Domanda:
Qual era il rapporto tra le perdite tedesche e sovietiche sul fronte orientale durante le diverse fasi della guerra?
RobertLee
2012-01-30 22:29:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho letto da qualche parte che il rapporto tra le vittime sovietiche e tedesche sul fronte orientale era di 1,4 per l'intera guerra. Ma per quanto riguarda i dati per le diverse fasi della guerra? (questo rapporto non era costante, dopotutto) C'è un'analisi che spieghi le fluttuazioni di quel rapporto in termini di battaglie importanti, tattiche offensive / difensive, sviluppi di armi ecc.?

"vittime", se usato liberamente, potrebbe significare molte cose diverse. In gergo militare, una vittima è semplicemente qualcuno o qualcosa che non può più combattere / funzionare. Un soldato che è ferito, sopravvive, ma non può combattere, è una vittima. Inoltre, esiste più spazio per la confusione in contesti come le forze aeree. Quando un aereo viene abbattuto, è una vittima dell'aereo indipendentemente dal fatto che il pilota sopravviva o meno. L'aereo stesso è di solito molto più importante, perché i piloti possono essere sostituiti, ma la produzione degli aerei richiede molto tempo e risorse.
(continua): Stessa cosa con carri armati, navi militari, ecc. Infine, può esserci una distinzione tra vittime ** civili e soldati **. Se vuoi includere tutte le vittime umane, il rapporto di uccisioni tra Germania e Unione Sovietica sarà davvero molto alto per ovvie ragioni. Quindi, in conclusione, ** per favore chiarisci cosa intendi per incidente. **
Quattordici risposte:
#1
+18
Tom Au
2012-01-30 23:55:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A quanto ho capito, il rapporto tra le perdite sovietiche e quelle dell'Asse era qualcosa come 6 o 7 a 1 nel 1941, forse 2 a 1 nel 1942 e (vicino a) 1 a 1 nell'ultima parte della guerra. Ciò include non solo le perdite tedesche, ma quelle degli alleati (principalmente ungheresi, rumeni e italiani). Quindi i totali dai sovietici ai tedeschi sarebbero più alti.

I tedeschi sono partiti alla grande nei primi sei mesi con relativamente poche vittime. Se avessero continuato a quel ritmo, avrebbero vinto la guerra. Nel 1942, i tassi di vittime di circa 2 a 1 rappresentavano un equilibrio approssimativo, tra le forze sovietiche e quelle dell'Asse. Successivamente, il tasso di perdita sovietico, che si avvicinava a 1 a 1, era inferiore alla loro preponderanza di manodopera, motivo per cui alla fine hanno vinto.

Nel 1941, i tedeschi avevano i vantaggi della sorpresa, della preparazione, di una dottrina tattica superiore. Nel 1942 i tedeschi avevano perso i primi due vantaggi, ma la loro dottrina superiore fece la differenza. Nel 1943, le forze sovietiche avevano raggiunto, in alcuni casi, superato i tedeschi in qualità di equipaggiamento e dottrina, a un livello sufficiente per essere in grado di vincere con un vantaggio numerico da 2 a -1, come Grant e il Nord contro Robert E. Lee e Sud nel 1864-5 .

(Solo l'effetto di essere sulla difensiva permise ai tedeschi di infliggere perdite leggermente superiori a 1-1. )

Nota editoriale: ho inserito il testo in grassetto nel paragrafo precedente in risposta a un'altra risposta di seguito riguardante lo studio dello storico Trevor Nevitt Depuy sulla relativa efficacia in combattimento dei sovietici e Eserciti tedeschi. Nel suo ambito, tale risposta sembra essere sostanzialmente corretta (a causa del vantaggio numerico dei sovietici), senza essere incoerente con la mia risposta (rivista).

Esempio: i sovietici iniziano con 10 milioni di uomini contro i 5 milioni dei tedeschi. Ogni esercito infligge 1 milione di vittime all'altro. Il "rapporto delle perdite" (secondo la domanda) è di 1 a 1, ma i tedeschi hanno un vantaggio di 2 a 1 nell'efficacia in combattimento perché hanno inflitto lo stesso milione di vittime usando la metà degli uomini. Se il rapporto tra le perdite sovietiche e tedesche fosse da 1,25 milioni a 1,00 milioni (leggermente più di 1 a 1), il rapporto tra l'efficacia in combattimento tedesca e quella sovietica sarebbe 2,50 a 1, in linea con i calcoli di DePuy.

