Domanda:
Perché la Germania non ebbe lo stesso successo degli altri europei nello stabilire colonie d'oltremare?
Samid
2019-04-27 14:33:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Francesi, britannici, spagnoli, portoghesi, olandesi ... avevano tutti una vasta diffusione in tutto il mondo su più continenti.

Perché i tedeschi non avevano così tanto raggio d'azione?

Perché la Germania non esisteva nel momento in cui la maggior parte dei paesi europei stabilì le proprie colonie.
Era troppo occupato [per essere distrutto] (https://en.wikipedia.org/wiki/Thirty_Years%27_War).
Risposta semplice, non c'era la Germania ai tempi della scoperta.
Hitler ha cercato di colonizzare il mondo, a partire dai paesi europei vicini.
Il titolo ha "Germania" (un paese) e "Europei" (persone), il corpo poi elenca nuovamente il francese (non la Francia) ecc. Sembra che il titolo dovrebbe essere cambiato in * "Perché i tedeschi * non hanno avuto lo stesso successo degli altri europei nello stabilire colonie d'oltremare?"
Dieci risposte:
#1
+99
o.m.
2019-04-27 16:22:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quale Germania intendi?

Qualcosa che può ragionevolmente chiamare uno stato nazionale tedesco fu fondato solo nel 1871, quando la Prussia sconfisse la Francia e poi unificò la maggior parte degli stati tedeschi sotto la loro guida nel Kaiserreich.

Prima c'era stata una caotica rivalità tra la Prussia e l'Austria per la leadership in quello che era il Sacro Romano Impero: non molto sacro, non molto romano e non molto di un impero. Ciò si concluse nella guerra austro-prussiana del 1866, quando la Prussia cacciò l'Austria dalla Germania che si stava lentamente formando.

Il Kaiserreich fu inizialmente fortemente influenzato da Bismarck, che credeva che la Germania stesse meglio senza colonie. A quel tempo, questa probabilmente era una stima corretta. Quelle colonie che avrebbero potuto essere sequestrate non valevano lo sforzo. Bismarck fu licenziato da Guglielmo II, le cui politiche espansionistiche contribuirono alle tensioni che portarono alla prima guerra mondiale.

Quindi la Germania perse le prime fasi del colonialismo perché non c'era.

Molte persone non si rendono conto che la Germania e l'Italia sono ** stati nuovissimi **. Nessuno dei due esisteva come alcun tipo di entità politica unitaria prima del 1871, ben dopo la guerra civile degli Stati Uniti. A quel punto il sole non tramontava sull'impero britannico da oltre un secolo. Quelle spagnole e portoghesi avevano più di tre secoli.
@T.E.D .: Penso che possiamo tranquillamente chiamare la [situazione nel 1866] (https://www.deviantart.com/hillfighter/art/Italy-1866-162120101) abbastanza vicina all'Italia moderna.
@DenisdeBernardy: A quel punto potrebbe aver avuto i confini familiari, ma una nazione colonizzatrice ha bisogno di una coesione interna sufficiente per investire gli sforzi necessari per stabilire una colonia.
Inoltre, OP probabilmente non è a conoscenza del fatto che la Germania avesse alcune colonie, ma le perse tutte dopo la prima guerra mondiale
Non bisogna nemmeno dimenticare la geografia. Anche se la Prussia o l'Austria-Ungheria avessero avuto ambizioni di colonizzazione, le loro coste non sono in una posizione ideale per la colonizzazione come tutte le altre nazioni menzionate. Sia il Mar Baltico che il Mediterraneo hanno colli di bottiglia quando si naviga verso una colonia che potrebbe essere facilmente bloccata in tempo di guerra. Confrontalo con Spagna, Portogallo, Francia e Gran Bretagna che hanno un accesso quasi impossibile da bloccare nell'Atlantico.
@Hobbamok, quelle colonie non sono mai ammontate a molto, quindi la domanda è.
@Manziel, confronta la storia coloniale olandese. Erano più piccoli, erano altrettanto facilmente bloccati, ma ottennero colonie sia delle Indie Occidentali che delle Indie Orientali.
I Paesi Bassi a quel tempo avevano la marina per impedire i tentativi di bloccarli.
La geografia è raramente l'unico fattore decisivo per ciò che ha fatto un paese. Ma si sommano a tutti gli altri fattori. Bloccare il collegamento con le colonie e prenderle senza molta resistenza fu esattamente quello che accadde alle colonie tedesche nella prima guerra mondiale. Per le colonie olandesi ... non sono sicuro del motivo per cui ha funzionato per loro nonostante il disavantaggio geografico. Probabilmente è una combinazione di tutti gli altri fattori (economia, diplomazia, ..., fortuna) che compensano la geografia.
La Germania non è arrivata in ritardo al colonialismo. Era troppo presto. Così presto che la Prussia, originariamente abitata da popoli baltici, alla fine divenne uno stato germanico. La Germania tardò a stabilire colonie * oltremare *.
@DenisdeBernardy: L'Italia senza Roma - e il resto del demanio papale - difficilmente può essere considerata l'Italia nel vero senso della parola.
#2
+33
Denis de Bernardy
2019-04-27 17:48:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La Germania è arrivata tardi al partito e lo ha fatto senza entusiasmo

