Domanda:
Gli Stati Uniti hanno mai avuto un presidente non cristiano?
Tirous
2019-05-04 02:28:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se Bernie Sanders vincesse le elezioni del 2020, sarebbe il primo POTUS ebreo nella storia americana, indipendentemente da quanto possa essere "culturale" il suo giudaismo. Detto questo, il suo essere il primo POTUS ebreo lo renderebbe anche, più in generale, il primo POTUS non cristiano d'America?

L'America è una nazione giovane - almeno rispetto ai suoi pari - ma ce ne sono ancora molte di POTUS, molti dei quali non so molto, se non altro, e sono solo curioso se qualcuno di loro non fosse cristiano.

Inizialmente l'ho chiesto su r / AskHistorians , ma a quanto pare infrange la loro "regola dei 20 anni". Quindi, chiedo qui. :)

Potresti modificare la tua domanda per chiarire ciò che hai già esaminato, completa di collegamenti e riferimenti e contesto, se applicabile? In particolare, facci sapere cosa trovi mancante o poco chiaro sulla voce di Wikipedia sull'argomento, se esiste. Ciò consente a coloro che potrebbero voler rispondere di farlo senza dover ripetere il lavoro che hai già fatto. Potrebbe essere utile rivedere il tour del sito e il Centro assistenza e, in particolare, Come chiedere.
Due risposte:
#1
+64
Denis de Bernardy
2019-05-04 02:57:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Solo due presidenti degli Stati Uniti non si sono autodefiniti cristiani fino ad oggi: Lincoln (il cui caso è oscuro) e Jefferson (che rifiutò l'idea della divinità di Gesù e divenne un deista più avanti nella vita). [Modifica: ma vedi la risposta migliore di JMS, poiché ha dettagli più specifici e le cose sembrano ancora più oscure.]

Se scorri l'elenco collegato, vedrai un'ulteriore nota su Andrew Johnson, che era nominalmente cristiano, ma è considerato uno dei presidenti meno religiosi fino ad oggi.

Se guardi alla pratica attuale, l'attuale occupante della Casa Bianca potrebbe essere una buona aggiunta a quella lista. Mentre è presbiteriano cristiano sulla carta, Trump mostra una lunga lista di comportamenti che, a seconda del punto di vista, potrebbero squalificarlo dall'essere considerato devoto. Notoriamente non va in chiesa, ed è stato anche censurato dalla chiesa presbiteriana per la sua posizione su immigrati e rifugiati.

I commenti non sono per discussioni estese; questa conversazione è stata [spostata in chat] (https://chat.stackexchange.com/rooms/93240/discussion-on-answer-by-denis-de-bernardy-has-the-united-states-ever-had- a-non-c).
AilizohpokCMT https://www.snopes.com/fact-check/my-muslim-faith/
@DenisdeBernardy secondo le mie fonti fornite di seguito Jefferson ha dichiarato di essere cristiano in tre lettere diverse, una delle quali era mentre era presidente. "Sono un cristiano, nell'unico senso in cui desiderava che qualcuno fosse; sinceramente attaccato alle sue dottrine, preferendo tutte le altre; attribuendo a se stesso ogni eccellenza umana, e credendo di non averne mai rivendicato nessun'altra". 21 aprile 1803. Non lo era, ma la tua affermazione che non si è mai autodefinito cristiano è una semplificazione eccessiva.
@JMS: Penso che Jefferson intendesse dire che era un cristiano filosofico, piuttosto che religioso. Cioè, considerava Gesù solo un uomo, piuttosto che (Figlio di) Dio, con alcune dottrine che gli sembravano buone, nello stesso modo in cui si potrebbe essere attaccati alle dottrine di Socrate o Marco Aurelio.
@JMS: Certo, ma il mio punto è che si può essere sia un cristiano filosofico che un ateo / agnostico, il che certamente sconcerterebbe i cristiani religiosi - se capissero la distinzione.
#2
+58
user27618
2019-05-04 09:20:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Domanda:
Gli Stati Uniti hanno mai avuto un presidente non cristiano?

