Domanda:
Qual era la dimensione della superficie di un raccolto di cereali necessaria per uomo all'anno durante il Medioevo nell'Europa occidentale?
The Unholy Metal Machine
2013-06-13 20:25:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se sono un contadino durante il medioevo, quale superficie (in metri (<- sono in anticipo sul mio tempo)) devo coltivare per ottenere abbastanza cereali (per pane e birra)?

quanti cereali (in kg (<- ancora una volta, sono in anticipo sul mio tempo) questa superficie fornirà all'anno?

[L'articolo di Wikipedia sulla rivoluzione agricola britannica] (http://en.wikipedia.org/wiki/British_Agricultural_Revolution#Maximizing_crops) presenta una tabella pertinente alla seconda parte della tua domanda (in bushel per acro, però)
Ecco un documento dai riferimenti: [English Agricultural Output And Labor Productivity, 1250–1850] (http://www.basvanleeuwen.net/bestanden/agriclongrun1250to1850.pdf)
ma immagino che il periodo dell'età oscura sia intorno al 500-1000 d.C. Comunque darò un'occhiata
Non c'è stato molto in termini di progressi tecnologici nell'agricoltura, almeno non di cui siamo a conoscenza, tra la caduta dell'Impero Romano in Occidente e l'inizio del periodo a cui si fa riferimento in quel documento. problema, ovviamente, con quanto sappiamo di quel periodo di tempo. Potresti guardare i raccolti dell'antica Roma e potresti guardare i raccolti del periodo medio-medievale, e quella zona 500-1000 potrebbe essere molto lontana da quella. Non ci sono molte prove disponibili, almeno non dall'Occidente.
Non nei rapporti tecnologici dell'agricoltura. Ma nelle relazioni sociali dell'agricoltura in tutta Europa si sono verificati cambiamenti significativi. Inoltre, prendendo il lavoro Power-Postan: il limite principale nei secoli bui è la distribuzione sociale della proprietà, non una divisione razionale della sussistenza della terra.
Potenzialmente interessante: l'unità di terra sassone medievale, un nascondiglio, era di 120 acri e considerata come sostegno di "una famiglia".
Quattro risposte:
#1
+21
Andrei Albu
2014-11-02 15:07:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In epoca carolingia, la resa del grano in terreno medio era 2: 1. Per ogni seme piantato, ne hai raccolti due. A partire dall'XI secolo, una tendenza al rialzo portò la produttività agricola a una media di 4: 1. Ciò significava 8-12 bushel (200-300 kg) di grano per acro. Concludiamo solo che in epoca carolingia, nell'Europa occidentale, un acro di terra dava 4-6 staia (100-150 kg) di grano. Dal momento che non è chiaro se la resa assoluta sia aumentata o semplicemente il rapporto seme / seme. Potrebbe anche essere che l'appezzamento carolingio medio fornisse 8-12 staia per acro, e metà di esso fosse tenuto come seme. Andiamo con la seconda ipotesi, poiché una resa assoluta di 4-6 staia avrebbe significato 2-3 utilizzati per il consumo. Diciamo che un acro ha dato 8-12, e 4-6 sono stati ripiantati l'anno successivo, mentre dopo la rinascita agricola dell'XI secolo, solo 2-3 sono stati ripiantati, lasciando 6-9 per il consumo.

Un essere umano medio aveva bisogno di 14-24 bushel di grano all'anno per sopravvivere. Diciamo che i bambini si trovassero al margine inferiore, mentre gli adulti a tutti gli effetti e laboriosi a quello superiore. Pertanto, erano necessari 4-6 acri per sostenere un individuo. La tua famiglia composta da 2 adulti e 2-3 bambini. Avresti avuto bisogno di 72-86 bushel per famiglia - 12-22 acri. Ma poi, di nuovo, suppongo che come rendimento assoluto 8-12 sia piuttosto alto per il Medioevo. Io andrei con 6-8 staia per acro di resa lorda, 3-4 netti. Ciò lascia un necessario di 6-8 acri per individuo, circa 30 per una famiglia. Nell'alto medioevo, è risaputo che erano necessari 10-15 acri di terra per sostenere una famiglia media.

Modifica successiva: Oops! Scusa, ho dimenticato di prendere in considerazione la rotazione delle colture. Circa la metà della terra è stata lasciata incolta. La conseguenza di ciò è che anche se in termini assoluti 6-8 acri producevano abbastanza grano per nutrire un individuo, i suoi bisogni a lungo termine di terra erano raddoppiati - 12-16 acri (~ 5-6 ettari). Pertanto, una famiglia media avrebbe potuto richiedere anche 50 o 60 acri (~ 20-25 ettari) di terreno coltivato.

