Domanda:
Cosa ha portato alla creazione del Belgio?
World Engineer
2011-10-12 11:24:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché è stato creato il Belgio invece di raggruppare i fracophone valloni e i fiamminghi di lingua olandese con i rispettivi paesi vicini linguisticamente simili; Francia e Paesi Bassi?

Che cosa ha rivelato la tua ricerca [preliminare] (https://en.wikipedia.org/wiki/History_of_Belgium#Independence) (https://www.belgium.be/en/about_belgium/country/history/belgium_from_1830)?
Cinque risposte:
#1
+21
Lev
2011-10-12 17:59:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In primo luogo, il Belgio non è stato creato unendo i Valloni con i fiamminghi, ma dalla secessione dai Paesi Bassi. Questo evento è noto come rivoluzione belga.

Secondo l'articolo di Wikipedia collegato, una delle ragioni della rivoluzione era che molti futuri belgi, persino fiamminghi, "consideravano dispotico il governo di re Guglielmo I".

Inoltre, i belgi sono cattolici, mentre gli olandesi sono protestanti. La rivoluzione belga avvenne nel 1830, quando il nazionalismo non era ancora molto popolare, quindi la somiglianza linguistica non ebbe un ruolo così importante come una religione comune.

Questo spiega perché sia ​​i valloni che i fiamminghi lo volevano secessione dai Paesi Bassi. Perché non entrare in Francia? Non ho una buona risposta, ma ancora una volta, dato che c'era poco nazionalismo (o il nazionalismo non era linguistico), c'erano poche ragioni per farlo.

Buona sintesi. Questa storia è piuttosto rilevante anche per l'attualità!
Grazie, ma adesso il nazionalismo è forte. La mia ipotesi è che il Belgio si dividerà.
È uno scenario complesso, da quello che ho sentito. I fiamminghi si sentono più in comune con gli olandesi ei valloni con i francesi. Per me ha più senso mantenere la regione di Bruxelles indipendente e Vallonia / Fiandre si uniranno rispettivamente a Francia / Paesi Bassi.
@Noldorin: esattamente. Bruxelles farebbe molto bene per una capitale senza stato dell'UE.
"Perché non entrare in Francia?" Probabilmente perché altri paesi europei non avrebbero "sostenuto" l'accrescimento al potere francese, dati i loro sospetti sul paese, dopo la guerra napoleonica.
_ "Perché non unirsi alla Francia" _ perché il Belgio è stato approvato, e sempre leggermente _incoraggiato_ da inglesi, francesi e persino tedeschi come un pezzo di terra neutrale da collocare tra Francia e Germania. Meno confine condividevano questi paesi, meno probabile sarebbe stato un conflitto, era il ragionamento. Il Belgio era visto come uno _buffer-state_
@EliasVanOotegem Sì, * Waterloo * (1815) forse dice tutto. Chi è venuto in aiuto di Wellington? Marshall Blucher con i suoi prussiani. Sebbene la Gran Bretagna non avesse mai avuto un esercito abbastanza grande per fare campagna in Europa senza alleati, dovette accontentarsi di controllare gli oceani del mondo. I Paesi Bassi e il Belgio sono sempre stati centrali nella politica britannica nei confronti dell'Europa e dei suoi più fedeli alleati. Vorrei anche dire a chi ha risposto qui, che il * nazionalismo * esisteva molto prima del 1830. Napoleone era la quintessenza di un nazionalista.
@WS2 è vero, il nazionalismo è stato (e sarà sempre) in giro finché ci saranno nazioni. Essendo il Belgio una nazione artificiale, con un nazionalismo WRT passato a scacchi, è un argomento difficile da trattare con precisione. Natiolaismo fiammingo, nazionalismo vallone, nazionalismo belga, orangisti, francofili, ... sono tutti nazionalisti in un certo senso, ma sono ai ferri corti e le discussioni su di loro tendono a dimostrare la legge di Godwin piuttosto rapidamente
@EliasVanOotegem Stai confondendo causa ed effetto. È un malinteso diffuso che le nazioni esistano in qualche modo oggettivo e che questa divisione dia origine al nazionalismo. In realtà, uno degli obiettivi dei movimenti nazionalisti è definire le rispettive nazioni. Cioè, le nazioni esistono perché esiste il nazionalismo.
@WS2, Non ho detto che il nazionalismo non esistesse, ma che all'epoca era piuttosto debole, almeno in alcuni paesi. Il nazionalismo fu una delle ideologie rese popolari per la prima volta dalla Rivoluzione francese, iniziata meno di 50 anni prima della creazione del Belgio. Per i belgi, non era nemmeno chiaro a quali nazioni appartenessero, se ce ne fossero.
@Lev Alcuni storici segnano l'inizio di un'Europa di stati nazione, (al contrario di uno di imperi concorrenti) con il trattato di Westfalia, 1648 - dopo la guerra dei trent'anni.
@WS2 Hai dei link? Non intendi il sistema della Westfalia, vero?
@Lev Potresti fare di peggio che iniziare con l '[articolo Wiki su * The Thirty Years War 1618-1648 *] (https://en.wikipedia.org/wiki/Thirty_Years%27_War) - specialmente la sezione "Political Consequences". In precedenza l'Europa era essenzialmente gestita da due famiglie, i Borboni in Francia e gli Asburgo a Vienna e Madrid. Iniziando come una guerra di religione, si trasformò in una guerra tra la Francia e l'HRE. Essendo stati cacciati gli spagnoli dai Paesi Bassi, fu nella pace di Vestfalia che iniziarono a essere stabiliti i confini di quelli che sarebbero poi diventati stati sovrani.
#2
+16
Vanessa
2011-10-12 21:28:18 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel Medioevo, il Belgio e i Paesi Bassi appartenevano a un'area chiamata "Paesi Bassi". Nel 1384 questa zona passò sotto il dominio dei duchi di Borgogna, dando inizio a quella che è conosciuta come la "Olanda borgognona". Questi domini furono fusi nella corona spagnola come risultato del matrimonio politico del Sacro Romano Impero Massimiliano I con Maria di Borgogna nel 1477. Il loro figlio Filippo "il Bello" divenne re di Castiglia a causa del suo matrimonio con Juana "la Pazza "di Castiglia. Ha ereditato il territorio e lo ha trasmesso a suo figlio con Juana che divenne contemporaneamente l'imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V e il re di Spagna (formalmente re di Castiglia, Leon e Aragona) Carlos I. Questa unione personale si concluse con il figlio di Carlos che divenne re di Spagna Filippo II e lo zio di Carlos (figlio di Filippo I) diventano imperatore del Sacro Romano Impero Ferdinando I. L'accordo era che i Paesi Bassi rimanessero con la Spagna (i "Paesi Bassi spagnoli")

