Domanda:
Perché la Confederazione pensava di poter vincere la guerra civile americana?
Robert Tausig
2018-10-22 00:59:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La prima Confederazione (i 7 stati fondatori) attaccò Fort Sumter nell'aprile 1861, dando inizio alla guerra civile americana. La Confederazione sapeva che questo avrebbe portato alla guerra con l'Unione, ma sembrava essere fiduciosa nelle proprie possibilità di successo.

Poco dopo l'inizio della guerra, altri 4 Stati si unirono alla Confederazione. Devono anche aver pensato che questa fosse una guerra che avrebbero vinto.

So che la Confederazione si aspettava almeno in una certa misura un coinvolgimento dell'Europa che non è arrivato (cioè diplomazia del cotone ), ma dovevano esserci piani migliori di quello. A differenza della Confederazione, l'Unione aveva una vasta area industrializzata e urbanizzata (il Nordest) e sistemi commerciali, di trasporto e finanziari più avanzati rispetto al Sud rurale. Inoltre, gli stati dell'Unione avevano un vantaggio in termini di personale di 5 a 2 all'inizio della guerra.

Quali prove documentate esistono che indicano la politica, l'industria, le infrastrutture, l'economia, i militari e / o altri fattori significativi considerati favorevoli alla Confederazione come motivi per avere fiducia in una vittoria sull'Unione?

Forse pensavano che Lincoln e altri politici del Nord (e il popolo) non sarebbero stati disposti ad accettare il massacro di 2/3 di un milione di uomini come prezzo per mantenere il Sud?
Possibile duplicato [Quali ragioni aveva la Confederazione per credere che avrebbe avuto una rapida vittoria?] (Https://history.stackexchange.com/questions/26675/what-reasons-did-the-confederacy-have-for-believing- loro-avrebbero-una-vittoria-veloce)
Questa riga nel mio libro di testo mi è rimasta impressa: (parafrasata) * Avevano anche un recente esempio di una nazione recentemente indipendente che sconfigge una grande potenza: la guerra rivoluzionaria americana. *
Nota anche in un periodo senza radio o moderne tecnologie di comunicazione la percezione della realtà può essere molto diversa in quanto dipende da ciò che i tuoi pari (locali) pensano / parlano dei "fatti"
In * A Short History of the Civil War, * Fletcher Pratt afferma di aver studiato molti giornali stampati nelle città del sud tra la fine del 1860 e l'inizio del 1861 e ha scoperto che molti editori e politici credevano che ci sarebbe stato * poco o nessun * spargimento di sangue dopo I politici del nord hanno capito quanto fossero seri i meridionali riguardo all'abbandono dell'Unione. In altre parole, sembra che molti stessero pensando: "Vincere una grande guerra? * Quale * grande guerra? Dobbiamo solo chiarire che non saremo * bluffati * a fare marcia indietro, e quindi il Nord abbandonerà l'idea di combattere una guerra sanguinosa per riportarci nell'ovile! "
@jean Naturalmente, questo può essere vero anche in un periodo con la radio e le moderne tecnologie di comunicazione. Forse anche più vero che in un tempo senza, a seconda di quanta propaganda viene inviata tramite la radio e / o le moderne tecnologie di comunicazione.
Non penso che questo conti come una risposta, perché non spiega * perché * pensavano di poter vincere la guerra, ma il fatto è che avrebbero potuto. Era il risultato meno probabile, ma non impossibile (vedere alcune delle risposte di seguito). Quindi avevano ragione a pensare di poterlo vincere, ma sbagliavano a pensare che * l'avrebbero * vinto.
Si prega di dimostrare che "sapevano che questo [sparare a Fort Sumter] avrebbe portato alla guerra". Veramente? Immagino che la maggior parte di allora pensasse di no.
@MarkC.Wallace Non possiamo dire che l'Inghilterra abbia davvero sostenuto la Confedarazia. Ma probabilmente l'avrebbero fatto se non avessero avuto altri posti da cui comprare il cotone e / o se Confedaracy fosse andata meglio. Nessuna grande potenza desiderava avere una relazione tesa con un'Unione vittoriosa. L'Inghilterra ha persino respinto un'iniziativa diplomatica della Francia a favore del sud.
Penso che questa domanda implichi che il Sud ha avuto un processo di ragionamento che ha attraversato prima di dichiarare guerra al Nord. Non credo che ci fosse qualcuno che si sia seduto davvero a pensare ai punti di forza e di debolezza del Sud contro il Nord. Sembrerebbe che la decisione assomigli più a una reazione istintiva che a qualsiasi altra cosa.
@Karlomanio David Drake è un famoso scrittore di fantascienza laureato in storia. In un saggio in uno dei suoi libri, commenta che un suo cruccio sono i casi in cui i libri di storia dicono: "Il leader A ha scelto di fare l'Azione B, il che ha portato alle conseguenze C, che si sono rivelate di grande importanza strategica" - e la forte implicazione è: "Il leader A sapeva da sempre che sarebbe successo - ecco perché l'ha fatto!" Drake sospetta che sia spesso probabile che il Leader A abbia fatto l'Azione B solo perché ne aveva voglia. . . e se ha funzionato magnificamente, gli storici in seguito gli hanno dato credito per la brillante pianificazione.
@Lorendiac LOL. Sembra un po 'familiare. Rispetto il fatto che vogliamo documentare le ragioni su cui basano le loro opinioni, ma trovo difficile trovare una fonte in cui poterle trovare. Personalmente penso che sia stata l'arroganza e non qualsiasi informazione strategica documentata speciale che li ha portati alla guerra. Potrei scrivere un articolo che elenca tutte le ragioni economiche e come ciò ha influenzato il loro processo decisionale. È davvero un'ottima domanda. Solo non sono sicuro che ci sia una risposta giusta.
In realtà hanno fatto abbastanza bene fino a quando Lincoln ha nominato Grant come primo generale.
Perché il commento di @LarsBosteen's non è stato preso in considerazione? Questo è abbastanza chiaramente un duplicato?
@tox123 Probabilmente perché è solo un duplicato parziale e perché le due persone che hanno risposto prima di me (cioè abbastanza rapidamente) hanno fornito buone risposte con punti che non erano realmente coperti dalle risposte all'altra domanda.
Tragicamente, penso che le persone di entrambe le parti avrebbero detto questo nel 1861: "La mia posizione è giusta. Ha il sostegno della Bibbia, della Costituzione e della maggior parte delle persone del Nord e del Sud. L'opinione opposta è sostenuta solo da pochi estremisti senza molto sostegno popolare. Se si tratta di una lotta, vinceremo rapidamente (con Dio, a destra e l'opinione popolare dalla nostra parte). Le persone sono incredibili nel credere a ciò che vogliono che sia vero.
Non pensavano di poter vincere; pensavano di non potersi permettere di non combattere.
Molte persone nel sud non si aspettavano una guerra. Sapevano che molte persone nel Nord non volevano la guerra, ma sottovalutavano il numero di persone nel Nord che volevano combattere per il loro paese, gli Stati Uniti d'America. Altri la vedevano come un'altra guerra d'indipendenza che gli stati avrebbero vinto contro il governo centrale, come se avessero vinto la prima guerra d'indipendenza nel 1783. Il governo federale nel 1860 era piccolo e certamente meno potente dell'Inghilterra nel 1776. Cosa né vista tenuto conto del risentimento nel Nord per il dominio politico del Sud prima del 1860 (Kansas-Nebr
Sette risposte:
#1
+134
Lars Bosteen
2018-10-22 13:27:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I militari

