Domanda:
Bismarck ha avuto qualche influenza su Hitler?
Elzee
2013-02-15 19:00:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'erano alcune somiglianze tra i due brillanti statisti. Sia Bismarck che Hitler erano contrari a forme popolari di governo come la democrazia. Bismarck e Hitler avevano entrambi un simile disprezzo per il socialismo, sebbene Hitler fosse molto più tirannico. Bismarck ha semplicemente incastrato i socialisti per un tentativo di assassinio sull'imperatore tedesco mentre Hitler ha bruciato l'edificio del Reichstag per promuovere la sua propaganda anti-socialista. Tuttavia, Hitler credeva nella trasformazione del mondo in una Terra nazista, mentre Bismarck credeva che la Germania avrebbe dovuto ottenere qualunque terra si meritasse.

Il cancelliere tedesco Otto von Bismarck, mente dell'unificazione tedesca, e il carismatico il dittatore del Terzo Reich, Adolf Hitler, erano simili sotto molti aspetti. Entrambi erano brillanti statisti, maestri nel manipolare gli interessi degli altri per raggiungere i loro obiettivi. Entrambi praticavano la realpolitik, disposti a pugnalare alle spalle, conniventi e utilizzare metodi palesemente illegali per ottenere potere e prestigio, sia per se stessi che per le loro nazioni. Entrambi erano fedeli alla colpa delle loro terre natali. Ed entrambi hanno mostrato che le loro politiche erano dominate da un unico obiettivo generale per tutto il tempo in cui erano al potere. ( Fonte)

Non sono sicuro che Hitler abbia mai incontrato Bismarck perché quando Bismarck morì nel luglio 1898, Hitler doveva avere circa 9 anni. Ma la persona di Bismarck e il suo ruolo nell'unificare gli stati tedeschi in un potente impero tedesco hanno avuto qualche influenza su Hitler e se sì, come? Vorrei anche sapere se Hitler ha menzionato qualcosa su Bismarck nel Mein Kampf e se ha detto qualcosa sulla visione e l'ideologia di Bismarck?

Si prega di citare la fonte.
A proposito, il tuo avatar sembra leggermente fastidioso, dato l'oggetto della domanda. Tuttavia, google-imaging mi ha portato a scoprire che sembra essere preso da qualche outfit chiamato Mystery Skateboards e non quello che avevo temuto all'inizio.
@MarkC.Wallace. Reinserito il collegamento per la fonte in questione. Non so cosa sia andato storto ma l'avevo fatto durante la pubblicazione della domanda.
@FelixGoldberg. Fammi sapere, se vuoi, perché il mio avatar sembrava leggermente a disagio, e cosa intendi con - "non quello che avevo temuto all'inizio".
@ELzee. Veramente? Guarda il Schutzstaffel [flag] (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Flag_Schutzstaffel.svg)
Cosa ha detto @NathanCooper ...
@NathanCooper (e Felix Goldberg). Il mio avatar può avere una somiglianza con le "insegne delle SS", ma questo non dovrebbe causare alcun disagio a nessuno poiché né lo Schutzstaffel esiste più né sto cercando di sostenere la loro causa. Inoltre, ho selezionato questo avatar perché sembrava 'un lampo di luce' che penetrava il cuore umano - visto come pura conoscenza che risveglia l'uomo dalla sua ignoranza, secondo un pensiero spiritualistico di cui ho letto. _ Ma quanto è sfortunato che a volte ci riferiamo inutilmente qualcosa a qualcosa di malvagio!
Cosa rende gli statisti "brillanti"?
Non sono sicuro che sia corretto dire che Hitler ha bruciato il Reichstag. Questo è l'attuale consenso storico? Avevo l'impressione che fosse stato bruciato dai comunisti, nonostante il fatto che ciò avesse giocato direttamente nelle mani del Führer.
Hitler considerava molto importante definirsi socialista. Quindi forse questo "disprezzo per il socialismo" avrebbe più spiegazioni.
Forse una delle differenze più evidenti tra Bismarck e Hitler era che il primo era un prussiano, il secondo un austriaco. Bismarck era il figlio istruito di un ricco aristocratico Junker, Hitler figlio di un ufficiale doganale piccolo-borghese, che abbandonò quasi tutto ciò da cui era possibile abbandonare, prima di essere arruolato nell'esercito. Partire da quei punti potrebbe essere istruttivo.
Tre risposte:
#1
+15
choster
2013-02-16 01:57:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Hitler dice all'inizio del Mein Kampf

Ho studiato l'eccezionale legislazione di Bismarck nel suo concetto originale, nel suo funzionamento e nei suoi risultati.

Loda varie politiche e la diplomazia del governo di Bismarck, e verso la fine declama

Quali miserabili pigmei i nostri finti statisti in Germania appaiono al confronto con lui. E com'è nauseante assistere alla presunzione e alla sfrontatezza di queste nullità nel criticare un uomo mille volte più grande di loro. E quanto è doloroso pensare che questo avvenga in un paese che potrebbe indicare un Bismarck come suo leader solo cinquant'anni fa.

Tuttavia , Bismarck era un eroe per quasi tutti i tedeschi, non solo per i nazisti, e in effetti è rispettato dagli storici come una delle figure più notevoli della sua epoca. Lo storico Jonathan Steinberg dell'Università della Pennsylvania scrive in Bismarck: A Life (2011) scrive:

[I risultati di Bismarck del 1862-1871 ] costituiscono la più grande conquista diplomatica e politica di qualsiasi leader negli ultimi due secoli, poiché Bismarck ha realizzato tutto questo senza comandare un solo soldato, senza dominare una vasta maggioranza parlamentare, senza il sostegno di un movimento di massa, senza alcuna precedente esperienza di governo, e di fronte alla repulsione nazionale per il suo nome e la sua reputazione.

