Domanda:
Qual è considerata la battaglia cruciale tra Cesare e Pompeo?
Chris Bunch
2011-10-12 03:36:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le forze di Cesare e Pompeo si scontrarono in numerose occasioni durante la caduta della Repubblica Romana. Qual è la prima battaglia comunemente accettata come quella in cui è diventato chiaro che la vittoria finale di Cesare era inevitabile?

Quattro risposte:
#1
+9
lins314159
2011-10-12 04:04:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sebbene l'attraversamento di Cesare del Rubicone, che segnava il confine della sua provincia, fosse significativo in quanto segnò l'inizio della piena ostilità, non era affatto certo che sarebbe stato vittorioso. Secondo Plutarco e Svetonio, Cesare aveva dei dubbi nella sua mente quando raggiunse il fiume, il secondo sostenendo che questi dubbi furono placati solo dall'apparizione di un'apparizione divina. Appian ha anche scritto che Cesare aveva delle preoccupazioni, sebbene queste avessero più a che fare con lo spargimento di sangue che avrebbe potuto scatenare, mentre Cassius Dio non menziona alcuna esitazione.

La disinformazione sulle dimensioni dell'esercito di Cesare spinse Pompeo e molti senatori a lasciare Roma non molto tempo dopo. Secondo Appiano e Plutarco, Pompeo fu costretto a questa azione da altri nonostante la sua esperienza militare. Cassio Dio attribuisce il trasferimento a Pompeo temendo che le masse a Roma avrebbero sostenuto Cesare su di lui. In termini di numero, Pompeo aveva una forza superiore e reclutò ulteriori truppe nelle campagne. Fu in questo periodo che Labieno, da lungo tempo deputato di Cesare in Gallia, cambiò la sua fedeltà a Pompeo. Anche se si fosse allontanato da Cesare e avesse paura di essere danneggiato, come ricorda Cassio Dio, una mossa del genere sarebbe stata estremamente sciocca se Pompeo avesse già l'aspetto di una causa persa.

Dopo aver consolidato il potere in Italia e la Spagna, Cesare ha attraversato il mare Adriatico. Tuttavia, le sue linee di rifornimento furono interrotte e la sua sconfitta a Dyrrachium avrebbe potuto porre fine alla guerra in favore di Pompeo. Che questo non sia accaduto era perché Pompeo era eccessivamente cauto e, secondo Cesare, temeva un'imboscata, avendo superato di gran lunga le sue aspettative nel combattimento.

Fu solo nella battaglia finale di Farsalo che le cose furono decise, e anche lì Cesare si trovava in una posizione tutt'altro che solida. Era a corto di rifornimenti, riusciva ad acquistarli solo con il foraggio. Secondo Cesare, tale era la fiducia nel campo pompeiano che alcuni dei suoi membri stavano già assegnando i sacerdozi e dividendo il bottino previsto. Mentre Pompeo considerava di sconfiggere Cesare per fame, i suoi subordinati troppo sicuri di sé lo convinsero a scendere in campo. Anche Pompeo era più numeroso di Cesare e possedeva la cavalleria superiore. Tuttavia, le tattiche di Cesare portarono alla disfatta della cavalleria e, in risposta, Pompeo fuggì, venendo infine assassinato in Egitto.

Migliore risposta, ben spiegata e * citata *.
@astabada Sarebbe fantastico se questo fosse altrettanto ben referenziato: http://en.wikipedia.org/wiki/Caesar%27s_Civil_War Un articolo chiave in uno stato così pietoso ...
@kubanczyk Non me ne sono nemmeno accorto ... Prometto di lavorarci sopra ogni volta che avrò tempo (al più presto il mese prossimo!)
+1 e qual è un buon libro da leggere sul periodo successivo forse a * The Roman Revolution * di Ronald Syme?
@Drux Non posso aiutarti con la letteratura moderna su questo periodo, sfortunatamente, perché non ne ho letto nessuno. Tra le fonti antiche, ho trovato quella di Cesare la più dettagliata e interessante.
#2
+8
Daniel says Reinstate Monica
2011-10-12 03:42:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando Cesare guidò il suo esercito attraverso il fiume Rubicone, Pompeo fuggì in Grecia con il suo esercito e la maggior parte del Senato.