Risposta breve:

Circa il 18-25% di tutti i presidenti americani erano "non cristiani". O in un altro modo, discutibile che gli Stati Uniti non hanno avuto un presidente cristiano fino all'ottavo: il presidente Martin Van Buren, che era la riforma olandese. Dico discutibile perché tre presidenti in totale, e due nei primi sette, sono discutibili: George Washington, Andrew Jackson e James Madison, le cui affiliazioni religiose quando il presidente sono discusse dagli storici.

Tutti hanno raccontato il fallimento presidenziale è ...

Termini:

Per rispondere a questa domanda, è necessario definire cosa significa essere cristiani.
Per i nostri scopi, definiremo "cristiani" in senso lato come coloro che credono nella divinità di Cristo. Se credi che Cristo fosse un profeta di Dio come fanno i musulmani per i nostri scopi, non ti considereremo un cristiano. Se credi che fosse un leader morale intelligente con buone idee che sottoscrivi anche tu, ma non lo adori come dio, allora per i nostri scopi non è cristiano. Includeremo anche quelle persone che non erano religiose in carica e non hanno mai rivendicato alcuna affiliazione religiosa come non cristiane.

È importante definire i termini perché storicamente essere un non cristiano ha portato con sé uno stigma che i politici sarebbero desiderosi di evitare. Molti politici che non si adattano ai nostri semplici confini, hanno rivendicato la designazione cristiani, mentre negano la divinità di Cristo. Presidenti come Thomas Jefferson, che era un deista, si riferivano a se stesso come cristiani, ma sempre con avvertimenti. Come Jefferson ha detto di essere "cristiano nell'unico senso in cui (Gesù) desiderava che qualcuno fosse", da quale parte è stata sollevata la questione che Jefferson non credeva in Cristo come il figlio di Dio, i miracoli, o anche quel Gesù è stato influenzato da Dio.

(dal presidente Jefferson a Benjamin Rush) 21 aprile 1803 .
Sono cristiano, nell'unico senso in cui avrebbe voluto che qualcuno lo fosse; sinceramente attaccato alle sue dottrine, a preferenza di tutte le altre; attribuendo a se stesso ogni eccellenza umana , & crede di non averne mai rivendicata nessun'altra. "

(Jefferson a Charles Thomson) 1816 9 gennaio .
Sono un vero cristiano, cioè un discepolo delle dottrine di Gesù, molto diverso dai platonici, che mi chiamano infedele, e loro stessi cristiani e predicatori di il vangelo, mentre traggono tutti i loro dogmi caratteristici da ciò che l'Autore non ha mai detto né visto.

(Jefferson a Timothy Pickering) 1821 27 febbraio
[N] o si vede con maggior piacere di me il progresso della ragione nei suoi progressi verso il cristianesimo razionale. quando avremo eliminato il gergo incomprensibile dell'aritmetica trinitaria, che tre è uno e uno è tre; quando avremo abbattuto le impalcature artificiali, ci saremo allevati per mascherare alla vista la semplice struttura di Gesù, quando, in breve, avremo disimparato tutto ciò che è stato insegnato dai suoi giorni, e saremo tornati alle dottrine pure e semplici egli inculcato, allora saremo veramente e degnamente suoi discepoli

Jefferson credeva che Gesù avesse buone idee e stesse cercando di influenzare le persone; dal punto di vista di Jefferson, dal momento che ha letto la Bibbia ed è stato influenzato, ha potuto così rivendicare l'affiliazione. Jefferson credeva in Dio, ma non credeva che Dio avesse mai interagito con l'umanità.