Se fosse come lo dici tu, il rapporto totale per l'intera guerra non si avvicinerebbe al rapporto tra 10 e 8 milioni come in realtà.
Anixx: le vittime sovietiche erano più vicine ai 20 milioni, almeno secondo questa fonte. http://www.goodreads.com/book/show/414302.A_War_to_Be_Won
Queste sono le perdite totali, compresi i civili. Sotto Krusciov il numero totale di perdite demografiche era stimato a 26 milioni.
E quella cifra include morti a causa di morti, sotto bombe, sterminati dai nazisti, morti di fame e forse anche bambini non nati.
La cifra ufficiale delle perdite dell'esercito declassificata nel 1993 secondo il ministero della difesa russo è ancora più piccola: 8 860 400 delle perdite totali, di cui uccise in azione 5226800, morte negli ospedali a causa di lesioni 1 102 800, morte per altre cause colpo 555 500.
@Anixx: Accetterò queste cifre come ragionevolmente accurate per i decessi. Le cifre sulle vittime che sto usando (su entrambi i lati) includono i feriti, cioè le "perdite". Ciò cambierebbe molto i numeri assoluti, ma probabilmente non i rapporti. "Da morto a morto", potrebbero essere 8 milioni di sovietici, tre milioni di Axis.
Questa cifra include non solo i morti ma anche catturati come prigionieri di guerra. Per quanto riguarda la tua richiesta di circa 3 milioni di vittime tedesche, potrebbe essere vero solo se si contano solo le vittime della Wehrmacht (senza le Waffen SS e gli alleati tedeschi) e senza contare le catture.
Si pensa che la Germania abbia perso 3 605 000 prigionieri senza contare i prigionieri di guerra catturati e 442 000 morti, insieme agli alleati la cifra ritenuta essere di 4 273 000 senza catturati e 580 000 morti durante la cattura. Queste cifre non contano quei prigionieri di guerra che tornarono dalla cattura sovietica dopo la guerra, le vittime navali e altri teatri (non orientali) della guerra.
I numeri sovietici "ufficiali" di @Anixx non sono molto accurati. Probabilmente non includono vari civili colpiti in servizio (alias Milizia popolare), partigiani, detenuti, forze paramilitari come le truppe del ministero degli interni / polizia e altri. A Leningrado i sovietici misero in servizio uomini di 80 anni.
Sicuramente non includono partigiani, ma sicuramente * includono * milizie popolari, detenuti e truppe interne. A proposito, per quanto riguarda le vittime tedesche è essenzialmente impossibile fare alcuna stima per il 1945, a quel tempo non hanno statistiche e l'intero esercito si stava arrendendo (indipendentemente dal fatto che sia giusto o meno considerare gli eserciti che si arrendono di uno stato capitolante come "vittime" è un'altra domanda).
@Anixx: Penso sia giusto concludere che all'incirca fino al dicembre 1944 il popolo tedesco generalmente credeva che un * miracolo di Federico il Grande (1762) * fosse ancora realizzabile; e che anche questa debole speranza di sopravvivenza era scomparsa all'inizio del 1945. A quel punto la maggior parte dei soldati tedeschi era più interessata a come essere nominati al fronte occidentale che a come raggiungere i loro obiettivi militari.
@TomAu: È meglio; non votato.
@Anixx: I sovietici avevano i loro storici militari e statistici che valutavano le loro perdite. Non sono di per sé più inaffidabili.
#2
+11
duffbeer703
2012-01-31 02:18:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'Armata Rossa non era una forza combattente efficace all'inizio, per molte ragioni. (Compreso il fatto che Stalin aveva appena massacrato il corpo degli ufficiali) I primi giorni della guerra furono in gran parte un affare unilaterale, in cui la più grande sfida dell'esercito tedesco era affrontare decine o centinaia di migliaia di truppe sovietiche che si arrendevano. Col passare del tempo, i sovietici si sono raggruppati e si sono ritirati.

Il fronte russo era un conflitto enorme. Leningrado è stata sotto assedio per quasi 3 anni. La battaglia di Stalingrado durò mesi e uccise oltre 2 milioni. Kursk è stata una battaglia epica che è stata il punto di svolta della guerra. Da quel momento in poi, i tedeschi furono sulla difensiva e impegnati in una lunga battaglia di logoramento, per tutto il viaggio di ritorno a Berlino.

Non ho mai visto una contabilità delle vittime in forma proporzionale. Ci sono molti dati per calcolare i tuoi: oltre 30 milioni sono stati uccisi in questo fronte di guerra.

#3
+7
Tikkurila
2013-01-04 00:19:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La stragrande maggioranza dei soldati tedeschi furono uccisi, presi prigionieri di guerra o altrimenti resi inabili sul fronte orientale. Il rapporto di perdita tra Unione Sovietica e Asse era di 1,3: 1 e l'URSS ha prodotto più della Germania in ogni sistema d'arma durante la guerra.