La Germania era fondamentalmente un pasticcio di piccoli stati all'inizio dell'era coloniale. Ci è voluto molto tempo prima che il Brandeburgo-Prussia diventasse una potenza da non sottovalutare. E fu solo quando Napoleone smantellò il Sacro Romano Impero che fu spianata la strada per l'unificazione della Germania.

Quando finalmente ciò avvenne nel 1871, era ancora necessario costruire una marina adeguata, e non c'era " t molto da colonizzare:

  • Le Americhe erano state colonizzate e divennero indipendenti per la maggior parte decenni prima.
  • Il Regno Unito, la Francia e il I Paesi Bassi stavano raccogliendo i pezzi che erano ancora in palio in Asia meridionale, Sud-est asiatico e Oceania.
  • Il Giappone si stava modernizzando e sviluppando le proprie ambizioni coloniali.
  • La Corea era molto lontana e veniva invasa dal Giappone (che alla fine la colonizzò), dagli Stati Uniti e dal Regno Unito.
  • Anche la Cina era lontana, e in declino, ma ancora troppo grande per divorarla .
  • Il Medio Oriente e l'Africa settentrionale erano dominate dagli Ottomani, e di solito sotto l'influenza della Francia o del Regno Unito quando non lo erano.

Questo sostanzialmente lasciò l'Africa subsahariana, cui tutte le potenze europee stavano guardando grande interesse. E anche lì c'erano insediamenti nella Gold Coast (Ghana), nelle aree temperate (es. Sud Africa) e lungo la maggior parte dei principali estuari fluviali (es. Senegal, Niger, Congo, Zambesi).

La Germania alla fine ha ottenuto una presenza coloniale in Africa. Ma anche allora, non è stato molto entusiasta. Bismark ha persino tentato di vendere le sue proprietà dell'Africa sud-occidentale (Namibia) agli inglesi sulla base del fatto che era un peso e una spesa con cui avrebbe voluto sellare qualcun altro.

Sembra adattarsi meglio in questo A: Bismarck ha anche evitato consapevolmente tutte le colonie all'inizio, sostenendo la Germania come "soddisfatta", per placare le altre potenze ed evitare conflitti in / tornare in Europa. (Come i pezzi buoni presi possono anche essere letti come "bisognosi di essere conquistati"?)
E il poco che avevano è stato preso dopo la prima guerra mondiale, da qui l'impressione che la Germania non abbia mai avuto colonie per molte persone
#3
+28
Steve Bird
2019-04-27 14:52:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per supportare un impero globale, devi essere in grado di rifornire e difendere i tuoi avamposti con una forte Marina. Le altre cinque nazioni europee che hai nominato avevano tutte una lunga tradizione navale e la crescita e il declino dei loro imperi riflettono le loro rispettive capacità di sostenere e difendere le loro risorse oltremare.

Il mancato riconoscimento dell'importanza della marina sotto questo aspetto è stato uno dei motivi per cui l'impero spagnolo è decaduto quando quelli di Gran Bretagna e Francia hanno iniziato a prosperare.

