Domanda:
Cosa scrisse Tacito di Nerone e del grande incendio di Roma del 64 d.C.?
GNi33
2011-10-12 01:37:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono sempre stato affascinato dalla storia dell'antica Roma e questo è uno degli argomenti di cui ho sempre voluto saperne un po 'di più.

La voce su Nerone stesso che ha dato l'ordine di bruciare parti della città è un'ipotesi diffusa su questa parte della storia. In alcuni libri ho letto di Tacito che menzionava il coinvolgimento di Nerone, almeno quando si tratta di accusare i cristiani di dare fuoco alla città.

Vorrei chiedere:

  • Che cosa ha scritto esattamente Tacito? Credeva che fosse coinvolto Nerone?

  • Esistono altre teorie ragionevoli? Alcuni sono stati scritti da "testimoni contemporanei" di questo periodo?

Benvenuti nella storia: SE. Potresti modificare la tua domanda per chiarire ciò che hai già esaminato, completa di collegamenti e riferimenti e contesto, se applicabile? In particolare, facci sapere cosa trovi mancante o poco chiaro sulla voce di Wikipedia sull'argomento, se esiste. Ciò consente a coloro che potrebbero voler rispondere di farlo senza dover ripetere il lavoro che hai già fatto. Potrebbe essere utile rivedere il tour del sito e il Centro assistenza e, in particolare, Come chiedere.
Tre risposte:
#1
+19
Chris Ingrassia
2011-10-14 00:51:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un modo per determinarlo è andare a una traduzione della fonte, che dovrebbe fornirti tutto il Tacito che puoi mangiare sull'argomento.

In breve, Tacito suggerisce che Nerone potrebbe essere stata la motivazione principale per il fuoco che ha avuto inizio dove e quando è accaduto, sebbene Nerone stesso fosse ad Antium quando è scoppiato l'incendio (di nuovo, secondo Tacito).

Per quanto riguarda l'alternativa teorie, non ne sono a conoscenza, ma questo non vuol dire che non esistano. Se non si acquista l'intero angolo "Nerone voleva costruirsi una casa più grande nel centro di Roma", penso che la prossima ipotesi più ragionevole sarebbe che un incendio sia scoppiato accidentalmente nella parte sbagliata della città al momento sbagliato , e crebbe senza controllo. Gli incendi accidentali a Roma non erano affatto rari, anche se questo particolare incendio era enorme.

La ringrazio per la risposta. Punto e collegamento interessanti su Tacito, grazie. Accetto questa risposta ora, anche se speravo di ottenere qualcosa in più sulle teorie alternative :)
#2
+13
Victor Sonkin
2012-05-05 15:20:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La teoria alternativa è avanzata da Svetonio (Nerone, 38-39) che sostiene fortemente l'idea che l'incendio fosse opera di Nerone e che la gente comune avesse visto i suoi agenti con le torce ma non osava fermarli o trattenerli. 'Nerone giocherellava mentre Roma bruciava' è un riferimento al racconto di Svetonio di Nerone che cantava una poesia (probabilmente della sua stessa composizione) sulla caduta di Troia, in piedi in cima alla torre di Mecenate sull'Esquilino (la posizione esatta della torre non è nota, ma potrebbe essere sul posto o vicino al teatro Brancaccio nella Roma odierna).

Per inciso, Nerone non poteva suonare, ovviamente, perché strumenti a corda di quel tipo non erano ancora stati inventati.

Entrambe le fonti concordano sul fatto che Nerone abbia condotto un importante sforzo di soccorso dopo l'incendio, rendendo la città più sicura e pulita. Si dovrebbe tenere presente che le nostre fonti principali sono state scritte durante il regno di dinastie ostili a Nerone, e parlargli male potrebbe essere un effetto collaterale di ciò. Inoltre, Nerone si suicidò quando aveva solo 30 anni, quindi l'idea di un uomo vecchio o almeno di mezza età lascivo e depravato sul "trono" romano non è molto realistica.

Nella mia città natale c'è stata una volta una grande rivolta che ha bruciato il "lato nero" della città (vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Tulsa_race_riot). In seguito, gran parte della terra abbandonata di recente è stata conquistata dai promotori bianchi e dai primi sostenitori del "rinnovamento urbano". Ciò ha avviato teorie del complotto tra le vittime secondo cui quelle persone hanno intenzionalmente causato la rivolta in qualche modo specificamente in modo che potessero avere la terra. Questa storia su Nero mi ha sempre colpito come lo stesso identico tipo di teoria del complotto. Penso che il rasoio di Hanlon debba essere applicato qui.
#3
  0
Oldcat
2014-01-11 06:07:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In un libro recente, "Il grande incendio di Roma", Stephen Dando Collins avanza la teoria secondo cui Tacito non ha detto che Nerone incolpava i cristiani, ma che ha incolpato una setta egiziana per l'incendio. Scrittori successivi, "sapendo" che Nerone perseguitava i cristiani, cambiarono il testo.

Quali prove fornisce Collins per tale affermazione?
Parte era che c'erano troppo pochi cristiani per essere minacciosi o credibili. Un'altra prova che bruciare o fare a pezzi dai cani sarebbe stato religiosamente "impuro" per quella setta e non per i cristiani.
Cos'è quel suono sibilante che sento? Oh, giusto, il rasoio di Occam è nelle vicinanze ... :)
Besides the new theory, the book does go into detail on the timeline of the fire and the theories about Nero's culpability that the original post is asking about. It's worth a look as a more in-depth view than we can give on this site, and then you can judge the theory as you like.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...