Secondo un meticoloso lavoro d'archivio post-sovietico (GI Krivosheev in Soviet Casualties and Combat Losses), il il numero totale di uomini (e nel caso sovietico, circa 1 milione di donne) che sono passati attraverso le forze armate dell'URSS è stato di 34.476.700 e attraverso quelle della Germania è stato di 21.107.000. Di queste, le "perdite irrevocabili" (il numero di soldati che sono stati uccisi in azioni militari, sono diventati MIA, sono diventati prigionieri di guerra e sono morti per cause non belliche) sono state 11.285.057 per l'URSS, 6.231.700 per la Germania, 6.923.700 per la Germania e i suoi territori occupati e 8.649.500 per tutte le forze dell'Asse sul fronte orientale. Pertanto, il rapporto totale tra le perdite militari sovietiche e naziste era di 1,3: 1.

Inoltre, su 5,2 milioni di prigionieri presi dall'Asse sul fronte orientale 3,6 milioni morirono e su 5,4 milioni di prigionieri dell'Asse presi da I sovietici morirono solo 824mila, il che influisce anche sul numero totale delle vittime. Le stime delle perdite dell'Asse diminuirono nel 1945 poiché il potere della macchina da guerra dell'Asse era concentrato sul tenere i sovietici fuori dalla Germania, quindi 8.649.500 vittime dell'Asse è la stima più bassa.

Hai fonti per questa risposta?
Credere alle figure ufficiali sovietiche / russe (incluso il generale Krivosheev) è al di là dell'ingenuità.
#4
+5
nick
2013-05-11 13:22:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Chi ha mai scritto questo ha torto:

"Nel 1941, i tedeschi avevano i vantaggi della sorpresa, della preparazione, della dottrina tattica superiore. Nel 1942, i tedeschi avevano perso i primi due vantaggi, ma il loro superiore dottrina ha fatto la differenza. Nel 1943, le forze sovietiche avevano raggiunto, in alcuni casi, superato i tedeschi in qualità di equipaggiamento e dottrina. Solo l'effetto di essere sulla difensiva ha permesso ai tedeschi di infliggere perdite leggermente superiori a 1- 1 rate. "

Infatti, secondo:" Number predictions and war "di Depuy, la Germania rimase da uomo a uomo superiore non solo agli eserciti alleati occidentali fino alla fine della guerra, ma notevolmente URSS. Anche a Kursk la Germania aveva un vantaggio di efficacia in combattimento del 256% rispetto ai sovietici, 1 soldato tedesco era pari a 2,56 sovietici in abilità di combattimento.

A 44 anni questo vantaggio era sceso al 180%, essendo un soldato tedesco pari a 1,8 soviet. Lo studio di Depuy è esaustivo e dimostra che questo ragazzo sopra non sa di cosa sta parlando. Oh, a proposito, Depuy ha tenuto conto del vantaggio difensivo dei tedeschi, questa cifra è meno quel vantaggio. Quindi, su una base di campo uniforme, 100 tedeschi erano pari a 180 sovietici. I soviet hanno vinto a causa dei numeri schiaccianti, della stupidità di Hitler e del secondo fronte, gli USA!

Le sconfitte sul campo di battaglia di Soivet sono state 44,5 milioni. Il tedesco perde 1.100.000. Le perdite tedesche sono considerevolmente inferiori, ovviamente questo ragazzo sta ottenendo le sue cifre da qualche libro di storia russo BS come wikipedia.

(Seconda Guerra Mondiale: Alleati mobilitati contro la Germania 40,4 milioni, Germania Mobilitata 12,5 milioni. Perdite alleate 23 milioni, Germania 10,1 milioni. Punteggio di efficacia Alleato 0,25, tedesco 1,84. Il che significa che un soldato alleato su quattro ha inflitto una vittima ai tedeschi mentre ogni tedesco ha avuto una media di quasi due perdite alleate. Anche dopo che Depuy si è aggiustato per postura difensiva, il punteggio del tedesco è stato di 1,42. Che era cinque volte più grande degli alleati. Scource: Depuy, "Numbers Predictions & War")

Ho letto anni fa l'enciclopedia della biografia militare di Dupuy, il che è fantastico, ma tutti questi numeri di giocoleria sono piuttosto loschi e sembrano un po 'superficiali ...
Il mio consiglio è leggere il libro, lo studio è molto ampio ed è stato intrapreso per il dipartimento della difesa.
Il mio consiglio è leggere il libro, lo studio è molto ampio ed è stato intrapreso per il Dipartimento della Difesa. Ciò è supportato dal fatto che gli Alleati in quasi tutte le loro vittorie richiedevano un enorme vantaggio materiale, e anche allora, quando aiutati da Hitler, era ancora lento e duro. Ciò attesta un vantaggio uomo per uomo da parte dei tedeschi.
@nick: Finalmente qualcuno su questa questione con una comprensione di base del conflitto.
@nick: La tua opinione sui calcoli di DePuy sull'efficacia relativa del combattimento è stata ben accolta, ma non è in contrasto con la mia risposta (rivista), a causa della superiorità numerica dei sovietici. L'esempio ha mostrato come il rapporto delle vittime potesse essere vicino a 1 a -1, e i tedeschi hanno un'efficacia in combattimento di 2 a 1 (o più), perché hanno inflitto un numero simile di vittime usando la metà degli uomini.
@FelixGoldberg: Considero le affermazioni di Nick "sostanzialmente corrette", ma il problema era un confronto tra "mele e arance". Vedi l'esempio nella mia risposta espansa per una riconciliazione dei due.
@PieterGeerkens: Vedi la mia revisione e la riconciliazione tra i miei numeri e nick nell'esempio. Come notato in un commento alla risposta, la mia fonte principale era http://www.goodreads.com/book/show/414302.A_War_to_Be_Won
#5
+5
JLong
2013-05-13 12:24:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nick,

