Domanda:
Perché il commercio delle spezie era così redditizio nel XV secolo?
user4984
2014-06-15 06:47:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Durante il XVI secolo, i portoghesi conquistarono Malacca per dominare il redditizio commercio delle spezie; anche altre città stato come Aceh, Banten, Brunei e Pegu sono nate esportando e commerciando spezie. Tuttavia, non capisco bene perché il commercio di spezie sia un'impresa così redditizia poiché le spezie sono piuttosto costose quando raggiungono l'acquirente del terminale. Ci sono detti che confrontano le spezie con l'oro

In che modo il prezzo elevato delle spezie ha consentito una domanda così elevata? Le richieste degli aristocratici erano in grado di sostenere e sostenere volumi di commercio così elevati che hanno arricchito le città stato dell'Asia meridionale?

Presupposti:

Avevo l'impressione che la popolazione europea fosse prevalentemente servi della gleba nel XV e XVI secolo. L'abolizione della servitù della gleba non fu fino al XVIII secolo per la maggior parte delle potenze europee, ad eccezione di Inghilterra e Francia. Questo è precisamente il motivo per cui ero confuso su come gli acquirenti europei fossero in grado di sostenere una domanda per qualcosa che non era una necessità.

Gli aristocratici delle potenze europee erano abbastanza ricchi da acquistare spezie a un prezzo simile a quello d'oro? E da dove veniva quella ricchezza? Capisco che una domanda elevata si traduca in prezzi elevati, ma deve esserci un qualche tipo di ricchezza che sostiene quella domanda, altrimenti il ​​prezzo scenderà fino a quando la domanda non raggiungerà l'offerta.

Perché le spezie sono costose quando arrivano a destinazione. Questo è uno dei modi migliori per essere redditizi, vendere un bene per il quale c'è un'offerta piccola o limitata e una domanda ricca e stabile. Forse non capisco la domanda?
Quindi il presupposto è che gli articoli costosi non consentono il profitto? Sono con @MarkC.Wallace C.Wallace- Non credo di aver capito il problema.
Penso che l'OP stia dicendo che le spezie erano piuttosto costose * da spedire *, visto che dovevano attraversare mezzo mondo su barche che perdevano, e dato che erano un oggetto di lusso in una società molto povera, come hanno fatto a generare un tale enorme profitti. OP - è questo il succo?
Penso che OP stia dicendo che qualcosa di costoso come le spezie non dovrebbe essere abbastanza richiesto per essere "così redditizio".
possibile duplicato di [Il valore del commercio delle spezie durante l'era dell'esplorazione] (http://history.stackexchange.com/questions/4371/the-value-of-spice-trade-during-the-age-of-exploration)
Scusa per la confusione, sto cercando una spiegazione che spieghi come una popolazione che è prevalentemente servi della gleba sia in grado di sostenere un grande volume di commercio di spezie
@AvnerShahar-Kashtan in quel caso si sbaglia nel credere che fosse una società molto povera a consumare quelle spezie ...
@jwenting e, in tal caso, una buona risposta spiegherà questo errore.
Chiuso come fuori tema ?! Non ha senso. Questa è una questione fondamentale della storia economica ... e la storia economica è ancora storia.
Hai considerato l'intero volume del commercio? Potresti pensare che essere redditizio richieda milioni di clienti, tuttavia non ne hai bisogno di tanti se provi a vendere un paio di carichi di prodotti di lusso all'anno. Anche se si considera solo la nobiltà, che è forse una piccola percentuale dell'intera popolazione europea, è una grande folla e le spezie non erano abbondanti.
@CGCampbell Allora non essere quel ragazzo, ma accetta che il mondo sia pieno di persone che non parlano l'inglese come lingua madre.
Cinque risposte:
#1
+14
Semaphore
2014-06-15 20:29:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La domanda è un po 'confusa. Per come la leggo io, mi stai chiedendo perché qualcosa di costoso ha una domanda sufficiente per sostenere un commercio redditizio ("In che modo il prezzo elevato delle spezie ha consentito una domanda così elevata?").

La risposta è che non era così costoso. Una libbra di spezie potrebbe costare diversi giorni di stipendio per un artigiano medio, ma una libbra di pepe è un sacco di pepe. Era un oggetto di lusso, certo, ma non era completamente fuori dalla portata del professionista medio della classe media. Inoltre, questa non è affatto una somma proibitiva per i ricchi, che include i ranghi non solo dell'aristocrazia, ma anche della classe crescente di mercanti, professionisti di livello superiore e altri grandi proprietari terrieri.

E no , L'Europa occidentale non era "per lo più servi della gleba" durante questo periodo.

L'affermazione che le spezie valessero il loro peso in oro (un'esagerazione a dire il vero, per tutti tranne lo zafferano) mostra anche perché le spezie avevano un mercato. L'oro e l'argento erano costosi, eppure c'era chiaramente un mercato per questo. Gli spagnoli ne spedivano carichi dal Nuovo Mondo, per esempio. Le spezie, che erano più economiche e tuttavia consumabili, avrebbero logicamente un mercato più ampio fintanto che gli europei le richiedessero come beni di lusso.