Militarmente, il sud non aveva bisogno di vincere la guerra invadendo e sconfiggendo il nord. La loro convinzione era che dovevano semplicemente aggrapparsi a ciò che avevano, da qui la loro strategia in gran parte difensiva. Nonostante una marcata inferiorità numerica, il sud credeva (correttamente, almeno nelle prime fasi) di avere leader migliori e soldati migliori.

Davis si vantava che i meridionali fossero “un popolo militare. . . Non siamo meno militari perché non abbiamo avuto grandi eserciti permanenti. Ma forse siamo le uniche persone al mondo in cui i signori vanno in un'accademia militare che non intendono seguire la professione di armi ". Ciò ha fornito al Sud una percentuale insolitamente ampia della sua popolazione maschile con competenze e addestramento militari di base.

Fonte: Donald Stoker, The Grand Design Strategy and the US Civil War

Allo stesso tempo, editoriali di giornali come questo di Southern Banner ad Athens, Georgia (8 maggio 1861) fornivano un flusso costante di propaganda per aumentare il senso di superiorità militare e morale dei meridionali:

I soldati che vengono allevati per la nostra sottomissione, con poche eccezioni, sono composti dalla classe più bassa di "rozzi", ladri, borseggiatori , &c.

La fiducia non è mancata all'inizio della guerra, ma non tutti erano ciechi di fronte a ciò che sarebbe stato necessario. Ad esempio, in Texas, il colonnello R. T. P. Allen, laureato a West Point,

ha osservato le azioni dei primi texani che si sono offerti volontari per la causa di Dixie. Non credevano né nella disciplina né nell'esercitazione e non avevano una vera conoscenza della guerra. Pensavano che il valore e la devozione avrebbero vinto la guerra. Allen ne sapeva di più.

Fonte: Kenneth W. Howell (a cura di), The Seventh Star of the Confederacy: Texas during the Civil War

Considera anche, come devono aver fatto almeno alcune figure militari nel sud, che

Era un assioma militare accettato del diciannovesimo secolo - una lezione accertata in parte dalla guerra d'indipendenza americana - che quando un grande corpo organizzato di persone era determinato a staccarsi da uno stato, c'era poco che potesse essere fatto per prevenirlo.

Fonte: Sexton

Ciò è stato chiaramente espresso, ad esempio, nel Georgia Telegraph (Nov 15, 1861). Anche dopo che all'inizio della guerra divenne evidente che, tra le altre cose, il Sud era gravemente svantaggiato in mare e che gli armamenti pesanti dell'Unione

potrebbero rivelarsi troppo per i nostri più deboli ordigni e le scarse munizioni

la convinzione era che la Confederazione avrebbe prevalso. Riferendosi alla guerra d'indipendenza americana, l'articolo sosteneva che la Gran Bretagna

... ha marciato le sue truppe dal Massachusetts alla Georgia - è penetrata in tutto il nostro interno con le sue legioni, ma non è riuscita a soggiogare l'America . Quale follia, dunque, è il parlare di sottomissione da parte di un nemico capace solo di penetrare qua e là la semplice cuticola esterna di questa grande Confederazione.


La destra deve prevalere

Insieme a questo c'era una convinzione profondamente radicata da molti che la causa confederata fosse giusta e debba quindi prevalere, come esemplificato da questo articolo del 13 aprile 1861 nel Wilmington Daily Herald of North Carolina

Bene, siamo certi che lo spirito del sud non potrà mai essere umiliato - mai sottomesso - mai conquistato mentre l'attuale principio meridionale esistente mantiene la sua identità ...