Altri padri fondatori che si sono dichiarati cristiani ma che non fanno la nostra definizione ampia sono John Adams e Millard Fillmore. John Adams era un Unitario le cui credenze religiose ci sono ben note, e si riferiva a se stesso come un cristiano mentre professava la divinità di Cristo come una "terribile bestemmia". Poi c'erano presidenti come Millard Fillmore che era un unitariano e un membro fondatore di una congregazione unitariana, affiliato per tre decenni, ma che ancora negava la sua affiliazione all'Unitarismo quando gli veniva avvicinato da altri Unitariani. Presidenti come William Howard Taft, che era apertamente unitariano, sono stati più un'eccezione.

Risposta dettagliata:

da 8 a 11 di 44 (-) presidenti tramite Donald Trump avevano uno sconosciuto ( 3) appartenenza religiosa, o non ritenuta essere cristiani (deisti (4), unitari (4)).

(-) vedi note

I deisti , alcuni dei quali apprezzano gli insegnamenti e la morale cristiani, credono in un Dio della natura di tipo Spinoza, disinteressato all'esperienza umana. Non credono nella divinità di Gesù. Non credono che Dio abbia mai comunicato con il genere umano direttamente o indirettamente. I deisti erano l'equivalente del XVIII secolo degli atei o degli agnostici. Prima di Darwin, a metà del XIX secolo, non c'era alcuna spiegazione per l'esistenza di un'umanità diversa da dio. I deisti hanno quindi attribuito la creazione dell'umanità e dell'universo a dio, ma un dio che poi ha controllato e ha lasciato l'umanità al suo destino. Un dio che non ha mai interagito né è stato interessato all'umanità.

Deismo
credenza nell'esistenza di un essere supremo, in particolare di un creatore che non interviene nell'universo. Il termine è usato principalmente per un movimento intellettuale del XVII e XVIII secolo che accettava l'esistenza di un creatore sulla base della ragione ma rifiutava la credenza in una divinità soprannaturale che interagisce con l'umanità.

Anche gli Unitari credono in Dio, ma non nella trinità. Gli unitari possono anche apprezzare l'ordine sociale e gli insegnamenti morali del cristianesimo, pur non sottoscrivendo motivazioni divine a tali insegnamenti. Il nome Unitariano viene coniato dal loro rifiuto della trinità (tre teste di dio), poiché credono in 1 testa di dio il padre. Gesù non è un Dio Capo per gli Unitari. Gli unitari si riferiscono alle loro credenze come a sostenere la "cristologia", gli insegnamenti morali di Cristo, piuttosto che a se stessi come "cristiani". Non credono che Gesù fosse il figlio di Dio nel senso che era unico, né credono che sia stato risuscitato dai morti, né inviato da dio, né che sia morto per tutti gli uomini, né che intendesse creare una religione chiamato Cristianesimo, una nuova alleanza con gli uomini.

Unitari credono nell'autorità morale ma non necessariamente nella divinità di Gesù. La loro teologia è quindi opposta alla teologia trinitaria di altre denominazioni cristiane.

La cristologia unitaria può essere divisa a seconda che si creda o meno che Gesù abbia avuto un'esistenza preumana. Entrambe le forme sostengono che Dio è un essere e una "persona" e che Gesù è il (o a) Figlio di Dio, ma generalmente non Dio stesso.

All'inizio del XIX secolo, Robert Wallace unitario identificò tre classi particolari di dottrine unitarie nella storia:

  • Arian , che credeva in un pre -esistenza del Logos, ma ha sostenuto che Gesù è stato creato e vissuto come umano solo;
  • Sociniano , che ha negato la sua divinità originale, ma ha convenuto che Cristo dovrebbe essere adorato; e
  • " Unitario rigoroso ", che, credendo in una "divinità incomunicabile di Dio", negava sia l'esistenza dello Spirito Santo che il culto dell '"uomo Cristo".

Come accennato in precedenza, Jefferson è un deista non trinitario che si è convertito in gioventù mentre studiava a William and Mary, il centro per gli insegnamenti deisti nella Virginia coloniale.

