Domanda:
Quando è crollato il Sacro Romano Impero?
user39
2011-10-12 00:52:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel 1500, il Sacro Romano Impero era un paese relativamente potente. Verso la metà del 1800, sembrava essere sostituito per importanza dai suoi stati.

Quando è crollato davvero il "Sacro Romano Impero" unificato e perché?

Si può sostenere che la Germania unificata dai prussiani sia una moderna reincarnazione di quell'Impero ...
@Greg Tranne che i prussiani non erano per lo più cattolici, ma protestanti. (Per lo più luterano o riformato)
@KorvinStarmast 1) Indovina cosa, molti se non la maggior parte dei regni tedeschi erano già protestanti - solo perché gli Amburgo erano cattolici, non definisce l'impero. 2) Ci sono diversi esempi storici in cui un impero o un regno ha cambiato religione: Cina, Giappone, Impero Romano. 3) Il protestantesimo è una continuazione del cristianesimo primitivo quanto la Chiesa cattolica. Sulla base della tua argomentazione, l'Impero avrebbe smesso di esistere ogni volta che avessero avuto una discussione politica con Roma.
Non sto facendo il punto di paglia che scegliete, ma alludendo alla sede di HRE continuò in Austria, non in Prussia (dove non era mai stata), fino a quando Napoleone non mise in conto l'Austria e quel residuo a lungo morente dell'HRE. Non è stato fino a Bismarck, e alla Germania, che la torcia è stata approvata con successo, se mai, in termini di Reich nel cuore dell'Europa centrale. Bismarck ha fuso i tedeschi (di entrambe le principali sette) in un colpo di stato politico per un periodo di tre decenni.
Otto risposte:
#1
+27
Sorcerer Blob
2011-10-12 00:58:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il Sacro Romano Impero persisteva effettivamente fino all'inizio del XIX secolo. A quel tempo era centralizzato negli stati / regni germanici alleati e vagamente definiti. Dopo l'ascesa di Napoleone e la sconfitta di molte diverse forze di regni tedeschi non allineati da parte delle forze di Napoleone, Napoleone fu in grado di attraversare la nazione che ora conosciamo come Germania. Una delle prime cose che fece Napoleone fu smantellare l'orgoglioso Sacro Romano Impero e installare una serie di riforme amministrative ed economiche. In questo modo si gettarono le basi di un (libero) senso di nazionalismo tedesco che non esisteva prima di questo e ha aperto la strada a molti degli avvenimenti rivoluzionari del 19 ° secolo in Europa centrale (più specificamente in Germania, Prussia, Ungheria, Austria , Danimarca, Francia e molti altri piccoli principati e ducati tedeschi).

Fonti utilizzate: History of Germany, 1780-1918: The Long Nineteenth Century

di David Blackbourn
In effetti, questo era fondamentalmente il caso. È interessante confrontare il crollo con quello dell'attuale Impero Romano, che stava decadendo e diminuendo di potere e controllo per un paio di secoli prima della sua invasione e distruzione ufficiale.
#2
+14
canadiancreed
2011-10-12 01:04:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ufficialmente è crollato dopo essere caduto sotto Napoleone con il 4 ° trattato di Pressburg, ma era svanito da un po 'di tempo prima. L'impero era di natura piuttosto decentrato, ma vari eventi come la pace di Westfalia dopo la guerra dei trent'anni, che garantì ai domini di fatto l'indipendenza in tutto tranne che nel nome. Nazioni, in particolare gli Asburgo in Austria, che cercavano di consolidare i propri domini su quello degli imperi e di contrastare le politiche che avrebbero portato una maggiore centralizzazione al dominio dell'impero.