Nel tentativo di assicurarti che il tuo posto non diventi cibo per nazionalisti e neo-nazisti, non confondere le conclusioni di Dupuy. Non ha concluso che i tedeschi fossero "uomo per uomo" migliori, ma piuttosto che la loro leadership fosse migliore, in particolare a livello di sottufficiali fino al livello di stato maggiore. Questa è la ragione principale, conclude, per cui i soldati tedeschi combattevano con un'efficacia maggiore rispetto ai loro omologhi.

NON era perché i tedeschi erano una specie di superuomini.

Sicuramente +1, anche se questo è più un commento che una risposta. & Benvenuto nel sito!
Benvenuto nel sito! Una citazione aiuterebbe quelli di noi che non sono così immersi nelle prove come tu e Nick lo siete.
Parte del vantaggio tedesco può forse essere attribuito a questo concetto di gestione del combattimento: https://en.wikipedia.org/wiki/Mission-type_tactics. E quando si guarda al rapporto totale delle perdite militari, si deve considerare che la Germania è stata sulla difensiva per la maggior parte della guerra, il che è considerato un vantaggio.
No, non sono d'accordo con quello. Mentre l'Asse ha combattuto una guerra difensiva per la metà del tempo, combattere una guerra difensiva non era (chiaramente) vantaggiosa. Come mostrato, le forze dell'Asse hanno avuto un "rapporto" migliore nei primi 2 anni rispetto al secondo biennio, ma anche l'intera conquista di Francia / Belgio / Paesi Bassi mostra l'efficienza delle manovre offensive nella seconda guerra mondiale. Avere l'iniziativa dava la capacità di manovrare, creare posizioni di superiorità numerica e / o circondare (i prigionieri di guerra contano come vittime). Solo posizioni davvero ben difendibili (vengono in mente Kreta e Normandy) hanno dato un vantaggio enorme alla difesa.
#6
+4
Gangnus
2012-02-01 05:13:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'intera perdita militare dei tedeschi è stata di circa 4,5 milioni.

Vecchi dati per perdite militari ufficiali di SU: circa 6,8 milioni di KIA + 0,5 milioni di morti + 4,5 milioni di prigionieri.

Gli ultimi dati sono apparsi nel 2017. Secondo i dati "Undying Regiment" presi dal Comitato di pianificazione statale ora aperto, il numero totale di persone perse nell'URSS nel 41-45 era di 52 mil. Il numero naturale sarebbe di circa 10 mil. Quindi, il numero di perdite è stato contato come 42.000.000 di persone. Ecco TUTTE le perdite dovute alla fame, malattie dovute alla malnutrizione, KIA, civili uccisi, morti nei campi e altri motivi. Di questi, le perdite militari sono state circa 19 mil. Questi dati sono alquanto ufficiali ora.

Durante i primi tre mesi le perdite sovietiche sono state di circa un milione al mese. Si sono arresi, perché soprattutto odiavano l'US. Molti di loro volevano persino combattere contro l'US. Ma Hitler si rifiutò di usarli e furono tutti annientati. Anche Himmler era contro tali sprechi.

Periodo molto interessante fu anche durante l'avanzata primavera-estate del 1942 dei tedeschi. Ci fu una ribellione anticomunista nelle regioni dell'Ucraina orientale e dei cosacchi della Russia. Quindi, le truppe SU sono fuggite prima dell'avanzata dei tedeschi. Quasi nessuna perdita da entrambe le parti, solo prigionieri ...

