Domanda:
Perché "l'Europa" non ha sostenuto l'Impero Bizantino contro i Turchi?
d-b
2015-05-05 16:49:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché l'Europa cattolica non ha sostenuto l'impero bizantino contro i turchi? Oppure sì? Come? Sì, c'erano alcune differenze tra l'interpretazione cattolica e quella ortodossa del cristianesimo, ma i turchi erano musulmani e avrebbero dovuto essere considerati molto peggio (c.f. la " reconquista"), no? Hanno collaborato durante le Crociate e gli imperi europei (Franchi, Asburgo) "Europa cattolica" avrebbero dovuto apprezzare Bisanzio come cuscinetto nei confronti del mondo musulmano?

Probabilmente dovresti menzionare che intendi i turchi ottomani, poiché le crociate furono inizialmente avviate dall '"Europa" per aiutare i bizantini contro i turchi selgiuchidi.
@taninamdar - ... supponendo che in realtà non intendesse solo "turchi". Il passaggio dalla leadership selgiuchide a quella ottomana non cambiò in modo significativo la natura della minaccia che Costantinopoli stava affrontando.
Questa domanda ha ricevuto più risposte; se uno di loro ha risposto alla tua domanda, considera [contrassegnarlo come accettato] (http://meta.stackexchange.com/a/5235/261831). In caso contrario, sarebbe utile se indichi cosa ti manca.
Quattro risposte:
#1
+14
T.E.D.
2015-05-05 19:50:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'era una certa quantità di antagonismo naturale tra l'Occidente e i Bizantini. Parte di questo era religioso: appartenevano a diverse sette del cristianesimo, e quindi spesso si consideravano l'un l'altro come poco meglio degli eretici o dei musulmani. Un'altra parte era commerciale. Il poco commercio che aveva l'Occidente era in diretta concorrenza con i Bizantini, la cui posizione geografica costringeva i mercanti occidentali a pagare qualsiasi tariffa richiesta (o tentare di intrufolarsi nel Bosforo).

Anche così, nel marzo del 1095 i rapporti si sono fatti abbastanza caldi ei bizantini sono diventati abbastanza disperati da chiedere aiuto all'occidente. Questa era solo una semplice richiesta di mercenari per aiutare contro i Selgiuchidi.

Tuttavia, papa Urbano II aveva in mente una visione più grandiosa. Convocò il Consiglio di Clermont, dove sostenne che era un dovere morale cristiano aiutare i bizantini contro i musulmani. Lo sostenne con un editto che vietava ai cristiani di fare la guerra ai cristiani tranne che nei giorni feriali alternati (!), E con un discorso entusiasmante che è stato distribuito e letto pubblicamente dal clero in tutta l'area cattolica.

Il risultato è stato le Crociate, che durarono circa 2 secoli, e una delle quali, ironicamente, finì per amministrare il colpo di grazia sull'impero bizantino.

Va notato che le crociate (beh, la prima) in effetti tolsero un certo peso dall'impero bizantino e ritardarono l '"inevitabile" per il destino dell'Impero bizantino. Se dovessi speculare, se i veneziani non abbiano dirottato la quarta crociata, causando il saccheggio di Costantinopoli, c'è una possibilità che l'Impero bizantino avrebbe potuto negare. Tuttavia, se nessuna delle Crociate fosse avvenuta, sono sicuro che l'Impero Bizantino sarebbe alla fine caduto.
#2
+11
moquette
2015-05-06 00:39:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Tieni presente che la IV crociata menzionata nella prima risposta ha portato alla presa di Costantinopoli da parte principalmente di truppe veneziane nel 1204. Ciò ha provocato una guerra civile di lunga durata tra i Latini e i Bizantini. di ritorno dai Bizantini nel 1261, ma l'Impero non riguadagnò tutto il suo territorio e la sua ricchezza.

Affrontando la minaccia tukish, Byzance ha cercato di ottenere l'aiuto di Roma unendosi alla Chiesa latina. le Chiese ortodosse hanno firmato l'unione "Laetentur coeli" con il latino durante il Concilio di Ferrafa-Firenze del 1439, unione spesso rifiutata dal clero e dalla popolazione. L'Unione, infatti, indebolì la Chiesa ortodossa. La Chiesa greca ne ha ripudiato firma. Nel 1441 la Chiesa russa proclama la sua indipendenza, imprigionando il Patriarca di Kiev (divenuto poi cardinale e poi Patriarca latino di Costantinopoli) .Nel 1451 anche il patriarca bysantine unionista deve cercare rifugio a Roma. "scisma bizantino" è il pretesto formale per il papa Nicola V di non aiutare bizantino. Dopo che l'Unione fu proclamata a Costantinopoli nel dicembre 1452, il papa ha cambiato idea, ma il suo appello per una nuova crociata non ha avuto successo.

