Domanda:
Quali beni commerciava la Germania durante la seconda guerra mondiale e con chi?
关一骏
2017-01-25 06:48:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho setacciato Internet alla ricerca di cifre numeriche e un elenco effettivo di materie prime senza alcun risultato. Inoltre, sono ragionevolmente certo che molti di voi conoscono bene questo argomento e sono più che in grado di informarmi. Lo apprezzerei molto.

Inoltre, sarebbe molto bello se qualcuno potesse consigliare un archivio / database o libro che possa aiutarmi nella mia ricerca.

Grazie ancora.

Ho trovato un'ampia bibliografia sull'argomento: https://www.archives.gov/research/holocaust/bibliographies/trade-with-third-reich.html - c'erano paesi neutrali, come Spagna, Svezia e Svizzera, che commerciava con la Germania - e l'economia tedesca tra il 1939 e il 1945 era sostenuta dal bottino di conquista, beni confiscati dall'olocausto e tassi di cambio scandalosi all'interno dei territori occupati (i cosiddetti `` marchi di occupazione '')
Si noti inoltre che la Germania ha ricavato molte delle sue risorse da un'operazione snatch-and-grab: invadendo l'URSS nel 1941, cercarono di rendersi ampiamente indipendenti dal commercio accaparrandosi depositi, piantagioni, fabbriche e altri beni ricchi di minerali. Il fallimento di questa operazione portò alla loro maggiore dipendenza dal commercio e, come tale, all'impoverimento della propria popolazione. Cesarani (* The Final Solution *) ha alcune informazioni in merito, ma non entra nei dettagli per quanto riguarda gli accordi commerciali stessi e quindi lo scrivo solo come commento.
Dalla Spagna, un'importazione chiave era il wolfram e altri metalli; il Regno Unito ha organizzato una campagna per acquistare tanto wolfram quanto era disponibile per negarlo alla Germania (https://en.wikipedia.org/wiki/Spain_during_World_War_II#Resources_and_trade)
Commenti piuttosto _incantevole_, tuttavia, aspetto una risposta completa. ;)
Non preoccuparti. I nostri membri non aspetteranno un invito a commentare.
Sì! È stato _abbastanza_ evidente in questo post.
Prima che gli Stati Uniti entrassero in guerra, ovviamente importavano lo sciroppo utilizzato per produrre la Coca-Cola.
Voglio solo dire grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo thread di domande e sotto! Il mio documento di ricerca si sta rivelando piuttosto fenomenale, grazie alla vasta conoscenza di tutti voi! :)
Consiglierei di leggere ["The Wages of Destruction: The Making and Breaking of the Nazi Economy"] (https://www.amazon.com/Wages-Destruction-Making-Breaking-Economy/dp/0143113208) di Adam Tooze . È eccellente e copre le esportazioni / importazioni tedesche in grande dettaglio.
Raccomandazione perfetta! In realtà ho preso in prestito quel libro dalla mia biblioteca circa 2 mesi fa, ed è stato molto cruciale per il mio incarico di ricerca.
Tre risposte:
#1
+16
sds
2017-01-26 02:13:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La Germania non disponeva di risorse grezze, principalmente petrolio, gomma, manganese, nichel, ferro, cromo &c, così come il cibo.

Questo è ciò che hanno cercato di ottenere ovunque potessero.

Credo che il più importante partner commerciale della Germania nel primo terzo della guerra (1939-1941) sia stata l'URSS. Tutti conoscono il patto Molotov-Ribbentrop e i suoi protocolli segreti, ma gli accordi commerciali ( 1939 e 1940) non erano meno importanti per Fallimento del blocco britannico.

L'URSS ha fornito petrolio, manganese, rame, nichel, cromo, platino, legname e grano &c (vedere numeri e riferimenti nei collegamenti di wikipedia sopra).

Altri importanti partner commerciali erano Svezia (ferro), Romania (petrolio) &c.

Hanno anche "importato" prodotti industriali dalla Francia occupata (camion) e dalla Cecoslovacchia (carri armati) - vedi anche la mia risposta a France & Italy ha continuato a sviluppare e produrre sofisticati hardware militari una volta sotto il controllo tedesco?

Una buona fonte è " Inside the 3rd Reich "di Speer.

Potresti trovare http://ww2-weapons.com/military-expenditures-strategic-raw-materials-oil-production/ utile anche.

Vedi anche Uno dei motivi principali per cui Hitler ha attaccato l'Unione Sovietica a causa del petrolio?.

Perché due voti negativi in ​​un solo giorno 3 anni dopo la risposta alla domanda?
#2
+8
Tom Au
2017-01-27 01:52:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In Germania mancavano in gran parte metalli industriali come ferro, tungsteno e cromo. Hanno scambiato ferro con Svezia, tungsteno con Spagna e cromo con Turchia.

Erano tutti paesi neutrali e la loro importanza nella fornitura di materie prime chiave è stata una delle ragioni principali per cui la Germania ha permesso loro di rimanere neutrali. Se la Germania li avesse occupati e poi li avesse persi a causa di una controinvasione ad es. l'Unione Sovietica o gli alleati occidentali, avrebbero perso la guerra più velocemente di quanto abbia fatto effettivamente.

Ottimo contenuto, ma dove hai trovato queste informazioni? Solo un piccolo problema, nessuna preoccupazione.
@BirlantisEscheatvc: Aggiunti collegamenti ad articoli di SE su Svezia e Turchia. Un riferimento alla Spagna e al tungsteno (wolfram) era in uno dei commenti.
Oh, non l'ho notato. Grazie, @TomAu!
@TomAu Solo un promemoria che i commenti potrebbero essere eliminati e forse dovresti inserire il link nella tua risposta. O ancora meglio, alcuni estratti.
#3
-1
Stefan Skoglund
2020-03-04 03:59:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sverige, Danmark, Norge, Schweiz, Österrike e Italien dipendevano dal carbone tedesco e polacco. Così è stato Nederländerna, Belgien e Luxemburg.

Non sono sicuro di quanto Frankrike fosse dipendente dal carbone tedesco.

Rimuovi Belgien dalla mia lista, quanta parte della quantità di carbone che hanno usato e quale era belga " Non ne sono sicuro, ma fino agli anni '50 avevano considerevoli riserve di carbone.

Perché ho ottenuto un voto negativo su questo ???? Almeno la Scandinavia dipendeva dal carbone tedesco o polacco.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...