Data la loro posizione all'interno dell'Europa, gli stati tedeschi non avevano forti tradizioni navali e, quindi, non avevano il potere di proiettare il loro potere e proteggere le colonie d'oltremare (e le rotte commerciali). Fu solo dopo l'unificazione tedesca e la crescita di una marina tedesca che furono in grado di competere con gli altri imperi europei. A quel punto, ovviamente, la maggior parte delle terre rivendicabili nel mondo erano già state conquistate (e, in alcuni casi, già perse) perché gli altri imperi avevano un vantaggio di poche centinaia di anni.

Ulteriori Lettura:
L'influenza del potere del mare sulla storia: 1660–1783 , ATMahan (1890)
L'influenza del potere del mare sulla rivoluzione e sull'impero francese, 1793–1812 , ATMahan (1892)

"Data la loro posizione all'interno dell'Europa, gli stati tedeschi non avevano forti tradizioni navali ..." Non è del tutto vero. La Lega Anseatica (tedesca) era un'unione navale / commerciale che dominava il Baltico dall'XI al XV secolo, compresa la guerra navale. Di per sé l'Hanse è una buona rappresentazione del modo in cui la "Germania" ha funzionato per secoli: molti piccoli stati feudali / territoriali che competono e lavorano insieme come gli attuali governanti hanno ritenuto opportuno.
#4
+9
LаngLаngС
2019-04-27 17:42:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa domanda assume un punto di vista del 1913 e si basa sulle definizioni nazionaliste di uno stato e del suo "impero coloniale".

Questo è un po 'problematico.

Prendi l'olandese Impero coloniale come esempio: quando iniziò, con le sue origini elencate come 1543-1652, la Repubblica olandese faceva parte del Sacro Romano Impero.

La prima colonia tedesca era un'impresa privata, non diversamente dalla Virginia, quando il sovrano della Spagna, l'imperatore del Sacro Romano Impero asburgico Carlo V, concesse ai Welser nel 1528 di stabilire "qualcosa" in Venezuela. Questo tentativo capitalista fallì principalmente a causa di una cattiva gestione.

I bavaresi volevano colonizzare New York quando la città che c'era era ancora chiamata Nieuw Amsterdam.

I primi Le colonie di Brandeburgo-Prussia in Africa furono inizialmente "riuscite" a ridurre in schiavitù le persone e a partecipare al commercio triangolare, ma i ripetuti fallimenti della debole Marina di stabilire il proprio territorio nei Caraibi portarono a un ricalcolo di redditività. Questo, insieme all'hobby di Frederick Williams di raccogliere soldati sulla terra vicino a casa, ha portato al semplice abbandono di tali progetti.

Se abbandoniamo la prospettiva del nazionalismo e dell'alto imperialismo, che non si proietta bene indietro all'inizio di colonizzazioni, quindi vediamo le seguenti date: Re tedesco & Imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V (regnò –1556):

Carlo iniziò il suo regno in Castiglia e Aragona, un'unione che si è evoluta in Spagna, insieme a sua madre.

Quella che viene chiamata

La conquista spagnola dell'Impero azteco, o spagnolo– La guerra Mexica (1519–21), fu la conquista dell'Impero azteco da parte dell'Impero spagnolo nel contesto della colonizzazione spagnola delle Americhe.

È anche davvero anacronistica. Come:

Castiglia divenne il regno dominante in Iberia a causa della sua giurisdizione sull'impero d'oltremare nelle Americhe e nelle Filippine. La struttura dell'impero fu stabilita sotto gli Asburgo spagnoli (1516-1700) e sotto i monarchi borbonici spagnoli, l'impero fu portato sotto un maggiore controllo della corona e aumentò le sue entrate dalle Indie. L'autorità della corona nelle Indie fu ampliata dalla concessione papale di poteri di patronato, conferendole potere nella sfera religiosa.
Un elemento importante nella formazione dell'impero spagnolo fu l'unione dinastica tra Isabella I di Castiglia e Ferdinando II di Aragona, noto come i monarchi cattolici, che ha avviato la coesione politica, religiosa e sociale ma non l'unificazione politica. I regni iberici mantennero la loro identità politica, con particolari configurazioni amministrative e giuridiche.

