Domanda:
Qual è l'origine dei nomi dei giorni feriali indiani?
Anubhav C
2012-12-09 17:56:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I giorni della settimana in diverse lingue indiane prendono il nome dagli stessi pianeti / dei dei giorni della settimana greco-romani.

Questi derivano da una fonte comune precedente a entrambi (Torta?), O la settimana greco-romana è stata importata in India in un momento successivo?

Il link che hai fornito di Wikipedia risponde alla tua domanda ...
Puoi indicare le frasi in quell'articolo che secondo te rispondono a questa domanda?
Innanzitutto, il tag del titolo: "Indian __astrology__". Secondo, quel tavolo stesso. "Vaar" in hindi significa "giorno". E quei corpi celesti erano gli unici visibili ad occhio nudo, in quell'ordine. Ecco perché abbiamo scelto solo loro ...
Bella risposta, ora dimostra di non averlo inventato. Dove sono le prove che (a) gli antichi indiani consideravano che fosse l'ordine del Navagraha ** e ** (b) l'ordine dei giorni feriali era derivato dall'ordine del Navagraha, e non il contrario? Una risposta basata su Navagraha solleverebbe domande su (a) perché la settimana indiana ha sette giorni invece di nove (b) perché i greci usavano la stessa sequenza di giorni feriali, anche se [assegnarono ai corpi celesti un ordine diverso] (http: //www.newenglishreview.org/Robert_Wolfe/Calendar_Wars/) (ctrl-F caldeo)
Con il senno di poi, si può presumere perché questa o quella convenzione sia stata usata. Bene, è qualcosa di interessante; misterioso (questo è ciò che amiamo); qualcosa di facile da notare. Inoltre, immagino, sette fosse considerato ** santo ** e il numero di corpi celesti visibili lo corrispondeva. E sette è anche un numero ragionevole da utilizzare nei giorni feriali. _Perché la settimana indiana ha sette giorni invece di nove? - Ho già risposto alla domanda nel mio commento precedente. Si conoscevano solo i sette. 5 pianeti, un sole e una luna.
Sono stati chiamati [Navagraha] (http://en.wikipedia.org/wiki/Navagraha) (* nine graha *) per un motivo. Rāhu e Ketu, che oggi chiameremmo nodi lunari, erano considerati corpi celesti alla pari degli altri sette dagli antichi indiani. Se la settimana fosse stata ispirata dall'astrologia indiana (cosa che sono abbastanza sicuro che non fosse), avremmo dovuto avere una settimana di nove giorni, non di sette giorni.
Inoltre, ti rendi conto di quanto siano privi di senso i tuoi commenti? "Perché i giorni della settimana sono denominati in quest'ordine?" "Perché i graha sono stati ordinati in quel modo." "Come sappiamo che i graha sono stati ordinati in quel modo?" "Perché i giorni della settimana sono denominati in quest'ordine." Il tuo ragionamento è circolare.
Ti dispiacerebbe venire a chattare? Sta diventando denso qui!
Cerchiamo di [continuare questa discussione in chat] (http://chat.stackexchange.com/rooms/14834/discussion-between-awal-garg-and-anubhav-chattoraj).
Francamente, non credo che questa discussione possa portare a qualcosa di utile. Lo sto finendo dalla mia parte.
Forse avrebbe potuto essere. Addio!
Non sono sicuro che questa sia una domanda di storia ....
Cinque risposte:
#1
+9
sunil parkar
2016-04-14 14:18:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nessuno dei libri mitologici indù o purana menziona i nomi della settimana, oggi ciò che usiamo come VAAR (Ravi, Som, Mangal, Budh. Brihaspati, Shukra e Shani) è la versione tradotta del sistema occidentale, esso era solo il THITHI secondo il calendario lunare seguito dappertutto. i nomi della settimana sono recenti e non hanno origine nella mitologia indiana (nessuna religione seguita in India).

