Domanda:
C'è mai stato un paese veramente bilingue prima del periodo contemporaneo?
Gort the Robot
2019-08-16 23:29:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ciò che intendo con questo è: c'è mai stato un paese in cui la maggior parte della popolazione parlava due lingue diverse come ovvio?

Questa domanda è in qualche modo ispirata da questo video in cui Simone Giertz dice che "tutti in Svezia imparano l'inglese da quando hanno otto anni". Per le mie orecchie americane, parla un inglese quasi impeccabile e privo di accenti al punto che io, come madrelingua, non penserei nemmeno di rendermi conto che non lo era altrettanto. Ha anche ricordato una scena del film norvegese Trollhunter in cui alcuni norvegesi si imbattono in alcuni idraulici polacchi. La conversazione sottotitolata è inizialmente confusa, poi entrambe le parti passano all'inglese per capirsi. Ancora una volta, i norvegesi parlano inglese solo con un accento lieve.

Questa è stata anche la mia esperienza professionale, lavorando per un'azienda che ha un'alta rappresentanza svedese a causa di fusioni passate. Ora ovviamente c'è qualche pregiudizio su chi lavorerebbe negli Stati Uniti, ma di nuovo, spesso non mi rendo nemmeno conto che qualcuno è svedese finché non inizia a usare la lingua. Questo è in contrasto con molte altre persone nate all'estero con cui lavoro, dove, anche quando il loro inglese è abbastanza buono, c'è ancora un accento chiaro. Un paio di colleghi svedesi mi hanno detto che "beh, tutti in Svezia conoscono l'inglese". (Ho anche alcuni colleghi belgi e la situazione è simile.)

Quindi sembra che in quell'area del mondo, ci sia una situazione in cui una lingua "madre" viene utilizzata internamente mentre un'altra lingua viene utilizzata per parlare con persone al di fuori del paese. Mi sono chiesto se questa è una cosa sostenibile. Se andiamo avanti di cento anni nel futuro, la Scandinavia diventerà un territorio di lingua inglese o persisteranno lingue come lo svedese, il norvegese, ecc. In altre parole, ciò che vediamo oggi in Scandinavia è una situazione transitoria sulla strada per il dominio inglese, o un passaggio a qualcosa di diverso, con lingue native e una "lingua comune". Quindi ero curioso dei precedenti storici.

Ora so che questo non è stato insolito per le élite. Ad esempio, in epoca romana, la maggior parte dei romani alfabetizzati parlava greco, e in molti periodi in Europa le élite parlavano il francese tra loro piuttosto che la loro lingua madre. Ma sono più interessato alla maggior parte della popolazione.

Ci sono stati periodi prima dell'era moderna in cui la maggior parte della popolazione in alcune regioni conosceva due lingue quasi perfettamente. A tal fine, possiamo definire "prima dell'era moderna" come "prima della seconda guerra mondiale".