Il mondo latino fu scoraggiato dalla sconfitta di Varna nel 1444. Entro il 1453, l'Ungheria e Venezia furono vincolate da numerosi trattati con Mehmed II il Conquistatore, i francesi e gli inglesi erano in guerra l'uno contro l'altro. Infine, solo Venezia e Gene hanno inviato un aiuto limitato.

In realtà è discutibile se l'entità ricostituita dopo il 1261 debba più essere considerata "l'Impero bizantino". Sono dell'opinione che non dovrebbe, ma capisco l'argomento di coloro che pensano che dovrebbe.
(Oh ... +1, ma aggiungi alcuni collegamenti ipertestuali per cose qui come Varna, la riconquista, il Consiglio FF, ecc. E migliorerai notevolmente questa risposta).
#3
+3
Tyler Durden
2015-05-05 19:08:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La domanda necessita di un periodo di tempo, ma supponendo che tu stia chiedendo del periodo in cui Costantinopoli cadde nel 1453, la vecchia mappa sotto mostra la situazione:

Constantinople 1453

Come puoi vedere dalla mappa, Costantinopoli si trovava in una situazione disperata, completamente circondata dal territorio turco per centinaia di chilometri. L'unica potenza europea che poteva aiutarli era la Repubblica di Venezia, che ancora controllava la rotta marittima verso Costantinopoli, un filo sottile di un'ancora di salvezza. Venezia controllava il leggendario porto di Negroponte, mostrato come un punto rosso sulla mappa, e da questo collegamento collegato a Costantinopoli e oltre a Trebisonda nel Mar Nero. Questa preziosa rotta commerciale è stata mantenuta aperta nonostante fosse completamente circondata dal potere turco. Venezia ha fatto quello che poteva, ma alla fine le forze turche sono diventate travolgenti.

Venezia era sempre contro i bizantini, erano loro che attiravano i crociati a Costantinopoli. Sembra che li confonda con il Genoa che in effetti ha aiutato un po '.
@Anixx - Venezia era in effetti la festa principale a cui pensavo quando ho menzionato la rivalità economica nella mia risposta. Tuttavia, "sempre" è un po 'estremo. Venezia era l'ultima parte dell'ovest sotto il dominio bizantino (all'inizio del IX secolo) e fino al XII secolo aveva una concessione commerciale esclusiva con Costantinopoli (da qui la sua ricchezza). Successivamente ci fu un diverbio, la concessione fu invece data a Genova, e questo fu ciò che pose le basi per lo sventramento dell'Impero bizantino che fu la 4a Crociata 20 anni dopo.
Venezia era vagamente alleata con Costantinopoli nel periodo di cui sto scrivendo (1450-1453), e infatti, inviò persino una flotta per aiutare a difendere Costantinopoli durante l'assedio (anche se arrivò troppo tardi). Genova non ha avuto un contributo significativo alla guerra. Tuttavia, il Papa inviò diverse navi per aiutare Costantinopoli.
Un punto chiave era che le forze terrestri cristiane europee avevano perso sia la battaglia di Varna del 1444 che quella del Kosovo del 1448 e quindi non potevano raggiungere una Costantinopoli che aveva distrutto se stessa e le sue risorse in quattro guerre civili nel XIV secolo, anche dopo il 1261 riconquista della città dai latini.
#4
+3
user26763
2017-09-08 05:57:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel 1054 si verificò il grande scisma; questa era una "scissione" ufficiale o, in realtà, un divorzio concordato di comune accordo tra il papa cattolico romano (cioè "il vescovo di Roma") e il patriarca greco di Costantinopoli. Più specificamente, il Grande Scisma era una divisione o un divorzio tra le Chiese di rito occidentale e orientale.