Poi il trattato di Saragozza del 1529, l'indipendenza legale olandese dal 1648 HRR. Risultato: nel 1530 metà del mondo era destinata ad essere colonizzato da persone il cui sovrano era un re tedesco e imperatore romano.

In sintesi, mentre c'erano in qualche modo colonie tedesche, o meglio germaniche, poiché non esisteva nessuno stato nazionale tedesco, con gradi diversi di successo, non c'è stato alcuno sforzo concertato e prolungato per estenderli sistematicamente per i primi cento anni. Fino a quando Bismarck fu portato a caccia dagli imperialisti nazionalisti. Come già notato nella risposta di Steve Bird, anche il supporto navale dei possedimenti oltremare era un problema costante. La Marina bavarese sa cosa significa.

I Paesi Bassi erano * de facto * indipendenti - dagli Habspurg spagnoli, non dagli Habspurg austriaci, essendo stati trasferiti alcuni anni prima nel 1556 - dall'inizio della guerra degli ottant'anni nel 1568.
Può darci qualche prova per l'affermazione che la repubblica olandese faceva parte del Sacro Romano Impero?
@Tom 1648: "La Repubblica olandese, che aveva dichiarato la sua indipendenza dalla Spagna nel 1581, è stata formalmente riconosciuta come uno stato completamente indipendente sia dalla Spagna che dal Sacro Romano Impero." https://en.wikipedia.org/wiki/Peace_of_Westfalia
#5
+4
Frank from Frankfurt
2019-04-29 17:15:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Impero tedesco

L'impero tedesco arrivò troppo tardi. È stato creato nel 1871, quando gran parte del mondo era già stato diviso. Forse la Germania avrebbe potuto cercare di ottenere una quota maggiore durante la Scramble for Africa iniziata negli anni ottanta del XIX secolo. Tuttavia, l'espansione coloniale non era considerata una priorità dal cancelliere di lunga data Bismarck.

La situazione cambiò quando Bismarck fu licenziato nel 1890. Kaiser William II. considerava l'espansione coloniale una priorità assoluta. Sotto il suo governo la Germania acquisì diverse colonie in Africa e alcuni minuscoli territori in Asia. Nel 1919, dopo la prima guerra mondiale, la Germania dovette cedere le sue colonie a Francia e Gran Bretagna. Pertanto, la storia della Germania come potenza coloniale è piuttosto breve, circa 30 anni, e ha avuto meno influenza sulla società e sulla cultura tedesca.

Perché la Germania non ha avuto un ruolo in passato?

Potrebbero esserci state colonie di altri stati tedeschi più antichi. C'erano molti - in realtà, centinaia - di stati e stallieri tedeschi che avrebbero potuto acquisire colonie. Tuttavia, la maggior parte di questi stati erano senza sbocco sul mare.

La mappa sotto mostra il Sacro Romano Impero nel 1648, alla fine della Guerra dei Trent'anni. Quali territori avrebbero potuto tentare di diventare una potenza coloniale?

  • L'ex potente Lega Anseatica (Amburgo, Brema, Lubecca e altre città) era sprofondata nell'irrilevanza, almeno rispetto al loro potere nel XV secolo, quando controllavano il commercio marittimo nel Nord Europa.

  • L'Elettorato di Brandeburgo, la successiva Prussia, possedeva una più ampia distesa di terra lungo la costa baltica. Sfortunatamente, la Svezia controllava ancora l'estuario del fiume Oder e quindi il porto principale per le sue esportazioni.

  • Altri principati erano troppo piccoli e / o governati da monarchi di altri paesi (Spagna , Danimarca, Svezia).