Fonte: Rare & Early Newspapers

Anche le figure religiose hanno svolto un ruolo importante, con Dio dalla parte del sud. Anche lo spirito delle Termopili è stato invocato:

Lascia che il nostro spirito sia più alto di quello del greco pagano, e possiamo riuscire a fare di ogni passaggio una Termopila, ogni stretto una Salamina e ogni pianura una maratona. Possiamo vincere e dobbiamo ... sotto Dio, non falliremo. Se siamo fedeli a Lui e fedeli a noi stessi, un futuro glorioso è davanti a noi. Occupiamo una posizione sublime. Gli occhi del mondo sono su di noi; siamo uno spettacolo per Dio, per gli angeli e per gli uomini.

Fonte: Rev. JH Thornwell, Our Danger and Our Duty (1862)


Economia, diplomazia e riconoscimento straniero

Alleato di quanto sopra era la loro fede in

il potere di "King Cotton" e il suo fascino per le potenze europee. Davis e i suoi consulenti consideravano l'attrazione della fibra così forte da poter quasi presumere il riconoscimento britannico e francese.

Fonte: Stoker

il termine "King Cotton" sembra essere stato usato per la prima volta in Cotton is king di David Christy. Pubblicato nel 1855, questo libro si dimostrò molto influente nel promuovere la convinzione che il sud avesse il potere economico per farsi strada. Nel 1860,

sembra che il Sud fosse responsabile dei due terzi dell'intero export mondiale di cotone

Diplomazia e la pressione economica avrebbe giocato un ruolo decisivo nella strategia del sud:

La possibilità che la Confederazione aveva, credevano i leader di Richmond, risiedeva nel potere del cotone di costringere statisti e finanzieri europei causa. Il prodotto chiave dell'economia atlantica del diciannovesimo secolo, il cotone meridionale alimentava le industrie tessili europee e sosteneva circa il venti per cento della popolazione britannica. Con questa carta vincente in mano, i leader confederati erano convinti di poter dettare la diplomazia della guerra civile. Il cotone, sostenevano gli statisti del Sud, potrebbe essere una merce di scambio impiegata per indurre il riconoscimento britannico della Confederazione. Con ciò, la merce potrebbe riassumere il suo ruolo tradizionale come fonte di valuta estera che fornirebbe alla Confederazione il credito necessario per ottenere rifornimenti di guerra all'estero.

Fonte: Jay Sexton, Debtor Diplomacy: Finance and American Foreign Relations in the Civil War Era 1837–1873

enter image description here

"Questo fumetto è stato creato poco prima dell'inizio della guerra civile, ma mostra l'ideologia economica degli stati confederati. Il sud credeva che Gran Bretagna e Francia si sarebbero inchinate davanti a loro perché quelle nazioni avrebbero avuto bisogno del cotone per la loro industria, e quindi avrebbero voltato le spalle al nord per paura di danneggiare le loro stesse economie ”. Fonte: Dartmouth College Library

Il sud aveva grande fiducia nella sua economia, in parte a causa di "decenni di espansione della produzione". Più di recente, il panico del 1857 aveva significato

che il Sud, approfittando della costante esportazione del fiocco, era in gran parte sfuggito alla crisi finanziaria che aveva avvolto il Nord. I meridionali vedevano la loro evasione dal panico come il trionfo di un'economia basata sull'agricoltura e sul commercio piuttosto che sulla finanza e sulla speculazione. Come dichiarava la DeBow's Review, la voce del Sud commerciale, nel 1857, "la ricchezza del Sud è permanente e reale, quella del Nord latitante e fittizia".

Fonte: Sexton

Il presidente confederato Jefferson Davis credeva che una volta ottenuto il riconoscimento,

sarebbe seguito il sostegno economico e militare, garantendo così l'indipendenza confederata. Inoltre, Davis credeva che il solo riconoscimento britannico avrebbe scoraggiato il Nord dal perseguire la guerra e che l'Unione si sarebbe ritirata dalla lotta per paura dell'intervento britannico.

Fonte: Stoker

La strategia del sud a volte non era priva di realistiche speranze

Il governo Palmerston ha considerato due volte di intervenire nella guerra civile, molto probabilmente unendosi alla Francia nell'estensione un'offerta di mediazione a le parti in guerra. Sebbene non fosse un chiaro riconoscimento dell'indipendenza della Confederazione, la mediazione era una politica favorevole al Sud in quanto avrebbe cercato la pace, il che, dato il successo degli eserciti confederati all'epoca, avrebbe quasi certamente portato alla separazione del Nord e del Sud. / p>

Fonte: Sexton

Non meno uno statista di William Gladstone, in un discorso dell'ottobre 1862, arrivò a dire:

Non c'è dubbio che Jefferson Davis e altri leader del sud abbiano formato un esercito; stanno costruendo, a quanto pare, una marina; e hanno fatto qualcosa di più di entrambi: hanno fatto una nazione.

Fonte: Sexton

In definitiva, però, le speranze del sud furono travolti, tra le altre cose (soprattutto dal modo in cui il sud maltrattava il cotone), dall'intensa avversione per la schiavitù delle classi medie e lavoratrici britanniche, e la proclamazione dell'emancipazione (1 ° gennaio 1863) fu forse l'ultimo chiodo nella bara delle speranze meridionali per l'intervento britannico e francese.


Un ultimo punto ...