Ogni leader politico studierebbe Bismarck, proprio come studierebbe qualsiasi altro leader di successo.

Inoltre, ogni attivista e politico cerca di circondarsi di simboli e celebrità popolari. Per Hitler, cercando di attirare un movimento di massa, Bismarck sarebbe stata la figura ovvia da rivendicare come l'architetto di un impero di successo e in crescita rispetto all'umiliata e instabile Repubblica di Weimar. Certamente, non c'era nulla da guadagnare dicendo che la sua ispirazione e le sue idee si erano formate sotto l'influenza di Anton Drexler e Dietrich Eckart, i suoi attuali mentori.

Bismarck non lasciò alcun trattato di filosofia del governo o di politica strategia. Hitler non ha mai incontrato Bismarck e non aveva più pretese sul suo mantello di qualsiasi altro leader, allora o adesso.


Il saggio, se si può chiamare così, che hai collegato non sarebbe mai stato adunato con gli accademici storici. Non c'è una vera tesi, solo un esercizio di bias di conferma, che collega i due come "brillanti statisti" che "praticano entrambi la realpolitik", che erano "fedeli alla colpa verso le loro terre native" e che "entrambi hanno mostrato la loro politica di essere dominati da un unico obiettivo generale per tutto il tempo in cui sono stati al potere ". Tutti questi punti, infatti, sono problematici. Hitler era un brillante statista? In che misura praticava la realpolitik? La Germania non era la patria di Hitler e, considerando i suoi successi, in che modo il patriottismo di Bismarck sarebbe stato un difetto?

+1 e, nel complesso, un'ottima risposta. Alcune osservazioni, tuttavia: (a) Sebbene Bismarck non abbia lasciato alcun lavoro teorico sulla politica o sull'arte statale, ha pubblicato le sue memorie (http://archive.org/details/bismarckmanstate02bismuoft) che offrono una buona esposizione della sua tecnica pratica. Come vanno le memorie, è ovviamente una visione piuttosto egoistica. Ancora una buona e utile lettura (posso garantirlo, avendole lette qualche anno fa). (b) Sono d'accordo con le tue prime tre domande alla fine, ma riguardo al patriottismo, la frase significa semplicemente "estremamente patriottica, forse troppo". Probabilmente, questo può applicarsi a Bismarck.
Grazie per la tua risposta. Le domande che hai sollevato su [Bismarck vs. Hitler (idea)] (http://everything2.com/user/Valarauko/writeups/Bismarck+vs.+Hitler) meritano abbastanza attenzione e sono motivo di riflessione. Finora ho perseguito la storia per pura curiosità e ora sento che è tempo di mostrare un serio interesse accademico per essa.
#2
+3
Anixx
2013-02-16 00:50:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che sia più facile parlare di differenze. Mi è stato detto a scuola che Bismarck metteva in guardia contro la guerra con la Russia, mentre nell'ideologia di Hitler era uno dei punti chiave. Tuttavia, non ho riferimenti online.

Inoltre, Bismarck favorì e attuò la "Kleindeutsche Lösung" (unificazione tedesca senza inclusione dei territori austriaci) mentre Hitler perseguì l '"Anschluss" del suo paese natale.
Bismarck ha avviato l '"Alleanza dei tre imperatori di Germania, Austria-Ungheria e RUSSIA. Http://boardgames.stackexchange.com/questions/4197/in-diplomacy-is-the-three-emperors-alliance-a-good-strategy -per-russia
#3
+3
DLCom
2017-03-12 05:13:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Hitler voleva assomigliare a Bismarck, ma in realtà non lo era. A differenza di Hitler, Bismarck non amava la guerra. Considerava la guerra come l'ultimo e meno favorevole strumento diplomatico.

Trattò gentilmente le nazioni che batté in guerra, ad esempio gli austriaci con cui entrò in guerra negli anni '60 del XIX secolo e successivamente integrati nella sua "Alleanza dei tre imperatori". Questo è in totale contrasto con il "Vernichtungskrieg" di Hitler ("guerra di distruzione") che mirava a schiavizzare intere nazioni per creare "Lebensraum". Dopo la guerra franco-tedesca del 1871, Bismarck ha cercato di creare trattati con altre nazioni europee che hanno reso la Francia un fuorilegge nella politica globale piuttosto che decostruire completamente it.

Bismarck non era razzista e molto meno brutale nel raggiungere il suo obiettivo. Odiava socialisti e cattolici, ma non perché li considerasse "Untermenschen" ma piuttosto perché lui stesso era un capitalista protestante.

Un altro aspetto interessante del confronto è il modo in cui entrambi si avvicinavano ai loro nemici politici: mentre Hitler ha usato la pura forza bruta per farli tacere, Bismarck ha semplicemente rubato ciò per cui stavano combattendo, ad esempio le leggi sulla previdenza sociale che ha creato per demoralizzare il Partito socialista tedesco.

No, i loro paralleli sono più che altro solo un questione del tempo in cui vivevano. Bismarck era un politico intelligente con ambizioni ambivalenti che cercava di evitare guerre e usava strumenti diplomatici ogni volta che poteva, mentre Hitler era solo un idiota ideologico molto brutale e fanatico che non poteva ottenere nulla senza forza.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...