Domanda:
Perché ci sono state guerre civili in Croazia e Bosnia, ma non in Slovenia o Macedonia?
Lev
2011-10-12 18:07:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sembra che durante la disgregazione della Jugoslavia ci siano state guerre civili durante i parlanti della stessa lingua (allora ufficialmente): serbi, croati e bosniaci, ma non, ad esempio, tra serbi e sloveni. C'è una ragione specifica per questo?

Solo un piccolo punto di correzione. Ci sono stati combattimenti nella Macedonia post-Jugoslavia. Il paese ha una consistente minoranza albanese e tra loro e il governo si sono verificati alcuni scontri abbastanza gravi (anche se di breve durata).
Non è vero, c'erano anche delle merci, ad esempio: https://en.wikipedia.org/wiki/Ten-Day_War
Sei risposte:
#1
+14
Wanderer
2011-11-19 00:31:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Tra le altre ragioni (geostrategiche), la spiegazione più plausibile è perché in Bosnia, &, Erzegovina e Croazia c'erano regioni in cui vivevano da tempo considerevoli popolazioni serbe (ad esempio in Krajina in Croazia dal XVI secolo). Durante un trattamento egemonico di altre nazioni nella seconda Jugoslavia, i serbi pianificarono lentamente e riuscirono a popolare queste regioni serbe di base con più dei loro connazionali dalla Serbia. Alla fine degli anni '80, queste popolazioni serbe furono un argomento per impadronirsi della terra e formare la Grande Serbia.

Durante la guerra, queste fazioni furono finanziate e fornite da Belgrado. Era molto più facile mantenere il controllo strategico dalle regioni in cui la gente appoggiava direttamente l'esercito (che era completamente serbo al momento della disgregazione jugoslava). Ecco perché i serbi hanno concentrato i loro sforzi su Croazia e Bosnia, ritirando tutti i carri armati e le forze armate dalla Slovenia, ad esempio. Se avessero vinto la guerra, presumo che la comunità internazionale avrebbe accettato completamente la loro idea di rioccupare anche la Slovenia e la Macedonia, sotto il nome di Jugoslavia. Inoltre, presumo che una condizione per farlo sarebbe stata che si aggrappassero all'UE / Stati Uniti e non alla Russia.

Benvenuto nel sito. E vota positivamente per iniziare.
#2
+11
Огњен Шобајић
2015-06-29 01:24:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come affermato da altri, questo non è proprio vero. Anche se più breve e meno sanguinosa rispetto a quelle in Bosnia e Croazia, la guerra di 10 giorni è scoppiata in Slovenia tra l'esercito jugoslavo situato nella provincia e le forze di polizia slovene.

Per rispondere alla tua domanda: il motivo forse sta nel nel fatto che la Slovenia aveva un'immagine etnicamente chiara con la maggior parte degli sloveni che vivono all'interno del suo confine, cioè il confine sloveno comprende la popolazione slovena abbastanza equamente. D'altra parte, la Croazia aveva circa il 20-25% della popolazione serba quando la guerra si è intensificata nel 1991. La Bosnia aveva una miscela ancora peggiore di tre gruppi etnici: i musulmani 40% (oggi chiamati bosniaci per distinguerli dai bosniaci che potrebbero riferirsi a tutte le persone in Bosnia ed Erzegovina), serbi 40% e croati 20%. Questi numeri sono fuori di testa e potrebbero non essere approssimazioni così accurate ma approssimative. Ovviamente i matrimoni misti e le persone che si dichiaravano jugoslave erano presenti in tutta l'ex Jugoslavia e specialmente in Bosnia.

#3
+7
Nikita Barsukov
2011-10-14 10:33:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che la percezione reciproca sia stata la questione chiave. I serbi vedono sloveni e macedoni come persone separate (qualcosa come i russi vedono gli estoni), quindi non c'era molta emozione quando gli sloveni hanno dichiarato l'indipendenza (c'è stato un breve intervento però).

