Domanda:
La decisione del Somerset del 1772 in Inghilterra fu la vera causa alla base della guerra rivoluzionaria americana?
Ed Kideys
2017-05-11 08:53:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho avuto una discussione con un inglese l'altro giorno e naturalmente l'argomento si è spostato sulla nostra storica rottura dal Regno Unito nel 1776 e mi sono vantato della nostra nobile lotta per la liberazione e la libertà. L'inglese si è divertito e ha detto che sono cresciuto credendo "spazzatura".

Ha detto che la vera ragione della guerra rivoluzionaria non era per la libertà, ma al contrario per preservare la schiavitù. Ha detto che uno dei primi articoli nella Costituzione degli Stati Uniti è stato quello di proteggere la schiavitù. Ciò era in risposta a una storica decisione del tribunale "Somerset vs. Stewart" in Inghilterra nel 1772, in cui uno schiavo non doveva essere rimandato dal suo padrone in Virginia poiché "la schiavitù era antitetica alla costituzione britannica e alla common law inglese". / p>

http://www.ouramericanrevolution.org/index.cfm/page/view/p0149

Questa decisione ha davvero scosso la borghesia nelle colonie americane da allora la loro economia era fortemente dipendente dalla schiavitù, da qui la loro motivazione per finanziare la ribellione e dichiarare l'indipendenza 4 anni dopo.

L'inglese ha anche sottolineato che la gente comune coloniale stava peggio economicamente dopo la guerra rivoluzionaria. Ha citato una tassazione ancora più pesante e una maggiore concentrazione della ricchezza ai vertici, provocando rivolte di cui la ribellione di Shays in Massachusetts è stata un esempio. Ha detto che una dozzina di famiglie possedevano la maggior parte dello stato di New York, ad esempio.

In realtà, guardiamo indietro e possiamo vedere la moltitudine di gente comune coloniale avere poco a che fare con le tasse che gli inglesi addebitavano alla proprietà che possedeva una classe superiore, le convenzioni coloniali tenute a Filadelfia dove prese la decisione per l'indipendenza e la formazione della repubblica luogo o preoccuparsi della schiavitù. Le masse semplicemente non avevano molti soldi accumulati ed erano troppo occupate a sopravvivere giorno per giorno. Praticamente nessuno di loro poteva permettersi il lusso di andare a Filadelfia per diversi mesi, possedere schiavi o pagare le tasse. Allora per quale motivo la gente comune coloniale sarebbe disposta a rischiare la vita? Combattere per la libertà di chi e per la libertà di fare cosa?

Dopo aver riflettuto e fatto un po 'di ricerca, temo che ciò che ha detto l'inglese mi abbia impressionato della brutta verità della nostra storia. La ribellione americana era principalmente motivata a preservare la schiavitù?

Se cerchi la [Rivoluzione americana] (https://en.wikipedia.org/wiki/American_Revolution), vedrai azioni iniziate nel 1765 riguardanti l'opposizione allo Stamp Act, invalidando qualsiasi argomento basato su una decisione del 1772 .
C'è molto, molto raramente * una * ragione per qualcosa, e cercarla significa rendere la storia un disservizio. Le cose * hanno contribuito *. Ma sì, le motivazioni egoistiche sembrano più ragionevoli di quelle altruistiche. Questa è l'umanità per te ...
Come britannico, mi ** piacerebbe ** affermare che le motivazioni del Regno Unito per mantenere le sue colonie americane sono state guidate da motivi puramente altruistici di abolire la schiavitù, ma purtroppo non posso. Anche più tardi durante la guerra civile degli Stati Uniti, la Gran Bretagna era più propensa a sostenere la Confederazione, che forniva il cotone per la fiorente industria tessile britannica - nonostante avesse abolito la tratta degli schiavi circa 50 anni prima!
"La vera causa" è il tipo di revisionismo e di pensiero fallace che fa guadagnare voti negativi. La Dichiarazione di Indipendenza non è stata quasi firmata a causa del disaccordo tra coloro che volevano che la schiavitù sparisse e coloro che non l'hanno fatto. Allo stesso modo, circa un decennio dopo, la Costituzione.
@KorvinStarmast Hai mai notato che molte di queste decisioni "pluralistiche" sono molto vicine. Hai fatto l'esempio della dichiarazione di indipendenza e della Costituzione. Abbiamo esempi più recenti, ad esempio la Corte Suprema con voto 5-4 di Citizens United ci ha portato la libertà di parola e il finanziamento della campagna elettorale. È sempre un voto così serrato, ma per qualche motivo l'oligarchia continua a vincere.
@lunarorlunacyexplorer Puoi vedere in che la saggezza dell'emendamento costituzionale che richiede la maggioranza dei 2/3 o 3/4, a seconda del modulo, oppure puoi vedere una cospirazione. La tua chiamata. Il voto sulla D di I è stato di 12 Stati a favore e 1 Stato astenuto (i delegati di New York non sono riusciti a raggiungere una posizione). Difficilmente una chiamata ravvicinata. * La Dichiarazione di Indipendenza non fu firmata il 4 luglio 1776. Il 1 luglio 1776, il Secondo Congresso Continentale si riunì a Filadelfia, e il giorno successivo 12 delle 13 colonie votarono a favore della mozione di Richard Henry Lee per * - - La decisione di Citizens United mi ha fatto arrabbiare.
Penso che l'intenzione di non attaccare e impadronirsi delle loro terre indiane alleate abbia avuto un _molto_ maggiore impulso alla ribellione se vuoi esaminare i motivi cattivi sottostanti ...
La decisione del Somerset non pose fine alla schiavitù nell'impero britannico, che continuò per alcuni decenni dopo la fine della guerra rivoluzionaria. E la schiavitù era una parte molto più ampia dell'economia nelle colonie caraibiche britanniche, che non si ribellarono. In effetti, una delle ragioni per cui la guerra rivoluzionaria ebbe successo era perché le colonie della terraferma erano molto meno importanti per la Gran Bretagna rispetto alle colonie caraibiche incentrate sulla schiavitù, e quindi non valeva la pena continuare a combattere.
Quattro risposte:
#1
+26
T.E.D.
2017-05-11 17:58:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ha torto al 100% che il desiderio degli schiavisti negli Stati Uniti di proteggere la loro "proprietà" e l'istituzione stessa sia stato drasticamente sottovalutato dagli americani nel parlare della loro stessa storia (e davvero, puoi biasimarli?) Per un buona prospettiva storica al riguardo, consiglio vivamente Slavery and the Founders, di Paul Finkelman.