La religione di James Monroe
In Virginia, il centro del deismo era l'alma mater di Monroe e Jefferson, il College of William e Mary a Williamsburg, un'istituzione in cui Washington era anche cancelliere. "Alla fine del secolo", il vescovo William Meade della Virginia, un episcopaliano ortodosso, ricordava nelle sue Chiese antiche, ministri e famiglie della Virginia, "il Collegio di William e Mary era considerato il focolaio dell'infedeltà e della politica della Francia ":


The Breakdown

Discutibili 11 presidenti non cristiani.


I punti interrogativi

  1. George Washington

Anche durante la sua vita, le persone non erano sicure del grado in cui Washington credeva Cristianesimo. Come notato sopra, alcuni dei suoi contemporanei lo chiamavano deista. Il dibattito continua ancora oggi sul fatto che sia meglio classificato come deista o come cristiano, e alcuni scrittori hanno introdotto altri termini per descrivere una fusione dei due.

  1. Andrew Jackson che era un presbiteriano, ma si è unito ai presbiteriani solo dopo la sua presidenza. Quindi tecnicamente la sua religione come presidente era sconosciuta.

    Andrew Jackson è stato allevato in una famiglia presbiteriana. Sebbene all'inizio avesse poco interesse per la religione, Jackson divenne sempre più religioso, fino a unirsi alla chiesa presbiteriana nel 1838. (lasciò l'incarico nel 1837).

  2. James Madison era un episcopale di basso profilo, ma i suoi scritti rappresentano le sue convinzioni religiose come quelle del suo mentore e grande amico Thomas Jefferson, ovvero: deismo.

    Considerato stato un deista, James Madison , in tarda età, ha scritto: "Credere in un Dio onnipotente saggio e buono è così essenziale per l'ordine morale del mondo e per il felicità dell'uomo, che gli argomenti che la impongono non possono essere tratti da troppe fonti ".


Deisti
  1. Thomas Jefferson
    citazioni fornite in precedenza.

  2. James Monroe

    Eppure nel corso degli anni James Monroe hanno raramente menzionato le sue opinioni religiose. Anche chi ha scritto libri sulla religione dei presidenti americani ha trovato poco da dire quando è arrivato alla religione del quinto presidente degli Stati Uniti. C'è una ragione per questa scarsità di materiale, e si chiama Deismo.


Gli Unitari

  1. John Adams

Il biografo di John Adams e l'editore delle sue Opere, suo nipote Charles Francis Adams, scrisse che “con lo spirito indipendente che nei primi anni di vita lo aveva allontanato dal ministero, [Adams rifiutò] le principali dottrine del Calvinismo, la trinità, l'espiazione e l'elezione. . . . "
.
Inoltre, lo studioso di stato della chiesa Greg Hamilton dice che John Adams ha criticato la nozione della divinità di Cristo come una" tremenda bestemmia ".

  1. John Quincy Adams

    È diventato uno dei 27 membri fondatori della Prima Chiesa Unitaria di Washington. La sua accettazione del nome unitariano non segnò affatto un brusco cambiamento nel suo pensiero, poiché per molto tempo aveva evidenziato tendenze liberali. La sua accettazione della cattedra ad Harvard fu fatta a condizione che venisse meno l'usuale requisito di una dichiarazione di conformità religiosa; inoltre, il suo profondo interesse per lo studio della teologia e della Bibbia, nonostante le incertezze che ne derivavano, indica che, nella migliore tradizione unitaria, era un appassionato ricercatore della verità religiosa.