È importante che siano esattamente due? Credo che attualmente l'India abbia due lingue nazionali ufficiali e alcune lingue "ufficiali" a livello locale in singoli stati e territori.
Il termine tecnico per questo tipo di bilinguismo è [diglossia] (https://en.wikipedia.org/wiki/Diglossia) *. ma i tuoi esempi non si qualificano in quanto ciò non avviene nella comunità; Gli svedesi tra loro parleranno svedese e se andrai a vivere in Svezia dovrai comunque imparare lo svedese per vivere come cittadino e non come straniero.
@T.E.D. Quando si studiano queste situazioni ciò che è importante è che le lingue condividano un territorio. La Svizzera ha 4 lingue, ma ogni cantone ha solo una lingua ufficiale. L'hindi contro una lingua locale conterebbe, ma una lingua locale a Mumbai rispetto a una lingua locale in Kachemir non si influenzerebbero a vicenda.
In ogni caso penso che sia più una questione di linguistica. E quando chiedi bene esempi stabili, niente è stabile se aspetti abbastanza a lungo ...
@T.E.D. Non sto parlando di lingue "ufficiali". Sto parlando di aree in cui la maggior parte dei residenti conosce abitualmente due lingue a livello fluente.
Bene, alcuni anni fa io (un americano monolingue) ho trascorso un mese in Olanda (principalmente intorno a Leida). Per tutto il tempo mi sono imbattuto in un solo residente che non conosceva l'inglese. Questo includeva i mendicanti della stazione ferroviaria!
Gli olandesi sono trilingue il più delle volte. Nella misura in cui ho provato ad andarci, parlano tutti olandese, inglese impeccabile e tedesco impeccabile. Molti parlano anche francese per l'avvio.
Sì, non ho menzionato, ma questo è stato anche ispirato da un viaggio a Vienna dove tutti sembravano parlare correntemente l'inglese, comprese le persone che potresti non aspettarti, come uno Starbucks Barista e un impiegato Gamestop in un centro commerciale fuori dalle zone turistiche. Sono curioso di sapere se questa è una cosa del tutto moderna, o se ci sono state volte in passato in cui è successo.
"A tal fine, possiamo definire" era moderna "come" prima della seconda guerra mondiale "." - Dovrebbe essere "prima della Rivoluzione francese", dopo di che le lingue ufficiali iniziarono davvero a essere introdotte (o riapparire) su uno sfondo di nazionalismo. Prima di allora era assolutamente comune avere più lingue in ogni paese e il multilinguismo era una routine.
@DenisdeBernardy - Non definirei il loro inglese universalmente "impeccabile", ma il peggio di loro era onestamente migliore di molti dei miei amici e colleghi qui negli Stati Uniti. Il mendicante in particolare mi ha davvero sconvolto.
@StevenBurnap - Ancora una volta, l'unica persona che ho trovato in Olanda che non conosceva l'inglese era un impiegato in un McDonald's rurale (e lì potevo solo dire il numero e il punto).
Come regola generale si può affermare che nei paesi in cui la televisione usava solo i sottotitoli (come in Scandinavia negli anni '60 e '70) il popolo ha imparato un inglese più naturale. In altri paesi allo stesso tempo un inglese (scolastico) innaturale era più comune.
Holland era decisamente interessata a mostrare film americani con sottotitoli in TV. L'ho davvero apprezzato.
Anche se sono passati un paio di decenni dall'ultima volta che sono stato in Svezia, non direi che tutti parlassero un inglese impeccabile. La maggior parte delle persone con cui ho interagito parlava abbastanza bene da essere compresa, ma aveva diversi gradi di accento e spesso un vocabolario limitato.
L'impero romano
Forse parte dell'Impero Romano, ma per l'impero nella sua interezza solo il latino era comune.
@StevenBurnap Penso che troverai che il greco era comune almeno quanto il latino al culmine dell'Impero Romano.
La caratteristica distintiva di questa domanda è che la seconda lingua è la stessa per la maggior parte della popolazione. Fu menzionato l'Impero Romano, con il greco come seconda lingua. Ma il greco non era ampiamente parlato dagli analfabeti, ad eccezione della regione del Mediterraneo orientale. Dopo la conquista della Gallia, la maggior parte delle persone parlava una lingua gallica e parlava correntemente il latino.
Commento a margine: la maggior parte degli europei ha un accento sul proprio inglese, le mie orecchie di origine australiana britannica suonano _ vagamente americane_ ma di solito posso dire che è un inglese europeo come seconda lingua, grazie a molta pratica.
Non capisco il motivo addotto ("non sulla storia") per questa sospensione. "Troppo ampio" vorrei capire, anche se questo potrebbe essere risolto limitando il periodo di tempo e chiarendo il significato di "regione".
Il difetto di base di questa domanda è che deriva da interpretazioni di "paese" e "linguaggio" che sono esse stesse moderne e non applicabili alle società e ai sistemi politici antichi o medievali.
Bella domanda, mi è piaciuto dare una risposta.
Devo dire che l'atteggiamento degli olandesi nei confronti di più lingue è molto rinfrescante, i tedeschi e il francese potrebbero imparare molto al riguardo.
Prima della seconda guerra mondiale, il tedesco aveva lo stesso status in Svezia dell'inglese. Nell'autobiografia di Roland Schütt, Kådisbellan, racconta la storia di come suo padre ha incontrato sua madre e suo padre parlava tedesco e sua madre yiddish in modo che potessero comunicare ed erano classe operaia.
Sette risposte:
#1
+33
LаngLаngС
2019-08-17 01:03:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A seconda del periodo di tempo desiderato, ovvero: per quanto tempo un tale stato avrebbe dovuto esistere, o per una regione tale stato, questo potrebbe arrivare a un elenco molto lungo.