Tuttavia, poiché la ragione della rivoluzione non lo fa davvero non trattenere l'acqua. Se questa fosse la ragione della rivoluzione, ti aspetteresti di aver visto il sentimento rivoluzionario essere più forte nel profondo sud e significativamente più debole al nord. In effetti, l ' opposto era vero. I primi combattimenti scoppiarono nel New England (prima di qualsiasi Dichiarazione) e lì l'agitazione prebellica era sempre più forte (ad esempio: Boston Massacre e Boston Tea Party). Al contrario, gli stati più meridionali hanno sempre avuto il più forte sentimento lealista. Per un po ', gli inglesi hanno effettivamente cercato di usare questa caratteristica del sentimento americano, combattendo nel sud dove il supporto lealista (e la loro logistica navale) era più forte e funzionante verso nord. Il problema era che più si allontanavano a nord, meno lealisti trovavano. Quando arrivarono in North Carolina, scoprirono che non ce n'erano più abbastanza per farlo funzionare.

In una nota individuale, diamo un'occhiata a Crispus Attucks , noto come il primo americano a morire nella Rivoluzione. Era essenzialmente il capobanda della protesta che ha scatenato il massacro di Boston, ed è morto al primo tiro al volo (si potrebbe ben immaginare perché era specificamente mirato). Era un marinaio e anche molto probabilmente uno schiavo in fuga . Ora non sappiamo per forza cosa avesse infastidito Attucks con gli inglesi, ma penso che sia certo che non volesse che fossero più bravi nel rimpatriare gli schiavi fuggitivi .

I finanziatori di queste ribellioni non sono quasi mai realmente coinvolti fisicamente nelle ribellioni effettive. C'è sempre una scorta adeguata di gente comune manipolata per combattere e morire per qualche causa ideologica "giusta". Potrei sbagliarmi, ma non credo che la schiavitù fosse ancora abolita in nessuna colonia a quel tempo. In effetti molte aziende del nord traevano profitto dalla tratta degli schiavi che era parte integrante ed essenziale dell'economia delle colonie del nord. Il movimento di riparazione sta cercando un risarcimento da queste stesse aziende che ancora oggi fanno affari.
@lunarorlunacyexplorer - In realtà una volta ho fatto un tour di Boston che includeva molte chiacchiere su un gentiluomo che era uno dei principali finanziatori della Rivoluzione americana. In realtà non è mai stato ripagato e l'esperienza lo ha rovinato finanziariamente. Tuttavia, come vanno i sacrifici per la Causa, probabilmente è bastato essere morti.
@T.E.D. Aveva praticamente torto al 100%. E questo è difficile fare riferimento alla rilevanza della schiavitù per l'azione politica prima della guerra civile.
#2
+12
sempaiscuba
2017-05-11 17:52:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che ci siano stati probabilmente molti fattori che hanno portato alla rivoluzione americana. Le preoccupazioni per il crescente movimento contro la schiavitù nel Regno Unito erano senza dubbio tra queste.

Sebbene sia vero che il caso Somerset contro Stewart nel 1772 fu una pietra miliare nella campagna contro la schiavitù, sospetto che un precedente il caso avrebbe probabilmente causato maggiore allarme ai proprietari di schiavi nelle colonie britanniche.

Nel caso di Shanley v Harvey (1763), il Lord Cancelliere, Lord Henley ha dichiarato ".. . appena un uomo mette piede in terra inglese è libero ". Inoltre osservò che, secondo la sua dotta opinione, un negro poteva portare il suo padrone in tribunale per un trattamento crudele. Ora, questi commenti erano solo obiter dictum , e quindi non vincolanti per i tribunali successivi, ma avrebbero causato enorme preoccupazione ai proprietari di schiavi in ​​qualsiasi parte del mondo che si consideravano Soggetti britannici.

56 delegati hanno firmato la Dichiarazione di indipendenza. 41 di loro possedevano schiavi. È anche vero che la schiavitù era protetta a livello federale nella sezione 9 del primo articolo della costituzione originale. Ciò ha protetto l'importazione di schiavi impedendo al Congresso di vietare la pratica per almeno una generazione:

La migrazione o l'importazione di tali persone come qualsiasi Stato attualmente esistente riterrà opportuno ammettere, non sarà proibito dal Congresso prima dell'Anno milleottocentotto , ma su tale importazione può essere imposta una tassa o un dazio, non superiore a dieci dollari per ogni persona.

Tuttavia, il massimo che possiamo ragionevolmente dedurre da ciò deriva che preservare l'istituzione della schiavitù era estremamente importante per gli autori della costituzione originale, ma non necessariamente per coloro che la firmavano.