+1 per aver menzionato la guerra dei trent'anni. [Tragedia dell'Europa] (http://www.amazon.com/gp/product/0141006145/ref=pd_lpo_k2_dp_sr_1?pf_rd_p=1278548962&pf_rd_s=lpo-top-stripe-1&pf_rd_t=201&pf_rd_rd_rDM_RD4RDMRDMRDMRDMRD4RDMRDMRDMRD4RDMRD4RDMRDMRD36RDMRDMRD36_RDM_RD36_RDM_RD36 leggendo su quella guerra e sul trattato di pace che ha concluso quella guerra.
#3
+8
Jacob
2011-10-12 01:12:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per basarsi sulla risposta di GPierce, l'HRE è funzionalmente collassato molto prima di quel momento. La guerra dei trent'anni (1618-1648) aveva davvero messo a dura prova il governo centrale dell'HRE. Ha lasciato il paese politicamente e religiosamente diviso, il che è stato un grosso problema per l'unificazione in quel momento. Il paese era governato da principi che controllavano le città stato che erano vagamente collegate. Questo è rimasto fino a quando Napoleone, come ha affermato Gpirece, ha travolto la Germania moderna.

#4
+5
MAGolding
2015-09-19 10:42:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il Sacro Romano Impero è stato un po 'più unificato anche durante la sua ultima fase di quanto molte risposte abbiano detto.

Dopo la guerra delle trenta orecchie, molti stati tedeschi si mobilitarono per sostenere l'imperatore nel periodo in cui fu chiamata la reazione imperiale che durò fino al 1720, quando l'imperatore Carlo VI dovette ingraziarsi i vari stati per ottenere il loro sostegno per il suo la successione della figlia.

Nel 1720 Carlo VI era diventato potente in Germania quanto Ferdinando II era al culmine nella Guerra dei Trent'anni, ma senza combattere alcuna battaglia. Ma poi dovette negoziare il sostegno per la sanzione pragmatica con i principi che li trattavano come suoi pari.

Se Giuseppe I o Carlo VI avessero avuto un figlio cresciuto fino all'età adulta, la reazione imperiale potrebbe essere continuata molto più a lungo e la guerra di successione austriaca potrebbe non essersi verificata e la rivalità tra Prussia e Austria potrebbe non essersi verificata.

Anche durante la guerra di successione spagnola l'imperatore Giuseppe I fu in grado di confiscare diversi piccoli stati nel Regno d'Italia o Lombardia, e in un anno in particolare riuscì a riscuotere più Tasse Imperiali di Guerra dal Regno di Lombardia che dal Regno di Germania, quindi l'Italia non era ancora totalmente al di fuori dell'Impero.

Questa è un'ottima risposta, soprattutto per aver sollevato la Kaiserliche Reaktion. Forse prenderesti in considerazione la registrazione di un account.
#5
+5
James Payne
2016-05-12 22:37:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il Sacro Romano Impero (della Nazione Tedesca) cessò ufficialmente di esistere un bel giorno nell'agosto del 1806, quando Francesco II andò alla Dieta Imperiale e si dimise. Ovviamente continuò a essere l'imperatore d'Austria-Ungheria, ma questa è un'altra storia.

Ciò a cui solo un piccolo numero di persone pensava era il fatto che per la prima volta dal 31 a.C.non c'era un'unica istituzione politica chiamata "Impero Romano". In quell'anno, quando Ottaviano aveva combattuto la battaglia di Azio e si era affermato come Princeps (prima persona) in una situazione che era ampiamente considerata come un accordo imperiale, c'era stato un impero romano di qualche tipo. Sia come Principato, Dominatore, Impero d'Oriente e d'Occidente, come Impero d'Oriente che si chiamava "Romaioi" (in greco "Romani"), o come Impero Germanico che si chiamava "Sacro Romano", c'era SEMPRE stato un impero romano! Eppure, come dirà in seguito TS Eliot del mondo, è morto "non con un botto, ma con un piagnucolio".

Perché è morto? Ebbene, non è riuscito a fare della Germania uno Stato-nazione. Non è mai riuscito ad avere un metodo stabile di successione al trono. E gli imperatori hanno avuto difficoltà a giustificare il loro diritto di governare, date le prime due limitazioni.

Naturalmente, la causa immediata di morte elencata dal Coroner è stata la battaglia di Austerlitz e la creazione della Confederazione di il Reno. Ma i suddetti tre motivi hanno reso l'Impero impotente per anni.