Dall'epoca ellenistica in poi, possiamo supporre che in Egitto, ad esempio, le persone nei centri abitati avrebbero capito copto e greco, e in seguito avrebbero aggiunto il latino al mix. La serie di stele multilingue della pietra di Rosetta mi viene in mente facilmente.

Allo stesso modo in Palestina, un mix di lingue coesisteva con persone che conoscevano l'ebraico e l'aramaico, poi anche il greco e il latino. Come esempio del fatto che non solo le élite parlano correntemente più di una lingua, prendi un cittadino romano di origine ebraica e un semplice fabbricante di tende che leggeva l'ebraico ma probabilmente aveva il greco koiné come prima lingua, come dimostra il suo doppio nome: Saul e Paul.

Tuttavia, sin dall'inizio non sono disponibili prove concrete sotto forma di statistiche affidabili, quindi prendi dichiarazioni a riguardo molto tempo fa e soprattutto per il livello della popolazione generale con un equo quantità di sale.

Se guardi una mappa delle lingue europee prima della guerra mondiale, troverai che parlano gaelico inglese, alsaziani che parlano francese e tedesco, belgi che parlano fiammingo e francese, Schleswigers che parlano danese e tedesco e Sorbs che parlano sorabo e tedesco. Più a est troverai polacco / tedesco, kashubiano / tedesco / polacco, ungherese / tedesco ecc. E questo non riguarda solo le élite sociali ma anche la gente comune dei villaggi.

La più antica università tedesca si trova a Praga . Mentre la città parlava nominalmente ceco, Pragerdeutsch era considerato il dialetto più puro di tutte le varianti tedesche.

Prima della guerra basso tedesco: (linguisticamente una lingua completamente diversa dal tedesco standard) la maggior parte delle persone in quella regione sono cresciute quasi esclusivamente parlando basso tedesco ma hanno imparato il loro primo straniero lingua nella scuola dell'obbligo: tedesco standard.

Come tendenza generale: ogni volta che veniva stabilita una lingua franca o si presentavano coloni di lingua straniera, puoi scommettere che la maggior parte di loro imparerà abbastanza di due lingue per commerciare, discutere e insultare i loro vicini. Ogni volta che c'è un confine linguistico, lungo tutta la regione di confine la maggior parte delle persone imparerà almeno alcune delle altre lingue.

Anche se alcune sono troppo arroganti o stupide per farlo. Alcuni sono anche orgogliosi di non sapere o di fingere di non conoscere un'altra lingua. Vai in Francia e sperimenta un po 'di questo adesso. Vai nelle parti di lingua tedesca nominalmente multilingue della Svizzera e renditi conto che la maggior parte delle persone parla davvero un tedesco eccellente, ma la maggior parte si rifiuta di farlo ogni giorno, optando invece per Schwiizertüütsch, che è così diverso dallo standard Tedesco che seguire una conversazione diventa molto difficile.

La cosa più interessante confrontando lo svizzero tedesco con il basso tedesco è che lo sviluppo temporale è esattamente opposto. Dopo gli anni '50 questo tipo di bilinguismo è diminuito per il basso tedesco poiché i parlanti sono stati socialmente discriminati per alcuni decenni, mentre in Svizzera il tedesco standard ha perso un notevole prestigio rispetto alla variante locale. Non da ultimo perché il basso tedesco è ora linguisticamente spesso visto come una lingua distinta e per sensibilizzare al patriottismo locale, si cerca di contrastare la tendenza verso l'estinzione sia ufficialmente che su iniziativa privata. Sembra inoltre che questa conservazione delle varianti e delle lingue minoritarie faccia ora parte della politica dell'Unione europea.

Se sei curioso del bilinguismo molto dinamico all'interno di una conversazione, allora è forse qualcosa come cambio di codice a Hong Kong?