Holy Roman Empire in 1648 Fonte: ziegelbrenner (@WikimediaCommons) CC BY-SA 3.0

Ciò non significa che la Germania non abbia svolto alcun ruolo:

  • Il Venezuela (o Piccola Venezia) è stata una colonia di una famiglia tedesca per circa vent'anni (1528-1546). La dinastia Welser aveva ricevuto un titolo su un grande pezzo di terra lungo la costa del Sud America per aver aiutato il re spagnolo Carlo I a diventare Carlo V del Sacro Romano Impero. Tuttavia, i loro conquistadores (tedeschi) non hanno trovato tesori d'oro o altra fonte di guadagno fino a quando non hanno dovuto rinunciare alla loro richiesta.

  • C'erano stati anche altri mali. tentativi fatali di fondare colonie in Africa o in America. Ad esempio, il Brandeburgo fu temporaneamente coinvolto nella tratta degli schiavi.

#6
+2
BlokeDownThePub
2019-04-27 17:51:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come altri hanno affermato, la Germania non è stata unificata fino a quando non sono stati presi tutti i pezzi positivi.

C'è anche il fatto che la Germania ha confini terrestri facili [1] con paesi relativamente potenti [2] su tre lati che di solito erano rivali se non addirittura nemici. È più difficile conquistare luoghi lontani quando è necessario mantenere molte truppe per la difesa domestica. Ovviamente è anche più facile invadere quei paesi, come è stato dimostrato più volte. Perché invadere l'India quando puoi pizzicare un po 'della Francia o della Polonia che si trovano proprio accanto?

[1] Mentre la Gran Bretagna è un'isola, la Spagna è quasi una (e ha montagne lungo il "collo"), La Francia ha il mare lungo il lato rivolto alla Gran Bretagna.
[2] Abbastanza individualmente da essere un fastidio e pericoloso se si uniscono.

L'argomento del confine sembra dubbio. Oltre ai Pirenei, la Francia aveva un confine terrestre con la Spagna (e più tardi, l'Austria-Ungheria) lungo i Paesi Bassi fino alla fine del XVIII secolo. Aveva anche un confine orientale con l'HRE, che di solito aveva un Asburgo al timone - e quando l'HRE fu smantellato, la stessa Prussia divenne una minaccia in breve tempo.
#7
+2
Jong Kim
2019-04-28 04:26:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Hai bisogno di una marina per proiettare forze all'estero. Storicamente, la regione che in seguito divenne la Germania non ha avuto quella marina per diversi secoli, e penso che questo non sia solo casuale, ma abbia anche buone ragioni.

  • La Germania non ha così tanto litorale per cominciare. La metà di quella costa si trova sul Mar Baltico, che è chiusa dietro lo stretto danese. L'altra metà deve ancora attraversare le acque inglese / francese nella Manica, o inglese / scandinavo attraverso il divario GIUK. Dei 5 esempi che hai fornito, 4 hanno stabilito porti direttamente sull'Atlantico. I Paesi Bassi sono l'eccezione, ma per molto tempo hanno avuto una posizione vantaggiosa come impero commerciale e hanno goduto di buoni rapporti con una delle altre grandi potenze, come l'Inghilterra. Nel 1700, gli inglesi tollerarono il movimento olandese attraverso i loro punti di strozzatura, ma non il tedesco, a causa di preoccupazioni geopolitiche.
  • Per gli altri colonizzatori, l'attività navale era sempre la chiave per la sopravvivenza. L'Inghilterra ovviamente dipendeva dal fatto che le navi fossero un'isola. La Francia e la Spagna avevano porti nel Mediterraneo. Il Portogallo e i Paesi Bassi facevano affidamento sul commercio marittimo. La tradizione navale tedesca era in realtà piuttosto forte anche in epoca medievale. La Lega Anseatica, ad esempio, stava andando abbastanza bene e avrebbe probabilmente costruito una forte presenza commerciale tedesca all'estero, ma sfortunatamente andò in declino proprio mentre veniva scoperto il Nuovo Mondo. Con quanta terra aveva la Germania e nessun porto nel Mediterraneo, anche il commercio terrestre era sempre un'alternativa attraente.
  • Senza una potente marina statale (che sia del tuo governo o di un alleato) è difficile fare commercio globale poiché pirateria, pirateria e tariffe distruggono i tuoi profitti. Nell'era della vela, non c'era davvero una Germania per fornire questa marina. HRE era troppo disordinata e distratta dalle preoccupazioni del continente per svilupparne una. Anche altri poteri non volevano proteggerlo. Gli olandesi facevano parte di HRE fino al XVII secolo, ma abbastanza interessante la loro attività coloniale aumentò dopo la loro partenza. Nel secondo periodo coloniale durante l'era vittoriana, la Germania stava diventando più unificata, ma ogni volta che cercavano di costruire una marina gli inglesi la sopprimevano ripetutamente, comprensibilmente, poiché perdere il dominio navale a favore dei tedeschi sarebbe stata la morte per gli inglesi.
  • Come altri hanno sottolineato, la Germania era molto meno unificata politicamente fino a tempi molto recenti. Anche la Prussia non era così potente quando la corsa per le Americhe stava iniziando, quando riuscì a solidificarsi politicamente, le facili scelte erano già state prese da imperi più forti. La Prussia era anche impegnata in molte grandi guerre terrestri, che rappresentavano meno un problema per paesi come l'Inghilterra o il Portogallo.