"Si sono arresi, perché volevano combattere contro il SU". - LOL. Hai reso la mia giornata. L'hai letto in qualche scritto di Goebbels?
No, in base alle informazioni di mio nonno e di altri veterani russi che conoscevo. Per quanto riguarda Goebbels, a quanto pare non hai pensato abbastanza: chi ammetterà di aver ucciso persone che volevano combattere dalla loro parte? Ciò distruggerebbe totalmente la loro teoria degli slavi inferiori e la base teorica della guerra. E la tua fonte mai era apparentemente Zhukov? Chi ha cambiato la versione 7 volte? Davvero, autore onesto.
Quindi tuo nonno si è arreso, si è arruolato in un'unità filo-nazista e ha combattuto per la Wehrmacht, poi dopo la guerra è emigrato in Canada per non essere punito per tradimento? Allora non è così sorprendente quello che dice per imbiancare se stesso. Il 60% dei prigionieri di guerra sovietici morì di fame in Germania e preferì non diventare traditori nonostante i visitatori delle SS li costringessero ad arruolarsi e salvarsi da una morte certa per fame.
@Anixx - anche la propaganda sovietica ha ammesso che esistessero. Vlasov era un esempio ben noto anche quando insegnavano storia nelle scuole sovietiche.
Ebbene, anche Vlasov non si è arreso per combattere contro l'URSS. Si arrese perché non aveva scelta e fu accerchiato e poi fu convinto a organizzare unità antisovietiche. Ovviamente le persone che volevano combattere contro l'URSS esistevano, ma ovviamente non la maggior parte degli si arrese come sostiene Gangnus.
@Anixx ha ragione su Vlasov personalmente. Quanto alla maggioranza assoluta, veniva dal villaggio. E odiava il potere sovietico per le "fattorie collettive". Si aspettavano che Hitler cancellasse i "kolchoz". Ha rifiutato ... E ha avuto la stessa reazione popolare di Napoleone con la schiavitù nel 1812. Sulle persone che combattono contro il comunismo, leggi Shambarov. Molto interessante.
Gangnus, beh, questa è forse una prospettiva dal villaggio di tuo nonno, dove la gente odiava l'Unione Sovietica (era un villaggio russo a proposito?). Mio nonno mi ha detto cose diverse. In effetti molte persone si sono arrese all'inizio della guerra, ma non perché volessero combattere contro la loro patria, ma perché pensavano che l'URSS avrebbe perso la guerra o per salvarsi in circostanze difficili. Pensavano anche che sarebbero stati trattati umanamente come fecero i tedeschi durante la prima guerra mondiale. Una volta che la gente ha appreso cosa hanno fatto i tedeschi ai prigionieri di guerra, il numero delle arrese è diminuito molto.
"lotta contro la loro patria" - insinua che il comunismo, e lo stalinismo in particolare, fosse un sistema sopportabile per la maggioranza dei cittadini sovietici? Anche nei primi giorni del Barbarossa l'NKVD ha fatto cose che avrebbero fatto credere al soldato medio della Wehrmacht che stavano combattendo il diavolo stesso - leggi alcune descrizioni di come furono condotti i massacri nelle prigioni dell'NKVD prima che i tedeschi si avvicinassero. Il punto è che era del tutto giustificato che i soldati sovietici cambiassero posizione, almeno prima che realizzassero i piani di Hitler. Chiamarlo "tradimento" sembra sbagliato.
@RobertLee. Sì. Nel 1987 a Lvov ho parlato con un vecchio, che è stato "preso" all'inizio della guerra nell'Ucraina occidentale, come tutti gli uomini con un'istruzione elevata (non superiore!). Tutti loro sono stati uccisi nelle celle. È scappato perché è caduto e ha mentito sotto i cadaveri - per tre giorni. Gli eroi dell'NKVD non hanno avuto il tempo di controllare il loro lavoro. Piangeva da bambino quando raccontava di questo - 46 anni dopo che era accaduta la cosa! Normalmente gli ucraini non hanno parlato con i russi di tali temi, ma ho partecipato alla liquidazione di Chernobyl e dopo di essa mi hanno preso come uno di loro.
@Anixx Sì, era un villaggio della regione di Uljanovsk. Territorio russo abbastanza antico. E mio nonno ha combattuto personalmente onestamente, perché in questi mesi di inizio era in questi reggimenti che si opponevano al Giappone e si è trasferito sul fronte occidentale solo in autunno, quando si sapeva, che i nazisti non cancellano i kolchoz e sono ancora più crudeli dei comunisti.
@Anixx Il nonno ha parlato di questo tema con molta riluttanza. È molto difficile per un uomo forte riconoscere di aver vissuto tutta la sua vita sotto un potere che non ha rispettato nemmeno un po 'e non ha fatto nulla contro di esso. E prova a spiegare "le ragioni oggettive e personali" della tua "codardia" a un ragazzino. Forse è questo il motivo per cui hai sentito quello che hai sentito.