Ho sentito l'olandese della Pennsylvania anche chi parla ha una buona padronanza dell'inglese…

Ovviamente: Città del Vaticano. Lingue ufficiali: latino, italiano

Perché c'erano così tante persone in grado di parlare più di una lingua? Perché non solo il commercio, ma anche il mero contatto lo facilita. E per l'acquisizione della lingua ci sono due finestre di opportunità quando diventa davvero facile padroneggiare davvero una nuova lingua, anche senza avere un accento. Ciò è cambiato solo quando una delle lingue coinvolte non aveva più uno scopo pratico, ha perso il prestigio che avrebbe potuto avere o è stata attivamente soppressa.

Avevo "supposto" che ci fossero tre lingue sulla Stele di Rosetta, perché c'erano abbastanza persone monolingue da rendere necessarie tutte e tre le lingue.
In Vaticano anche i bancomat parlano latino. :-)
`Dai tempi ellenistici in poi, possiamo presumere che per l'Egitto il popolo avrebbe capito copto e greco, e in seguito avrebbe aggiunto il latino al mix. Mi viene in mente facilmente la serie di stele plurilingue in pietra di Rosetta. Non credo che questo sia affatto un presupposto sicuro. L'esistenza stessa della pietra di Rosetta implica che la maggior parte della popolazione capisse solo la propria lingua madre; altrimenti non sarebbe necessario registrare lo stesso editto in triplice copia. Soprattutto considerando che i tassi di alfabetizzazione nel mondo antico in generale sarebbero stati intorno al 10%, quindi coloro che sapevano leggere erano già le élite.
@Semaphore Bene, leggere e parlare o addirittura due cose diverse. Potrebbe anche essere letto come un atto simbolico di politica per l'unità, riconoscendo che ci * sono * persone diverse lì. Sono d'accordo su "sicuro" per la maggior parte. La lingua madre (balia) di Cesare era greca, ma da quel momento raramente abbiamo così "prove concrete" per sicurezza. Intendevo "presumere" come "con una ragione del tutto possibile per molte regioni di mescolanza" ", non" di sicuro, tutti in tutte ". Se pensi a un vero e proprio" downgrade "di ciò che hai citato, Tutto orecchi.
Credo di essere nella categoria "troppo stupido". L'unica cosa per cui non ho mai avuto alcuna attitudine erano le lingue (ironico, considerando che amo la linguistica).
@T.E.D. Una conclusione prematura, molto probabilmente. In generale, ciò diventa più difficile con l'avanzare dell'età, ma anche più facile quanto più altre lingue già conosci e pratichi. La difficoltà percepita potrebbe indicare che non hai ancora trovato il metodo migliore. Un talento per la linguistica suggerisce che, ad esempio, un approccio più analitico potrebbe essere un'opzione preferita all'immersione. Ma indipendentemente dall'età e dai metodi, tutti i nostri cervelli sono cablati per imparare, e soprattutto per l'apprendimento delle lingue.
* Alcuni sono anche orgogliosi di non sapere o di fingere di non conoscere un'altra lingua. Vai in Francia e sperimenta un po 'di questo ora * Ti dispiacerebbe indicare un luogo esatto in Francia dove qualcuno di solito assisterebbe a questo?
"La serie di pietre di Rosetta di stele multilingue ..." _Series_? [citazione necessaria]
@LangLangC - C'erano solo 2 cose a scuola in cui non andavo molto bene; ortografia e lingue. Riuscivo a malapena a passare neanche. Mi ci vuole anche un sacco di volte per imparare i nomi. Come anni a volte. Semplicemente non ho una testa in grado di memorizzare piccoli frammenti di informazioni del genere. La sua possibile immersione sarebbe migliore, ma sono andato in Olanda per un mese e non ho imparato una parola di olandese, quindi l'esperienza dice il contrario. Tuttavia ho imparato per anni alcune frasi off-color in spagnolo giocando a calcio. Ma questo è il tipo di lavoro che mi ci vuole.
Penso che alcune persone abbiano una tendenza naturale a pensare che le cose che sono abbastanza facili da fare per * loro * siano altrettanto facili per tutti gli altri, e quindi le persone che non possono / non vogliono fare quelle cose devono essere stupide o pigre. L'assunto qui ovviamente è che ogni cervello umano è lo stesso. Quello che molte persone non vogliono davvero ammettere è che tutti sulla terra hanno un funzionamento cerebrale molto diverso, e "cognitivamente normativo" è un costrutto sociale, che probabilmente nessuno incontra perfettamente senza lavoro in una o nell'altra area.
@T.E.D. Penso che ci sia anche una tendenza al contrario: le persone che trovano difficili certe cose (forse solo perché non hanno mai avuto un buon insegnante), presumono che le persone che sono brave in questo lo trovano facile
@llama: in alcuni casi potrebbe essere vero. Trovo che se sono disposto a succhiarlo completamente per un po ', posso diventare passabilmente competente in una quantità sorprendente di cose. La maggior parte delle persone ha troppo orgoglio per superare la fase del "faccio schifo in questo". Non ho avuto molti abietti fallimenti nella mia vita con questo approccio. Le lingue sono una di queste. Un esempio più serio è la depressione. Non rimango mai arrabbiato per più di un giorno, ma il lato di mia moglie ne ha una storia e per i miei figli quello che posso fare è come un superpotere. Semplicemente non sarebbero vivi, tanto meno funzionali, senza assistenza medica.
@T.E.D. oh sì, non sto cercando di dire che sei uno di loro, solo che è un mio cruccio che emerge nelle reazioni di molte persone quando dico loro che sono un fisico
#2
+28
Semaphore
2019-08-17 00:37:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Gibilterra

