Sto aspettando la * Niccolò Machiavelli School of Management * ...
L'Europa medievale copre un enorme arco geografico e cronologico, ma la risposta di base è che inizialmente erano aperti a chiunque potesse pagare.
Una risposta:
#1
+21
Tom Au
2011-10-15 02:29:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Maggiori dettagli sono disponibili nell ' articolo di Wikipedia correlato.

Gli studenti universitari in genere avevano uno dei tre sponsor:

  1. il proprio ( famiglie benestanti
  2. la chiesa
  3. la corona

I criteri di ammissione e i pagamenti sono stati stabiliti dai rispettivi sponsor.

Cioè la chiesa e la corona avevano le loro scuole "di alimentazione", e sceglievano i migliori studenti di queste per prendere lauree universitarie, e generalmente pagavano per l'istruzione degli studenti. Queste scelte sono state fatte sulla base delle politiche pubbliche.

Le famiglie benestanti potevano "scolare a casa" i propri figli, magari assumendo tutor affiliati alle università e poi mandandoli in qualunque università li accetterebbe, con la famiglia che paga il modo in cui.

Non ho capito "I criteri di ammissione e i pagamenti sono stati stabiliti dai rispettivi sponsor". L'università non determina i propri criteri di ammissione?
@Squark: Stai pensando in termini odierni, con università "private". A quei tempi le università erano "fondate", o almeno pesantemente sponsorizzate dal re o dalla chiesa. In quanto tali, gli sponsor avevano così tanti posti (diciamo 70 su 100), che erano riservati a giovani uomini (mai donne) che volevano allenarsi per i propri scopi. Privati ​​facoltosi cercavano di ottenere una manciata di posti rimanenti.
Da Wiki: "Le università erano generalmente strutturate secondo tre tipi, a seconda di chi pagava gli insegnanti. Il primo tipo era a Bologna, dove gli studenti assumevano e pagavano gli insegnanti. Il secondo tipo era a Parigi, dove gli insegnanti erano pagati dalla chiesa. Oxford e Cambridge furono sostenute prevalentemente dalla corona e dallo stato, un fatto che li aiutò a sopravvivere alla dissoluzione dei monasteri nel 1538 e alla successiva rimozione di tutte le principali istituzioni cattoliche in Inghilterra ... "
"... Queste differenze strutturali creavano altre caratteristiche. All'università di Bologna gli studenti gestivano tutto, un fatto che spesso metteva gli insegnanti sotto grande pressione e svantaggio. A Parigi, gli insegnanti gestivano la scuola; così Parigi divenne il primo posto per insegnanti di tutti sull'Europa. Inoltre, a Parigi la materia principale era la teologia, quindi il controllo dei titoli rilasciati era nelle mani di un'autorità esterna - il Cancelliere della diocesi. A Bologna, dove gli studenti sceglievano studi più secolari, la materia principale era il diritto . " Credo che il modello Bologna fosse / divenne abbastanza comune.
P.S. Le università nella maggior parte dell'Europa continentale sono ancora controllate dallo stato e per niente private, alcune più direttamente di altre. Questo è il motivo per cui le tasse universitarie sono solitamente comprese tra zero e circa un decimo di quelle in America.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...