Gli appunti di James Madison sulla convenzione furono pubblicati nel 1840 (vedi sotto), e The Constitution a pro-schiavitù compatto, o, Selezioni dai giornali di Madison fu pubblicato nel 1844. Questo analizzava il compromesso fatta tra proprietari di schiavi e abolizionisti durante la Convenzione costituzionale, e concluse che la Costituzione favoriva effettivamente l'istituzione della schiavitù.

Il libro consigliato nella risposta di @ TED, Slavery and the founders: race and liberty in the age of Jefferson da Paul Finkelman (disponibile per prendere in prestito su archive.org) concorda :

Un'attenta lettura della Costituzione rivela che i Garrisoniani avevano ragione: il patto nazionale favoriva la schiavitù.


Tuttavia, nonostante questo, di certo non possiamo trarre alcuna deduzione sulle motivazioni di coloro che hanno fatto campagna e combattuto per l'indipendenza americana ma non hanno partecipato alla Convenzione costituzionale nel 1787. Infatti, Elbridge Gerry del Massachusetts che ha firmato la Dichiarazione di indipendenza (non possedeva schiavi), in seguito rifiutò di firmare la costituzione.


Penso che sarebbe ingenuo pensare che il desiderio di preservare la schiavitù non fosse un fattore significativo tra quelli che motivavano l'americano Rivoluzione, ma non sono convinto che fosse la principale.


Appunti di James Madison sulla convenzione

Chiunque sia interessato d nel leggere di più sui dibattiti e le opinioni espresse alla Convenzione costituzionale possono trovare i seguenti volumi di interesse (disponibili per la lettura o il download su archive.org utilizzando i collegamenti sottostanti).

di James Madison: acquistato per ordine del Congresso, essendo la sua corrispondenza e le relazioni dei dibattiti durante il Congresso della Confederazione e le sue relazioni dei dibattiti nella Convenzione federale; ora pubblicato dai manoscritti originali, depositati presso il Dipartimento di Stato :

La schiavitù era protetta a livello federale nel primo articolo della costituzione originale. Dato che era nel primo articolo, doveva avere un'importanza primaria per gli autori.
@lunarorlunacyexplorer O, è stato oggetto di un lungo dibattito, molti disaccordi e il risultato finale di un doloroso compromesso politico. Se ti preoccupi di leggere la storia di come è nata la Costituzione, e gli sforzi estesi a Filadelfia e tutti questi argomenti (vedi anche i Federalist Papers) non arriverai a una conclusione così riduzionista.
@lunarorlunacyexplorer Ho aggiornato la mia risposta per affrontare questo punto.
Articolo 1 La clausola 9 della Costituzione degli Stati Uniti proteggeva la schiavitù? L'importazione di schiavi fu tramontata nel 1808. L'importazione della schiavitù negli Stati Uniti terminò nel 1807 ancora più di 3 decenni prima che la pratica finisse nell'impero britannico.
@JMS Pensi che una clausola che protegge l'importazione di persone e che consente una "_una tassa o un dazio può essere imposta su tale importazione, non superiore a dieci dollari per ogni persona_" non ha protetto la schiavitù? Inoltre, per quel che vale, la tratta degli schiavi nell'impero britannico fu abolita anche nel 1807 dallo [Slave Trade Act] (https://en.wikipedia.org/wiki/Slave_Trade_Act_1807) di quell'anno. La _Slavery_ fu abolita nell'Impero Britannico dallo _Slavery Abolition Act 1833_ - piuttosto meno di 3 decenni dopo.
#3
+1
user27618
2019-08-23 01:14:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Domanda:

  • La decisione del Somerset del 1772 in Inghilterra fu la vera causa alla base della guerra rivoluzionaria americana?
  • Ha detto che la vera ragione della guerra rivoluzionaria non era per la libertà, ma al contrario per preservare la schiavitù.
  • Ha detto che uno dei primi articoli della Costituzione degli Stati Uniti era quello di proteggere la schiavitù.

Risposta breve
Non riesco a trovare alcuna verità convincente nella sua argomentazione secondo la quale la schiavitù o la ritenuta priva della schiavitù britannica hanno giocato un ruolo guerra rivoluzionaria. In effetti, la Gran Bretagna nel 1776 era più dedita e associata alla salvaguardia della schiavitù della maggior parte delle colonie.

  1. La Gran Bretagna non era più progressista nei confronti della schiavitù rispetto alle colonie nel 1770. L'impero britannico era la più grande economia del mondo nel XVIII secolo e l'80% di essa era basata sulla schiavitù. La Gran Bretagna era il più grande partecipante e il più grande benefattore della tratta degli schiavi. I profitti della Gran Bretagna su questo commercio basato sugli schiavi raggiunsero il picco dopo l'inizio della rivoluzione americana negli anni '80 del Settecento. Nessuno credeva che l'abbandono dell'80% dell'economia britannica per l'oscura scoperta di Summerset fosse imminente a parte gli abolizionisti britannici che sarebbero rimasti delusi.
  2. La Dichiarazione di indipendenza contiene circa 30 reclami dettagliati con il dominio britannico, non menziona fuorilegge o restrizioni alla schiavitù come causa di ribellione. La schiavitù è stata discussa durante le deliberazioni del Congresso continentale e persino inserita nella dichiarazione, ma come un male associato al governo britannico. (non nella bozza finale). Lingua proposta dallo stesso Thomas Jefferson, proprietario di schiavi del Sud.
  3. La maggior parte delle 13 colonie abolì la schiavitù durante o subito dopo la guerra rivoluzionaria. Il che pone la maggior parte di loro davanti alla prima colonia britannica rimasta per "limitare" la schiavitù nel 1793.
  4. La decisione del Somerset non ha avuto effetto sulla schiavitù in nessuna delle colonie britanniche, solo nell'isola di Gran Bretagna. La Gran Bretagna è stata la più grande nazione commerciale di schiavi per tutto il XVIII secolo.
  5. La Costituzione è ed era un documento contro la schiavitù, non proteggeva la schiavitù. Ha diminuito la rappresentanza e l'autorità degli stati schiavi, non li ha migliorati, e ha portato direttamente all'abolizione della tratta internazionale degli schiavi negli Stati Uniti.