L'inglese è la lingua ufficiale in questo territorio britannico d'oltremare, ma la popolazione parla anche molto correntemente lo spagnolo a causa della vicinanza fisica e delle interazioni sociali con il suo vicino più grande. In effetti, il bilinguismo è così profondamente radicato che la popolazione di Gibilterra si impegna regolarmente nel cambio di codice nel linguaggio quotidiano.

Cioè, passa dall'inglese allo spagnolo mentre parla. Il risultato è Llanito, che Wikipedia descrive come "i parlanti sembrano cambiare lingua a metà frase".

Yanito (o Llanito) è il nome comunemente dato al nativo di Gibilterra così come il vernacolo locale parla. . . Risalente all'inizio o alla metà del diciannovesimo secolo, è stato utilizzato per riferirsi al popolo di Gibilterra che, a quel tempo, era prevalentemente genovese.

Levey, David. Cambio di lingua e variazione a Gibilterra. John Benjamins Publishing, 2008.

Dato che Llanito è emerso nel XIX secolo , possiamo supporre che Gibilterra avesse già una popolazione completamente bilingue a quel punto. Questo è molto prima della scadenza fissata dalla domanda.

Lussemburgo

Il bilinguismo è stato sancito nelle leggi fondamentali del Lussemburgo sin dalla prima costituzione del Granducato, redatta nel 1848. In effetti, l'istruzione bilingue furono incaricati poco dopo che il Lussemburgo moderno ottenne l'indipendenza de facto nel 1839:

In conformità con l'Education Act del 1843, l'alfabetizzazione di base veniva insegnata tramite il tedesco standard e il francese standard veniva insegnato come lingua aggiuntiva nella scuola primaria.

Kaplan, Robert B., Richard B. Baldauf Jr e Nkonko Kamwangamalu, eds. Pianificazione linguistica in Europa: Cipro, Islanda e Lussemburgo. Routledge, 2016.

Il risultato netto dell'impegno per il bilingue (e successivamente trilingue ) è creare una popolazione trilingue:

Trausch. . . conclude che. . . "Dal [tempo della] divisione del 1839, i lussemburghesi si abituarono a usare tre lingue nel corso della loro vita quotidiana: il lussemburghese" nativo ", il tedesco e il francese."

Come Gibilterra, questo multilinguismo quotidiano si è radicato ben prima della seconda guerra mondiale.