  2. Millard Filmore

    Fillmore aveva idee liberali sulla religione. Era stato cresciuto da metodisti nominali, aveva studiato sotto un giudice quacchero e poteva aver frequentato o visitato una società unitaria di breve durata a Kelloggsville. Alla fine del 1831 una chiesa unitaria fu organizzata vicino alla casa dei Fillmores a Buffalo. Millard è diventato un membro fondatore. Abigail, che era stata allevata come battista, non partecipò attivamente.
    L'associazione di Fillmore con la First Unitarian Church di Buffalo durò 35 anni. Portò John Quincy Adams in chiesa con lui lì nel 1843 e il presidente eletto Abraham Lincoln nel 1861. Una lettera scritta nel 1849, che rifiutava un invito a parlare a una riunione unitaria a Boston, dicendo: "Sono solidale con coloro che hanno un debole Cristianesimo. Ma ancora non sono un membro della chiesa Unitaria ", rimane sconcertante. Aveva contribuito molto alla chiesa Unitaria, incluso un pagamento registrato nel 1848.

  3. William Howard Taft
    L'unico presidente unitario dai tempi di Millard Fillmore, rimane l'unico giudice capo unitario. È ricordato per i servizi resi ai suoi colleghi liberali religiosi e all'American Unitarian Association.


Non affiliato

  1. Andrew Johnson

Johnson non apparteneva a nessuna chiesa e non era un gran frequentatore di chiese. Sebbene fosse abbastanza tollerante nei confronti della religione e del credo religioso, Johnson mostrava poco interesse personale per la religione.

  1. Abraham Lincoln

William Herndon, partner legale di Lincoln, ha affermato che Lincoln ammirava i deisti Thomas Paine e Voltaire. Herndon, un sostenitore di Darwin, ha detto che Lincoln considerava le opere di autori come Darwin e Spencer "del tutto troppo pesanti per essere digerite da una mente normale", ma leggeva ed era "interessato ... molto" a un libro che esponeva queste idee ", Vestiges of Creation ", e rimase" profondamente impressionato dalla nozione della cosiddetta "legge universale" - evoluzione ... e divenne un convinto sostenitore della nuova dottrina. "

Lincoln credeva in Dio, ma alcuni hanno detto che dubitava dell'idea che Cristo fosse Dio. In una dichiarazione scritta a Herndon, James W. Keyes disse che Lincoln

credeva in un Creatore di tutte le cose, che non aveva né inizio né fine, che possedeva tutto il potere e la saggezza, stabilì un principio, in Obbedienza al quale , I mondi si muovono e vengono sostenuti, e la vita animel e vegatable è nata. Una delle ragioni per la sua convinzione era che, in considerazione dell'Ordine e dell'armonia della natura che tutti vedevano, sarebbe stato più miracoloso essere accaduto per caso, che essere stato creato e organizzato da un grande potere pensante. [ 27]

Keyes ha anche aggiunto che Lincoln una volta disse

Per quanto riguarda la teoria cristiana, che Cristo è Dio, o uguale al Creatore, ha detto che era meglio dare per scontato, perché alla prova della ragione tutti potrebbero diventare infedeli su questo argomento, poiché la prova della divinità di Cristo è venuta a noi in una forma alquanto dubbia - ma che la Sistoma del cristianesimo era almeno ingegnosa - e forse è stata calcolata per fare del bene.


Footnote

(-) Si dice che Trump sia il 45 ° presidente perché le persone contano Grover Cleveland due volte (22 e 24 presidenti). Ai nostri fini del calcolo della percentuale di presidenti non cristiani, c'erano solo 44 persone che hanno occupato l'ufficio della Presidenza da Washington a Trump. Non abbiamo bisogno di contare due volte Cleveland nel nostro calcolo.


