Domanda:
Perché la rivoluzione cubana (1953-1959) alla fine ebbe successo?
Chris Bunch
2011-10-12 07:13:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le rivoluzioni comuniste sono state tentate in tutto il mondo: quali sono state le ragioni principali per cui la rivoluzione cubana ha avuto successo mentre altre hanno fallito?

Considera gli aiuti economici e militari sovietici. Senza il sostegno sovietico, la rivoluzione cubana non sarebbe sopravvissuta a lungo.
In realtà, tutte le rivoluzioni comuniste hanno ricevuto aiuti economici e militari dall'URSS. E non si può davvero dire che solo la rivoluzione cubana sia riuscita - vedi Cina e Vietnam. Ma è stato l'unico che ha avuto successo nonostante fosse molto lontano dall'URSS.
@Wladimir, È stata la vicinanza di Cuba agli Stati Uniti che ha reso Cuba molto desiderabile per l'URSS, indipendentemente dalle risorse da impegnare. La distanza dall'URSS non era un problema significativo. L'URSS aveva una potente flotta marittima e una flotta aerea per raggiungere Cuba senza sosta.
@Andrei mentre avevano la flotta così fecero gli americani, e in almeno un'occasione ci fu un blocco. Suggerirei quasi che sia riuscito con il culto della personalità con Fidel Castro, vedremo come andrà dopo la sua morte. Ovviamente non ho ricerche per confermarlo.
Penso che la crudeltà del regime di Batistuta abbia immensamente aiutato Castro a guadagnare popolarità.
@quant_dev, è Batista, Batistuta era un calciatore.
oh mio :( che errore imbarazzante ...
@Andrei: La rivoluzione cubana sarebbe probabilmente riuscita in QUALCHE forma data la diffusa opposizione a Batista. Ma il sostegno sovietico probabilmente ha aiutato Castro a prevalere sugli ALTRI rivoluzionari. E più tardi, respingi un'invasione sponsorizzata dagli americani.
@WladimirPalant Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica sono distanti solo 53 miglia sul Bering Straight
Ogni rivoluzione deve avere il sostegno popolare per avere successo. I regimi esistenti hanno il vantaggio principale
Tre risposte:
#1
+12
Tom Au
2011-11-16 23:33:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La rivoluzione cubana ha avuto successo perché era un movimento rivoluzionario di ampia base, non una rivoluzione "comunista" (inizialmente, cioè). Ad esempio, nella rivolta del 26 luglio (1953) contro le caserme militari del governo (l'equivalente del raid di John Brown su Harper's Ferry prima della guerra civile americana), i castristi furono solo uno dei numerosi gruppi rivoluzionari che si ribellarono contro il dittatore impopolare Batista.

Castro fu catturato e condannato a 15 anni di reclusione, ma fu rilasciato nel 1955 con un'amnistia generale.

Nel 1956, i sostenitori di Castro fuggirono in Messico, dove furono raggiunti da altri rivoluzionari, in particolare un gruppo di studenti chiamato Revolutionary Directorate (RD). Questo gruppo tornò a Cuba nel 1957 e lanciò un attacco suicida contro Batista, mentre Castro aspettava il suo tempo e tornò più tardi.

A questo punto, Batista stava perdendo la maggior parte dei suoi sostenitori. Nel 1958, gli Stati Uniti richiamarono il proprio ambasciatore e ritirarono il riconoscimento diplomatico di Batista, ponendo un embargo fondamentale sui beni militari. Nel frattempo, uno degli avversari di Batista era un "soldato di ventura" americano, William Alexander Morgan. Quando Castro tornò, fu raggiunto da Morgan e dai membri dell'RD sopravvissuti. I loro sforzi combinati furono sufficienti per abbattere Batista.

Dopo il successo della rivoluzione, i comunisti di Castro la "dirottarono" perché erano meglio armati e organizzati degli altri rivoluzionari. Ma questa è un'altra storia.