Si dovrebbe aggiungere * Letzeburgisch * è un dialetto tedesco fortemente influenzato dal vocabolario francese. È a metà comprensibile per i tedeschi (abbastanza buono per quelli delle regioni tedesche adiacenti), ma per niente per i francesi.
La parte più interessante del lussemburghese è che la "lingua madre" è stata codificata come standard solo nel 1946 e come lingua ufficiale nel * 1984 *! Ammesso che sia più vicino al tedesco standard di molte varianti alemanno, politicamente è notevole che un territorio che si definisce "diverso" si sia astenuto dall'elevare la lingua madre allo status ufficiale per così tanto tempo ...
I miei amici olandesi mi dicono che devono imparare un'altra lingua a scuola; che la maggior parte delle scuole offre inglese, francese e tedesco; che la maggior parte richiede due, molti tre. Lavorando con almeno una dozzina di olandesi, solo uno o due non parlavano tutti e tre.
#3
+22
Brian Z
2019-08-17 17:21:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Voglio dimostrare che questa domanda è anacronistica in modo tale che è impossibile rispondere con un elenco discreto di casi. L'idea di un paese unificato da un'unica lingua usata sia per scopi ufficiali che per la conversazione quotidiana è essa stessa molto moderna. In larga misura, è stato imposto dall'alto dagli stati di costruzione della nazione negli ultimi secoli e non è esistito affatto per la maggior parte della storia umana.

Di conseguenza, molti stati-nazione moderni hanno più di una lingua ufficiale. Ecco un elenco di 57 paesi sovrani con almeno 2 lingue ufficiali . Certamente, in molti se non tutti questi paesi (e la maggior parte degli altri che non sono inclusi in questo elenco), è comune che almeno alcuni gruppi di persone all'interno del paese ne utilizzino più di uno lingua su base giornaliera, ed è stato così per un bel po 'di tempo.

Nelle società premoderne, dove l'alfabetizzazione era più limitata e l'istruzione formale effettivamente inesistente, la lingua era dinamica e in continua evoluzione. Di conseguenza, le singole bande, i villaggi e le regioni avevano tutti diversi gradi di variazione linguistica tra loro in base alla frequenza di contatto. Questo è il motivo per cui, ad esempio, Papua Nuova Guinea ha oltre 800 lingue riconosciute. Anche se forse un caso estremo a causa del terreno accidentato della contea, è illustrativo del punto che una diversità linguistica di gran lunga maggiore avrebbe prevalso nella maggior parte della storia umana rispetto a quella che vediamo nei moderni stati-nazione.

In sintesi, il multiligualismo è per molti versi più storicamente "normale" del monoligualismo.

Ottima risposta; posso suggerire di sottolineare anche l'ultima frase, visto che è il punto chiave che manca da tutte le altre risposte finora?
Non credo che tu abbia effettivamente stabilito che il multilinguismo sia una norma storica. Un paese che ha più lingue di solito è dovuto al fatto che è abitato da popolazioni distinte con diverse lingue native, non perché "la * massa * della popolazione" parla le diverse lingue "come * cosa ovvia *". come chiede l'OP. Storicamente parlando, la stragrande maggioranza della popolazione non interagisce quasi mai con nessuno al di fuori del proprio villaggio locale e non avrebbe motivo di cambiare codice tra più lingue.
#4
+14
Lars Bosteen
2019-08-17 12:51:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

PARAGUAY - Guaraní e spagnolo

Nota: prima di guardare questa risposta, i lettori potrebbero voler controllare le mie "Note sulla domanda" alla fine di questo post.


La maggior parte dei paraguaiani è meticcia e il Paraguay ha una lunga storia di bilinguismo perché

il periodo iniziale di contatto tra gli aborigeni e gli spagnoli fu di costante interazione. La collaborazione tra gli indiani e lo spagnolo in Paraguay risaliva all'inizio della colonizzazione spagnola e continuò durante i primi anni di occupazione spagnola.

Questa "collaborazione" nel periodo coloniale (metà Dal XVI secolo al 1811) includeva un'alta percentuale di matrimoni misti:

Uno degli aspetti interessanti della storia sociale paraguaiana è la frequenza delle unioni miste durante il periodo coloniale. Gli uomini erano molto più numerosi delle donne tra i coloni europei, specialmente nelle zone remote del sud-est della Bolivia, e un'ovvia soluzione al problema era il matrimonio interetnico. Per gran parte dell'era coloniale, quindi, la famiglia prototipica paraguaiana era composta da un padre di lingua spagnola e una madre di lingua guaranì, un fatto che potrebbe in parte spiegare il diffuso bilinguismo spagnolo-guaranì che esiste oggi in Paraguay.