Ovviamente, gli articoli di lusso ad alto prezzo per loro natura non vengono scambiati in volumi elevati. Nemmeno le spezie: l'offerta, in Europa, era fortemente limitata. Molto più tardi, quando il VOC ottenne il monopolio del commercio delle spezie, gli olandesi iniziarono a spedire circa 270 tonnellate di cannella all'anno, che all'epoca era una quantità enorme che superava le forniture locali. Confrontalo con la moderna produzione di cannella di ~ 35.000 tonnellate. E con la creazione di rotte commerciali e la crescita delle spezie trapiantate in più luoghi, l'offerta si è allargata e il valore delle spezie è diminuito.

Nota che le scorte limitate nel tardo medioevo non hanno influenzato la redditività del commercio delle spezie. Il commercio delle spezie era "un'impresa così redditizia" proprio perché "le spezie sono piuttosto costose quando raggiungono l'acquirente terminale", rispetto al loro costo in Asia, che è qualcosa come 1/10 o 1/100 del prezzo di vendita. E ancora, con l'aumento dell'offerta, i prezzi sono diminuiti.

EDIT:

In quanto beni di lusso, i principali consumatori di spezie erano i membri della società benestanti, di classe medio-alta. A parte gli usi religiosi e presunti medicinali, queste persone apprezzavano le spezie perché sono costose; formava uno status symbol sociale, desiderabile per mettersi in mostra. Il matrimonio del duca Giorgio di Baviera con la principessa polacca Edvige è stato celebrato con una festa che coinvolgeva quasi 1300 libbre di varie spezie, ad esempio.

Anche se i ricchi potevano permettersi un'ampia varietà di spezie costose in quantità ridicole (ad esempio, il duca Georg), non era nemmeno al di là delle possibilità della gente comune. Come notato sopra, una libbra di pepe potrebbe costare a un artigiano diversi giorni di lavoro, abbastanza da renderlo un bene di lusso, ma non così costoso da essere accessibile. Quindi anche i contadini (benestanti) potevano permettersi il pepe, la più economica delle spezie comuni.

Grazie per la risposta, ti dispiacerebbe spiegare chi erano i maggiori acquirenti di spezie? In termini di paese e classe sociale. Dalla tua risposta, sento di avere un'impressione sbagliata sulla ricchezza degli europei dal XV al XVI secolo.
@user4984 Non sono sicuro che tu abbia un'idea sbagliata di per sé; ma forse hai sottovalutato il loro numero, potere d'acquisto e domanda. Le spezie venivano generalmente acquistate da nobili, ecclesiastici di livello superiore, commercianti benestanti; la classe alta e le classi medio-alte più ricche. Praticamente chiunque potesse permetterselo. Le spezie orientali erano considerate medicinali, esotiche e, soprattutto, status symbol: servire gli ospiti con le spezie era un obbligo sociale non facoltativo. L'altro uso per le spezie che potresti non aver realizzato era "medicinale" - si pensava che avessero benefici farmaceutici.
Tuttavia, anche il povero contadino potrebbe comprare un po 'di spezie qua e là. Prova a pesare sale e pepe. Non usi molto in un pasto tipico; e il pepe per i contadini medievali sarebbe stato un lusso come dicono i tartufi.
Un punto interessante fatto da Semaphore è che la merce era consumabile. Quindi, per coloro che sono disposti a comprarlo, una domanda di flusso costante mentre lo mangiavano. L'oro e l'argento della Spagna, d'altra parte, hanno sconvolto l'economia locale fino a quando il volume più ampio del commercio in Europa ha potuto beneficiare della specie.
#2
+6
Tom Au
2016-07-23 06:36:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le spezie erano ciò che oggi chiameremmo lussi di massa. Questi sono beni di lusso che le masse possono permettersi in piccole quantità. Sono desiderati perché sono fuori dall'ordinario e offrono un "cambio di passo". Sono costosi su base unitaria, ma è la "piccolezza" di utilizzo che li rende accessibili. Le spezie avevano entrambe queste qualità all'epoca. Quindi la richiesta degli aristocratici è stata sostenuta dalla richiesta della gente "comune".

Altri articoli contemporanei che avevano qualità simili includevano cioccolato, caffè e zucchero. In alcuni casi, dove le condizioni di offerta erano favorevoli, la "massificazione" dell'uso ha creato una "domanda di riserva" che ha contribuito ad aumentare le forniture così tanto che i loro prezzi sono diminuiti drasticamente e non erano più un lusso, ma sono diventati necessità. Ciò si è verificato quando i prodotti sono passati dalla fase di "esplorazione" a quella di "sfruttamento" nei mercati globali, perché gli europei hanno avuto accesso alle terre tropicali dove tali prodotti potevano essere prodotti a buon mercato.