Jefferson Quotes

  • 1787 10 agosto . (Jefferson a Peter Carr). "Fissa la ragione con fermezza al suo posto e chiama al suo tribunale ogni fatto, ogni opinione. Metti in dubbio con audacia anche l'esistenza di un dio; perché, se ce n'è uno, deve approvare più l'omaggio della ragione, che quello della paura bendata. . "
  • 1803 21 aprile . (Jefferson a Benjamin Rush). "[T] o le corruzioni del cristianesimo, sono davvero contrario; ma non ai precetti genuini di Gesù stesso. Sono un cristiano, nel solo senso in cui desiderava che qualcuno lo fosse; sinceramente attaccato alle sue dottrine, in preferenza a tutti gli altri; attribuendo a se stesso ogni eccellenza umana, & credendo di non averne mai rivendicato nessun altro. "
  • 1814 26 settembre . (Jefferson a Miles King). "Devo sempre credere che la religione sia sostanzialmente buona che produce una vita onesta, e siamo stati autorizzati da uno, che tu ed io rispettiamo allo stesso modo, a giudicare l'albero dal suo frutto. I nostri particolari principi di religione sono oggetto di responsabilità nei confronti di solo il nostro dio. Non chiedo di nessuno e non disturbo nessuno con il mio: né ci è dato in questa vita sapere se il tuo o il mio, del nostro amico o del nostro nemico sono esattamente giusti. "
  • 1816 9 gennaio . (Jefferson a Charles Thomson). "Anch'io ho realizzato un piccolo libro, con gli stessi materiali, che chiamo la Filosofia di Gesù. È un paradigma delle sue dottrine, realizzato tagliando i testi dal libro e disponendoli sulle pagine di un foglio bianco libro, in un certo ordine di tempo o soggetto. un boccone di etica più bello o prezioso che non ho mai visto. è un documento a prova che sono un vero cristiano, cioè un discepolo delle dottrine di Gesù, molto diversi dai platonici, che mi chiamano infedele, e loro stessi cristiani e predicatori del vangelo, mentre traggono tutti i loro caratteristici dogmi da ciò che l'Autore non ha mai detto né visto.Hanno composto dai misteri pagani un sistema oltre la comprensione dell'uomo , di cui il grande riformatore dell'etica viziosa e del deismo degli ebrei, se tornasse sulla terra, non riconoscerebbe una caratteristica. se avessi tempo aggiungerei al mio libretto i testi greci, latini e francesi, nelle colonne fianco a fianco, e vorrei poter unire un tr risposta della Sintagma delle dottrine di Epicuro di Gassendi, che, nonostante le calunnie degli stoici e le caricature di Cicerone, è il sistema più razionale rimasto della filosofia degli antichi, frugale di viziosa indulgenza e fecondo di virtù quanto stravaganze delle sue sette rivali. "
  • 1821 27 febbraio . (Jefferson a Timothy Pickering). "[N] o si vede con maggior piacere di me il progresso della ragione nei suoi progressi verso il cristianesimo razionale. Quando avremo eliminato il gergo incomprensibile dell'aritmetica trinitaria, che tre sono uno e uno è tre; quando avremo abbiamo abbattuto le impalcature artificiali, innalzato per mascherare alla vista la semplice struttura di Gesù, quando, in breve, avremo disimparato ogni cosa che è stata insegnata dai suoi giorni, e saremo tornati alle dottrine pure e semplici da lui inculcate, noi saranno allora veramente e degnamente i suoi discepoli: e la mia opinione è che se nulla fosse stato aggiunto a ciò che scorreva puramente dalle sue labbra, il mondo intero oggi sarebbe stato cristiano. So che il caso che citi, del dottor Drake , è stato comune. i costruttori di religioni hanno così distorto e deformato le dottrine di Gesù, così attutite in misticismi, fantasie e falsità, le hanno caricate in forme così mostruose e inconciliabili, da scioccare ragionevolmente kers, per ribellarli contro il tutto e spingerli avventatamente a dichiarare che il fondatore è un impostore. se non ci fosse mai stato un Commentatore, non ci sarebbe mai stato un infedele. nell'attuale progresso della verità, che entrambi approviamo, non so se tu ed io possiamo pensare allo stesso modo su tutti i punti. come il