Domanda:
Le donne potrebbero essere crocifisse secondo il diritto romano?
ThaddeusB
2015-08-13 08:34:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le donne erano ammissibili alla crocifissione nella società romana? Ho trovato molte fonti che dicevano qualcosa sulla falsariga di "donne e cittadini romani erano esenti", ma ho anche trovato alcune fonti che affermavano che le donne non avevano diritti legali e quindi potevano essere soggette a crocifissione. Quale è corretto?

Indipendentemente da ciò che dice la legge, c'è qualche testimonianza di una donna che è stata effettivamente crocifissa? In tal caso, quali sono state le circostanze che hanno portato alla crocifissione? (Pochi giorni fa, un utente ha pubblicato un paio di buone domande sulla pratica storica della crocifissione nell'antica Roma su Christianity SE. Sfortunatamente, ha pubblicato le domande come risposta a questa domanda, quindi naturalmente sono state eliminate. Li ho incoraggiati a portare le domande qui, ma non l'hanno fatto, quindi lo sto facendo ora.

Vale la pena ricordare che il diritto romano era molto più severo in teoria che in pratica. Ad esempio, i diritti delle paterfamilie erano sanciti dalla legge, ma le consuetudini limitavano fortemente l'uso di alcuni di questi poteri nella pratica. Il rovescio della medaglia è che le immunità sancite dalla legge non erano sempre efficaci neanche nella pratica.
Una risposta:
#1
+64
Semaphore
2015-08-13 12:29:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In Antichità degli ebrei , lo storico antico Giuseppe Flavio riportava un incidente in cui l ' imperatore Tiberio aveva esplicitamente ordinato una donna da crocifiggere:

Mundus aveva una liberta, che era stata liberata da suo padre, il cui nome era Ide, abile in ogni sorta di malizia ... Tiberio indagò sulla questione esaminando accuratamente i sacerdoti a riguardo e ordinò loro di essere crocifissi, così come Ide , che era l'occasione della loro perdizione. (18: 3)

Più in generale, i romani spesso crocifissero gli schiavi in massa . Mentre i rapporti di solito trascurano di menzionare il genere, in molti casi si pensa che le donne siano state tra le vittime. Una situazione comune deriva dalle punizioni collettive prescritte dalla legge romana: se uno schiavo uccidesse il proprio padrone, tutti gli schiavi della famiglia sarebbero crocifissi.

Fino al tempo di Nerone, a Roma l'esecuzione collettiva di tutti gli schiavi nei locali in cui uno schiavo aveva ucciso il padrone sembra essere stata indiscussa. Sotto questo imperatore, nel 61 d.C., una minoranza del Senato tentò invano di impedire la crocifissione di 400 schiavi della famiglia di Pedanius Secundus, prefetto di Roma.

- Barth , Markus e Helmut Blanke. La lettera a Filemone: una nuova traduzione con note e commenti. Wm. B. Eerdmans Publishing, 2000.

Nel caso specifico di Lucius Pedanius Secundus, possiamo dedurre che le donne erano tra quelle crocifisso perché il genere era uno degli argomenti sollevati a sostegno della clemenza . Poiché ci viene detto che la tradizione ha prevalso e tutti gli schiavi dell'ex console sono stati crocifissi, sembra che le donne (così come i bambini) debbano essere state tra le vittime dell'esecuzione di massa.

Lo storico quasi contemporaneo Publio Cornelio Tacito scrive nei suoi Annali che:

[C] voci lamentose si alzarono in risposta da tutti coloro che compativano il numero, l'età, o il sesso , nonché l'indubbia innocenza della grande maggioranza. Tuttavia, il partito che ha votato per la loro esecuzione ha avuto la meglio. (14:45)

Inoltre, il fatto che siano state respinte sulla base della tradizione rivela che la crocifissione di almeno donne schiave era relativamente di routine.

Un altro un esempio famigerato è la crocifissione di Crasso degli schiavi riconquistati dopo la terza guerra servile.

Crasso fece crocifiggere i ribelli lungo "l'intera strada per Roma da Capua, come dicono le fonti antiche ... Potrebbero includere donne oltre che uomini, dal momento che la giustizia romana prevedeva la crocifissione delle donne . I romani crocifissero persino i cani in un rituale annuale.

- Strauss, Barry. The Spartacus War. Simon and Schuster, 2009.


Nota che anche i cittadini romani potrebbero e sono crocifissi , anche se di solito ne sono esenti. Crimini come il tradimento annullano la protezione della cittadinanza in primo luogo. Inoltre, i diritti teorici ammontano a poco se chi detiene il potere e / o l'opinione popolare non desidera o si preoccupa di difenderli, e non è del tutto chiaro se qualche legge proibisca effettivamente ai cittadini romani di essere crocifissi.

Aggiungo questo come commento, poiché non riesco a trovare il riferimento, ma ricordo di aver letto di almeno una crocifissione di massa di schiavi quando il loro padrone fu ucciso, e persino i cittadini romani si opposero rumorosamente all'esecuzione di (alcune) schiave, che non ha preso parte all'omicidio e non avrebbe potuto fermarlo. Le donne schiave furono comunque crocifisse, per quanto ne so.
@TheHonRose Sei sicuro di non pensare anche all'uccisione di Pedanius Secundus? Ho aggiunto un paragrafo su questo.
potrebbe anche essere, come ho detto, non ricordo dove l'ho letto adesso. Mi sembra di ricordare un altro caso, in cui una donna è stata assassinata dal suo schiavo - la sua ancella ha supplicato di avere troppa paura per gridare, ma la corte ha stabilito che avrebbe dovuto farlo, anche a rischio della sua vita. Per quanto ne so, anche lei è stata crocifissa.
L'ultima citazione contiene una virgoletta di apertura e nessuna virgoletta di chiusura. Puoi chiarire dove finisce la citazione (che inizia con "tutta la strada")?
@Mr.Bultitude Oops. Dovrebbe finire con Capua.
Ricorda che un modo per crocifiggere un cittadino era di privarlo della cittadinanza come parte della sentenza. Questo era il modo utilizzato per punire i cittadini in quanto non cittadini.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...