Grazie per aver risposto! Hai una fonte che mostra le origini dei nomi dei giorni feriali moderni (vaar)?
#2
+8
Tyler Durden
2015-03-24 22:45:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Gli antichi indù non usavano regolarmente i "giorni della settimana" (sebbene siano attestati). La ragione di ciò era che il calendario indù prima del 1100 d.C. utilizzava tempi medi (chiamati madhyama ) e questo può spostare i giorni da un mese all'altro. Avevano una divisione in giorni assegnati come un giorno a ciascun pianeta come segue:

  1. Ravivara
  2. Somavara
  3. Mangalavara
  4. Budhavara
  5. Brihaspatvara
  6. Sukravara
  7. Sanivara

Questo è solo uno schema di denominazione possibile e molti altri possono essere trovato in antichi scritti indiani.

Più importante tra gli antichi indù era il calendario lunisolare in cui ogni giorno era numerato, simile al metodo dei romani. Come i romani, il mese era diviso in due quindici giorni di 15 giorni, il primo era suddha (crescente) e il secondo era bahula (calante).

Nota che non esiste un calendario regolare in India, ma molti di essi sono di uso comune per vari scopi. Si stima che oggi ci siano circa 30 diversi calendari comunemente usati in India.

"Calendrical Calculations" di Dershowitz e Reingold (Cambridge University Press, 2008).

Il fatto che gli indiani utilizzino i nomi norreni della settimana è dovuto all'influenza del portoghese e dell'inglese.

* ... è dovuto all'influenza del portoghese e dell'inglese. * Il portoghese? Ma i giorni feriali portoghesi non hanno avuto nulla a che fare con pianeti e divinità per secoli! Come hanno influenzato?
Martinho de Braga, vescovo di Braga, ha coniato i giorni feriali attualmente utilizzati in Portogallo nel VI secolo.
#3
+1
John Dee
2019-03-30 05:40:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La settimana di sette giorni è di origine sumera o babilonese. Anche la componente astrologica è babilonese. Il sette era un numero importante per i babilonesi; il mondo è stato creato in sette giorni, gli Annunaki erano sette dei.

I persiani e gli ebrei l'hanno adottato dai caldei. I Greci lo adottarono nel IV secolo a.C. Divenne comune a Roma durante la prima era imperiale, a causa di un afflusso di ellenismo e giudaismo. Ha sostituito la settimana romana di 8 giorni entro la fine del periodo giulio-claudia, ma non è stata ufficializzata fino a Costantino. (1)

La settimana di 7 giorni compare nella storia indiana durante il periodo Gupta (III-V secolo d.C.). Il suo aspetto simile in Cina durante il IV secolo è attribuito ai monaci manichei. (1)

(1) Wikipedia- Week

Questo è completamente sbagliato. Né i Sumeri né i Babilonesi avevano una settimana di sette giorni. https://blogs.ucl.ac.uk/calendars-ancient-medieval-project/2015/07/08/the-origins-of-the-seven-day-week/
@fdb Cambierò la mia risposta, ma non perché sia ​​"completamente sbagliata". Molto probabilmente ha a che fare con la definizione di una settimana. I.E. il settimo, ventunesimo e ventottesimo giorno babilonese era un dispositivo "schematico", non un ciclo.
#4
-1
Suvarna
2018-08-28 15:16:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sette giorni della settimana sono come da antico calendario indù. Anche in Navgraha Stotra stesso ordine. Ottavo e nono nome di Graha non inclusi perché .. Rahu e Ketu non sono considerati buoni.

Gli antichi indiani erano soliti fare ricerche su molti argomenti come yoga, ayurvedico, astronomia e così via.

Mentre questo afferma la preesistenza di una settimana di sette giorni in India, questo non affronta realmente la questione di come è stata introdotta la denominazione greco-romana. Inoltre trarrebbe vantaggio da alcune fonti.
Le fonti migliorerebbero questa risposta
#5
-1
ILAMPARITHI
2019-03-29 20:54:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'induismo non è il luogo di nascita dei giorni feriali o dei pianeti! Scioccato ?! .. continua a leggere .. Questo perché c'erano diverse religioni indiane in India prima che tutto fosse combinato in una sola negli ultimi secoli Quindi arrivando alla risposta sui giorni della settimana puoi vedere più di duemila anni templi nell'India meridionale che hanno divinità per ogni pianeta la domenica prima perché ci vuole un solo giorno per la rivoluzione intorno alla terra, la luna impiega un mese seguito da altri pianeti che potrebbero essere la ragione per la sequenza dei ringraziamenti



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...