Riferimenti: "Life in a Medieval Village" di F. & G. Gies - un libro molto accessibile, dal punto di vista del prezzo e del contenuto, ma non privo di profondità.

"Rural Economy and Country Life in the Medieval West " di G. Duby è un lavoro accademico molto completo, a volte rauco. (Quasi tutta la Annales School è ossessionata dalle tendenze macro-storiche demografiche ed ecologiche.)

"Early Medieval Settlements: The Archaeology of Rural Communities in North-West Europe, 400 -900 " di Helena Hamerow

" Contadini nel Medioevo " di Werner Rosener

"La storia agraria dell'Europa occidentale" di Slicher van Bath

"La vita contadina nell'ovest medievale" di Robert Fossier

"Agricoltura e tecnologia medievali: l'impatto dei cambiamenti agricoli nell'Europa nordoccidentale" di Grenville Astill e John Langdon

Grazie! Informazioni interessanti! Stavo indovinando circa 5 ettari, che sono circa 12 acri ... non era un gran che, no? In una nota a margine ... il clima potrebbe aver giocato un ruolo importante, il Medioevo era -come lo sappiamo ora - durante una "piccola era glaciale", che avrebbe potuto ridurre ulteriormente le rese. Inoltre, da un terzo a un quarto delle calorie giornaliere provenivano da fonti diverse dai grans, che richiedono meno spazio. Forse quei due si sono bilanciati alla fine ...
@Andrei, molto bene, sembra che tu conosca questo argomento. Se conosci dei libri che parlano di questo, mi interesserebbe conoscerli.
12 acri è un'ipotesi abbastanza buona, sì. La "Piccola era glaciale" iniziò proprio quando il Medioevo iniziò a svanire - c. 1400 d.C. È durato fino a c. 1800. Il clima ha questi cicli macro-storici, ciascuno della durata di circa 3-5 secoli, a quelli freddi seguiti da quelli caldi e viceversa. La rinascita agricola dell'XI secolo, infatti, inizia proprio quando il ciclo freddo che ha segnato la seconda metà del primo millennio ha ceduto il passo a uno caldo. Il riscaldamento del clima è stato un fattore importante nel successivo aumento della produttività agricola.
A quei tempi, quasi tutto l'apporto calorico proveniva da prodotti a base di cereali, trasformati in pane o consumati direttamente come minestra. La carne era scarsa. In una pentola / stufato medio potresti aver trovato un pezzo di pancetta molto salato e malandato. Anche i prodotti forestali hanno probabilmente giocato un ruolo significativo, dato che c. allora tre quarti dell'Europa erano ricoperti di boschi. Eppure è risaputo che l'apporto calorico del grano costituiva circa il 90% del totale.
@bob - Gentilmente. Uno molto bello è "Life in a Medieval Village" di F. & G. Gies. Quasi tutta la Annales School è ossessionata dalle tendenze macro-storiche demografiche ed ecologiche. "Economia rurale e vita di campagna nell'Occidente medievale" di G. Duby è un titolo piuttosto rappresentativo. Titoli accademici piuttosto buoni sono anche: "Early Medieval Settlements" di Helena Hamerow, "Peasants in the Middle Ages" di Werner Rosener, "The Agrarian History of Western Europe" di Slicher van Bath o "Peasant Life in the Medieval West" di Robert Fossier.
@AndreiAlbu Questi sono ottimi riferimenti; potresti incorporarli nella risposta?
@Mark C. Wallace - Gentilmente. Fatto.
Ti sembra utile ripiegare in questo commento da sotto la domanda? * l'unità di terra medievale sassone, un nascondiglio, era di 120 acri e considerata per sostenere "una famiglia *" da @Jack Aidley (Adoro la tua risposta, grazie e +1)
Il versoio ha sicuramente migliorato le cose, ma ** [vedi qui] (https://tenthmedieval.wordpress.com/2010/01/14/21-against-the-misconception-about-carolingian-cereal-yields/) per un contrappunto contro "il malinteso sulla resa dei cereali carolingia" essendo solo 2: 1 **.
#2
+9
h22
2014-10-28 01:16:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Circa 0,25 wallach erano sufficienti per mantenere una famiglia (quindi almeno due adulti e tutti loro bambini) su un buon terreno in territorio lituano intorno al 1600. La dimensione del wallach era di circa 21,3 ettari, quindi 21 3000 metri quadrati o 52,6 acri. La stessa Wallach era una norma per una vita relativamente facile e dignitosa. La famiglia era una squadra e tutti avevano ruoli di lavoro specializzati, compresi i bambini più grandi. Probabilmente nessuno potrebbe essere così efficiente con la sola parte proporzionale della terra.

