Domanda:
Prime prove di scambi intercontinentali o interculturali?
Hauser
2011-10-12 07:22:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Probabilmente questo è successo più volte e forse è anche fallito e si è rotto in diverse regioni. Quali indizi e prove abbiamo delle prime relazioni commerciali intercontinentali di successo? Presumo che non esistesse ancora un sistema valutario comune ed era puro scambio.

Otto risposte:
#1
+15
check123
2011-10-12 17:52:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non interpreterò intercontinentale in termini moderni, ma piuttosto lo vedrò come un commercio tra civiltà distinte. Tale commercio risale alle civiltà dell'antico Egitto, ai babilonesi e alla civiltà della valle dell'Indo.

Esistono prove in forma di scavi archeologici, per esempio, ceramiche della civiltà dell'Indo in Iran e in altre parti dell'Asia centrale.

I seguenti articoli possono essere di aiuto:

Il sito web del British Museums ha una cronologia molto descrittiva del commercio antico. (È basato su Flash, non può collegarsi direttamente. Naviga a modo tuo iniziando qui.)

Penso che il lapislazzuli sia l'esempio prototipico di questo, poiché si trova solo in Afghanistan, era importante per la produzione di coloranti blu, e quindi è stato trovato in tutto il vecchio mondo come prova evidente di qualche tipo di commercio (direttamente o indirettamente) con la centrale Asia. Alcuni di essi sono stati trovati in Egitto risalenti al 3000 a.C., che credo sia circa un millineum più antico dei vasi a cui si riferisce la carta. http://en.wikipedia.org/wiki/Lapis_lazuli#Historical_usage
#2
+8
Mark42
2011-10-13 03:07:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Esistono prove dirette di un vero commercio intercontinentale risalente al 1700 a.C. circa. Jack Turner, nel suo libro Spice: The History of a Temptation , scrive che una manciata di chiodi di garofano è stata trovata in una nave carbonizzata in Siria. La scoperta è stata notevole in quanto, fino ai tempi moderni, i chiodi di garofano crescevano solo su cinque minuscole isole che fanno parte delle Molucche in Indonesia. Tavolette di argilla situate nello stesso sito archeologico fanno riferimento a un re specifico, il che consente di datare le tavolette e i chiodi di garofano al 1721 a.C.

Non downvoting, ma dovrebbe essere sottolineato da qualche parte (e sto scegliendo qui) che gli oggetti rari possono viaggiare a grandi distanze solo perché sono più comuni vicino alla loro fonte, e quindi più preziosi più lontano. Questo potrebbe essere solo il risultato di centinaia di piccole transazioni, piuttosto che qualcosa degno di essere chiamato "rotta commerciale".
#3
+5
Lev
2011-10-12 18:17:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo Wikipedia, l'Egitto commerciava con Canaan ai tempi della prima dinastia e probabilmente anche prima, circa 3000 a.C.

Ottima scelta. Scommetto che questa è davvero una delle prime rotte commerciali intercontinentali. Anche l'Egitto e la Sumeria avrebbero commerciato sin da molto presto.
#4
+5
ectomancer
2012-11-11 15:20:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'ossidiana è stata esportata durante l'età della pietra (neolitico) da Melos (un'isola in Europa) al Vicino Oriente (Asia) e in Egitto (Africa). Lame, utensili da taglio, strumenti da piercing, punte di freccia, specchi e opere d'arte sono realizzati in ossidiana. Il commercio è iniziato 13000 anni fa, prima della scoperta dell'agricoltura.

Quali prove ci sono per questo?
Buona risposta; Mi piacerebbe vedere una fonte / citazione e mi piacerebbe sapere come hanno determinato l'origine dell'ossidiana.
Questo [link] (http://dienekes.blogspot.fr/2011/08/paleolithic-seafarers-in-aegean.html) sembra fornire qualche fonte: Journal of Archaeological Science Volume 38, Issue 9, September 2011, Pages 2475- 2479.
#5
+3
Chris Ingrassia
2011-10-14 01:12:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per approfondire ulteriormente l'esempio di Lev: ci sono alcune prove di scambi culturali tra la cultura Maadi della regione del delta del Nilo nel Basso Egitto da qualche parte durante la metà del periodo Naqada della storia egiziana predinastica, nel quartiere del 3900-3500 a.C. .