Non tutti i meridionali pensavano necessariamente che sarebbero finiti dalla parte dei vincitori. Molti hanno combattuto semplicemente per quello che pensavano fosse giusto senza dare per scontato che avrebbero vinto. Ad esempio, la ragione per arruolarsi di un soldato confederato era:

Se saremo conquistati saremo cacciati senza un soldo e disonorati dalla nostra terra natale ... Ho detto spesso che avrei preferito cadere in questa causa piuttosto che vivere per vedere il mio paese smantellato della sua gloria e indipendenza, perché del suo onore non può essere privato.

Sam Houston in Texas è stato forse il più famoso del sud che sentiva che il sud non poteva vincere:

Ha detto che la Marina dell'Unione avrebbe bloccato le coste meridionali e fatto morire di fame la gente di Dixie. L'Unione avrebbe preso New Orleans e poi avrebbe diviso la Confederazione in una mossa correlata, assumendo il controllo completo del Fiume Mississipi. Cotton non sarebbe re, ha detto, perché le masse in Europa sono rimaste molto prevenute contro la schiavitù ....

... Ma i secessionisti non ascolterebbero un'analisi così sobria. Invece, il giorno del referendum, il 23 febbraio 1861, una schiacciante maggioranza di 46.153 elettori era favorevole alla secessione mentre solo 13.020 si opposero.

Fonte: Howell (ed)


Altra fonte:

  • Susan-Mary Grant & Brian Holden Reid (a cura di), Themes of the American Civil War (edizione rivista)
Non riesco a ricordare i dettagli specifici, ma membri canaglia dell'amministrazione britannica hanno fornito navi da guerra al Sud.
@MarkC.Wallace Sì, per il quale gli inglesi in seguito dovettero risarcire i danni causati da queste navi.
Penso che sia possibile per noi sottovalutare ora l'impatto del tuo ultimo punto. La rivoluzione americana è stata, per alcuni americani nel 1860, un evento a memoria d'uomo. Il Texas, uno degli stati confederati, aveva ottenuto l'indipendenza dal Messico solo decenni prima. La loro esperienza insegnò loro che la loro capacità di resistere era maggiore della capacità della metropoli di proiettare potere.
C'erano anche enormi possibilità di malintesi da tutte le parti. Una fazione pro-nord del parlamento britannico era favorevole al riconoscimento della Confederazione, poiché ciò renderebbe legale il blocco. Lincoln, tuttavia, ha dichiarato che avrebbe dichiarato guerra alla Gran Bretagna se ciò fosse accaduto.
In effetti, c'era del vero nell'idea che un grande governo non avrebbe potuto mantenere milioni di persone oppresse a tempo indefinito se volevano essere liberi. È solo che la Confederazione si sbagliava molto su quale governo fosse (forse troppo sbalordito dal razzismo).
@Obie2.0 Il tuo commento sembra implicare che il desiderio degli schiavi del Sud di essere liberi aveva molto a che fare con il Nord che vinse la guerra. Hai delle prove per questo? Penso che le dimensioni molto diverse degli eserciti coinvolti e la volontà di Lincoln di mantenere il Sud a quasi tutti i costi abbiano molto più a che fare con questo.
@reirab - Non c'era molto pensiero in esso. Penso solo che sia un po 'ironico.
* "Nonostante una marcata inferiorità numerica, il sud credeva di avere leader migliori e soldati migliori" * - e questo era vero in una certa misura, hanno vinto diverse vittorie pur essendo in inferiorità numerica e sotto-equipaggiati.
@vsz Sì, hai ragione ma, poiché l'enfasi è su ciò che la confederazione * pensava *, io credevo.
Non sono sicuro di dove mi sia venuta questa idea, ma ho l'idea che i leader del sud, in generale, sottovalutassero l'importanza dell'industrializzazione, in particolare il potere delle ferrovie. Ora sembra ovvio che il nord avrebbe vinto in base al suo potere economico, ma all'epoca non consideravano la capacità di produrre più truppe e materiale e come la ferrovia ha cambiato la logistica tanto quanto noi. C'è qualche validità in questo o l'ho semplicemente tirato fuori dal nulla?
@JimmyJames Sam Houston, in vista del referndum sulla secessione del Texas nel febbraio 1861, sostenne proprio questi punti (e contestò l'idea che il cotone sarebbe il re) ma meno di un quarto degli elettori lo ascoltò.
Una risposta eccezionalmente ben costruita e di provenienza; ben fatto! Anche le altre risposte sollevano punti importanti. Questa è una delle domande in cui mi piace leggere tutte le risposte con i commenti per avere un quadro completo. Grazie a tutti!
"Perché siamo certi che lo spirito del sud non potrà mai essere umiliato - mai sottomesso - mai conquistato mentre l'attuale principio meridionale esistente mantiene la sua identità ..." Questo, purtroppo, si è dimostrato vero. C'è ancora, anche oggi, una minoranza vocale che proclama che il Sud risorgerà.
Appropriato che cercassero di invocare le Termopili, dato che Sparta era una città-stato di schiavi ...
#2
+29
Pieter Geerkens
2018-10-22 09:54:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La vasta ricchezza delle piantagioni meridionali era intrinsecamente legata alla loro capacità di generare un reddito annuo favoloso, a basso rischio. Una volta stabilito il blocco dell'Unione, nell'autunno del 1861, i flussi di reddito si sono ridotti, il rischio associato è aumentato e il valore di quelle piantagioni è sceso a una piccola frazione del valore ante bellum .