"insinua che il comunismo, e lo stalinismo in particolare, fosse un sistema sopportabile per la maggioranza dei cittadini sovietici?" - RobertLee, il comunismo e personalmente Stalin erano sostenuti dalla maggioranza totale dei cittadini. Forse non sai come le persone hanno pianto in massa quando Stalin è morto, come se fosse il loro parente più stretto.
Non supportato, ma tollerato e temuto. Perché milioni di morti nella Guerra dei Cittadini erano sufficienti. E non c'era una buona alternativa. (Anche l'impero dello zar non era uno stato molto comprensivo.) E le ribellioni popolari furono semplicemente massacrate dai gas di battaglia, come nella regione di Tambov. E quando sono arrivati ​​i tedeschi, la gente (ingenuamente, ovviamente) ha pensato che il cambiamento in meglio potesse finalmente arrivare.
Gangnus. Rileggi quello che ho scritto. La gente piangeva * in massa * quando Stalin morì. Gli insegnanti sono venuti alle lezioni in lacrime, la gente camminava per le strade in lacrime, molte persone addirittura muoiono ai funerali a causa della pressione della folla.
E allora? Adesso la gente piangeva anche in Corea del Nord. Mangiare la corteccia degli alberi a causa della fame e piangere per un buon capo, perché il prossimo potrebbe essere peggio. La seconda ragione era: ci si aspettava che piangessero. Quindi hanno dovuto. Quando 4 anni dopo Staliv fu portato via dal mausoleo e criticato, solo i georgiani protestarono. L'amore è stato troppo breve, eh?
E la ribellione di Tambov è del tutto irrilevante perché è stato un episodio della guerra civile, prima che il potere sovietico diventasse forte, la ribellione è avvenuta in risposta alla confisca forzata di grano per i militari, una pratica che non si è mai ripetuta dopo la guerra civile, gli organizzatori della ribellione erano i socialisti-rivoluzionari, un partito che si posizionava come un'alternativa ancora più di sinistra ai bolscevichi. Negli anni '40 l'intera nuova generazione è cresciuta, la leadership dello stato è cambiata e persino l'uomo che ha usato i gas a Tambov è stato ucciso proprio per questo.
"La seconda ragione era: ci si aspettava che piangessero". - LOL la gente piangeva ovviamente sincera. "Quando 4 anni dopo Stalin fu portato via dal mausoleo e criticato, solo i georgiani protestarono". questo perché la gente generalmente non metteva in dubbio quello che faceva il partito ed era esposto loro quali "errori" faceva Stalin.
Oh, sì, così potrei sentirmi libera di ribellarmi, niente gas adesso? Solo l'intera famiglia in diversi campi per una parola contro lo stato? Quanto umanico! E del grano non preso dall'esercito, spiegalo a milioni di morti a causa della fame organizzata (ammessa da Molotov) in Ucraina e nelle regioni cosacche in 30 legami.
Quello che voglio dire è che le persone generalmente hanno sostenuto molto sia Stalin che il partito. L'unico leader sovietico che non fu sostenuto dalle masse fu Gorbaciov, molto più tardi. Se la gente sostiene il governo, non c'è bisogno di ribellarsi. Se contestate questo semplice fatto, che Stalin ei comunisti erano sostenuti e popolari, discutiamolo separatamente. Per combattere la fame forse non sai che negli anni '30 la fame non era solo in URSS ma anche in Romania.
Alla gente non piaceva Gorbi quando iniziò con amore a Stalin e proibì la vodka, o quando si rivelò debole contro i vecchi comunisti, ma tra questi tempi ci furono centinaia di migliaia di manifestazioni, sulle quali la gente gli chiedeva di andare oltre. Ovviamente parli di cose che ti sono assolutamente sconosciute. E rifiuta di usare qualsiasi logica. Interessante, perché?
Per quanto riguarda i tempi più antichi, ovviamente, la gente amava così tanto quel potere che non poteva resistere senza i campi e il KGB. Sei uno dei blogger di Putin?
Se desideri continuare a commentare questa risposta, utilizza la chat a questo scopo. Blocco per il commento esteso.
#7
+2
nick
2013-05-22 10:46:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il termine: "uomo per uomo" è che hanno ottenuto un risultato migliore su base pro capite. Tuttavia c'è uno studio interessante menzionato nel libro: "Blizkreig" di Len Deighton, sui combattimenti in Nord Africa. Il che ha dimostrato che i tedeschi hanno improvvisato meglio della loro opposizione e hanno combattuto meglio quando hanno perso la loro leadership e quella dei sottufficiali.

