Domanda:
Ci sono prove di malattie sessualmente trasmissibili nei tempi antichi?
Mike
2014-03-20 11:00:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Esistono testi antichi che dimostrano o implicano che i loro autori sapessero che determinate malattie si diffondevano attraverso l'attività sessuale? Sembra che il contagio sessuale sia stato riconosciuto nel XVI secolo durante l'apice dell'epidemia di sifilide. Ho anche letto che ha contribuito alla chiusura di alcuni bordelli e all'ascesa del puritanesimo.

Sono più interessato se qualcuno a Roma, in Grecia o in Medio Oriente ha realizzato una connessione tra sesso e malattia durante il bronzo Età o periodo classico. C'erano molti bordelli commerciali nell'impero romano e molte prostitute nei templi nell'antico Medio Oriente. Ci sono prove di epidemie di malattie sessualmente trasmissibili da allora?

Mi rendo conto che la teoria dei germi non sarebbe esistita fino al diciannovesimo secolo, ma uno storico o un filosofo antico avrebbe comunque potuto notare una correlazione.

OT: Ho interpretato male "ADD" e stavo pensando agli antichi bambini greci che correvano per città e templi, urlando a caso.
@Lohoris - Beh, c'era Odisseo, che si distrasse così facilmente che gli ci vollero 10 anni per tornare a casa da 200 miglia di distanza. ;-)
@T.E.D. beh, è ​​scusato per il fatto che gli dei hanno messo molti ostacoli sul suo cammino :)
Tre risposte:
#1
+26
Olivier
2014-03-20 12:08:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Notoriamente, gli antichi egizi sapevano molto di sessualità, ginecologia e infezioni genito-urinarie. Tuttavia, secondo questo articolo, non esiste una descrizione univoca delle malattie sessualmente trasmissibili nei papiri medici dell'antico Egitto (sebbene molti sintomi riportati suggeriscano la gonorrea e alcuni suggeriscano infezioni pelviche). La stessa fonte rileva che l'Antico Testamento descrive un'epidemia - più precisamente una piaga - che è chiaramente legata temporalmente e causalmente ai rapporti sessuali e per la quale Mosè fornisce una soluzione tecnicamente corretta: uccidere tutti tranne le vergini (vedi qui, versetto 16 e 17 per esempio).

Buona risposta. Grazie per l'articolo molto interessante sugli egiziani. Devo cavillare, tuttavia, che la soluzione di Mosè sarebbe stata tutt'altro che perfettamente efficace. Ha fatto uccidere le donne non vergini, ma non gli uomini che erano andati a letto con loro. Ciò lascerebbe comunque uomini infetti che potrebbero poi trasmettere la malattia alle donne israelite o alle vergini catturate di recente. Buon pensiero comunque di quel riferimento. Di certo non ci ho pensato.
@Oliver E credo che siano stati gli antichi egizi a utilizzare per primi i preservativi che evidentemente avevano attributi profilattici di cui si sapeva o meno all'epoca. I precursori del preservativo moderno sono stati realizzati con pelli sottili di interiora di pecora. Lo stesso materiale di origine ovina forniva ai macellai anche budelli commestibili utilizzati nella tradizionale produzione di salsicce. Questo metodo secolare per legare la salsiccia è quasi scomparso.
@Mike tutti gli uomini madianiti furono uccisi in 31: 7. Le donne e i bambini furono catturati in 31: 9. Infine in 31:17 tutti i ragazzi e le femmine non vergini furono uccisi e in 31:18 le vergini furono assorbite nella tribù. Questa era purtroppo la pratica abituale nella guerra nomade e se la loro preoccupazione era STD (discutibile) la soluzione era quasi perfetta. La ragione più probabile per la pratica (dal punto di vista della psicologia evolutiva) era propagare il proprio lignaggio eliminando la concorrenza. Le non vergini potevano già essere incinte e nessuno aveva la pazienza di aspettare e vedere con tutte le avvertenze in corso.
#2
+5
Milo Bem
2019-09-18 14:17:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le più antiche testimonianze scritte di malattie sessualmente trasmissibili sono probabilmente le tavolette di argilla sumera .

da Storia delle malattie veneree dall'antichità al rinascimento

Il fatto che siano stati osservati alcuni disturbi genitali e fosse presente una qualche forma di uretrite rientra nel range di probabilità, soprattutto se si leggono le poesie dedicate a Innana (o Ishtar), la dea dell'amore sessuale e della fertilità, o sulla vita promiscua di Gilgamesh, re di Uruk.

Recentemente scritti di studiosi sulla medicina mesopotamica forniscono ulteriori informazioni sulle malattie contagiose e sulle malattie sessualmente trasmissibili tra gli antichi popoli della regione e descrivono perdite uretrali e vaginali (gocciolamento dalla vulva) probabilmente causate da Neisseria gonorrhoeae , Chlamydia trachomatis o Trichomonas vaginalis , nonché casi di herpes genitalis, se il paziente aveva "babu'tu", cioè vescicole sui genitali.

Come l'altra risposta menzionata w Abbiamo anche alcuni documenti dell'antico Egitto. Una volta arrivati ​​all'antichità classica della Grecia e di Roma, riceviamo molti testi medici o altri riferimenti alla salute sessuale da vari autori.

#3
+2
jwenting
2014-03-21 16:16:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Almeno si pensa che la sifilide non sia esistita in Europa, ma sia stata introdotta lì dagli scopritori di ritorno dai viaggi di Colombo.
Molte altre malattie si sono diffuse da un continente all'altro con mezzi simili, si pensi alla peste e all'HIV ...
Naturalmente ci sono molte malattie che possono essere trasmesse attraverso il contatto sessuale, e molte di allora non sarebbero stati riconosciuti come tali. Pensa all'herpes, che ha diversi vettori, solo uno dei quali è il rapporto sessuale.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...