Nel 1568 la rivolta olandese scoppiò con sette province settentrionali dei Paesi Bassi spagnoli che si separarono dalla Spagna e divennero la Repubblica dei Sette Paesi Bassi Uniti (la Repubblica olandese). Da questo punto le storie del Belgio e dei Paesi Bassi divergono. Le radici, tuttavia, sono nelle differenze precedenti, in particolare il predominio del cristianesimo cattolico nel sud e del calvinismo nel nord. Nel 1648 la Spagna riconobbe l'indipendenza olandese nella Pace di Westfalia che pose fine alla Guerra dei Trent'anni. La parte meridionale è rimasta spagnola, nota come "Paesi Bassi meridionali".

All'indomani della Guerra di Sucessione Spagnola, nel 1713, i Paesi Bassi meridionali passarono all'Austria a titolo di risarcimento per la pretesa austriaca sulla controversa corona spagnola. Durante la Guerra della Prima Coalizione la Prima Repubblica francese conquistò la regione dall'Austria nel 1794. La conquista fu riconosciuta dall'Austria nel Trattato di Campo Formio che pose fine alla guerra nel 1797. Dopo la sconfitta francese nel 1814, il Congresso di Vienna formò un nuova monarchia olandese guidata da Guglielmo I, in precedenza principe d'Orange (i principi d'Orange erano monarchi semi-ufficiali della Repubblica olandese). Questa monarchia copriva l'intera regione dei Paesi Bassi, unificando così nuovamente il sud e il nord. Tuttavia, l'unione non è durata a lungo. Nel 1830 scoppiò la rivoluzione belga per numerose ragioni, tra cui la sottorappresentazione del sud negli Stati Generali (il nord e il sud avevano lo stesso numero di rappresentanti anche se il sud aveva una popolazione leggermente più numerosa). Il sud divenne così un Regno del Belgio indipendente con il sostegno della Francia (che aveva appena avuto la sua rivoluzione: la Rivoluzione di luglio che sostituì la Casa di Borbone con la Casa di Orleans). Leopoldo della casa tedesca di Sassonia-Coburgo-Gotha fu incoronato re nel 1831.

Non hai citato nessuna fonte qui. Penso che normalmente l'etichetta ti richieda di farlo.
Ci sono alcuni errori evidenti in quanto detto sopra. Ad esempio, il matrimonio di Maria di Borgogna e dell'imperatore del Sacro Romano Impero Massimiliano I non aveva assolutamente nulla a che fare con il regno (i) di Spagna. Detto ciò, la storia dei "Paesi Bassi" è incredibilmente complessa e difficilmente può essere riassunta in poche frasi senza fare fuorvianti semplificazioni.
#3
+5
Tom Au
2011-10-12 18:23:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La creazione del Belgio iniziò quando i Paesi Bassi (protestanti) si separarono dai Paesi Bassi (cattolici_ spagnoli nel XVI secolo, riducendoli al moderno "Belgio", sotto il dominio asburgico.