Risposta dettagliata ​​strong >
Molte decisioni politiche negli Stati Uniti tra la rivoluzione e la guerra civile riguardavano la schiavitù, il tuo amico potrebbe aver scelto una delle poche decisioni importanti che non lo era. La sua argomentazione è falsa .

La guerra rivoluzionaria iniziò il 4 luglio 1776, con una dichiarazione di indipendenza. Questo documento elenca letteralmente le lamentele del coloniale con la corona in forma dettagliata. Non solo il documento non menziona la schiavitù, ma l'autore meridionale del documento (un proprietario di schiavi) ha cercato di inserire una "clausola di schiavitù" che denuncia la pratica; collegare la schiavitù agli abusi del governo britannico; quale verità a dire il vero era. Non è entrato nel testo finale; ma neppure si è parlato della schiavitù o dell'abolizione della schiavitù da parte degli inglesi.

Clausola demolita della dichiarazione di indipendenza
Ha dichiarato guerra crudele contro la stessa natura umana, violando i suoi più sacri diritti di vita e libertà nelle persone di un popolo lontano che non lo ha mai offeso, affascinandoli e portandoli in schiavitù in un altro emisfero o incorrere in una morte miserabile nel loro trasporto lì.

Anche il tuo amico si sbaglia sul fatto che la Costituzione degli Stati Uniti proteggesse la schiavitù. La Costituzione degli Stati Uniti, al contrario, ha diminuito la rappresentanza degli stati schiavi contando gli schiavi come 3/5 di una persona ai fini dell'assegnazione dei seggi al Congresso (casa). Ha diminuito la rappresentanza e il potere degli stati schiavi nella legislatura federale. Una figura abolizionista non meno di quanto Fredrick Douglass riteneva che la costituzione degli Stati Uniti fosse un documento contro la schiavitù.

Articolo I, sezione 2 3 / 5s Claus.
"I Rappresentanti e le Imposte dirette saranno ripartiti tra i vari Stati che possono essere inclusi nell'Unione, secondo i rispettivi Numeri, che saranno determinati sommando al Numero intero di Persone libere, comprese quelle vincolate a Servizio per un periodo di anni, ed esclusi gli indiani non tassati, tre quinti di tutte le altre persone ".

Inoltre, l'articolo 1, sezione 9 della Costituzione degli Stati Uniti non protegge neanche la schiavitù, il nonno è l'importazione della schiavitù. Le aspettative di Set che l'importazione della schiavitù sarebbe terminata intorno al 1808. Affermare questa clausola "protegge la schiavitù" è un tratto. 1770.

Non è ragionevole affermare come alcuni hanno fatto, questa clausola nella Costituzione era in qualche modo un prezzo estratto dal Sud per essersi impegnato nella guerra rivoluzionaria (motivazione per la guerra) dato che ogni colonia / stato sarebbe fuorilegge la tratta internazionale degli schiavi ben prima che fosse raggiunta la scadenza costituzionale, e alla fine chiuse la porta a livello federale al commercio.

Articolo 1, sezione 9
"La migrazione o l'importazione di tali persone che uno qualsiasi degli Stati attualmente esistenti riterrà opportuno ammettere non sarà vietata dal Congresso prima dell'anno milleottocentotto, ma su tale importazione può essere imposta una tassa o un dazio, non superiore a dieci dollari per ogni persona. "

La decisione del Somerset (1772) non ha avuto effetto sugli schiavi nell'impero britannico, ma solo sulla Gran Bretagna. La schiavitù continuò nell'Impero, in particolare in Canada, nei Caraibi e in Sud Africa. Se la guerra era finita per far diventare l'isola britannica un rifugio sicuro per gli schiavi, gli stessi Stati Uniti furono divisi tra stati schiavi e liberi durante la rivoluzione e tutti gli Stati liberi diventarono fondamentalmente anche un rifugio sicuro per gli schiavi in ​​fuga Fugitive slave Act del 1793.

Se la rivoluzione americana (19 aprile 1775 - 3 settembre 1783) riguardava principalmente la schiavitù, come spiega che 5 delle 13 colonie vietata la schiavitù durante o subito dopo la guerra? (altri due New York e New Jersey lo bandirono subito dopo la Rivoluzione del 1799 e del 1804 rispettivamente). Portare la maggior parte (7) delle 13 colonie originarie che avevano messo fuori legge la schiavitù 4 decenni prima [l'Impero britannico mise al bando completamente la schiavitù nel 1843.?

Schiavitù in Gran Bretagna (*) La schiavitù fu abolita in tutto l'impero britannico dallo Slavery Abolition Act 1833, con le eccezioni previste per la Compagnia delle Indie Orientali, Ceylon e Sant'Elena. Queste eccezioni furono eliminate nel 1843.

Quando le colonie dichiararono fuorilegge la schiavitù ..

Il Vermont diventa il primo indipendente stato di vietare la schiavitù 1777.