Creatore non ha fatto due facce uguali, così non ci sono due menti e probabilmente non ci sono due credi. sappiamo bene che tra gli stessi Unitari ci sono forti sfumature di differenza, come ad esempio tra i dottori Price e Priestley. quindi potrebbero esserci delle peculiarità nel tuo credo e nel mio. sono onestamente formati senza dubbio. Non voglio turbare il mondo con il mio, né essere turbato per loro. questi conti devono essere regolati solo con colui che ci ha creati; ea lui lo lasciamo, con carità per tutti gli altri, di cui anche lui è l'unico giudice legittimo e competente. Ho pochi dubbi sul fatto che presto l'intero nostro paese sarà riunito all'Unità del Creatore e, spero, anche alle pure dottrine di Gesù.
I commenti non sono per discussioni estese; questa conversazione è stata [spostata in chat] (https://chat.stackexchange.com/rooms/93302/discussion-on-answer-by-jms-has-the-united-states-ever-had-a-non- christian-presi).
@xdhmoore, Ho rimosso il riferimento Nicene Creed in quanto confuso e superfluo in quanto non avevo intenzione di usarlo come delimitatore. Rimani fedele alla divinità di Gesù.
Questa è una discussione interessante sui presidenti che non erano cristiani. Tuttavia, non penso che dovresti chiamare tutti i presidenti cristiani non cattolici "protestanti" senza fare ulteriori ricerche su ogni singolo presidente episcopale. Molti episcopali (e anglicani) non si considerano "protestanti", quindi potresti voler eliminare gli otto o giù di lì episcopali separatamente. (WH Harrison, Tyler, Taylor, Pierce, Arthur, FDR, Ford, Bush 41). Per ragioni simili, si potrebbe voler scovare i 2 quaccheri (Hoover, Nixon).
È interessante che questo significhi che gli Stati Uniti impiegarono oltre 60 anni per ottenere il loro primo presidente cristiano (Martin Van Buren nel 1837).
* Sebbene fosse abbastanza tollerante nei confronti della religione e del credo religioso, Johnson ha mostrato poco interesse personale per la religione. * Non credo che "sebbene" sia il collegamento logico giusto qui. Preferirei dire smg come * "Poiché mostrava poco interesse personale per la religione, Johnson era abbastanza tollerante nei confronti della religione e del credo religioso." *
@JMS "non cristiani" come coloro che non adorano Cristo come Dio ... come Dio o come il Figlio di Dio?
@CMonsour Gli anglicani americani al tempo dei padri fondatori si consideravano protestanti. Come puoi immaginare, avendo appena combattuto una guerra contro Re Giorgio, non potevano giurare fedeltà a lui come capo della loro chiesa. Così la Chiesa Anglicana negli Stati Uniti divenne la Chiesa Episcopale ** protestante ** d'America.
@CGCampbell entrambi, i cristiani credono che Gesù fosse sia il figlio di Dio che Dio stesso. Che Cristo è eterno come dio è eterno, "begotton non fatto". Quel dio ha tre teste di dio, (1) il padre, (2) il figlio (gesù) e (2) lo spirito santo. Ci sono denominazioni cristiane che non credono nella Trinità. (il padre ha preceduto il figlio ... ecc.) Ma nessuno dei padri fondatori appartiene a queste credenze. per i nostri scopi in questa discussione limitiamo il nome cristiano a coloro che adorano Gesù come dio, o una testa / figlio di dio.
@JMS La chiesa può chiamarsi come vuole. Gli episcopali delle alte chiese (che hanno ancora inni latini e binari di comunione) spesso non si considerano "protestanti".
@CGCambell. Quindi la tua posizione è che le persone che adorano nella nuova chiesa protestante episcopale d'America non dovrebbero essere chiamate protestanti? O non considerarsi protestanti. Stranamente questo ha senso. I tempi della guerra rivoluzionaria furono tempi di grandi cambiamenti nella religione negli Stati Uniti. Alcuni storici lo sottolineano nello spiegare che Washington si dimette dagli uffici della chiesa e smette di prendere la comunione dopo la guerra. Suggerendo che non era d'accordo con tutti i cambiamenti. Sulla spiegazione ho letto


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...