Dal libro di Depuy:

"questo suggerisce che parte della superiorità tedesca complessiva probabilmente derivava da un migliore utilizzo della forza lavoro. Il resto potrebbe essere il risultato di fattori come una maggiore esperienza, maggiore mobilità, dottrina migliore, esercitazioni più efficaci, leadership superiore o caratteristiche nazionali intrinseche "

(fonte: pagina 63, Numbers, Predictions & War)

Quindi è probabilmente molto complesso , coinvolgendo molti fattori.

#8
+2
user3442
2014-01-01 11:19:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le cifre delle vittime sono confuse. Alla fine della giornata, scoprirai che i numeri delle vittime dall'URSS sono più accurati di quelli dalla Germania. Le vittime totali per l'esercito tedesco ammontavano a 5,3 milioni. È passato da 3 milioni a 4 milioni e ora a 5,3 milioni, di cui 4/5 morti dal fronte orientale. È stato confermato con i numeri forniti in precedenza dall'URSS. Le vittime dell'URSS sono 8,8 milioni di cui oltre 1 milione di morti di prigionieri di guerra. Se è necessario includere le vittime degli alleati tedeschi per un confronto, questo è un altro milione. Quindi le vittime militari totali sono 8,8 milioni dell'URSS contro 6,3 milioni dell'Asse

Could you please provide some sources to substantiate these numbers?
#9
  0
Markus
2014-10-30 00:23:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Seguendo le cifre ufficiali delle perdite tedesche (fronte orientale) e sovietiche dal 22 giugno 1941 al 31 dicembre 1944, otterremo queste cifre:

Totale perdite tedesche: 5790 459 uccisi, feriti, dispersi
Totale perdite sovietiche: 26 579 242 uccisi, feriti, dispersi

Tasso di perdita: 1: 4,59

(nessuno sa quali fossero le cifre di perdite tedesche negli ultimi quattro mesi del 1945 le perdite ufficiali sovietiche furono 3 013 507)

Ad esempio, lo storico David Glantz ha stimato che 14,7 milioni di soldati e partigiani sovietici morirono mentre i dati ufficiali delle perdite sovietiche danno circa 10 milioni di morti militari)

Nota : il tasso di popolazione tra la Grande Germania e l'Unione Sovietica era solo di circa 1: 2 a favore dell'Unione Sovietica (84 milioni contro 168-170 milioni sulla base delle stime più affidabili della popolazione di entrambe le potenze nel 1939). Prima della guerra si stimava che 10 milioni di tedeschi etnici vivessero fuori dal Reich. Centinaia di migliaia di quei "germanici" prestarono servizio nella Wehrmacht, nelle Waffen SS o nella Luftwaffe. Il pool di uomini della Grande Germania era molto più grande di quanto gli storici tendano a stimare.

http://ww2stats.com/

-1, la cifra di 26 milioni include i civili.
#10
  0
Ross Kapernick
2015-05-31 16:02:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il problema con molte delle figure sopra sono alcune che parlano di perdite tedesche e altre parlano di AXIS. Un grosso errore commesso nel West. I russi non commettono questo errore. Sanno che c'erano molte unità AXIS dall'Europa occupata, dall'Italia e dall'Ungheria, ecc. Una stima che ho visto mettere coloro che hanno combattuto sul fronte orientale per l'ASSE come 2 tedeschi contro 1 di altre nazioni. I russi a cui non è stato fatto il lavaggio del cervello come gli Stati Uniti capiscono che stavano combattendo l'ASSE. Non solo la Germania. C'erano senza offendere la sensibilità occidentale possono unità dell'esercito dalle aree occupate. Soprattutto per quanto riguarda la SS. Hitler intorno al 1942/1943 non riuscì a trovare abbastanza criminali in Germania per intraprendere il lavoro sporco svolto dalle SS. Molti esperti, in particolare esperti russi, stimano che con il progredire della guerra le SS in generale comprendessero solo circa il 40% di tedeschi. Come ci si aspetterebbe, non molte nazioni nelle aree occupate dopo la guerra avrebbero alzato le mani e dire che alcune delle unità SS più feroci provenivano dal nostro paese. Per ottenere un buon confronto, è necessario tenere conto delle perdite delle altre nazioni AXIS sul fronte orientale. Molto difficile. Oggi la maggior parte dei russi si sente più vicina ai tedeschi di molte altre culture perché lo capisce. Tutto quello che puoi dire in modo affidabile è che all'inizio il tasso di perdita URSS / ASSE era molto alto. Nel 1942/1943, con una leadership migliore e un equipaggiamento migliore, cadde. Naturalmente, naturalmente, l'URSS era in svantaggio a riprendersi le città occupate ben difese ecc. Mentre combattevano lì per tornare a Berlino. È sempre così. L'esercito che attacca le aree altamente difese di solito subisce maggiori perdite rispetto ai difensori. Sì, nel complesso l'URSS ha perso più dell'ASSE, ma niente come la propaganda della Guerra Fredda in Occidente ha cercato di capire. Probabilmente alla fine avevano persino invertito tutto a vantaggio grazie a truppe esperte e rinforzate e attrezzature uguali, se non migliori, che si scontrarono con nuove reclute grezze con equipaggiamento inferiore. Non otterrai mai le cifre reali. Meglio per molte nazioni mantenere ancora il mito, tutte le persone rimasero leali e incolparono la Germania. Australiano di quinta generazione.