  1. Pennsylvania - 1780
  2. Massachusetts - 8 luglio 1783
  3. New Hampshire - 1783
  4. Connecticut - 1 marzo 1784
  5. Rhode Island - 1784
  6. New York - 1799
  7. New Jersey - 1804

  8. Virginia

  9. Carolina del Sud
  10. Carolina del Nord
  11. Georgia
  12. Delaware
  13. Maryland


da commenti

da sempaiscuba . Come ha detto @PieterGeerkens sopra, è stato un compromesso. Si è scoperto che l'importazione degli schiavi terminò nel 1807, ma avrebbe potuto facilmente andare diversamente. Alla fine, il nord abolizionista vinse la vittoria, ma ciò non fu affatto assicurato quando la Costituzione fu firmata nel 1787. Tuttavia, i due casi citati nella mia risposta avrebbero indubbiamente preoccupato i proprietari di schiavi in ​​tutto l'Impero britannico, non solo nelle colonie americane. Alla fine, alla fine portarono all'abolizione della schiavitù in quell'impero, ma le colonie americane avevano guadagnato da tempo la loro indipendenza.

Ebbene, ogni azione intrapresa da un organo legislativo è un compromesso , non è un'affermazione controversa. Vorrei solo lasciarvi con alcuni fatti.

Se l'articolo 1, sezione 9 della Costituzione (21 giugno 1788) fosse una protezione per il commercio internazionale di schiavi nel sud, sarebbe una pessima protezione. Gli Stati del Sud hanno vietato individualmente il traffico internazionale di schiavi prima del 1808. E la legge del 1808 era il frutto del cervello di Thomas Jefferson che aveva fatto pressioni per la legge sin dagli anni '70 del 1770.

Allo stesso modo la Gran Bretagna non era vista come progressista sulla questione degli schiavi nel XVIII secolo. Erano i più grandi commercianti di schiavi di tutto il secolo.

Regolamentazione del commercio di schiavi africani
Nel 1760 la Carolina del Sud ha vietato il commercio a titolo definitivo perché i coloni temevano il crescente numero di schiavi nati in Africa, ma le autorità reali respinsero questa legge.8 Nel 1764 la colonia riscosse una nuova tassa di £ 100 pro capite sugli schiavi importati perché, come ha osservato il legislatore, il crescente numero di africani gli schiavi nati "possono rivelarsi delle conseguenze più pericolose". 9 Tuttavia, come aveva fatto nell'esempio precedente, anche le autorità reali non consentirono questa legge.

.

da @sempascuba C'erano altri motivi per cui tutti gli stati del sud vietavano l'importazione di schiavi prima del 1808.

. Non ho offerto alcuna spiegazione sul motivo per cui gli stati schiavi hanno vietato l'importazione di schiavi perché non è importante. La domanda originale propone che la schiavitù fosse la motivazione dietro la guerra rivoluzionaria. E propone inoltre che l'articolo 1, sezione 9 della Costituzione fosse in qualche modo un obiettivo della guerra. Il fatto che tutte le colonie abbiano vietato individualmente l'importazione di schiavi prima o intorno alla ratifica della Costituzione lo confuta indipendentemente dal motivo per cui hanno vietato l'importazione di schiavi. Chiaramente l'importazione di schiavi non era una potente motivazione per la rivoluzione se per qualsiasi motivo tutti gli stati l'avessero bandita.


da @sempascuba
@JMS Sembra che tu creda che il desiderio di preservare l'istituzione della schiavitù fosse limitato a preservare la tratta degli schiavi con l'Africa. Il caso citato nella domanda aveva a che fare con il principio di schiavitù, non solo con la tratta degli schiavi. È indubbiamente vero che molti abolizionisti nel Regno Unito pensavano che la fine della schiavitù fosse imminente nel 1772 dopo Somerset contro Stewart. Si sbagliavano: ci sarebbero voluti altri 60 anni. Ma ugualmente molti che dipendevano dall'istituzione per la loro ricchezza, il potere di & temevano che la fine della schiavitù fosse imminente, compresi molti nelle colonie americane.

Stavamo discutendo il punto della domanda originale, che L'articolo 1 Claus 9 della Costituzione americana, scritto più di un decennio dopo la dichiarazione di indipendenza, era una sorta di requisito per la partecipazione del sud alla Rivoluzione. Il fatto che il sud abbia richiesto il decennio ha ritardato la "protezione", come hai detto, sulla base della loro ansia per l'indebolimento della schiavitù in generale. Quale dei grossolani è un punto debole.

Per quanto riguarda la tua affermazione, ora più ampia, secondo cui il Sud credeva che la decisione Summerset del 1772 segnalasse l'imminente crollo della schiavitù e che li motivasse a fare un atto di fede, rischiare la vita e le proprietà. Lanciati in un'alleanza in cui la maggior parte dei loro nuovi alleati bandirebbe a breve la schiavitù, non è più forte del tuo primo punto. Non era una novità per nessuno nel 1772 che la Gran Bretagna avesse una diversa "interpretazione" della loro legge comune per le loro isole d'origine rispetto a quella che avevano per l'impero. Quella propensione degli inglesi è una causa molto più sostenibile della guerra rivoluzionaria dell'inesistente posizione "progressista" dell'impero britannico sulla schiavitù negli anni Settanta del Settecento. I tribunali britannici avevano stabilito per la prima volta che la schiavitù non aveva posto sotto la loro legge comune nel 1569 sotto la regina Elisabetta. Il caso Cartwright . Ciò non ha impedito alla Gran Bretagna di creare la più grande economia del mondo basata sulla tratta degli schiavi. Affermare che la decisione Summerset del 1772 era in qualche modo nuova, o addirittura minacciava l'80% dell'economia britannica negli anni 1770 sembra fantasioso; indipendentemente da ciò che credevano gli abolizionisti britannici.