Quasi senza eccezioni nel colonialismo europeo, la lingua dei colonizzatori divenne quella dell'élite locale mentre la maggior parte della popolazione si attenne alle lingue indigene. In Paraguay, tuttavia, questo non è accaduto:

Come risultato di un'immigrazione estremamente limitata e dell'elevata percentuale di famiglie meticce, una classe superiore davvero isolata, differenziata per lingua, istruzione e stato economico - non si è sviluppato in Paraguay. Sconosciuta era la rigida associazione che si era sviluppata in Perù tra i membri dell'élite e l'uso del solo spagnolo.

A differenza di quasi tutte le altre lingue native americane, il guaraní non solo è sopravvissuto alla diffusione dello spagnolo, ma è stato adottato dai coloni spagnoli. Dal tempo dell'indipendenza nel 1811, lo spagnolo o il guaranì sono stati favoriti in tempi diversi per motivi diversi, ma mai per molto e mai al punto da cadere in un grave declino dell'uso.

Prove concrete del bilinguismo si può trovare nella Guerra del Chaco (1932-1935), quando i militari furono istruiti a usare il guaraní e non lo spagnolo sul campo di battaglia. Un tale cambiamento letteralmente al massimo livello non sarebbe stato possibile a meno che la maggior parte dei soldati a tutti i livelli non fosse bilingue.

Un'indagine del 1960 sui bilingui in una zona rurale e in una urbana ha fornito alcuni esempi interessanti di come le persone sono passate da una lingua all'altra a seconda dell'ambiente, dell'umore e con chi stavano parlando. Di seguito sono riportate alcune situazioni e la lingua che era più probabile che utilizzassero nella città di Luque:

  • Con i tuoi genitori - Guarani
  • Con i tuoi figli - Spagnolo”
  • Con il tuo coniuge ogni giorno - sia”
  • Con il tuo coniuge quando arrabbiato - Guarani”
  • Con la tua dolce metà - Spagnolo”
  • Con il dottore - Spagnolo”
  • Con il curandero - Guarani”

Dal 1950, è stata data maggiore enfasi al guaraní ma, anche così, il la grande maggioranza della popolazione rimane bilingue; Il 90% della popolazione parla guaraní mentre l'87% parla spagnolo paraguaiano.


NOTE SULLA DOMANDA

Alla luce delle critiche alla domanda e ad alcuni contenuti di un paio di risposte, sembra che alcuni punti debbano essere enfatizzati:

- Innanzitutto, il OP ha chiaramente specificato la " massa della popolazione " (cioè non l'elite alfabetizzata da cui la maggior parte della nostra prova del passato bilinguismo deriva).

- In secondo luogo, la domanda afferma anche " quasi sciolta ". Sebbene sia indubbiamente vero che la maggior parte dei commercianti internazionali (ad esempio) fossero bilingue o addirittura multilingue, non si può dedurre da ciò che parlassero / capissero a un livello `` quasi sciolto '' (senza menzionare che erano una piccola percentuale della popolazione). Né si può presumere che l'esistenza (indubbia) delle regioni multilingue significasse che le persone avevano "quasi fluidità" e cambiavano le lingue " naturalmente ".

- Terzo, un paese che ha 2 o più "lingue ufficiali" non è categoricamente una prova di per sé di bi o multilinguismo e quindi sembra a malapena degno di nota. Detto questo, gli esempi di Gibilterra e Lussemburgo di Semaphore sembrano solidi e il tipo di risposte che l'OP sta cercando.

- Quarto, LangLangC ha giustamente indicato un punto debole della domanda ; 'region' lascia entrare, come dimostra LangLangC, numerosi esempi di regioni di confine. Per essere onesti nei confronti dell'OP, questa è dura quando si coprono tutti i periodi storici (per il motivo, vedere il punto finale).

- Infine, Brian Z ha evidenziato l'altro debolezza; l'inclusione di società premoderne (vedere la sua risposta per i dettagli). Limitare la domanda a non prima del 1500 d.C. circa (o forse del 1750 d.C.) avrebbe aiutato.