#3
+3
Evargalo
2018-04-27 19:26:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che le risposte precedenti perdano il motivo più importante per cui le spezie erano un bene così prezioso e così costoso in Europa (o Cina, btw).

Il punto principale è che le spezie erano per lo più consumate non per i piatti impeccabili, ma per prevenire e curare le malattie . Se tu fossi un ricco nobile o borghese nel XV secolo, potresti essere disposto a spendere un po 'di soldi per far sì che il tuo porridge abbia un sapore migliore, ma sicuramente sarai pronto a spendere molto di più per prodotti che avrebbero dovuto proteggere te e il tuo amato quelli dalle malattie.

Da Unesco:

Percorrere queste lunghe distanze diventa comprensibile se si considera il fatto che molte delle spezie importanti avevano rituali e valori medici.

La scienza medica medievale non era del tutto perfetta e raccomandava l'uso di varie spezie. A volte per virtù che la scienza moderna sostiene; molto spesso secondo concetti che la scienza moderna considera spazzatura.

I chiodi di garofano sarebbero usati come antidolorifici e per curare i denti. La noce moscata era la cosa da comprare se non vuoi morire di peste: non vale la pena spendere una parte enorme della tua fortuna? Da wiki:

In epoca elisabettiana, poiché si credeva che la noce moscata scongiurasse la peste, la domanda aumentò e il suo prezzo salì alle stelle.

Lo zafferano non era meno vitale:

La peste nera del XIV secolo fece aumentare la domanda di medicinali a base di zafferano e l'Europa importò grandi quantità di fili tramite il veneziano e navi genovesi provenienti da terre del sud e del Mediterraneo come Rodi.

Le spezie sarebbero state usate per unguenti, pozioni o bruciate per respingere il miasma e i cattivi odori, ritenuti all'epoca la causa principale (o forse la seconda causa dopo il peccato e la mancanza di preghiere) per la diffusione delle malattie.

Accessoriamente, era anche utile

come ingredienti da cucina (...) - non solo per aggiungere sapore ma anche per rendere il cibo, che spesso era tutt'altro che fresco, appetibile, in particolare nei climi caldi.

( Ancora Unesco)

#4
+2
CsBalazsHungary
2014-06-15 10:43:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È abbastanza logico. Nel tempo non c'erano l'elettronica, l'auto e molte industrie, e la ricchezza - oro e argento - del mondo arrivò in Europa - principalmente a nobili e re. C'era una grande porzione di ricchezza extra disponibile da spendere, ed era un oggetto di lusso interessante poiché a quei tempi le spezie negli alimenti erano molto limitate in Europa a causa del clima.

D'altra parte la spezia era una merce perfetta da trasportare. Dovevi calcolare in grammi, non in tonnellate. Quindi non avevi bisogno di un'enorme flotta di navi per trarne un buon affare. Il prezzo è stato mantenuto semplicemente a causa del rischio, del lungo viaggio e del fatto che i nobili sono disposti a sprecare la ricchezza extra su di esso.

Anche i prezzi erano mantenuti dalle grandi società formate in questi tempi: Compagnia britannica delle Indie orientali e quella olandese per scopi simili. Il dividendo pagato del 40% e tutti ne erano contenti. E se dico tutti, includo anche i clienti, aromatizzare il loro cibo era un buon segno se erano ricchi, il che era ovvio per i loro ospiti, quando hanno saputo che mangiavano ad esempio tre spezie delle isole indonesiane e dell'india.

mente di commentare perché downvote?
forse perché (e non era mio) è una sciocchezza così sfacciata da essere priva di valore. E anche senza fonti, il che potrebbe essere ok se può essere verificato, ma in realtà il contrario delle tue affermazioni può essere facilmente verificato.
#5
  0
jamesqf
2018-04-27 23:22:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

"Avevo l'impressione che la popolazione europea fosse prevalentemente servi durante il XV e il XVI secolo."

Forse questa impressione è sbagliata? Dalla letteratura del tempo, vediamo persone abbastanza comuni che hanno accesso a spezie e altri prodotti alimentari esotici. Ad esempio, ecco il figlio di un ricco agricoltore che va al mercato per comprare provviste per un banchetto:

"Fammi vedere; cosa devo comprare per il nostro banchetto di tosatura delle pecore? Tre libbre di zucchero, cinque libbre di ribes, riso - cosa farà questa mia sorella con il riso? Ma mio padre l'ha resa amante del banchetto, e lei lo posa su [...] Devo avere lo zafferano per colorare le torte del direttore; macis; datteri? - nessuno, questo è fuori dalla mia nota; noce moscata, sette; una razza o due di zenzero, ma che posso mendicare; quattro libbre di prugne e altrettante uvetta del sole. " (Shakespeare, The Winter’s Tale 4.3.36-48)



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...