The Abolition Project Entro il 1760, la Gran Bretagna era il principale paese europeo impegnato nella tratta degli schiavi. Degli 80.000 africani incatenati, incatenati e trasportati ogni anno nelle Americhe, 42.000 furono trasportati da navi schiave britanniche.

I profitti ottenuti dalla schiavitù dei beni mobili hanno contribuito a finanziare la rivoluzione industriale e le isole dei Caraibi sono diventate il fulcro dell'Impero britannico. Le colonie di zucchero erano le colonie più preziose della Gran Bretagna. Alla fine del diciottesimo secolo, quattro milioni di sterline arrivarono in Gran Bretagna dalle sue piantagioni dell'India occidentale, rispetto a un milione dal resto del mondo.

.
Sembra molto più probabile, data la scarsità di borse di studio a sostegno di questa affermazione, che i proprietari conservatori delle piantagioni meridionali avrebbero ottenuto le loro informazioni dai banchieri, commercianti e industriali britannici che conoscevano e con cui facevano affari; e che erano anche interamente dipendenti dalla schiavitù. Il caso Somerset, dopotutto, non ha prodotto nemmeno una conclusione scritta. Questo è quanto fosse influente all'epoca.

L'intera affermazione secondo cui l'importanza del caso Summerset nella rivoluzione americana sembra piuttosto egoista. Previene che gli inglesi siano in vantaggio sulle colonie per quanto riguarda l'azione progressiva sulla schiavitù. La realtà e la storia non lo supportano, non negli anni 1770.

.

Porti della tratta transatlantica degli schiavi
Nel contesto della tratta caraibica vale anche la pena ricordare che lo zucchero e altri prodotti l'essere portati con il commercio diretto rappresentava spesso il pagamento per schiavi africani consegnati da altre navi. Sempre a Bristol, verso il 1789, il commercio con l'Africa e i Caraibi, ma soprattutto con i Caraibi, comprendeva oltre l'80% del commercio estero di Bristol.

.

Porre fine al commercio di schiavi sull'Atlantico Lo zucchero ha superato il grano come merce di maggior valore nel commercio europeo (1750). Lo zucchero rappresentava il 20 percento di tutte le importazioni europee e nel 1790 l'80 percento di quello zucchero proveniva dalle isole di zucchero britanniche e francesi dei Caraibi.


.

Da @ T.E.D.
La schiavitù era infatti menzionata nella Dichiarazione. I fondatori, essendo persone gentili, ovviamente non amavano menzionare la schiavitù per nome. (Nella Costituzione usavano la frase "altre persone") Tuttavia, nelle accuse avevano una frase che non era un linguaggio dell'orrore razziale così codificato che parlava di rivolte di schiavi e attacchi indiani: "Ha eccitato insurrezioni domestiche tra noi, e si è sforzato di attirare gli abitanti delle nostre frontiere, gli spietati selvaggi indiani ... "

D'accordo con te sulla Costituzione e sul punto" gentile ". ma non lo leggo come se si riferisse alla schiavitù o addirittura alludesse alla schiavitù. "Ha suscitato insurrezioni domestiche tra di noi e ha tentato di attirare gli abitanti delle nostre frontiere, gli spietati selvaggi indiani ..." a mio avviso non si riferisce agli inglesi che incitano alle rivolte degli schiavi. Piuttosto si riferisce al reclutamento di lealisti americani e indiani per attaccare attraverso la frontiera americana .. Non solo perché il blurb si riferisce specificamente agli indiani.

D'altra parte, nel 1776, pochi mesi prima della firma della Dichiarazione di indipendenza, si vociferava che gli inglesi reclutassero lealisti e indiani americani per fare irruzione attraverso la frontiera e attaccare patrioti / ribelli.

Sir John Johnson, 2 ° baronetto
Nel gennaio 1776, nove mesi dopo lo scoppio della Rivoluzione americana (ma prima che fosse redatta la dichiarazione di indipendenza ), Johnson raccolse diverse centinaia di sostenitori armati a Johnstown. Ha inviato una lettera al governatore William Tryon, tramite il capitano John McDonell, dicendo che lui ei suoi vicini lealisti avevano conferito sulla formazione di un battaglione per la causa britannica. Ha anche detto che potrebbe allevare 500 guerrieri indiani che, se usati con le sue truppe regolari, potrebbero riconquistare tutti i forti catturati dai ribelli.

Il Congresso continentale sarebbe stato a conoscenza di questi rapporti dato il generale Schuyler , con una forza di truppe continentali inviate nuovamente a Johnson disarmato prima della firma e della redazione della Dichiarazione. Questo ed episodi come questo, sono molto più probabilmente ciò che i padri fondatori si riferivano anche in quell'incitamento.


Commento da TED @JMS - Suppongo potresti decidere di vederla in quel modo se operassimo in un vuoto completo. Tuttavia, non dobbiamo indovinare a cosa si riferissero, perché il record storico qui è abbastanza ben documentato. Questo passaggio si riferisce alla proclamazione del governatore reale Dunmore di 8 mesi prima, che prometteva la libertà agli schiavi che lasciarono i loro proprietari e si unirono all'esercito britannico. Sperava che l'innato terrore del sud della rivolta degli schiavi li avrebbe messi in riga (spoiler: non l'ha fatto) ... per finire la storia, l'Assemblea della Virginia (di cui Thomas Jefferson era un delegato) ha rilasciato una risposta che ha caratterizzato questo come "incoraggiamento a un'insurrezione generale". Alla fine, da qualche parte tra 800 e 2.000 schiavi accettarono Dunmore sull'offerta. Dunmore creò un reggimento da loro, e in effetti vide l'azione contro la milizia coloniale della Virginia. - T.E.D.