Benvenuto in [history.se] @Ross. Si prega di rispondere alla domanda, piuttosto che commentare altre risposte. L'idea è che la risposta * migliore * arrivi in ​​cima. La formattazione favorirà la leggibilità e fornire riferimenti o collegamenti a fonti aiuterà la credibilità.
Interessante * opinione *; ma in realtà solo un commento prolisso piuttosto che un vero tentativo di rispondere alla domanda.
#11
  0
Anixx
2015-06-02 16:58:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le cifre ufficiali delle perdite dell'esercito declassificate nel 1993 secondo il ministero della difesa russo sono: 8 860 400 delle perdite totali, di cui uccise in azione 5 226 800, morte negli ospedali per ferite 1 102 800, morte per altre cause o ucciso 555 500.

Si pensa che la Germania abbia perso 3 605 000 senza contare i prigionieri di guerra catturati e 442 000 morti, insieme agli alleati la cifra ritenuta essere 4 273 000 senza catturati e 580 000 morti in cattura . Queste cifre non contano i prigionieri di guerra tornati dalla cattura sovietica dopo la guerra, le vittime navali e altri teatri di guerra (non orientali).

Per quanto riguarda le vittime tedesche è essenzialmente impossibile fare stime per il 1945 , a quel tempo non hanno statistiche e tutti gli eserciti si stavano arrendendo (se sia giusto o meno considerare gli eserciti che si arrendono di uno stato capitolante come "vittime" è un'altra questione)

Prendere sul serio i numeri ufficiali sovietici / russi è assurdo.
#12
-1
user1910
2013-02-16 13:13:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I morti in guerra dei militari sovietici sono ora stimati tra 27 e 35 milioni. Quindi da qualche parte tra 9 e 10 a uno a favore dei tedeschi.

Questo numero (27-35 milioni) include anche i civili. Inoltre il tuo rapporto non tiene conto degli alleati della Germania.
Questa risposta sarebbe molto più utile se facesse riferimento alla ricerca.
-1, il numero include i civili ...
#13
-2
culturlessjew
2013-10-24 19:48:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa è la propaganda che i tedeschi hanno chiaramente vinto.

Il problema della guerra che i tedeschi hanno vinto su tutti i loro nemici è che sono stati attaccati da tutte le parti. I tedeschi distrussero completamente la Russia, ma in Russia fu l'inverno, non l'esercito russo, a distruggere la fornitura tedesca di munizioni, ecc.

Proprio come Napoleone distrusse la Russia, ma poi i russi incendiarono Mosca e aspettarono nella parte posteriore della Russia poi l'inverno ha ucciso l'esercito francese.

Questa risposta sarebbe notevolmente migliorata sia dalla punteggiatura che dalla ricerca. Potete fornire prove a sostegno delle vostre affermazioni?
Risposta molto scarsa: sembra che descriva un gioco di Sid Meier's Civilization e non in realtà la storia. (-1)
#14
-2
ARIMA
2017-05-19 14:19:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una domanda interessante. Alla fine della giornata, dipende da chi chiedi: i dialoghi delle idee o gli storici. Se stai parlando delle vittime puramente militari, allora:

Secondo i simpatizzanti nazisti, erano 30 milioni di russi contro 3 milioni di tedeschi o qualunque cosa stessero parlando. Il problema è che, a causa della guerra fredda, i generali tedeschi furono purtroppo autorizzati a scrivere la storia del fronte orientale nella lotta contro il comunismo.

Secondo gli attuali statistici & gli storici che hanno lavorato su autentici documenti militari (rif. Overmans e Krivocheev), erano 4,2 milioni di tedeschi e circa 1 milione di alleati dell'Asse morti contro 8 milioni di sovietici. Questo tuttavia travisa un po 'le vittime, in quanto include prigionieri di guerra morti ei tedeschi (in particolare) avevano l'abitudine di uccidere in massa tutti i prigionieri di guerra sovietici che hanno trovato, e nemmeno i sovietici erano completamente innocenti.

Quindi qualcosa di circa 1,3 circa in totale sembra ragionevole, con il rapporto che va da ben al di sopra di quello all'inizio, a meno di 1 verso la fine della guerra.

Questa risposta trarrebbe vantaggio dalle fonti.
Qualcuno ha confuso i suoi [numeri] (https://en.wikipedia.org/wiki/World_War_II_casualties). "30 milioni di russi" sembra vicino ai 27 milioni * complessivi * di morti sovietiche (compresi i civili), mentre "8 milioni di sovietici" suona vicino agli 8-12 milioni * militari * morti sovietiche ...
Inoltre, questo non risponde alla domanda, che chiedeva esplicitamente le * diverse fasi * della guerra.
Ho fornito le mie fonti (Overmans + Krivocheev) e no, non ho confuso i numeri. Stavo semplicemente riflettendo su tutti i neonazisti che pensano che l'Armata Rossa abbia avuto 14 o 30 milioni di vittime o qualsiasi altra cosa contro un numero ridotto di vittime tedesche.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...