Domanda:
Perché l'Islanda non faceva parte dell'accordo danese-svedese a Kiel nel 1814?
noocyte
2011-10-12 10:29:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel trattato di Kiel del 1814, la Norvegia era essenzialmente data dalla Danimarca alla Svezia come "scusa se eravamo dall'altra parte", ma l'Islanda non faceva affatto parte di questo accordo. Questo nonostante il fatto che l'Islanda fosse stata parte della Norvegia dal 1261 d.C. e poi parte della Danimarca-Norvegia nel 1380 circa. Allora perché l'Islanda (e in effetti altre "colonie" norvegesi, come la Groenlandia) sono state escluse dal trattato?

Due risposte:
#1
+12
Tom Au
2011-10-13 05:37:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La Norvegia condivide la cosiddetta penisola "scandinava" con la Svezia, e le due sono contigue. Pertanto, quest'ultimo paese desiderava assicurarsi di essere in mani "amichevoli".

A parte questo, la Svezia aveva una strategia "orientale" (ad esempio baltica), a differenza della Danimarca, che era più orientata a ovest. In quanto tale, l'Islanda (e la Groenlandia) a ovest non erano di particolare interesse per la Svezia, ma erano di interesse per la Danimarca.

La Norvegia potrebbe costituire una parte importante della strategia "rivolta a est" della Svezia, perché la parte settentrionale va al Mare di Barents, e da lì, Arcangelo, Russia. Anche alle (ex) miniere di nichel finlandesi di Petsamo.

Quindi, in pratica, la Svezia non "voleva" le isole rivolte a ovest? O meglio, la Danimarca ha sostenuto così bene che non ha dovuto rinunciare?
@noocyte: Direi un po 'di entrambi. In una negoziazione, c'è una certa quantità di dare e avere. In realtà, la Svezia ha offerto la Pomerania svedese (la costa dell'ex Germania orientale) per la Norvegia, che alla fine ha ottenuto la Germania. In sostanza, la Svezia aveva esaurito le chips di contrattazione, quindi la Danimarca è riuscita a mantenere l'Islanda.
Grazie per aver chiarito questo per me.
#2
-1
tetra
2014-02-04 04:42:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

(Vecchia domanda, ma ora sono in arrivo le "celebrazioni" dei 200 anni ...)

Penso anche che almeno uno dei paesi che sostengono l'affermazione svedese, la Gran Bretagna, non fosse interessati ad avere una nuova grande potenza marittima nel nord.

Equilibrio di potere, ecc.

Non c'è niente che supporti questa affermazione. La Svezia semplicemente non ha chiesto l'Islanda. È così facile Rif: http://www.svd.se/kultur/understrecket/darfor-ar-gronland-inte-svenskt_8951730.svd
Le cose forse sembrano diverse da lati diversi? Nella rivista storica danese Historisk Tidsskrift, Bind 16. række, 4 (1995) 1 [link] (https://tidsskrift.dk/index.php/historisktidsskrift/article/view/34374/66476) possiamo leggere come il L'opinione generale è stata che il diplomatico danese Edmund Bourke ha superato in astuzia lo svedese von Wettersten in questo caso poiché non aveva una conoscenza storica sufficiente delle isole. Alcune ricerche cercano di dimostrare che il diplomatico britannico Edward Thornton ha inserito l'addendum all'articolo nel trattato per servire gli interessi di lunga data della Gran Bretagna.
Scusa, ho sbagliato il nome, dovrebbe essere Baron von Wetterstedt
L'articolo che ho collegato a sfata la storia che von Wetterstedt è stato "ingannato". La Svezia (o almeno von Wettersted) semplicemente non voleva quelle isole, poiché non pensavano che fossero preziose. E non puoi affermare esattamente che avesse torto. :-) La mancanza di conoscenza storica di von Wetterstedt è un dato di fatto, ma non ha cambiato nulla. La Svezia ha chiesto esplicitamente solo per la Norvegia continentale.
Gustaf af Wetterstedt per favore !! Per nascita divenne 'friherre' (che nel resto d'Europa equivale a Baron), successivamente (1819) fu promosso a greve (conte).


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...