Il tuo link non supporta la tua dichiarazione di posizione. Dichiarazione di indipendenza originale di Thomas Jefferson prima che fosse modificata. Conteneva un chiaro incitamento che menziona la rivolta degli schiavi indotta dagli inglesi che è stata eliminata dal testo originale.

Jefferson's Original Ruff Draft of the Declaration of Independence

  • ha intrapreso una guerra crudele contro la natura umana stessa, violando i suoi più sacri diritti della vita & libertà nelle persone di un popolo lontano che non lo ha mai offeso, accattivante & portandoli in schiavitù in un altro emisfero, o incorrere in una morte miserabile in il loro trasporto là. questa guerra pirata, l'opprobio delle potenze infedeli, è la guerra del re CRISTIANO di Gran Bretagna. determinato a mantenere aperto un mercato in cui gli UOMINI dovrebbero essere acquistati & venduto, ha prostituito il suo negativo per aver soppresso ogni tentativo legislativo di vietare o frenare questo esecrabile commercio : e che questo insieme di orrori potrebbe non volere alcun fatto di illustri morire, ora sta eccitando quelle stesse persone a sollevarsi in armi tra noi, e ad acquistare quella libertà di cui le ha private , & uccide le persone alle quali anche lui le ha intralciate; ripagando così i crimini precedenti commessi contro le libertà di un popolo, con crimini che egli esorta a commettere contro la vita di un altro.

. Insieme a una versione dell'incitamento di cui stiamo discutendo.

Jefferson's Original Ruff Draft of the Declaration of Independence
ha cercato di attirare gli abitanti di le nostre frontiere sono gli spietati selvaggi indiani, la cui nota regola di guerra è una distruzione indistinta di tutte le età, sessi, condizioni di esistenza &:

Ecco l'ultimo passaggio di cui stiamo discutendo per il confronto ..

Testo finale della Dichiarazione di indipendenza
Ha suscitato insurrezioni interne tra di noi e ha tentato di attirare gli abitanti delle nostre frontiere, lo spietato indiano selvaggi, il cui noto dominio di guerra, è la distruzione indistinta di tutte le età, sesso e condizione.

La versione finale dell'incitamento di cui stavamo discutendo sembra essere un mash up. Ho attribuito il primo blurb alla bozza finale anche a questo calo di incitamento.

Jefferson's Original Ruff Draft of the Declaration of the Independence ha incitato insurrezioni a tradimento nei nostri compagni sudditi, con il fascino della confisca della nostra proprietà da parte di &:

È una specie di bel punto. Ti concedo il testo finale

"insurrezioni interne eccitate tra noi"

.
Per il tuo punto, avrebbe potuto essere revocato da

" eccitando quelle stesse persone (schiavi) a sollevarsi in armi tra noi "

o al mio punto ...

"incitato a tradimenti insurrezioni nei nostri compagni sudditi"

La bozza finale della dichiarazione dell'indipendenza aveva nove persone diverse che modificavano e cambiavano le parole, non sono sicuro che nemmeno Jefferson sapesse a quale gruppo di insurrezionalisti (schiavi o tory) si riferisse l'editor della versione finale.

Penso che il tuo taglio versione ha più parole in comune con la bozza finale. Penso che la mia versione si adatti meglio dato che i Tory erano gli alleati degli indiani menzionati specificamente. Troppo vicino per esserne certo.

Grazie per l'interessante discussione. e buona sull'incitazione britannica all'insurrezione degli schiavi, non ne ero consapevole.