Alcune delle prove di ciò nella documentazione archeologica è un tipo di lama (denominata "lama cananea") che mostra alcune influenze palestinesi, nonché un passaggio apparentemente simultaneo all'uso di alcuni strumenti di rame piuttosto che le loro controparti in pietra sia in questa regione del Maadi che in Palestina.

Fonte: The Oxford History of Ancient Egypt 2003 Edition, pp54-55

#6
+3
ihtkwot
2012-02-27 10:53:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

So che questa domanda è vecchia, ma le risposte precedenti non hanno toccato il vero commercio intercontinentale .

Il primo esempio di commercio intercontinentale deve essere durante l'era della scoperta . Dal XV al XVII secolo le nazioni europee esplorarono oltre i loro confini in cerca di commercio e successivamente di sottomissione. L'interazione tra loro e altre culture è il primo esempio al mondo di commercio intercontinentale. I vichinghi potrebbero aver commerciato con persone ben oltre i loro confini, e persino i cartaginesi potrebbero aver raggiunto il Nuovo Mondo, ma in termini di commercio prolungato l'Età della Scoperta deve essere fondamentale.

Le missioni di esplorazione del "scopritori" dall'Europa furono tutti introdotti dopo aver trovato una rotta più veloce per le rotte commerciali della seta dell'Asia che Marco Polo scoprì originariamente con la sua rotta terrestre. Questo fu l'impulso per l'esplorazione europea e avrebbe portato alla vasta colonizzazione europea e allo sviluppo del commercio intercontinentale di merci precedentemente inesistenti nell'Europa continentale come spezie e cioccolatini.

Queste rotte commerciali e la forza trainante dietro di loro devono essere i primi esempi di commercio intercontinentale perché in realtà hanno resistito e influenzato la storia. I percorsi precedenti erano di breve durata.

Ebbene, tecnicamente l'Asia, l'Europa e l'Africa sono tutti continenti diversi ei Fenici (1200-1000 a.C.) avevano postazioni commerciali su tutti loro.
La via della seta e la via delle spezie associata non possono essere descritte come di breve durata! E hanno collegato la Cina, l'India, l'Indonesia, l'Africa orientale (fino a Zanzibar, o anche più a sud) e l'Europa (Al-Andalus, ma anche l'Europa cristiana) attraverso l'Impero islamico durante il Medioevo.
#7
+2
Sardathrion - against SE abuse
2011-10-12 15:10:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Età del bronzo: Troia e Grecia: una è in Europa, l'altra in Asia. Gli stati greci si sono opposti ai pedaggi di Troia, o almeno questo è uno dei motivi addotti per la guerra da Erodoto in The Histories.

#8
  0
That Damn Wizard
2019-08-24 12:18:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Lo stagno dalla Gran Bretagna è stato utilizzato nel bronzo trovato nel Medio Oriente. Ed è probabile che i Fenici ricevessero rame dall'altra parte dell'Atlantico durante lo stesso periodo di tempo.

Gli esseri umani non hanno iniziato a usare il ferro per tutto perché era migliore del bronzo. Le civiltà crollarono e le reti commerciali per i materiali in lega di bronzo caddero a pezzi, quindi le persone passarono al ferro perché era prontamente disponibile a livello locale. Questo avvenne intorno alla "Caduta di Troia", l'invasione dei Popoli del Mare, intorno al 1200 aC. Che è lo stesso periodo in cui le antiche miniere di rame nel Michigan furono abbandonate.

Gli esseri umani erano originariamente nomadi, quindi il commercio intercontinentale è andato avanti praticamente da quando esistiamo. Potrebbe semplicemente fermarsi a volte perché diventiamo stupidi ogni poche migliaia di anni.

Benvenuti nella storia: SE. Fonti a sostegno delle tue affermazioni migliorerebbero notevolmente questa risposta
Non sono sicuro che il nomadismo abbia effettivamente un impatto così grande sul commercio intercontinentale, poiché avvengono in periodi di tempo molto diversi.
Sembra che tu stia insinuando che le antiche civiltà mediterranee abbiano ottenuto il loro rame dal Nord America, e non da fonti europee ben note come Cipro (il nome stesso "rame" deriva da "Cipro").


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...