Quindi direi che il motivo principale per cui i "tedeschi" hanno perso la barca (vedi quello che ho fatto lì?) per le Americhe è che la Lega Anseatica è crollata appena prima dell'inizio della gara. Se Colombo fosse nato cento o duecento anni fa, probabilmente le cose sarebbero state molto diverse. Non solo i commercianti navali tedeschi erano molto più attivi in ​​quel momento, ma i rivali come l'Inghilterra, la Spagna e altri erano molto più deboli. Stranamente, singoli tedeschi immigravano ancora in America in gran numero, e la Germania avrebbe potuto eventualmente perseguire una rivendicazione su questa base, se una "Germania" fosse esistita a quel tempo e possedesse l'esercito per insistere su tale affermazione.

Durante la corsa per l'Africa, la Germania ha fatto quanto ci si poteva aspettare, dato il litorale limitato, la distanza e la mancanza di potenza navale. Una volta unificato alla fine del 1800, è arrivato gradualmente a controllare diversi stati africani come la Namibia. Il problema è nato con la prima guerra mondiale: l'Inghilterra e la Francia hanno vinto, così hanno potuto mantenere le loro colonie mentre la Germania veniva "liberata" (beh, dal dominio tedesco, almeno). La prima guerra mondiale spazzò via anche la marina tedesca e distrusse la loro economia, impedendo qualsiasi tentativo successivo, e dopo la prima guerra mondiale le colonie iniziarono comunque a cadere di moda. Quindi il grande evento "e se" qui sarebbe stato la Germania o rimanere fuori dalla prima guerra mondiale o non perdere. Ad esempio il Belgio ha tenuto il Congo - anche se la Germania li ha invasi nella prima guerra mondiale, alla fine della guerra gli Alleati hanno permesso loro di mantenerlo, infatti sono state assegnate alcune colonie tedesche. Qualcosa di simile è accaduto anche durante la seconda guerra mondiale (per inciso, anche la Francia è stata devastata ma ha tenuto l'Algeria fino agli anni '60). Quindi direi che il punto principale in cui il Belgio (e la Francia) "hanno avuto successo" e la Germania ha fallito è stato essere dalla parte dei perdenti di una guerra mondiale.

Anche se la seconda guerra mondiale non è proprio un periodo coloniale, durante questo periodo la Germania ha avuto ampio accesso al Mediterraneo attraverso la Francia e l'Italia. A un certo punto ha controllato una parte significativa del Nord Africa. Se la Germania non avesse perso la seconda guerra mondiale, ciò avrebbe sicuramente portato al controllo tedesco di molte regioni del Nord Africa come l'Algeria, e forse parti dell'India che cadevano sotto la sfera di influenza tedesca. Certo, sembra ancora più difficile immaginare che la Germania rimanga fuori o vinca la seconda guerra mondiale rispetto alla prima guerra mondiale, ma alla fine direi che il motivo principale per cui la Germania non è riuscita a colonizzare l'Africa ha fallito è stato perdere guerre contro paesi che potevano farlo.