Solo se visto con il senno di poi 20/20 l'articolo 1, sezione 9 della Costituzione degli Stati Uniti "_grand father the importation of slavery_". All'epoca si trattava di un compromesso che legava le mani al Congresso, impedendogli di abolire la pratica prima di quella data. Questo è il motivo per cui si dice "... _ ** non sarà proibito dal Congresso ** prima dell'anno milleottocentotto_" (il corsivo è mio), piuttosto che affermare semplicemente che la pratica terminerà nel 1808.
@sempaiscuba: Come tanto in politica, è un compromesso. Stabilisce una data in cui il Nord abolizionista può guardare a vietare l'importazione di schiavi, pur continuando a sperare nel Sud di bloccare qualsiasi legislazione in tal senso. Ciò che nessuno ha anticipato è stato l'effetto drammatico della * sgranatrice *.
@PieterGeerkens Assolutamente. Ma affermare che l'abolizione è "antenata" è vero solo con il senno di poi. Ciò che è indubbiamente vero è che la clausola ha protetto la pratica per una generazione.
Come ha detto @PieterGeerkens sopra, è stato un compromesso. Si è scoperto che l'importazione degli schiavi terminò nel 1807, ma avrebbe potuto facilmente andare diversamente. Alla fine, il nord abolizionista vinse la vittoria, ma questo non fu affatto assicurato quando la Costituzione fu firmata nel 1787. Tuttavia, i due casi citati nella mia risposta avrebbero indubbiamente preoccupato i proprietari di schiavi in ​​tutto l'Impero britannico, non solo nelle colonie americane. Alla fine, alla fine portarono all'abolizione della schiavitù in quell'impero, ma le colonie americane avevano da tempo ottenuto la loro indipendenza.
Potresti dare un'occhiata al libro consigliato nella risposta di T.E.D [Slavery and the founders: race and liberty in the age of Jefferson] (https://archive.org/details/slaveryfoundersr0000fink/page/n5)
@JMS Solo con i paraocchi del 21 ° secolo? Che ne dici di [The Constitution a pro-slavery compact, or, Selections from the Madison papers] (https://archive.org/details/constitutionpros01madi/page/4) pubblicato nel 1844, in seguito alla pubblicazione delle note di Madison sulla convenzione in 1840. Vedi pagina 4 per il primo esempio, ma vale la pena leggerlo per intero.
@sempaiscuba, ha risposto alla fine della mia risposta.
@JMS Come ho detto sopra, leggi il libro di Finkelman. Non esaminerò tutti gli stati che hai elencato nei commenti, ma c'erano altri motivi per quei divieti. Per fare un esempio "[Luther] _Martin rappresentava il Maryland, uno stato schiavista, ma con un surplus di schiavi, un fatto che aiuta a spiegare la sua opposizione al commercio africano_" (a p23).
@JMS Sembri credere che il desiderio di preservare l'istituzione della schiavitù fosse limitato a preservare la tratta degli schiavi con l'Africa. Il caso citato nella domanda aveva a che fare con il principio di schiavitù, non solo con la tratta degli schiavi. È indubbiamente vero che molti abolizionisti nel Regno Unito pensavano che la fine della schiavitù fosse imminente nel 1772 dopo Somerset contro Stewart. Si sbagliavano: ci sarebbero voluti altri 60 anni. Ma ugualmente molti che dipendevano dall'istituzione per la loro ricchezza e potere temevano che la fine della schiavitù fosse imminente, compresi molti nelle colonie americane.
La schiavitù ** era infatti ** menzionata nella Dichiarazione. I fondatori, essendo persone gentili, ovviamente non amavano menzionare la schiavitù per nome. (Nella Costituzione usavano la frase "altre persone") Tuttavia, nelle accuse avevano una frase che non era un linguaggio dell'orrore razziale così codificato che parlava di rivolte di schiavi e attacchi indiani: "Ha eccitato * insurrezioni domestiche * tra di noi , e ha cercato di attirare gli abitanti delle nostre frontiere, gli spietati selvaggi indiani ... "
(È un po 'un peccato per la nostra sensibilità moderna che non avessero una tale timidezza quando parlavano dei loro vicini nativi americani. Ma questa è Storia per te.)
@T.E.D. ha risposto alla fine della mia risposta.
@JMS - Suppongo che potresti decidere di vederlo in questo modo se operassimo in un vuoto completo. Tuttavia, ** non dobbiamo indovinare a cosa si riferissero **, perché il record storico qui è abbastanza ben documentato. Questo passaggio si riferisce alla [Proclamazione del governatore reale Dunmore] (https://en.wikipedia.org/wiki/Dunmore%27s_Proclamation) di 8 mesi prima, che prometteva la libertà agli schiavi che lasciarono i loro proprietari e si unirono all'esercito britannico. Sperava che l'innato terrore del sud della rivolta degli schiavi li avrebbe messi in riga (spoiler: non è stato così)
... per finire la storia, l'Assemblea della Virginia (di cui Thomas Jefferson era un delegato) ha rilasciato una risposta che ha caratterizzato questo come "incoraggiamento a una generale * insurrezione *". Alla fine, da qualche parte tra 800 e 2.000 schiavi accettarono Dunmore sull'offerta. Dunmore [ha creato un reggimento] (https://en.wikipedia.org/wiki/Ethiopian_Regiment) da loro, e in effetti ha visto un'azione contro la milizia coloniale della Virginia.
*sospiro*. Non è "la mia dichiarazione di posizione". È quello che ho trovato che dicevano gli storici quando ho cercato quella frase [1] (https://www.jstor.org/stable/2717252?seq=1#page_scan_tab_contents), [2] (https://pdjeliclark.wordpress.com /2012/07/04/he-has-excited-domestic-insurrections-amongst-us-american-slavery-on-the-4th-of-july/),[3”(https://www.chegg.com / aiuto-compiti / domande-e-risposte / dichiarazione-indipendenza-un-torto-re-george-eccitato-insurrezioni-domestiche-tra-noi - q7016571). Questo non è davvero il posto giusto per le "dichiarazioni di posizione"
#4
  0
Joe
2019-08-22 22:07:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non è stato tanto un fattore primario nel guidare la rivoluzione quanto uno che lo ha abilitato. La cosa fondamentale da ricordare sulla rivoluzione, tuttavia, è che una ribellione parziale che ha coinvolto solo diverse colonie non ha avuto inizio. Il New England non si sarebbe ribellato completamente senza il sostegno degli Stati del medio atlantico e del sud. Il caso Somerset contro Stewart ha raccolto un sostanziale risentimento del sud nei confronti del re ed è stato senza dubbio un fattore importante nel guidarli verso il sostegno all'indipendenza. Anche così, tieni presente che probabilmente un terzo e forse anche meno della popolazione coloniale ha sostenuto la rivoluzione.

Benvenuto nel sito. Cordiali saluti, preferiamo risposte con fonti che supportano le affermazioni su questo sito e tendiamo a svalutare quelle che non lo fanno.
In particolare, vorrei vedere una sorta di riferimento a quest'ultima frase. Non mi scioccerebbe scoprire che è vero (e nemmeno il contrario), ma un'affermazione che sappiamo che questo deve venire con i dati che lo supportano.
@T.E.D .: E: le cifre devono essere suddivise a livello regionale, se non per colonia / stato, inclusa la percentuale * ambivalente *, per essere di valore.
@Joe, In realtà il New England era in piena rivolta prima che il sud si impegnasse. Lexington e Concord e l'assedio di Boston il 19 aprile 1775, il Forte Ticonderoga britannico cadde il 10 maggio, la battaglia di Bunker Hill il 17 giugno, il Sud non si impegnò a una Dichiarazione di Indipendenza fino al 4 luglio 1776.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...