Per una rendita perpetua (rendita perpetua), un'approssimazione ante bellum ragionevole,

  PV = D / r dove: PV è il valore attuale ; D è il dividendo per periodo; e r è il tasso di sconto (valutazione del rischio)  

Con D in calo dell'80% e r in aumento di un fattore 2 o 3, quelle favolose piantagioni valgono improvvisamente meno del 10% del loro valore 1860; e anche a quel prezzo non c'erano acquirenti disponibili. Non solo il reddito diretto della CSA fu colpito dal blocco, ma la sua favolosa ricchezza prebellica e la capacità di prestito associata svanirono istantaneamente. In appena un arco di mesi la CSA è passata dall'essere favolosamente ricca a indigente e in bancarotta.

C'era anche l'aspettativa che la Gran Bretagna e la Francia sarebbero intervenute per proteggere le loro industrie tessili in crescita. Tuttavia, con un'offerta notevolmente ridotta, quelle fabbriche sono state in grado di mantenere la redditività a causa dei prezzi notevolmente aumentati, nonché (ironicamente) per la domanda immediatamente aumentata di uniformi militari di cotone richiesta da entrambe le parti.

Infine, il Sud è stato ignaro della ripugnanza con cui la sua economia di schiavitù era considerata in Europa. Ciò garantiva che Gran Bretagna e Francia sarebbero entrate in guerra solo per saltare su un carro già vittorioso e non per decidere la mischia.

L'unico modo in cui questo triplice smacco avrebbe potuto essere evitato sarebbe stato entrare in guerra con una marina già esistente in grado di mantenere aperti almeno alcuni dei principali porti del sud contro un blocco. In termini pratici, questo probabilmente significava la necessità di diversi anni di indipendenza prebellica. Questo non sarebbe mai accaduto sotto un presidente repubblicano, quindi sarebbe stato necessario secedere sotto Buchanan e iniziare immediatamente un programma di costruzione navale, mentre rimaneva presidente.

Per quanto riguarda il primo punto del paragrafo precedente , L'articolo I, sezione 10, della Costituzione degli Stati Uniti afferma in parte:

Nessuno stato può, senza il consenso del Congresso, imporre alcun obbligo di stazza, trattenere le truppe , o navi da guerra in tempo di pace, ....

Solo un'amministrazione molto amichevole a Washington avrebbe scelto di trascurare il mantenimento di "marine di Stato" indipendenti così espressamente vietate in la Costituzione.

Alternativa: costruisci la marina con largo anticipo. Non c'era alcuna regola prima della guerra civile che uno stato non potesse farlo. Poiché la successione era un po 'prevedibile ...
@joshua * annuisce *, un braccio navale alla guardia nazionale statale. Le marine sono molto costose, tuttavia, e giustificare ciò senza una ragione pubblica diventa difficile, e una ragione pubblica diventa rapidamente guerra civile.
@Yakk: Per non parlare del fatto che agli Stati è espressamente vietato detenere "* navi da guerra in tempo di pace *" dalla Costituzione nell'articolo I, sezione 10.
#3
+15
Samuel Russell
2018-10-22 10:37:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La maggior parte dell'élite economica e politica degli Stati del sud era consapevole della minaccia esistenziale alla loro economia e cultura, soprattutto perché erano il risultato diretto del malapporto in modo da continuare la schiavitù latifonda.

Le minacce esistenziali sono necessariamente quelle che minacciano l'esistenza di un agente. I risultati di una guerra persa erano identici ai risultati di non combattere. L'élite del sud non aveva bisogno di indagare sulle probabili possibilità del loro successo.

Ci sono ragioni per cui il membro medio dell'élite crede nella possibilità di successo basata sull'immaginazione popolare che circonda cause militari molto improbabili come la Repubblica olandese, la Repubblica americana e la Repubblica e l'Impero francese. È necessario ricordare che i politici e persino i generali sono scarsi analisti della probabilità di successo nelle arti marziali.

Alla fine il pensiero delle élite del XIX secolo fu infettato dai pensieri di Elan e della giusta potenza.