All'inizio, il vantaggio sembrava essere con Pompeo. Non solo comandava un grande esercito, ma controllava anche gran parte dell'est e della Spagna. Cesare, tuttavia, ha gestito la situazione magistralmente. Infine, nel 48 a.C., Cesare distrusse l'esercito di Pompeo a Farsalo in Grecia.

D'accordo, ma ci furono diverse battaglie in seguito: la fuga di Pompeo da Roma è considerata l'inizio della sua rovina?
@ChrisBunch in realtà ... leggi la mia modifica.
#3
+7
Sardathrion - against SE abuse
2011-10-12 12:46:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Pharsalus è stato il punto di svolta. Cesare era fuori numero e avrebbe potuto facilmente perdere, ma era il generale migliore della giornata. Ricorda che Pompeo era considerato il miglior generale tra i due all'epoca. Dopo di che, era una questione di tempo prima che finisse la guerra civile. Pompeo fu successivamente assassinato in Egitto e quindi non ebbe mai la possibilità di riprendersi dalla sconfitta di Farsalo.

L'assassinio è una sconfitta piuttosto difficile da cui riprendersi.
@Joe: Ok, posso vedere come la mia frase potrebbe essere confusa.
#4
+3
Augustus Van Dusen
2012-09-07 02:32:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ecco una cronologia degli eventi della guerra civile tra Cesare e Pompeo (continuata dal suo partito dopo la sua morte)

50 - Cesare entra in Italia vera e propria attraversando il Rubicone con il suo esercito

49 - Pompeo evacua l'Italia e arriva in Grecia

  • Sulla rotta per la Spagna, Cesare inizia un assedio di Massilia, parte per la Spagna, ei suoi subordinati terminano con successo l'assedio e vincono un battaglia navale
  • Cesare arriva in Spagna dove ottiene una vittoria sulle forze pompeiane a Ilerda
  • Curione, un membro del partito di Pompeo, viene sconfitto e ucciso dalle forze fedeli a Cesare in Africa

48 - Cesare torna in Italia, passa in Grecia e vince a malapena la battaglia di Dyrrachium su Pompeo

  • Pompeo si ritira a est, incontra Cesare a Farsalo in Tessaglia, viene sconfitto, fugge in Egitto via nave e viene ucciso per ordine dei consiglieri di Tolomeo XIII
  • Cesare segue Pompeo in Egitto con una piccola forza, mentre invia il grosso del suo esercito a fol basso via Grecia -> Asia Minore -> Levante
  • Cesare sostiene Cleopatra VII in una guerra civile contro suo fratello / marito Tolomeo XIII ed è coinvolto in combattimenti di strada ad Alessandria da cui esce a malapena vittorioso
  • Farnace II del Ponto, un sostenitore di Pompeo, sconfigge Gneo Domizio Calvino, un sostenitore di Cesare, a Nicopoli in Asia Minore

47 - Dopo essere stato rinforzato dal suo alleato Mitridate di Pergamo , Cesare, insieme alle forze di Cleopatra, sconfigge suo fratello fuori Alessandria (Battaglia del Nilo), ponendo fine alla fase egiziana della guerra

  • Cesare raccoglie le sue forze, marcia a nord e sconfigge Farnace a Zela in Asia Minore (in quel momento, secondo quanto riferito da Cesare, "veni, vidi, vici")
  • Cesare torna in Italia, sopprime una rivolta in Campania, quindi salpa per l'Africa

46 - Cesare sconfigge a malapena il suo ex luogotenente e attuale pompeiano, Titus Labieno a Ruspina in Nord Africa

  • Cesare vince la grande battaglia di Thapsus, in Nord Africa, contro i più grandi resti rimanenti del partito di Pompeo
  • Cesare viaggia in Spagna

45 - Cesare sconfigge il ultima sacca della resistenza pompeiana a Munda in Spagna. Tuttavia, uno dei figli di Pompeo, Sesto, fugge in Sicilia dove costruisce una base di potere e resiste ad Antonio e Ottaviano fino al 35, quando fu catturato e ucciso a Mileto

Fonti:

  • Dai Gracchi a Nero - di HH Scullard

  • http://www.livius.org/

  • Wikipedia

  • Quale consideri fondamentale?
    Ottima risposta anche.


    Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
    Loading...