#8
+2
MAGolding
2019-04-28 23:23:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo l'elenco di Wikipedia degli imperi più grandi https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_largest_empires 1

L'impero coloniale tedesco in Il 1912 aveva un'area di 3,199 milioni di chilometri quadrati o 1,24 milioni di miglia quadrate e copriva il 2,15% della superficie terrestre.

Tra gli imperi coloniali europei, l'Impero coloniale tedesco nel 1912 era più piccolo di:

Il primo impero coloniale francese nel 1670 (3,4 & 1,31, 2,28%).

L'impero coloniale italiano nel 1938 o 1941 (3,798-4,25 & 1,47-1,64, 2,55-2,85%).

Il secondo impero coloniale portoghese nel 1820 o 1815 (5.5-10.4 & 2.12-4.02,3.69-6.98%).

Le terre dell'Unione iberica nel 1640 (7.1 & 2.74, 4.77 %).

Il secondo impero coloniale francese nel 1920 (11,5 & 4,44, 7,72%).

L'Impero coloniale spagnolo nel 1810 o 1750 (13,7-20,0 & 5,29-7,72, 9,20-13,43%).

L'Impero coloniale britannico nel 1920 (35,5 & 13 0,71, 23,84%).

Tra gli imperi coloniali europei, l'Impero coloniale tedesco nel 1912 era più grande di:

Il Terzo Impero coloniale portoghese nel 1900 (2,1 & 0,81, 1,41%).

Il primo impero coloniale portoghese nel 1580 (0,80 & 0,31, 0,54%).

Nota che l'Impero coloniale belga, l'Impero coloniale olandese, l'Impero coloniale danese e l'Impero coloniale svedese non sono elencati.

Quindi alcune persone potrebbero credere che il Reich tedesco sia andato piuttosto bene nell'acquisire colonie nonostante sia stato un tale johnny-come-arrivato ultimamente nella corsa coloniale.

#9
  0
C Monsour
2019-04-28 19:28:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I tedeschi stabilirono colonie d'oltremare di successo nel Baltico orientale durante l'Alto Medioevo. Ovviamente non erano controllate dalla patria come lo erano le colonie moderne. (E in teoria avrebbero potuto arrivarci via terra, ma in pratica ci sono arrivati ​​in viaggio per mare). Vedi gli articoli di Wikipedia sui tedeschi baltici e sulle crociate del nord.

Oppure, se gli scandinavi contano come tedeschi, la colonizzazione dell'Islanda sarebbe un esempio ancora precedente.

Non c'è alcun senso utile in cui gli scandinavi contano come tedeschi. Se chiedessi a un prussiano, bavarese o austriaco del XVIII secolo "sei tedesco?" avrebbero detto "sì". Se avessi chiesto a uno svedese, un norvegese o un danese avrebbero detto "no".
Punto preso, ma lasso di tempo un millennio lontano dalla colonizzazione dell'Islanda.
#10
  0
mathreadler
2019-04-28 21:02:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La Germania è stata impegnata a influenzare l'Europa orientale per tutto il tempo dall'anno 1000 in poi. Hai avuto influenza tedesca in lungo e in largo. La Prussia è arrivata quasi fino alla Russia. La Baviera ha avuto una seria influenza su Böhmen e Mähren. L'Austria si è concentrata un po 'più a sud dell'Ungheria e a sud-est nei Balcani. Le persone in alto parlavano tedesco in molte città ora slave, Prag (Praha), Laibach (Lubiana), Königsberg (Kaliningrad), Danzica (Gdánsk), Breslavia (Wroclaw).

Così tanto impegnato a farlo non si unì nemmeno fino al 1870, che era molto tardi per gli standard del potere di colonizzazione.

Quasi tutta l'Europa centrale e orientale era in pratica tedesca intorno al 1900 e le potenze coloniali richiedevano fondamentalmente due enormi guerre mondiali per rimuovi questa influenza tedesca e cerca di mettere a tacere questo fatto e passalo sotto il tappeto.

Avrei votato al contrario, se non fosse stato per l'ultimo paragrafo che è tendenzioso, non supportato e non collegato alla questione.
@TimLymington Oh noo, mi sono perso un voto positivo: O


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...