Sebbene l'Impero bizantino fosse un impero misto romano e greco-romano durante i primi 275 anni del suo regno imperiale, divenne un impero cristiano orientale sempre più greco a partire dai primi anni del 600 con l'incoronazione dell'imperatore Eraclio. Dal 606 fino al 1206 l'impero greco-bizantino dominò il mondo cristiano orientale e crebbe in potere e influenza. La città di Costantinopoli era una delle più grandi città del mondo e Costantinopoli era, di gran lunga, la città cristiana più grande e sofisticata del mondo in quel momento. Per il Papa, gli stati papali, così come la linea (abbastanza lunga) dei Sacri Imperatori Romani, Costantinopoli, erano il pacchetto premio per un'invasione. La cittadella bizantina, sarebbe un'importante conquista preliminare prima di raggiungere la Palestina musulmana (in particolare, Gerusalemme). Gli eserciti crociati dell'Occidente (con la benedizione del Papa) conquistarono Costantinopoli nel 1206 e occuparono la cittadella bizantina fino al 1256; questo ha segnato la svolta storica per la Costantinopoli greco-cristiana medievale.

A partire dal 1256, la città di Costantinopoli, appena liberata, dovette ora affrontare la minaccia turca musulmana selgiuchide che si avvicinava alla città e all'Asia Minore occidentale. Sebbene Costantinopoli riacquistò la sua indipendenza dai crociati, non fu in grado di tornare al suo status preminente e, a sua volta, il potere e il governo dell'Impero bizantino si trasferirono a sud nel Peloponneso, in particolare nella città interna di Mystras- (vicino all'antica Sparta). Dal 1256, fino al maggio 1453, Costantinopoli (simile a Roma dopo la Pax Romana di 1000 anni prima), divenne una città polena, nonché una città militarizzata a difesa costante dall'invasione e dalla trappola dei musulmani turchi selgiuchidi. Sebbene Costantinopoli, nonostante il suo status tormentato, continuò a rimanere la capitale del cristianesimo di rito orientale. Tuttavia, nel maggio 1453, era il sipario per Costantinopoli e la città fu invasa, conquistata e occupata dai turchi musulmani selgiuchidi.

Anche se sembra esserci uno spirito di ecumenismo religioso e riconciliazione tra Oriente e Chiese occidentali dallo storico Concilio Vaticano II del 1965, non bisogna dimenticare l'amarezza e l'inimicizia profondamente radicate che esistevano tra le 2 Chiese dal 1054 e soprattutto dal 1206. Il papato odiava Costantinopoli ei sentimenti della leadership bizantina nei confronti del papato a Roma erano mutual- (questo POTREBBE essere stato il periodo in cui la parola "bizantino" è diventata una parte del dizionario occidentale, sebbene con un significato peggiorativo se letta da occhi occidentali).

Nel 1400, le élite accademiche, finanziarie e persino alcune religiose greche sfuggirono all'avanzata turca musulmana selgiuchide verso Costantinopoli e si trasferirono in Veneto nel nord-est dell'Italia, in particolare a Venezia. Al contrario, i veneziani avevano occupato una parte considerevole delle isole greche e del Peloponneso (anche durante i primi anni dell'occupazione ottomana della Grecia). Sebbene i nuovi arrivati ​​greci nel Veneto avessero diversi preziosi manoscritti antichi da offrire ai fiorenti studiosi e luminari del Rinascimento dell'Italia settentrionale, vivere come un greco cristiano orientale in un mondo cattolico romano sempre più occidentale era travolgente e oscuro. In altre parole, il cattolicesimo romano, come teologia, una presenza politica, nonché un importante motore culturale, aveva trionfato sul cristianesimo bizantino con la caduta di Costantinopoli nel maggio 1453- (Tuttavia, un tale trionfo per la Chiesa cattolica si è rivelato essere alquanto effimero sulla scia di una crescente presenza globale di cristiani ortodossi russi, così come con l'ascesa di Martin Lutero e la Riforma protestante).

L'eliminazione del potere globale del Patriarca bizantino, così come l'eliminazione del potere dell'Imperatore bizantino, portò al consolidamento del potere teologico e territoriale del Papato a ovest di Costantinopoli ... ma NON al (immediato e semi-distante) A NORD di Costantinopoli ..... questi territori divennero parte del più vasto impero turco musulmano ottomano.

Quindi ci sono molte ragioni per cui l'Occidente europeo è rimasto distante dal musulmano -Lotta cristiana per il potere a Costantinopoli durante il tardo medioevo e la prima età moderna. Non esiste una risposta singolarmente radicata a questa domanda; è complesso nella sua spiegazione e continua a suscitare un grande dibattito fino ad oggi.

Selgiuchidi? Sono stati fatti nel 13 ° secolo. Non intendi ottomano?


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...