Tuttavia, non è stata sollevata alcuna minaccia a breve o medio termine dall'inaugurazione di Lincoln. Questa è la parte più strana dell'intera faccenda. La secessione della Carolina del Sud ha l'aria di un capriccio al riguardo, e non un atto a sangue freddo e calcolato basato su un vero rischio a breve termine. L'attacco a Ft. Sumter ancora di più.
Non sono d'accordo con l'assolutismo del tuo secondo paragrafo. Combattere una guerra significa che molte persone finiscono per morire; non combattere quella guerra avrebbe significato che tutti sarebbero sopravvissuti, ma non vivere lo stile di vita che molti di loro volevano. Queste sono due situazioni molto diverse che descrivi come "identiche".
Il problema qui è la prospettiva dell'élite della Carolina del Sud, sia nell'enactment o nei capricci, sia nel non preoccuparsi del comune piccolo contadino di montagna. Questo è il motivo per cui la risposta è formulata in termini di risposta d'élite.
L'attacco a Sumter è stato essenzialmente il Sud che dichiarava l'indipendenza, il Nord che non la riconosceva e che continuava gli affari come al solito. Il Sud si rese conto che la causa sarebbe andata persa prima che iniziasse se non avessero fatto una dichiarazione forte, così hanno iniziato a prendere i beni militari del Nord con la forza, poiché il Nord non si sarebbe ritirato senza una guerra. Non so se il Sud volesse davvero una guerra, ma dovevano o allacciarsi al Nord o combattere a quel punto.
@David Richerby: Ma "non combattere quella guerra" ha due facce. Se Lincoln e gli altri leader del Nord non fossero stati disposti a pagare il prezzo nel sangue (di altre persone) per mantenere il potere, non ci sarebbe stata una guerra.
@jamesqf Certo. Ma stavo confrontando le due opzioni di "Combatti la guerra" e "Accedere alle richieste del Nord di porre fine alla schiavitù, senza combattere". Sembra che tu stia prendendo in considerazione una terza opzione: "Né aderire né combattere, e spero che anche l'altra parte non voglia combattere".
@David Richerby: Sì, questo è il punto. La terza opzione era lasciare che il Sud se ne andasse in pace. Mentre la questione della schiavitù era importante per alcuni, abbiamo le stesse parole di Lincoln (ad esempio la sua lettera a Horace Greely) e le azioni (era abbastanza disposto a schiavizzare i nordici per combattere) che per lui riguardava più il potere.
David, penso che il mio punto fosse che alla data di inizio della guerra, Lincoln non possedeva assolutamente alcuna capacità di porre fine alla schiavitù in South Carolina. L'unico risultato negativo delle elezioni presidenziali del 1860 nei confronti della schiavitù era che l'Unione ora aveva un presidente che avrebbe cercato di ammettere più stati anti-schiavitù. A lungo termine, questo sbaglierebbe il bilancio dei voti al Senato. Ma quella era una proposta a lungo termine e (dopo Dred Scott) forse non così rilevante. Il Sud ha avuto una decisione SCOTUS che ha eliminato l'intero concetto di stato o territorio libero. Perché secedere?
@tbrookside - Lincoln [notoriamente sostenuto] (http://www.abrahamlincolnonline.org/lincoln/speeches/house.htm) che la decisione di Dred Scott non era stata decisa in conformità con la Costituzione, e che i funzionari del governo avevano il dovere di giurare di sostenere la Costituzione così come l'hanno intesa. Un'implicazione era che come presidente, ci si poteva aspettare che Lincoln prendesse misure per indebolire e ribaltare la sentenza Dred Scott.
#4
+15
Alexander Barhavin
2018-10-23 10:46:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'erano alcuni vantaggi più importanti del Sud oltre ai fattori già elencati nelle risposte precedenti :

1. Istruzione militare di gran lunga superiore . Era solo una scuola militare situata a nord: l'accademia militare di West Point, istituzione federale, che accettava studenti da tutti gli stati, compreso il sud. C'erano almeno tre college militari meridionali sponsorizzati dallo stato, con esclusivamente (o almeno prevalentemente) cadetti del sud: The Citadel and Arsenal Academy in Carolina del Sud e Virginia Military Institute.

2. Esperienza prebellica più estesa con le armi da fuoco per la popolazione generale. La popolazione urbana, che si occupava di armi da fuoco meno che nelle zone rurali, costituiva una porzione molto più ampia negli stati del nord che nel sud. Inoltre, esclusivamente il sistema di pattugliamento degli schiavi del sud ha fornito un certo livello di addestramento ed esperienza per i bianchi del sud.

3. Gli Stati Confederati rappresentavano il settanta per cento delle esportazioni totali degli Stati Uniti in base al valore del dollaro. I leader confederati credevano che questo avrebbe dato alla nuova nazione una solida base finanziaria.

4. Il lavoro degli schiavi consentiva l'arruolamento militare per una percentuale più elevata di popolazione bianca

Tuttavia, la decisione confederata di iniziare la guerra fu determinata non solo dai vantaggi della guerra, ma anche dagli svantaggi in pace.

Quando i rappresentanti di sei stati secessionisti si riunirono il 4 febbraio 1861 a Montgomery, la mappa murale che stavano guardando mostrava che il nuovo paese previsto era composto da 15 stati. I leader della Secessione e della Confederazione credevano che tutti gli stati che detengono gli schiavi si sarebbero uniti alla Confederazione. Se ciò accadesse, il Nord probabilmente non rischierebbe azioni militari per sopprimere la secessione, e piuttosto prenderebbe in considerazione la negoziazione: i produttori del nord avevano bisogno del cotone del sud. In questo caso, la Confederazione non aveva affatto bisogno di andare in guerra.

Questo non è accaduto: il 4 aprile la convenzione di secessione della Virginia vota 80-45 contro la secessione. I leader della Confederazione di 7 detentori di schiavi si sono trovati con molteplici problemi:

  Popolazione bianca Meno di 3 milioni, contro più di 24 milioni dell'Unione; Percentuale di popolazione nera pericolosamente alta; Protezione dalla legge sugli schiavi fuggitivi negli Stati Uniti ; Elevato debito finanziario verso le banche del Nord e della Gran Bretagna; Produzione debole e sottosviluppata; Confine settentrionale senza barriere geografiche, difficile da difendere; Flotta mercantile insufficiente e marina inesistente; nessuna struttura per la costruzione di navi; monopolio della produzione di cotone perduto: Tennessee, Arkansas e North Carolina producevano il 15% del cotone nazionale. Se rimangono nell'Unione, il Congresso degli Stati Uniti potrebbe introdurre tariffe di importazione di cotone per proteggere la loro produzione di cotone dalla Confederazione. Il mercato del cotone del nord andrebbe perso per la Confederazione. Inoltre, gli stati dell'Unione coltivatori di cotone avrebbero un vantaggio per la flotta mercantile interna per il commercio internazionale di cotone e potrebbero aumentare la produzione di cotone.  

Con il voto della Convenzione della Virginia del 4 aprile, un modo pacifico per espandere la Confederazione oltre l'originale 7 stati erano quasi perduti. Era anche rischioso modo militare. Il 10 aprile il virginiano Roger Pryor, simpatizzante confederato, nel suo discorso ha esortato i meridionali:

"se desideri che Virginia sia con te, colpisci!" .