L'area appena sufficiente per coltivare i raccolti non è sufficiente perché la rotazione delle colture è richiesta solo quando si utilizzano tecnologie medievali.

#3
+5
Matthaeus
2014-10-28 23:03:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dipende molto da cosa ci hai coltivato, da dove e da quanti strumenti avevi a disposizione.

In genere le verdure avevano rese più elevate, ma erano più difficili da raccogliere. Quindi il motivo per cui il grano è diventato un alimento base è che c'era spazio appena sufficiente per essere coltivato. I legumi erano anche un alimento base; fornivano più calorie per ettaro oltre a portare le proteine ​​tanto necessarie. La rotazione delle colture richiedeva che un campo su tre fosse a riposo, ma gli animali da allevamento potevano pascolare su quello fornendo diversità alimentare.

La resa del raccolto è stata molto migliore nell'Europa meridionale che nel Nord Europa, specialmente nelle fertili valli fluviali. Potresti coltivare più grano, tagliare l'erba più spesso (più fieno), raccogliere più spesso e coltivare variazioni migliori / meno resistenti al freddo delle colture di base. Al nord si doveva fare affidamento su orzo e segale al posto del grano, poi patate, riso e mais hanno migliorato il rapporto calorie per ettaro sia al sud che al nord. Nel sud avevano anche l'olio d'oliva, che era una risorsa preziosa, perché aveva rese caloriche elevate e fabbisogno di suolo relativamente basso.

Attrezzature, formazione, accesso alla tecnologia e ulteriori fonti alimentari e politica fiscale del tuo anche il signore locale gioca un ruolo importante. Ovviamente dovevi comprare e vendere merci per pagare le tasse e comprare nuovi strumenti. Se per vari motivi non fossi stato un servo, le tasse avrebbero potuto svolgere un ruolo minore. Ad esempio uno yeoman in Inghilterra o un "Freibauer" in Tirol erano esentati dalle tasse feudali. Vivere vicino ai monasteri spesso forniva un aiuto extra per quanto riguarda le tecnologie agricole, poiché anche i monasteri lo diffusero. Se avevi animali da fattoria dovevi lavorare molto meno da solo , risparmiando anche molte calorie.

Infine, da dove vengo (le Alpi) nel XIX secolo 3 ettari erano sufficienti per la sussistenza e un piccolo extra per una famiglia (madre, padre e da qualche parte tra i 5-20 bambini di solito impiegati nella fattoria) se avessi una buona fattoria nel fondovalle. I pascoli alti e simili di solito richiedevano diverse dozzine di terra. Poiché gran parte della tecnologia di raccolta sui pascoli alti e le loro condizioni di vita ora sono più o meno le stesse del Medioevo, ad eccezione delle migliori razze di vacche, sono un buon indicatore di cosa una famiglia potrebbe aver bisogno. Tenendo conto che l'allevamento di animali richiede molto spazio, le persone erano più piccole e il tenore di vita più basso, le mucche davano meno latte e che avevi fonti secondarie (pesca nei laghi, caccia nelle foreste durante l'inverno) - immagino che una famiglia di contadini non viventi in alta quota con un buon terreno e una buona posizione, probabilmente viveva per meno di 5 ettari.

EDIT: sebbene come regola generale i raccolti siano migliori nel clima dell'Europa meridionale, si devono tenere in considerazione le precipitazioni , non l'ho fatto. Anche alcune delle parti nord-orientali dell'Europa sono ricche della cosiddetta terra nera, che è come una miniera d'oro per gli agricoltori.

#4
+1
Sebastjan Slavitis
2017-06-05 00:08:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se si dice che la resa di un acro è di 8 bushel, il tuo acro produrrà 8 bushel lavorando in un sistema a tre campi, quindi avranno bisogno di 70 bushel per il cibo (5 membri) e 18 per seme = 88 bushel. staia = 11 acri. (nell'undicesimo secolo +)

H: SE scoraggia le risposte che commentano altre risposte, in particolare quelle che si limitano a offrire opinioni contrastanti. Potete fornire ricerche che rispondano alla domanda?
Le risposte sono riservate ai contenuti che rispondono alla domanda posta. Quando hai partecipato abbastanza positivamente da ottenere una reputazione sufficiente, sarai in grado di commentare altri post. Nel frattempo, sto modificando il contenuto di questa risposta che non risponde alla domanda. Ma probabilmente avrai ancora bisogno di alcuni riferimenti per rendere questa una buona risposta.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...