Alcuni potrebbero sostenere che la politica estera degli Stati Uniti all'epoca spinse il regime di Castro verso l'URSS piuttosto che verso tendenze comuniste
infatti Castro fece la proclamazione del carattere socialista della Rivoluzione Cubana il 16 aprile 1961 dopo l'invasione della Baia dei Porci http://cuba.cu/gobierno/discursos/1961/esp/f160461e.html
#2
+9
user12127
2014-01-03 03:40:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nessuno sapeva che Castro fosse comunista fino a dopo essere salito al potere. Ero a Cuba nel 1958 (o nel '57 - non ne sono sicuro) e tutti tifavano per Castro. Era in gran parte finanziato dalla classe media cubana; aziende e proprietari di negozi. Nessuno aveva la più pallida idea in quel momento.

infatti Castro fece la proclamazione del carattere socialista della Rivoluzione Cubana il 16 aprile 1961 dopo l'invasione della Baia dei Porci http://www.cuba.cu/gobierno/discursos/1961/esp/f160461e.html
Castro ha detto molte volte di non essere comunista. È stato costretto a farlo.
#3
+1
Stateless1953
2020-02-23 21:03:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Castro era un comunista di comodo. Avrebbe scelto il sistema politico e il sistema economico che avrebbero perpetuato la sua presa di potere e la sua rivoluzione durante la sua vita e oltre. Sotto questo aspetto la rivoluzione cubana è stata un completo successo e ha raggiunto i suoi obiettivi primari. Per rompere il dominio degli Stati Uniti.

Castro era prima un nazionalista e un antimperialista. Avrebbe scelto di allearsi con gli Stati Uniti se fosse stata la via più conveniente per raggiungere il suo obiettivo di un cubano libero dal dominio degli Stati Uniti e la capacità di avere autodeterminazione. Dobbiamo ricordare l'atmosfera politica internazionale degli anni '50 e l'egemonia degli Stati Uniti su Cuba e l'America Latina, da quando Cuba vinse la sua "indipendenza" sulla Spagna. Cuba avrebbe finalmente conquistato la sua indipendenza dalla Spagna e l'intervento degli Stati Uniti gli ha rubato quella vittoria e simbolo di orgoglio nazionale.

In seguito all '"indipendenza, Cuba fu occupata dagli Stati Uniti e solo dopo aver accettato l'emendamento Platt fu terminata l'occupazione americana, ma Cuba rimase sotto lo stivale degli Stati Uniti. questi fili dovevano essere spezzati e quel processo iniziò nel 1959 con la Rivoluzione.

Gli Stati Uniti, come era tipico nella regione e altrove (si pensi a Iran, Guatemala, Cile, Vietnam, Canale di Panama, ecc.) , resistette a tale indipendenza e cercò di reprimere la fuga minando la Rivoluzione e rovesciandola. La percezione dell'imminente intervento degli Stati Uniti spinse Castro nel campo sovietico, non per ideologia ma per quella che percepiva come una minaccia esistenziale. Si trattava di sopravvivenza, non ideologia .

Castro era un pragmatico e c'erano sia ali marxiste che non marxiste nella rivoluzione, ammesso che suo fratello Raul ed Ernesto Guevara fossero marxisti e avevano l'orecchio di Castro, ma c'erano anche i non marxisti che avevano anche il suo orecchio che temeva L'intervento degli Stati Uniti e voleva tornare allo status quo precedente. Dati i tentativi di interferenza degli Stati Uniti negli affari cubani e i tentativi di assassinio contro Castro, concluse che per sopravvivere fisicamente e in altro modo non aveva altra scelta che eliminare gli elementi non marxisti e filo-statunitensi dalla Rivoluzione, guidando così la Rivoluzione nel Soviet. Campo. Quindi l'ala Raul / Guevara ha vinto e l'ala Matos / Cienfuegos ha perso. Il resto è storia.

La vera data dell'indipendenza di Cuba era effettivamente il 1 ° gennaio 1959.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...