Tuttavia, il tempo stava scadendo. Quando Lincoln arrivò a Washington prima dell'inaugurazione, discusse con lo statista della Virginia la possibilità di evacuare Fort Sumter in cambio del soggiorno della Virginia nell'Unione: "Uno stato per un forte non è un cattivo affare." . Ora, dopo che la convenzione della Virginia ha votato per non secedere, i rappresentanti di questo stato si stavano dirigendo a Washington per i negoziati con Lincoln. Se Fort Sumter fosse evacuato dal governo degli Stati Uniti, non ci sarebbero scuse plausibili per iniziare la guerra. Così, il 12 aprile la Confederazione sferrò il colpo a Fort Sumter. In un mese Virginia si unì alla Confederazione, seguita da altri tre stati. In un mese, senza ulteriori azioni militari, la Confederazione era due volte più grande e poche volte più potente di prima. Non male, ma come si è scoperto, non abbastanza buono.

Non sono davvero d'accordo con il tuo primo punto riguardo all'istruzione. Guardando un elenco di confederati di West Point https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Confederate_States_Army_officers_educated_at_the_United_States_Military_Academy, la maggior parte dei generali "grandi nomi" hanno partecipato a West Point. Compresi Lee, Joseph Johnston, Albert S Johnston, Stuart, Jackson, Longstreet, Pendleton, Bragg, Early, Armistead, Ewell, Pickett, AP Hill, Henry Heth, Hood, Porter Alexander, ecc. Questo è fondamentalmente chi è chi dell'esercito di Northern Virginia, con parecchi generali occidentali coinvolti per buona misura.
Il successo o il fallimento militare di @kuhl dipende non solo dai generali "grandi nomi", ma anche dagli ufficiali di livello inferiore - luogotenenti, capitani, maggiori, che trasmettono gli ordini ai soldati comuni. L'esercito richiedeva un numero enorme di loro, la loro formazione e abilità è estremamente importante, e l'esercito sindacale era in grande svantaggio non avendo abbastanza ufficiali di basso e medio livello nella prima fase della guerra.
certo, ma c'erano molti più puntatori occidentali confederati di quelli che ho menzionato. E credo che il fatto che la maggior parte degli alti vertici provenisse da West Point confuta la tua affermazione secondo cui i Confederati avevano (o addirittura pensavano di avere) una "istruzione militare di gran lunga superiore". Se era così, perché più laureati VMI, Citadel, ecc. Non sono finiti in queste posizioni di potere? Assegnando queste posizioni al laureato di West Point dopo quello di West Point, i Confederati hanno dimostrato di credere che le migliori menti militari provenissero da West Point.
@kuhl stai confondendo una maggiore qualità dell'istruzione WP rispetto ad altri college militari - con il vantaggio confederato di avere persone addestrate militari in posizioni subordinate proprio all'inizio della guerra. Parlando di finire in una posizione di potere, la maggior parte (se non tutti) i WPr che hai menzionato hanno perseguito la carriera militare nell'esercito degli Stati Uniti prima della guerra civile, e ciò che ha assicurato il loro alto grado iniziale in CSA. Jefferson Davis, lui stesso laureato a West Point, preferiva i WPr. Nonostante ciò, 20 laureati VMI hanno iniziato la carriera militare in CSA e sono diventati generali.
#5
+8
user1195920
2018-10-24 05:16:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qualche anno prima c'era una guerra molto simile che era quasi certamente considerata un precedente dal Sud, ed era la Guerra d'Indipendenza americana.

In termini territoriali, le due guerre erano molto simili . Una parte dichiarò l'indipendenza, e l'altra parte, per sconfiggere l'indipendenza, dovette affrontare il compito di invadere e conquistare il nuovo territorio indipendente.

Nel 1776 il compito si rivelò al di là della forza della più grande potenza militare del mondo. La Gran Bretagna imperiale perse.

Nel 1860, la guerra civile presentò fondamentalmente lo stesso problema a un paese - il Nord - che in termini militari era praticamente disarmato. Per sconfiggere il Sud, il Nord dovrebbe arruolare il 10% della sua popolazione maschile, formare e addestrare enormi eserciti, costruire e fornire una flotta enormemente espansa, stabilire industrie belliche, tassare la sua popolazione, subire vittime su vasta scala per anni e riprenditi il ​​piede del sud con il piede insanguinato.

È stata la sfortuna del Sud che il Nord abbia fatto esattamente questo.

Chi può biasimarli per non aver predetto che il Nord si sarebbe preso tutti quei guai?

C'era una grande differenza tra la rivoluzione americana e la guerra civile: l'Inghilterra era a 3000 miglia di distanza in barca a vela. È stato un viaggio di 3 settimane e un ciclo di comunicazione di 6 settimane. Significava che all'Inghilterra costava 10 volte di più sostenere un soldato in America che in Inghilterra. Significava anche che la propaganda patriottica sugli eventi spesso raggiungeva l'Inghilterra e la Francia giorni prima della propaganda lealista. Mentre il Nord si trovava a centinaia di miglia da gran parte del Sud, via ferrovia, telegrafo e nave a vapore.
Chi avrebbe potuto prevedere "che il Nord si sarebbe preso tutti quei guai?" Forse Thomas Jefferson o Andrew Jackson. Jefferson ha notoriamente sottolineato che qualsiasi potenza [straniera] che deteneva New Orleans era il nemico naturale degli Stati Uniti. Ha poi invertito l'interpretazione del suo partito della Costituzione per assicurarsi che gli Stati Uniti acquistassero New Orleans. Jackson ha usato tutti i mezzi necessari per difendere New Orleans, inclusa la creazione del precedente secondo cui le milizie statali di 90 giorni potevano essere costrette a prestare servizio per tutta la durata di una guerra.
#6
+4
BoredBsee
2018-10-24 00:09:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il Sud pensava che potesse prevalere semplicemente perché (almeno inizialmente) pensavano che il loro obiettivo potesse essere raggiunto senza la guerra. La divisione nell'Unione non è iniziata con Fort Sumter. Se noterai da questo articolo di Wikipedia su Fort Sumter, la Carolina del Sud si separò dall'Unione nel 1860. Fort Sumter fu attaccato nell'aprile 1861.