Altra fonte:

Donald F. Fogelquist, " The Biligualism of Paraguay" in Hispania Vol. 33, n. 1 (febbraio 1950)

#5
+3
WGroleau
2019-08-18 19:36:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Anche se questo potrebbe non soddisfare tutte le specifiche della domanda, in Catalogna quasi tutti sono nativi in ​​Catalá e Español. In Galizia, la maggioranza in gallego e spagnolo. E nonostante anni di repressione, c'è ancora un numero considerevole di parlanti baschi in "País Vasco".

(Ma sono sempre stato divertito dal fatto che i graffiti baschi che chiedevano l'indipendenza e che rendere ufficiale solo il basco dipendessero dalle parole preso in prestito dallo spagnolo)

Vedo che mi mancava la parola "contemporaneo". La risposta sopra descrive la situazione attuale (inizio del 21 ° secolo).
#6
+2
Neil Meyer
2019-08-19 21:58:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il sudafricano ha 11 lingue ufficiali nel nostro " matriek ", tutti dovrebbero fare almeno due lingue ufficiali, mentre alcuni ne parlano tre o quattro. Ovviamente ci sono persone che vivono lì che non sono state istruite lì che non possono parlare qualcos'altro che l'inglese, ma se sei stato istruito in SA ci si aspetta che tu faccia una prima lingua e una seconda lingua.

I bianchi spesso per lo meno parli afrikaans e inglese sebbene il francese e il tedesco non siano insoliti per chi ha avuto un'istruzione "occidentale", ci sono ancora scuole tedesche nella maggior parte delle grandi città.

Tra le comunità nere inglese e afrikaans è spesso parlato come una lingua franca ma non è raro che parlino un certo numero di quelle che sono tipicamente considerate lingue "africane".

C'è ovviamente un avvertimento e questo è lo Zulu di Natal. In genere è stata considerata pratica che se hai qualcosa a che fare con loro ci si aspetta che tu parli lì la lingua poiché in genere non parlano nient'altro, ma anche questo sta cambiando mentre il paese continua a diventare più occidentale.

Non è nemmeno raro che le scuole pubbliche più selettive di Natal insegnino lo zulu come se tu stessi entrando in qualsiasi tipo di mestiere in quella provincia, da adulto è opportuno che tu lo impari.

Madrelingua inglese chi parla ti direbbe che l'inglese è la lingua del posto di lavoro, ma se vivi in ​​grandi comunità afrikaner, che esistono ancora in SA, troverai anziani afrikaner che parleranno inglese con te solo a malincuore.

#7
  0
Alex
2019-08-17 06:50:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La Confederazione Svizzera ha 4 lingue ufficiali.

Quale percentuale della popolazione è effettivamente bilingue o multilingue?
@SteveBird a causa di una legge che impone l'insegnamento in almeno una delle lingue svizzere non dominanti nella regione: 100/100 almeno due ...
Essendo svizzero di lingua tedesca, non penso che questo sia un buon esempio. Sebbene tutti noi impariamo una seconda lingua nazionale a scuola, la stragrande maggioranza a) non la parla nemmeno lontanamente al livello di un madrelingua eb) non usa quella seconda lingua come una cosa ovvia. Si potrebbe tuttavia discutere se il passaggio dallo svizzero-tedesco al tedesco normale sia considerato bilinguismo.
@LeanderMoesinger Non lo fanno? Ho incontrato molti svizzeri che parlano un buon inglese e poi mi dicono che è la loro terza lingua. La loro seconda lingua dovrebbe essere migliore. A proposito, sono svedese e parlo inglese e francese.
@d-b Ci sono ovviamente molte persone che parlano fluentemente una seconda lingua nazionale e come straniero è molto più probabile che tu incontri queste persone per una serie di motivi. Ma la domanda è se la maggior parte della popolazione parla fluentemente una seconda lingua nazionale e naturalmente, e questo non è assolutamente il caso.
Ho un amico svizzero-tedesco. La sua seconda lingua era il francese mentre la sua terza lingua era l'inglese. Ha studiato architettura all'università di Lugano, cioè in italiano. Parlava anche svedese perché voleva vedere [Show me love] (https://en.wikipedia.org/wiki/Show_Me_Love_ (film)) in lingua originale. Per quanto ne so non era particolarmente interessata alle lingue, ma poteva comunque andare all'università nella sua quarta lingua e studiare qualcosa che non fosse correlato alla lingua.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...