Come ho affermato nella mia risposta su Federico II, il libro uscirà tra pochi anni e allora saprai PERCHÉ sono accadute queste tre cose sopra come hanno fatto. Ma per ora, queste ragioni sono sufficienti, in quanto spiegare perché le ragioni ottenute sarà una risposta lunga come un libro.

Da notare che (a) Francesco II creò il titolo di * Imperatore d'Austria * nell'estate del 1806 specificamente per non perdere la sua dignità imperiale allo scioglimento dell'HRE; e (b) che il titolo * Re d'Ungheria * era sempre separato poiché l'Ungheria si trovava ** fuori ** dall'HRE.
#6
+3
Daniel says Reinstate Monica
2011-10-12 01:06:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando Federico II salì al trono nel 1215, cercò di estendere ancora di più l'HRE verso l'Italia (suo padre sposò l'erede al trono di Sicilia). La sua principale ambizione di creare un simile impero era a causa dei continui scontri con il papato. I suoi vani sforzi per guadagnare forza in Italia lo indebolirono solo in Germania, lasciando i duchi e principi tedeschi liberi di governare la Germania.

Dopo la morte di Federico II, l'HRE declinò rapidamente. I monarchi tedeschi continuarono a essere chiamati imperatori HRE, ma detenevano poco potere.

Questo non è vero. Carolus V è stato il monarca più forte del mondo per i suoi tempi e per secoli prima e dopo.
Bene, sebbene Charles fosse il più potente del mondo, ciò è dovuto principalmente alla posizione che aveva come re di Spagna e ai suoi possedimenti nel Nuovo Mondo. È vero che come HR Emperor, i suoi poteri ERANO limitati.
#7
+3
Tom Au
2011-10-12 19:10:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il Sacro Romano Impero non è mai stato un vero "paese", ma piuttosto una confederazione eterogenea di stati per lo più indipendenti (principalmente di lingua tedesca). Durante il Medioevo, tuttavia, si dimostrò in grado di schierarsi dietro un imperatore eletto per crociate o altri scopi religiosi.

Contrariamente ad altri risposte di cui sopra, io data il ) crollo del Sacro Romano Impero alla Guerra dei Trent'anni, 1618-1648, tra gli stati della Germania settentrionale (protestanti) a guida svedese e gli stati della Germania meridionale (cattolici) a guida austriaca. Dividendo l '"impero" in campi protestanti e cattolici, la lunga guerra ha distrutto l'ethos comune che fino a quel momento aveva legato i diversi stati e ha reso la "confederazione" un guscio di entità disunite, spesso in guerra.

#8
-3
Richard Dey
2014-10-01 20:57:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qui si presume che "Germania", "Francia" e "Italia" esistessero molto prima dell'unificazione - il che risultato era, ancora una volta, una cosa positiva. Il XX secolo ha dimostrato tutto il contrario. La Francia tentò con arroganza di rifare la mappa dell'Europa, la Germania tentò due volte di imporre la sua volontà al resto dell'Europa e l'Italia invase l'Africa. La storia del successo è stata la Gran Bretagna che ha vinto perdendo. Anche da un moderno ideale transeuropeo (che è discutibile), non è il linguaggio a unificare, ma la religione. Con la disintegrazione di quella divisione metafisica, si può solo sperare che l'unificazione europea porti davvero pace e prosperità - ma la religione non può assolutamente svolgere alcun ruolo in quel processo o il successo si trasformerà in un ignius fatuus e si diffonderà. L'Europa ha bisogno di un obiettivo anche per sopravvivere. Potrei provare a unificare la pace e la prosperità con il che significa che potrebbe seppellire un passato MOLTO sordido ieri e seppellirlo nel passato. Un po 'di isolazionismo fa bene alla meditazione e la contemplazione del futuro è una scommessa migliore che monumentalizzare il passato. Ciò è particolarmente vero per l'Europa, dove i promemoria continuano a insinuarsi tra oggi e il futuro.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...