E questo era l'atteggiamento prevalente fino a quando Sumter è stato attaccato. Nel famoso (e alquanto famigerato) discorso sulla pietra angolare, pronunciato da Alexander Stephens, che prestava servizio presso il Vicepresidente degli Stati Confederati, ha detto:

Ero rimarcando che stiamo attraversando una delle più grandi rivoluzioni negli annali del mondo. Sette Stati negli ultimi tre mesi hanno gettato via un vecchio governo e ne hanno formato un nuovo. Questa rivoluzione è stata segnata in modo significativo, fino a questo momento, dal fatto di essere stata compiuta senza la perdita di una sola goccia di sangue.

L'idea iniziale sembra essere stata per il Sud a secedere pacificamente, motivo per cui pensavano che avrebbero avuto successo. Non volevano sfidare il Nord a combattere, almeno inizialmente. I colpi non sono stati sparati per diversi mesi.

Ma la domanda è "Perché pensavano di poter vincere la guerra?", Non "Pensavano di poter secedere senza guerra?" E hanno sparato il primo colpo, il che lo smentisce piuttosto.
Questo è davvero un punto valido, ma penso che vada all'idea che il Sud non avesse davvero un piano per vincere la guerra perché era superiore in qualcosa. L'unica cosa che pensavano fosse superiore era la loro causa. Non si rendevano conto che avrebbero avuto generali superiori, ecc. Erano arrabbiati e tribalizzati.
@Karlomanio: È semplicemente sbagliato. Indipendentemente da ciò che pensi delle loro opinioni etiche, * avevano * generali superiori e truppe meglio addestrate ed erano fiduciosi in loro, mentre all'inizio il Nord era composto principalmente da civili. Quello che hanno sottovalutato era quanto velocemente il Nord sarebbe stato in grado e * disposto * a mobilitare e quante risorse il Nord era disposto a impegnare.
@vsz Non sono in disaccordo con il fatto che avessero generali superiori. È molto corretto. Nessuna domanda a riguardo. La loro leadership militare era molto più creativa e superiore a quella del Nord. Quello che voglio dire è che il Sud come organo collettivo non era CONSAPEVOLE di questo fatto. Le persone non avevano figurine di baseball con statistiche militari sul retro per ogni generale. Sono molto d'accordo con la tua ultima frase. Questo riassume bene anche i miei sentimenti.
#7
+3
Karlomanio
2018-10-23 23:21:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo me, l'unico motivo per cui il Sud pensava di poter vincere la guerra era l'arroganza, chiara e semplice. Questa arroganza era basata sulla necessità dei proprietari delle piantagioni di credere che il loro modo di vivere potesse essere preservato di fronte alla rivoluzione industriale. Questa arroganza potrebbe essere incoraggiata e preservata perché la maggior parte dei meridionali viveva in una bolla di informazioni. La maggior parte di loro non era mai stata fuori dalla propria regione e aveva sperimentato le aree urbane e industrializzate del Nord. La maggior parte percepiva il Nord solo come "una minaccia per il proprio stile di vita".

Sebbene il Sud avesse alcuni vantaggi, come una leadership militare superiore e la motivazione per la propria causa, sembra piuttosto sciocco che abbiano pensato potrebbero vincere di fronte alle risorse superiori del Nord. Questo è esattamente ciò che accade, però, quando vivi in ​​una "bolla informativa" costruita da una classe benestante egoista che sente i propri interessi fortemente minacciati dal mondo che cambia.

Direi che l'idea del sud che potrebbero vincere la guerra potrebbe essere un capitolo aggiuntivo al libro di Barbara Tuchman, "La marcia della follia: da Troia al Vietnam". Qui è dove risiede veramente.

È del tutto possibile vincere una guerra con forze inferiori. Il Vietnam è un esempio recente, così come la nostra guerra rivoluzionaria.
Punto interessante. Potrebbe essere stato difficile per il Sud vedere quanto fosse difficile vincere. Non sono sicuro di essere completamente d'accordo con il tuo punto. La domanda era perché credevano di poter vincere. Non se potevano vincere o no. Hai davvero bisogno di votare contro perché hai un punto di vista diverso? Solo curioso. Penso che votare contro dovrebbe essere solo per coloro che mancano di rispetto ...
A sostegno di ciò c'è il fatto che il neoeletto presidente repubblicano non aveva alcuna intenzione di eliminare con la forza la schiavitù, ma semplicemente di impedirne la diffusione nei nuovi stati emergenti. Lincoln si aspettava che alla fine sarebbe morto da solo. Alla luce di ciò, la reazione del Sud sembra un po 'un capriccio reattivo, come suggerito altrove qui.
+1. Ho la stessa opinione ma non riesco a esprimerla correttamente. Nota anche che è facile per noi vedere il passato e gridare "è una causa persa perché sei già sconfitto" ma può essere inimmaginabile per loro in quel momento


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...