Tuttavia l'indipendenza croata era una storia completamente diversa. I serbi avevano l'idea dell'unità slava e i croati erano la parte integrante di questa idea. I serbi non hanno accettato l'indipendenza croata principalmente per questo. Una lunga scia di eventi storici controversi tra due nazioni, la religione ha contribuito all'animosità tra le due nazioni.

Non suona bene. Sloveni e macedoni sono slavi. Oppure "unità slava" ha un significato speciale che si intende significare solo alcuni slavi e non altri?
Ci sono pochi punti errati nella tua risposta: sloveni e macedoni sono anche slavi. I serbi non volevano che la Croazia si secedesse perché c'erano molti serbi in Croazia che sarebbero poi stati in una contea separata.
#4
+5
Branko Sego
2014-06-06 21:05:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per capire la mia risposta devi tornare al 1844., quando Ilija Garašanin scrisse Načertanije. In quel documento ha fatto il piano di base per realizzare la Grande Serbia. La Grande Serbia dovrebbe includere Serbia, Bosnia ed Erzegovina, gran parte della Croazia, Montenegro e parte settentrionale dell'Albania. Quell'idea è stata ripresa da Stevan Moljević, cetnik serbo che voleva ripulire parti della terra santa serba (termine usato dai cetnici, si riferisce alla Grande Serbia) da croati, bosniaci e altre persone che non erano " t Serbi. Alla fine degli anni '80 il capo dei comunisti serbi divenne Slobodan Milošević, che aveva opinioni simili a Stevan Moljević e Ilija Garašanin. Voleva finalmente realizzare la realizzazione di quel paese. Tuttavia, la Slovenia e la Macedonia non erano immaginate come parti della Grande Serbia, come lo erano la Croazia e la Bosnia Erzegovina. Quindi ci fu una grande guerra tra serbi e croati e bosniaci e serbi. Ci fu una guerra tra popolo sloveno e serbo, ma poiché la Slovenia non era così importante per creare la Grande Serbia, la guerra finì molto velocemente.

Non del tutto corretto riguardo alla Macedonia. È sempre stato concepito come parte della Grande Serbia poiché in realtà faceva parte della Serbia all'incirca tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.
#5
+1
Karolina Anna
2016-02-03 01:57:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sulla Macedonia, direi che c'erano alcuni fattori: la sua posizione periferica, l'atteggiamento politico della Macedonia, che considerava la guerra come ultimo passo - (avevano paura, quel paese sarebbe implodere e sarebbe stato diviso tra i suoi vicini). Le ragioni significative sembrano essere il tardo nazionalismo macedone e anche la diplomazia preventiva degli Stati Uniti nella regione. La spiegazione logica è che, in Macedonia, il paese semplicemente non possedeva quasi nessuna arma. Vale la pena ricordare che sia il governo che la società erano confusi sugli obiettivi di guerra.

Sulla Slovenia, sono d'accordo, che l'omogeneità era un fattore importante. Anche relativa stabilità economica.

Tuttavia, si dovrebbe ricordare la guerra di 10 giorni in Slovenia e la crisi e le rivolte albanese-macedone.

#6
-3
Tyler Durden
2015-06-26 02:38:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La Slovenia e la Macedonia sono etnicamente relativamente omogenee e uguali. Si odiano tutti allo stesso modo. In Bosnia e Croazia i diversi gruppi si odiano a vicenda in quantità diverse.

La Macedonia non è etnicamente omogenea, c'è una minoranza albanese. Inoltre c'è una minoranza italiana in Slovenia, ma non è così significativa.
Sì, e ci sono eschimesi in Giappone che tramano la propria rivoluzione personale. Grazie per essere polemico.
Mentre la Slovenia potrebbe essere considerata relativamente omogenea, la Macedonia no. Non è essere polemico, è essere accurato.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...