Dopo le guerre napoleoniche, Il "Belgio" fu riunito brevemente con i "Paesi Bassi" in una "fusione" forzata come parte della soluzione di pace. Fu infelice sotto il dominio olandese, si ribellò nel 1830 e divenne un paese indipendente nel 1839.

#4
+2
Jos
2017-10-01 13:37:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il Regno dei Paesi Bassi fu formato nel 1813 per formare un cuscinetto contro la Francia. Ai belgi non è stato chiesto nulla. King Willy 1 (William of Orange) era semplicemente un buon negoziatore. Gli alleati non volevano rifare tutto da capo, quindi unire (ora) i Paesi Bassi con (ora) il Belgio sembrava una buona idea.

Ci sono molte ragioni per cui non ha funzionato:

  1. Guglielmo 1 non si è fatto apprezzare dai belgi, nemmeno alla sua incoronazione. Era protestante (i belgi erano cattolici) e avaro da morire. Era consuetudine lanciare monete d'oro durante la cerimonia di incoronazione, ma William optò per monete di rame. Il suo soprannome divenne "il re del rame".
  2. Differenza in economia. I Paesi Bassi erano principalmente orientati all'agricoltura e al commercio, in Belgio la rivoluzione industriale era già iniziata. I belgi avevano l'idea che loro (cattolici) pagassero per il regno (protestante).
  3. I francesi desideravano moltissimo che il Belgio si secedesse. Agli alleati piacevano i Paesi Bassi forti al confine con la Francia, ma la Francia ovviamente aveva idee diverse. Non appena scoppiata la rivoluzione, l'esercito francese si è mosso per assistere i poveri belgi oppressi nella loro ricerca dell'indipendenza.

In effetti, non fu tanto la coraggiosa resistenza o esercito belga a rendere indipendente il loro paese, ma molto più il grande esercito francese che li sosteneva.

In Belgio c'era (ed è) la barriera linguistica tra olandese e francese. La metà della popolazione parla olandese e l'altra metà francese. Durante la rivolta belga, la parte francofona prese il controllo del paese. Quasi tutta la nobiltà oggi è di origine vallona. Molti belgi dicono che c'è un solo belga: il re stesso. Tutti gli altri sono valloni o fiamminghi.

Ovviamente gli olandesi hanno suggerito che la popolazione di lingua olandese diventasse olandese. Ma gli alleati non lo volevano. Non volevano che il francese crescesse aggiungendo la Vallonia. I prussiani non erano entusiasti di vedere crescere i Paesi Bassi aggiungendovi le Fiandre. Gli stessi belgi erano piuttosto stufi di essere governati dagli olandesi, quindi quella era comunque l'ultima cosa che volevano.

Ci volle molto tempo prima che i negoziati fossero conclusi. Il re William ha quasi mandato in bancarotta il paese mantenendo l'esercito completamente mobilitato per 9 anni. Solo quando il paese stava per dichiarare bancarotta accettò la spartizione. Il Lussemburgo divenne proprietà personale del re Guglielmo fino alla morte del re Guglielmo III.

Fonti (principalmente in olandese):

Questa risposta è abbastanza buona. Un'aggiunta: nella recente biografia del re Guglielmo I (2013) è stato chiaramente dimostrato che l'attore principale nella creazione del nuovo regno dei Paesi Bassi era il politico britannico Castlereagh, senza di lui è altamente dubbio che Guglielmo I sarebbe diventato re di quelli che ora sono Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo.
Andrei anche oltre. King Billy 1 ha preso più soldi delle tasse che poteva. Il motivo principale per cui i belgi volevano secedere era una tassazione pesante.
Le tasse hanno giocato un ruolo molto limitato nella rivolta. Se non l'hai già fatto, ti consiglio di leggere la recente biografia sul re Willem I di Jeroen van Zanten (2013).
#5
+1
zarrafak
2012-09-19 18:08:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il Belgio si separò dai Paesi Bassi in virtù di un trattato nel 1830. Questo era destinato a quel tempo a stabilire una maggioranza protestante permanente nella parte settentrionale dei Paesi Bassi, dividendo l'attuale maggioranza cattolica romana, che, da parte loro, non era soddisfatta i tentativi della dinastia dominante di creare una chiesa protestante dell'establishment. Probabilmente ha avuto quell'effetto in quel momento. Tuttavia, la piccola maggioranza protestante creata nel nord probabilmente è durata solo per un tempo relativamente breve, poiché in seguito c'è stata quasi sempre una piccola maggioranza cattolica romana nei (rimanenti) Paesi Bassi, almeno tra coloro che sono rimasti che affermano di essere cristiani. - Ci sono echi nella creazione del Regno Unito, per ragioni simili, dell'Irlanda del Nord nel 1921.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...